9
gennaio

EMANUELA AURELI A DM: NON APPARTENGO ALLA CATEGORIA DELLE RACCOMANDATE

Emanuela Aureli

E’ una delle imitatrici più simpatiche e sapide del panorama televisivo italiano. Reduce dal successo di Tale e Quale Show, tornerà sull’ammiraglia Rai sabato 12 gennaio con una puntata speciale sui duetti del programma di Carlo Conti. Parliamo di Emanuela Aureli, volto della storica Buona Domenica targata Maurizio Costanzo e costantemente impegnata sui fronti dell’arte e della comicità sia televisiva che teatrale…

Cara Manuela, si torna sul luogo del ‘delitto’.  Cosa vedremo?

Vedrete degli artisti che si supereranno. Lavorando con un’altra persona, ciascuno attinge inevitabilmente dall’altro. Pensate a un Montrucchio che si cimenterà nel ruolo di Al Bano e una Pamela Camassa che interpreterà Romina.

Perché le imitazioni non conoscono crisi?

Semplicemente perché scimmiottare, ricreare un gesto o una voce è bello. Imitare vuol dire rendere visibile quel particolare che tu decidi di mettere in evidenza e la gente vuole ridere di quello che conosce. Per me l’imitatore è avvantaggiato rispetto al comico perchè il pubblico è più attivo, partecipe e, soprattutto, ti riconosce. Quando un comico propone un monologo c’è il rischio che la gente non si riconosca subito in ciò che dice, non avendo la possibilità di toccare con mano quell’ironia.

Nessuna punta di sana competizione con Loretta Goggi?

Un’icona, per me è un’icona! Loretta sta sull’Olimpo e io la guardo dal basso, è un modello da imitare. Non so lei come mi guardi ma credo che ci sia anche un profondo affetto. Per me lei è unica, irripetibile, mi sento molto sua allieva. C’è riconoscenza perché ha sempre speso delle belle parole nei miei confronti e continuo a seguirla e venerarla.

Su quali personaggi nuovi ti stai concentrando ultimamente?

Adesso sto studiando Adele, Madonna, l’ex Ministro Elsa Fornero; poi voglio rispolverare Armstrong e concentrarmi anche un po sul mondo del calcio e dei politici.

Vieni da una palestra forte come la Buona Domenica di Maurizio Costanzo. Se si riproponesse un programma del genere, avrebbe successo?

Nonostante i tempi, io credo che la gente abbia bisogno di uno show di evasione, che possa farti allontanare dalle problematiche della vita quotidiana. Maurizio Costanzo, poi, è stato il mio Pigmalione e mi ha insegnato tantissimo: è stata una palestra ricca di umanità, di vita, che mi ha conferito grande spessore e costituisce per me un bagaglio che custodirò tutta la vita.

E il desiderio di realizzare un One Woman Show tutto tuo c’è?

Magari! Ma siccome io non appartengo alla categoria dei raccomandati la vedo dura. Poi noi donne siamo sempre più “bistrattate” e non ci tengono in considerazione: dobbiamo guadagnarci sempre il doppio!

Chi vedresti bene come tua spalla?

Mi piacerebbe molto lavorare con Massimo Lopez. Lo stimo tantissimo, è un caro amico, gli voglio bene e artisticamente è validissimo.

Fra i tuoi colleghi imitatori del momento, c’è qualcuno che segui e stimi più di qualcun altro?

A me piace tantissimo Paola Cortellesi. Abbiamo iniziato insieme tanti anni fa in radio, è una bravissima ragazza e una validissima artista. Poi ci sono Manlio Dovì, che meriterebbe ben altri spazi, e Gabriele Cirilli che ha dimostrato di essere una forza della natura!

Per dirla col tuo pigmalione Costanzo, cosa c’è dietro l’angolo?

Sto scrivendo un musical e poi ci sono il teatro, il cinema e, naturalmente, la televisione. Visto che dipingo, poi, non posso trascurare gli allestimenti delle  mie mostre. Ah, vorrei tanto mettere su una famiglia tutta mia quando avrò tempo e, ovviamente, quando troverò l’uomo giusto! (ride, ndDM).

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Gabriele Cirilli
GABRIELE CIRILLI A DM: MERITO DI PIERACCIONI SE A TALE E QUALE SHOW HO IMITATO PSY. DI TONNO E LA AUTIERI? BRAVI VOCALMENTE MA SOMIGLIANO POCO AI PERSONAGGI


pamela camassa intervista
PAMELA CAMASSA A DM: A TALE E QUALE SHOW SOGNO DI IMITARE IL MIO IDOLO MARCO MENGONI


Giò di Tonno intervista
GIO’ DI TONNO A DM: MI SONO PROPOSTO PER TALE E QUALE SHOW. SOGNO DI VINCERE L’OSCAR


Gerry Scotti
Gerry Scotti a DM: «All’inizio pensavo che The Wall fosse un’americanata. Sono felice che La Corrida torni su Rai1 ma io quel linguaggio l’ho superato. Riporterei La Ruota e il Milionario»

7 Commenti dei lettori »

1. sas ha scritto:

9 gennaio 2013 alle 17:32

che donna fantastica!! mi faceva muorire dal ridere a buona domenica.
Un one man show tutto suo ce lo vedrei benissimo in prima serata su canale 5 insieme a Massimo Lopez e a Cirilli e alla Cortellesi



2. Silvia ha scritto:

9 gennaio 2013 alle 17:48

Mi piace moltissimo – bravissima e non si da mai delle arie



3. teoz ha scritto:

9 gennaio 2013 alle 17:53

-.-! che sia brava ad imitare è brava ma adesso un one girl show mi sembra proprio fantascienza…



4. emanuele ha scritto:

9 gennaio 2013 alle 18:31

troppo brava!!!!!!!



5. marcko ha scritto:

9 gennaio 2013 alle 18:56

brava , anzi bravissima!
talentuosa, ma senza grilli per la testa, proprio come piace a me.
una precisazione, ma qualke anno prima ke con costanzo non aveva iniziato con la venier a domenica in???



6. tinina ha scritto:

9 gennaio 2013 alle 22:40

sas

Uno spettacolo con 4 protagonisti non si può proprio definire “one man (nel caso della Aureli “woman”) show!



7. Matusa ha scritto:

10 gennaio 2013 alle 07:22

Come si fa a non citare Virginia Raffaele? Che rosicona l’Aureli!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.