24
dicembre

BERLUSCONI, LA TV E LA SPETTACOLARIZZAZIONE DELLA POLITICA

Silvio Berlusconi VS Massimo Giletti all'Arena

Silvio Berlusconi VS Massimo Giletti all'Arena

Qualcuno mi chiede come mai si dia poco spazio in questo blog alla valutazione delle interviste tv che Silvio Berlusconi sta rilasciando con straordinaria frequenza sulle emittenti nostrane, a due mesi dalle prossime competizioni elettorali. E la domanda un po’ mi fa storcere il naso.

A farmi storcere il naso non è la richiesta, più che legittima ad un blog tv, di una critica ad un momento televisivo, quanto, piuttosto, il fatto che la stessa richiesta sia sintomo di come in politica prevalga (ancora) l’aspetto spettacolare rispetto a quello politico stricto sensu. Preferiremmo, in sostanza, che si privilegiassero le valutazioni politiche (che non ci competono e per le quali non ci sentiamo preparati) rispetto alla resa televisiva dell’ex Presidente del Consiglio e, ancor di più, del suo intervistatore di turno.

Negli ultimi anni, infatti, ci si è lamentati della spettacolarizzazione della politica e, adesso, cosa si fa?! Viene chiesta una valutazione televisiva di un intervento politico? Ci potrebbe stare, ma nel caso specifico cosa dovremmo valutare?! L’intervista di Barbara D’urso a Berlusconi? Ovvero l’intervista della conduttrice di un contenitore come Pomeriggio Cinque che pone domande al titolare del gruppo che è a capo dell’emittente dove va in onda l’intervista? Ma di che cosa stiamo parlando?!

Oppure preferireste leggere un commento alle performance successive di Vespa e Giletti?! Ma, secondo voi, cosa avrebbe fatto un qualunque conduttore, dopo aver preso contezza della valanga di polemiche piovute addosso alla conduttrice di Domenica Live, per il siparietto di due domeniche fa? E, invece, ci si aspetta ancora la critica aprioristica a Berlusconi e l’elogio di chi si permette, pensate di un po, di dire semplicemente “si deve fare il match, si devono fare anche le domande [...] è giusto dialogare“.

Ma non sono fatti che si commentano da soli? Non dovrebbe essere mica la corretta prassi che qualunque giornalista dovrebbe seguire? Non dovrebbe essere, più semplicemente, la normalità?

Un qualunque esperto di comunicazione darebbe 10 punti a Berlusconi e 0 punti a chi solleva le polemiche. Perchè sappiate che polemiche come quelle sollevate dopo gli ultimi interventi di Berlusconi, quanto meno a parere di chi vi scrive, altro non fanno che accrescerne il consenso, allontanando la discussione da ciò che, invece, dovrebbe tener banco.

Berlusconi dice di avere 124 ore di arretrato da recuperare in televisione? E che ci andasse se ciò è consentito dalla par condicio. Personalmente sono favorevole all’ascolto, purchè in presenza di un valido contraddittorio (sino ad ora, a mio parere, l’unica parvenza di contraddittorio c’è stata da Vespa con il direttore de L’Unità). E sarei ancora più favorevole ai confronti elettorali. Potrebbero farne anche 1000. Li seguirei tutti e 1000.

O forse siamo convinti di non riuscire più a valutare criticamente ciò che ci viene detto e siamo condannati a dover bere qualunque cosa venga detta, prendendola per buona? Il vero, e forse l’unico, strumento valido con cui ‘polemizzare’ è il voto.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Enrico Mentana e Augusto Minzolini
FEDELE CONFALONIERI RIVELA: MENTANA VOLEVA MINZOLINI AL TG5. SANTORO? LO PREFERIVO SUL PONTE DI BAGDAD


Roberto Saviano, Kings of Crime
Roberto Saviano a DM: ecco la differenza fondamentale tra l’intervista di Vespa a Riina su Rai 1 e la mia a Prestieri sul Nove


Ingo Rademacher
Beautiful – Ingo Rademacher (nuovo Thorne) a DM: «La mia prima battuta? Sono tornato e ho fatto una plastica facciale! Farò di lui un vincente»


Alessio Sakara (2)
Alessio Sakara a DM: «A Tú sí que vales per far ridere. Non sarò in tutte le puntate, devo allenarmi»

41 Commenti dei lettori »

1. LucaVismara ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 04:17

Bellissimo articolo, Davide. Complimenti!



