20
dicembre

LA7: CHIUSO ANCHE LO SHOW DELLA MOGLIE DI MENTANA, NEL 2013 ARRIVANO LE FICTION DI SKY

Michela Rocco e Gianfranco Vissani

Consolidamento, razionalizzazione, informazione. Queste le tre parole d’ordine del nuovo amministratore delegato di La7 Marco Ghigliani, che ha presentato le novità del palinsesto di La7 per il 2013. Come vi abbiamo comunicato, La7 ha deciso di chiudere il Cristina Parodi Live, riservando alla conduttrice “un nuovo progetto” non meglio precisato. Ma sotto la mannaia di Ghigliani cadranno anche altri due programmi del day time: L’Erba del Vicino con Lucia Loffredo e Ti Ci Porto Io, l’itinerario domenicale condotto da Gianfranco Vissani e Michela Rocco di Torrepadula, moglie di Enrico Mentana. Motivo? Come già accaduto nel caso di G’ Day – che domani saluterà definitivamente il suo pubblico – alti costi e bassi ascolti non sono più sostenibili, perciò si cambia.

Ma, se anche per Benedetta Parodi e i suoi menu ci sarà una ricollocazione nella fascia pre-Tg dalle 18.50 alle 20, il palinsesto di La7 non sarà fatto solo di tagli. Con l’arrivo delle elezioni, infatti, tornerà anche Piazzapulita di Corrado Formigli dal 7 Gennaio, che non andrà a sostituirsi con Servizio Pubblico di Michele Santoro, il quale continuerà ad andare in onda il giovedì sera. Traslocherà dal lunedì al venerdì sera dopo Crozza Gad Lerner con un nuovo programma, in onda da venerdi 25 gennaio dalle 22.15 a mezzanotte.

Tornano anche Le Invasioni Barbariche di Daria Bignardi a partire da mercoledì 23 gennaio,. Già dal 2 gennaio, poi, ricomincerà Otto e Mezzo con Lilli Gruber, mentre la coppia Luca Telese-Nicola Porro tornerà In Onda dal 5 gennaio. Inedita, invece, la partnership che sperimenterà la  rete Telecom mettendo insieme degli speciali con Enrico Mentana e Corrado Guzzanti.

Ma il fratello di Sabina e Caterina Guzzanti sbarcherà su La7 con tre serate speciali dedicate ai suoi tre spettacoli teatrali Aniene, Aniene 2 e Recital. Sul fronte del cinema, invece, in virtù dell’accordo stretto con Sky, La7 trasmetterà la serie Faccia d’Angelo con Elio Germano e Katia Ricciarelli, il film Un Natale coi fiocchi con Alessandro Gassman e Silvio Orlando e il remake italiano della serie In treatment, con protagonista Sergio Castellitto.

Sul fronte delle serie tv arriveranno su La7 I Borgia e la miniserie Mondo Senza Fine, tratta dall’omonimo romanzo di Ken Follet e prodotta da Tony e Ridley Scott. Prime visioni in chiaro anche per pellicole come The Social Network e le due commedie Mangia, Prega, Ama con Julia Roberts e Javier Bardem e Il cacciatore di ex. Infine novità anche sul piano dell’innovazione, grazie ad una partnership di La7 con Google in un progetto speciale legato alle elezioni. Insomma, tagli, riorganizzazione, ma anche tanta aria nuova nel nuovo palinsesto di La7 per l’anno che verrà.



Articoli che potrebbero interessarti


Marco Ghigliani, nuovo AD La7
LA7: MARCO GHIGLIANI E’ IL NUOVO AD, SEVERINO SALVEMINI NOMINATO PRESIDENTE. GIOVANNI STELLA LASCIA


Lucia Loffredo, l'erba del vicino
L’ERBA DEL VICINO: NUOVA MISSIONE ECOLOGISTA PER LUCIA LOFFREDO E I SUOI GIARDINIERI


Gianluigi Paragone
Gianluigi Paragone contro Andrea Salerno per gli ascolti bassi de La7: «Mannaggia a voi intellettuali. Noi populisti non vi capiamo mai»


Propaganda Live, Zoro
Propaganda Live: Zoro debutta su La7 tra migranti e Ong. Saviano ospite della prima puntata

15 Commenti dei lettori »

1. MisterGrr ha scritto:

20 dicembre 2012 alle 12:57

immaginavo.

La TorreMentana ha la verve di una candela e Vissani è simpatico come un’emorroide.

Peccato perché di base Ti Ci Porto Io era carino come programma.



