21
dicembre

STRISCIA CELEBRA LA VITTORIA RADICALE CONTRO LA BARBARIE DELLE MUTILAZIONI GENITALI

Striscia- Emma Bonino e Khady Koita

Dopo anni di battaglie che nel nostro Paese hanno visto come capofila Emma Bonino, la radicale d’acciaio che si è dovuta arrendere per poco a Renata Polverini nella corsa alla Presidenza della Regione Lazio (con i risultati poi che tutti conosciamo), nella giornata di ieri è arrivata la decisione, storica, dell’Onu per la lotta contro la barbarie delle mutilazioni agli organi genitali delle donne conseguenti a credenze mediche e religiose prive di alcun fondamento.

A seguire dalla sede del Partito Radicale di Roma la comunicazione ufficiale dell’assemblea generale delle Nazioni Unite per la risoluzione di messa al bando universale delle mutilazioni genitali femminili è stato Jimmy Ghione, inviato di Striscia la Notizia che giustamente ha deciso di dare il risalto dovuto all’evento ascoltando in diretta dalla voce della Bonino le emozioni dopo anni di manifestazioni e campagne di sensibilizzazione.

Ai microfoni del tg satirico di Antonio Ricci è arrivata anche Khady Koita, attivista dei diritti umani e membro del Consiglio Generale del PRNTT, reduce dalla conquista del Premio Roma per la Pace e l’Azione Umanitaria e anche lei in prima linea contro le MGF che per anni hanno imperversato nel silenzio, soprattutto nel continente africano, mettendo a rischio la salute di milioni di donne, specie bambine. Numeri davvero impressionanti.

Le Nazioni Unite hanno dato un chiaro segno con un’adozione per consenso, senza discussione ed emendamenti al testo, a testimonianza dell’ampio accordo politico per una risoluzione che esorta gli Stati a sanzionare penalmente le mutilazioni genitali femminili, sia che siano praticate all’interno di strutture sanitarie sia che avvengano per mano privata. E’ solo il primo passo, come ha ricordato la vicepresidente del Senato, ma è già una grande vittoria simbolica.

Tanto cammino da fare e sarà interessante capire come verrà recepita questa decisione, e se, come avviene spesso in questi casi, ci sarà una resistenza a quello che viene percepito come ingerenza esterna in usi e costumi radicati territorialmente. Il corollario di discussioni tra eredi dell’illuminismo e frange di conservatorismo estremo non si esauriranno sicuramente.

Speriamo che ci sia almeno Antonio Ricci a continuare la sua opera di informazione sul tema, essendo il resto della televisione impegnata sui vari fronti dell’attualità politica (sono questi i giorni decisivi per comprendere gli assetti e gli equilibri della prossima legislatura e del prossimo esecutivo). I Radicali, di solito polemici contro l’accentramento mediatico delle televisioni sui grandi partiti, sentitamente ringraziano.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Shaila Gatta, veline
Striscia la Notizia: Shaila Gatta e Mikaela Neaze Silva sono le nuove veline – Foto


fabrizio_corona
Fabrizio Corona conduttore di Striscia La Notizia? La risposta di Antonio Ricci


Striscia la Notizia, le veline Irene e Ludovica con Ficarra e Picone
Striscia la Notizia: addio in lacrime per le veline Irene e Ludovica


Fabrizio Del Noce, Valerio Staffelli
Striscia la Notizia: Fabrizio Del Noce condannato per la «microfonata» a Staffelli. Risarcimento di 84mila euro

6 Commenti dei lettori »

1. Nina ha scritto:

21 dicembre 2012 alle 18:12

Una bella notizia ci vuole! Mi auguro che riflettano anche quei giudici che hanno assolto i genitori che avevano praticato tale barbarie alle proprie figlie.



2. matteo quaglia ha scritto:

21 dicembre 2012 alle 21:16

un ottima notizia verso il debellamento totale di questa barbarie inutile verso le donne , complimenti per il risultato raggiunto



3. Giuseppe ha scritto:

22 dicembre 2012 alle 06:22

Per fortuna c’è ancora chi fa politica nel senso nobile della parola. La televisione (ma anche gli altri media) purtroppo tratta certe tematiche come se fossero marginali, costringendo chi da sempre è impegnato su certi fronti ad atteggiamenti estremi per destare un minimo di attenzione, come sta facendo Marco Pannella sulle carceri italiane.



4. Fiò ha scritto:

22 dicembre 2012 alle 10:45

Non sono dei radicali, ma ritengo che Emma Bonino sarebbe un ottimo presidente della Repubblica.



5. tania ha scritto:

22 dicembre 2012 alle 12:39

Oggi sono una radicale sempre piu orgogliosa!



6. style_93 ha scritto:

30 dicembre 2012 alle 15:15

Dove sono le donne (pagate da qualche potere forte) che manifestavano contro (le veline del programma di) Antonio Ricci nel 2011? Dove sono i giovani indignati (pagati da qualche potere forte) che manifestavano contro (le televisioni di) Berlusconi nel 2011? Come mani costoro MAI hanno manifestato PER i diritti delle donne e CONTRO le mutilazioni genitali? Devo pure rispondere o ci arrivate da soli?



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.