2. Giuseppe ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 04:41

D’accordo su tutto. Francamente ritengo, da parecchio tempo, del tutto inutile quanto la televisione sta offrendo sul versante dell’informazione politica. Ma non per sola responsabilità di chi fa televisione, quanto per il fatto che gran parte della politica (non solo in Italia, gli USA sono stati cattivi maestri) non è niente di diverso da quello che la cronaca, spesso nera, e i siparietti catodici ci mostrano. Fortunatamente, non tutta la politica e tutta la televisione è così.



3. morgatta ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 06:45

Davide, parzialmente d’accordo con te, ma quello che sta accadendo è invece uno spunto importante per valutare l’uso che si fa della televisione, oltre l’individuale idea politica.
Da accostare al ruolo della rete e della sua diffusione.
Perchè noi ne parliamo in rete, ma ci sono milioni di italiani che la rete non la usano, e che hanno nel mezzo televisivo l’unico punto di accesso all’informazione, oltre ai giornali, ma anche li in maniera limitata.
Questo, come blog televisivo in rete, è un argomento da trattare, anche approfonditamente, perchè purtroppo è assodato che siamo una nazione con poco slancio verso la libertà di informazione.
Se penso che molti orienteranno il loro voto solo in base alle comparsate tv di tizio o caio, e dalle presunte verità che si sta cercando di far passare, il problema esiste, ed è preoccupante, se dal voto dipende il nostro futuro.



4. isolano ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 07:17

Ottima riflessione, Davide. Invece della resa televisiva di un politico dovremmo parlare di quello che ha detto, dei contenuti. la gente è stufa e vuole i fatti in risposta alla crisi!

@morgatta scusa cosa bisognerebbe trattare approfonditamente? Il fatto che la D’Urso non sia stata incalzante con il proprietario della tv che le dà da mangiare? cmq se ho capito bene davide non dice che non bisogna parlarne ma che bisogna farlo con intelligenza e non per il gusto della spettacolarizzazione in sè.



5. amazing1972 ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 08:04

non sono molto d’accordo con l’articolo. in un blog di tv,si commentano gli eventi televisivi a caldo e questo silenzio significa ignorare ciò di cui tutti discutono. la d’urso è vero,non era certo nelle condizioni di fare domande scomode. giletti ha tentato,ma il punto è fare una analisi di ciò che si sta vedendo. questi conduttori non si erano mai ritrovati davanti una persona tanto potente,quindi fare una riflessione su ciò che sta accadendo e che comunque ha un impatto non solo mediatico,mi pare il minimo



6. marco ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 08:30

Penso che sia leggittimo in quanto blog televisivo che voi ne parliate, anche solo e soprattutto per ciò che ne comprente il linguaggio comunicativo/televisivo.
Nell’intervista dell’Arena si è assistito a qualcosa di inusuale non tanto perchè Berlusconi ha alzato la voce per zittire l’intervistatore (cosa già successa più volte) ma che questo intervistatore fosse Massimo Giletti, giornalista fino ad ora sempre calmo nel suo angolino.
A voi caro signor Maggio non si chiedeva altro che analizzare quanto successo in quel momento di tv, niente di più, senza entrare nel giusto o sbagliato, ma esclusivamente raccontando i fatti.
Come sempre però in Italia è meglio nascondere la testa sotto la terra, meno male che ormai con i vari social network, anche il popolo può dire la sua e rompere il silenzio.



7. morgatta ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 08:31

@isolano ( come me….)
quello che intendo è non parlare di berlusconi e altri come personaggi ma dell’uso del mezzo televisivo, delle aspettative e delle strategie che usano i politici quando vanno in tv, della percezione del mezzo -la telecamera, perchè il conduttore/intervistatore abbiamo visto che ruolo assume- come interlocutore (acritico) e delle varie strategie elettorali.
un’analisi del linguaggio e dell’approccio,anche fisico se vuoi,tipo l’alzarsi in piedi….



8. liberopensiero ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 09:03

Condivido pure quanto detto,semplicemente però si richiedeva,di commentare una brutta pagina di televisione,essendo questo un blog televisivo.L’atteggiamento arrogante di Berlusconi,meritava di essere commentato al pari che ne so delle intemperanze della Guzzanti(giusto per fare un esempio).Le difficoltà della D’urso,se tali sono (a dire il vero magari anche Vinci,non sarebbe stato incalzante,ma neanche così sfacciatamente servile,specie sui risvolti trash del “fidanzamento”)mette in luce il terribile conflitto di interessi ancora esistente e che la sinistra ha la colpa di non aver risolto quando ne ha avuta la possibilità.