2. Andrea ha scritto:

20 dicembre 2012 alle 13:01

A me la colpa più dei programmi pare che sia dei vari direttori e amministratori vari. Programmi realizzati bene ma pensati male.
G’Day era un programma da seconda serata, l’hanno sempre detto tutti. Il Parodi Live spezzato in due parti, geniale! E la Parodi piccola, trasmessa due volte nella stessa giornata?
Poi come fanno a meravigliarsi che le cose non vadano bene? Tutti programmi sulla carta vincenti, ma poi collocati in modo bizzarro e gestiti anche peggio.
Penso che questi sarebbero capaci di far raggiungere il 3% di share anche a Sanremo, se per assurdo ce l’avessero tra le mani (magari trasmettendolo la mattina)…



3. teoz ha scritto:

20 dicembre 2012 alle 13:01

a me “ticiportoio” non diceva niente… è un programma classico un mix tra melaverde e i vari programmi di mengacci in giro per l’Italia!! Bisogna differenziare la proposta televisiva sennò si va in bocca ai competitor… è come il parodi live…-.-! fotocopia di pomeriggio cinque…
cmq ridi e scherza l’unica che gode a la7 è Benedetta Parodi…che non si sa come e con che santi in paradiso continua a far buoni risultati



4. amazing1972 ha scritto:

20 dicembre 2012 alle 13:02

lo trovavo bruttissimo questo programma. bisogna ringiovanire un po i contenuti,non si possono fare programmi uguali a quelli di rai e mediaset,ci vuole qualcosa di diverso.
le fiction sky mi sembrano perfette su la7,ottimo accordo

anche benedetta parodi non la vedo bene…



5. tinina ha scritto:

20 dicembre 2012 alle 13:17

Mister

Sono completamente d’accordo con te: Vissani-Lady Mentana una delle coppie peggio assortite e più antipatiche della TV! Il programma in se’ non era male, ma quei due…



6. LUCA ha scritto:

20 dicembre 2012 alle 13:17

La TorreMentana ha la verve di una candela e Vissani è simpatico come un’emorroide.

hahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahahaha



7. MisterGrr ha scritto:

20 dicembre 2012 alle 13:35

infatti…mettendoci due presenze con più appeal, per me sarebbe stato parecchio interessante.

Ricordo ancora la scena dell’uovo nelle solfatare di Pozzuoli. No cioè, manco Enzo e Carla a Shopping Night recitano così male.



8. osservatore ha scritto:

20 dicembre 2012 alle 14:17

stanno razionalizzando abbastanza bene.
il palinsesto precedente era costosissimo e poco produttivo come ascolti. c’è poco da aggungere.
vedo la7 fortissima nelle prima serate da gennaio



9. Lucas ha scritto:

20 dicembre 2012 alle 17:59

E la La7 REGREDISCE spegnando il pomeriggio..VERGOGNA

Ti credo che fa il 2% se per anni è rimasto spento.



10. anna60 ha scritto:

20 dicembre 2012 alle 18:29

hanno mandato via antonello piroso x avere tutta stà gente che viene ma anche và era così professionale e bravo il pubblico poi punisce la rete che cancella i bravi professionisti guarda rai2



11. iki ha scritto:

20 dicembre 2012 alle 18:31

Sono perfettamente d’accordo con lucas….la7deve far abituare il pubblico a capire che al pomeriggio oltre al tasto 1 e 5 ce pure il 7…non puó pretendere tutto e subito…Di certo non è con Barbaby e Cordier che puó considerarsi terzo polo e rendersi competitiva con gli altri…quest’ultimo è il motivo stessa della vendita da parte di Telecom



12. Ada ha scritto:

20 dicembre 2012 alle 19:19

LatorMentana coppia iguardabile, poi son tutti imparentati.2 parodi e la cuginetta malefica parietti…Barnaby scchifezzi inglesi….TV spazztura e` diventata ormai LA7 ma come va avanti?



13. GianCarlo ha scritto:

21 dicembre 2012 alle 10:12

C’è aria nuova a la7? Ma se son sempre gli stessi “sinistrorsi” disoccupati altrove . Mah. Poi questa sudditanza verso Sky, padre padrone di tutti i programmi e le reti sinistrorse d’Italia! Mah! E ci lamentavamo di un vecchio milionario che aveva tutte le televisioni sotto controllo. E di quest’altro vecchio (sig. Murdoch) miliardario però, che tiene sotto scacco tutti gli antiberlusconiani, capendo che in Italia se la pensi a “sinistra” hai la strada spianata in tutte le tue azioni?
Che Paese di Me..a!



14. Andrea ha scritto:

21 dicembre 2012 alle 11:38

GianCarlo, hai sbagliato tempo verbale.



15. Elisabetta ha scritto:

22 dicembre 2012 alle 18:51

Si può avere un ferrari ma se non si è capaci di guidarla non si va da nessuna parte e si resta fermi al semaforo rosso, questo è il problema. Il programma c’era, come c’era la professionalità sia di lady Mentana che di Vissani (evitiamole certe cattiverie gratuite dettate solo dall’invidia). L’errore è stato mettere il programma in piena concorrenza con quelli storici come Linea verde e Mela verde, rispettivamente Rai e Mediaset; solo un genio del fallimento poteva gestire un piano di palinsesto come fosse il gioco in scatola Crak della MB.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.