9. LUCA ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 09:55

Riassunto di questo inutile articolo:

DAVIDE MAGGIO AMA BERLUSCONI
DAVIDE MAGGIO ODIA BARBARA D’URSO



10. Daniele Pasquini ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 10:12

Che teneri che siete. Voi arrivati agli ultimi due paragrafi avete perso la memoria e dimenticato quanto letto prima, evidentemente. Che poi a pensarci bene è il vizio degli italiani, avere la memoria corta. No?



11. liberopensiero ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 10:55

@Daniele Pasquini.Già memoria storica corta,infatti per diciotto anni siamo stati governati da in uomo potentissimo che non accetta il confronto democratico,la separazione dei poteri,e considera sudditi o dipendenti i cittadini italiani.Vi ricorada qualcuno?un ventennio in particolare?Ma gli italiani hanno memoria corta,quanto è vero.Meno male che stanotte nasce il primo socialista,della storia.



12. teoz ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 11:03

ma per piacere…avete dato risalto a piccolezze e nullità per interi mesi e per un “giletti che fa alzare il Berlu x andarsene no?” sbandierando la normalità della cosa ecc…ecc…. -.-! Ne hanno dato risalto testate giornalistiche come Corriere e Repubblica in prima pagina, fa parte del mondo televisivo e di rai1 e voi??? Scrivete un post sulla normalità della cosa…almeno evitateci sti pipponi…



13. Nina ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 11:05

Davide: bellissimo, mi è veramente piaciuto tanto questo post. La chiusura dovrebbe far riflettere molti che hanno messo a riposo il cervello per ululare nel momento in cui i soliti media si mettono in moto.



14. Nina ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 11:08

Ho mandato il mio messaggio senza leggere gli altri e mi trovo d’accordo con Daniele Pasquini. Poi l’esagerazione, addirittura ODIA!



15. LUCA ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 11:10

A me fa veramente ridere che BLOG che apre un post per ogni nuova faccina della D’Urso, apra un post appena un uccellino di nome Fazio fa una cagatina su twitter (scoperto poi che il c*lo non era il suo), segue passo per passo il tour televisivo di Berlusconi oggi ci venga a fare la morale.



16. LUCA ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 11:11

Nina…non scrivere dai…non metterti in ridicolo, mettiti il vestito da babbo natale…



17. Nina ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 11:18

Luca: ma dici sul serio? Tu? ahhhhhhhh



18. amazing1972 ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 11:24

d’accordo con teoz e luca



19. Nina ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 11:34

“Ne hanno dato risalto testate giornalistiche come Corriere e Repubblica in prima pagina, fa parte del mondo televisivo e di rai1 e voi???” dice uno. Conformismo a gogò, ignavia totale.



20. osservatore ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 11:37

La domanda che bisogna porsi è questa:
si tratta di un blog politico o di un blog sulla tv…?
quando si leggono 12 post in 4 giorni di lerdi sul berlusconi in tv, senza un minimo cenno critico e sono degli “spot” per invitare la gente a guardarlo allora la risposta è una sola.
se una persona non si indigna per la reazione di berlusconi di ieri, per i suoi monologhi, per lo strabordante dilagare televisivo ( non c’è la par condicio? allora facesse quello che vuole) allora è inutile discutere.
ognuno può avere le sue preferenze, ma ci sono momenti oggettivamente da criticare.
qui non si è fatto cenno alla pessima intervista della d’urso e non si è fatto cenno alla pessima figura di berlusconi ieri.
un articolo deve nascere spontaneamente (come i commenti di tantissimi italiani) perchè non ha senso rispondere a sollecitazioni…



21. osservatore ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 11:40

*leardi
—-
Invito a leggere un post intelligente ed interessante del daveblog senza pretendere di fare morale o dettare insegnamenti. Io non avrei saputo scrivere di meglio su quanto visto ieri da Giletti.
—–
“Il crepuscolo”
Era giusto che la tragedia si consumasse in televisione, da dove tutto era partito. Quando le elezioni saranno alle spalle, e il suo partito si leccherà le ferite, ci ricorderemo di questo pomeriggio da Giletti come della pagina più buia e crepuscolare della vita di Silvio Berlusconi. Come un puglile suonato che non si rassegna al verdetto, uno che sale sul ring con una strategia in testa, ma poi quella salta, perchè per quanto scarso l’avversario è pur sempre più giovane. Ha provato a fare saltare il tavolo, minacciando per ben tra volte di andarsene, per rientrare nei ranghi solo perchè un rigurgito di lucidità gli ha restituito la sua immagine di solitudine e matta disperazione. Frost-Nixon in versione poveraccia, ha detto qualcuno. Se vai in Rai per recitare il tua mantra e fai giganteggiare persino Giletti, beh, è chiaro che hai perso il lume della ragione.



22. tania ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 11:40

Ci sono partiti che stanno aspettando ancora un 1 minuto di spazio televisivo,quanta faziosita’!



23. Phaeton ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 11:59

Concordo su tutto e sappiate che io ho idee politiche completamente diverse da Berlusconi, concordo soprattutto quando si dice che tutte queste critiche non fanno altro che accrescerne il consenso.
Pippo, ma gli argomenti che hai citato tu sono da criticare per forza? E’ un blog televisivo e possono fare quello che vogliono, tu non sei obbligato a seguirlo. Detto questo, ma cosa vi aspettavate dalla d’Urso? Era compito suo fare domande scomode? E credete che ieri Giletti abbia fatto veramente domande scomode o solo un po’ di casino?



24. Marco89 ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 13:14

@ Daniele Pasquini: già, direi cortissima. Cambiano opinione ogni secondo, basta un niente far diventare un santo un diavolo e un diavolo un santo. Quando la gente muore poi, tutti erano santi e tutti sono stati un modello. Purtroppo l’ italiano medio è ipocrita e molto molto ignorante ( non nel senso negativo, ignorare non è un’ offesa, il problema è che non c’ è lo stimolo per imparare cose nuove) in tante cose.



25. matteo quaglia ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 13:15

phaeton se giletti non avesse fatto nulla , allora berlusconi non minacciava di andarsene e di fare un altra figura di m ( figura che ha fatto lo stesso ) , adesso non falsiamo la realta’ per favore….



26. matteo quaglia ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 13:18

poi phaeton ma giletti allora cosa doveva fare?? era compito suo fare domande scomode?? cosa doveva , impegnarsi su elogi su elogi?? se berlusconi dice cazzate su cazzate da anni ed e’ ormai andato lui cosa ci puo’ fare??



27. LUCA ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 13:32

E che cosa dovremmo imparare di nuovo da Berlusconi che sono 20 anni che ripete sempre le stesse cose?



28. elodie ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 13:41

Tante belle parole, in contrasto, però, con la linea tenuta da questo stesso blog fino a ieri. In passato, infatti, ho letto decine di articoli a carattere decisamente politico, quasi tutti firmati da Leardi, in cui il fatto che la politica avesse un ingombrante “aspetto spettacolare” (come viene definito nel post) è stato usato al contrario per legittimare la pubblicazione degli stessi articoli in un blog di tv. Per capirci: ogni volta che qualcuno ha criticato la pubblicazione di un post politico oppure la valanga di commenti in cui il confronto era, ancora una volta, politico, l’autore ha sempre risposto: no, non scriviamo questo perché vogliamo fare politica, ma perché quel dato politico ha detto quella data cosa in tv, di cui noi ci occupiamo. Dal mio punto di vista, una gran “paraculata” (scusate il termine poco natalizio), un furbo pretesto per ottenere numerosi commenti da parte di quegli utenti che si interessano di politica o che comunque non riescono a fare a meno di dire la loro di fronte a determinate prese di posizione.
Che le valutazioni politiche non vi competano è fuori discussione, ma più volte in passato ne avete fatte, nei post e nei commenti sottostanti… ecco perché questo articolo mi fa storcere il naso ancora di più di quanto lo storca Maggio! In ogni caso, accolgo con piacere questa inedita riflessione di Maggio, considerandola un “nuovo inizio”: il blog è ad un giro di boa e da oggi non farà più articoli a carattere politico. Non leggeremo più valutazioni più politiche che televisive, né sulle interviste a Berlusconi, né sulle uscite di Fede, né su Santoro, Sallusti, Mentana, Renzi in tv, Bersani in tv, Grillo e così via. Bene!
Buon Natale a tutti!



29. LUCA ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 13:47

dubito fortemente che questo blog possa migliorare fino a quando sosterrà berlusconi e il pdl dando contro a tutti quelli che non sono di quel partito, parlo di gente che lavora in TV e utenti che scrivono.

basta il fatto che mettono in moderazione o bannano utenti a simpatia.



30. fabio ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 13:56

Il blog ha iniziato informandoci delle dichiarazioni del presidente (del milan) alla radio e io non capisco il senso visto che e’ un blog tv. E’ normale parlare degli ospiti che sono presenti in un contenitore domenicale come segnalazione e questo deve avvenire per tutti indipendentemente dal fatto che siano politici o meno o a che partito appartengono. L’intervista avvenuta all’arena e’ l’unica finora degna di nota per l’aspetto televisivo- teatrale dell’ alzarsi e minacciare di andarsene (cosa che molti quotidiani hanno dato spazio) che va al di là delle dichiarazioni politiche, che qui non devono interessare, cosi come possono essere segnalate le parole che lei e’ bella, brava e gentile (perché si parla di un personaggio tv). E questo teatro sarà anche il fulcro che animerà i milioni di spettatori che seguiranno l’evento-ospitata da servizio pubblico in uno scontro tra titani politico- giornalista che passato recente ha segnato logiche Rai e palinsesti.



31. Nina ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 14:07

Dove sta scritto che non farete più articoli che riguardano la politica?

Comunque dai accontentali, scrivete che Berlusconi ha minacciato di andarsene così passano un buon natale.



32. LUCA ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 14:22

Nina perchè ti scaldi tanto, evidentemente sei del PDL!



33. fabio ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 14:28

Nina un buon natale lo auguriamo a te, a tutti i commentatori del blog, a Davide maggio e collaboratori, e anche al presidente (del Milan), ma anche a giletti, che hanno lasciato una pagina in questa fine anno.



34. Phaeton ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 14:43

Ma non vi rendete conto che Berlusconi ha fatto la scenata volutamente e la gente la ha apprezzata, Giletti doveva fare le domande senza portare Berlusca a fare quella scenata…



35. matteo quaglia ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 15:10

berlusconi l’ha fatta volutamente e la gente l’ha apprezzata?? phaeton ma che ti stai inventando?? e adesso la colpa sarebbe di giletti se berlusconi non sa come rispondere alle falsita’ e ai deliri che continua a pontificare la colpa sarebbe di giletti?? phaeton per favore su…



36. Davide Maggio ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 15:52

LUCA: questo blog non ha sostenuto, non sostiene e non sosterrà non solo Berlusconi ma nessuna parte politica. Alla prossima insinuazione sarò intransigente.



37. liberopensiero ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 15:56

No,Giletti,non ha fatto proprio nulla per provocare la scenata,Berlusconi voleva andare oltre le domande,trasformando il dibattito(molto blando)in monologo raccontando le solite (inutili) cose già sentite alla sua corte.Veramente acuto il commento di Elodie,complimenti,riscatta i miopi commenti di Nina.



38. Nina ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 17:14

liberopensiero: proprio il bue che dice cornuto all’asino. Davide secondo me ha scritto delle cose bellissime e tu non hai fatto altro che polemiche inutili da tifoso.



39. liberopensiero ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 17:20

Infatti,Nina,ho detto che condividevo,vedremoal prossimo post su dazio o Benigni,i tuoi commenti da non tifosa:-D



40. osservatore ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 20:28

questo blog ha fatto post di spot per le apparizioni del cavaliere ma non ha mai fatto cenno a cosa sia successo in quelle apparizioni.
un blog sulla televisione dovrebbe come minimo analizzare quanto accade in televisione e per due domeniche avete saltato degli eventi tv di primissimo piano degli ultimi mesi( il monologo di berlusconi dalla d’urso e la sparata da giletti)
ognuno si fa una idea e trae le conclusioni…



41. osservatore ha scritto:

24 dicembre 2012 alle 20:31

paheton ha visto un altro film
berlusconi era nervoso di suo. giletti non ha fatto nulla di diverso da quanto fatto con bersani. ha posto dellemdomande e non ha provocato nulla…
—-
“scrivete che Berlusconi ha minacciato di andarsene così passano un buon natale”
la aptetica sceneggiata del cavaliere non può essere giustificata da nessuna persona di buonsenso.
si è vista l’arroganza di chi non accetta domande ma vuole solo monologhi.
patetico finale da uomo politico



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.