25
novembre

AUDITEL: AMICO O NEMICO DELLA TV?

Auditel

E’ la bestia nera che governa la dura legge dell’offerta e della programmazione della televisione italiana, capace di ergersi a giudice inflessibile e decretare la chiusura o la definitiva consacrazione di questo o quel programma: parliamo dell’Auditel, scandagliato con studi approfonditi e numeri alla mano dagli studenti dell’Università Cattolica di Milano sotto la supervisione del Professor Giorgio Simonelli.

L’incontro che ha aperto la quarta giornata del Festival IMMaginario 3.0 di Perugia ha sottolineato il peso sempre crescente degli ascolti nelle dinamiche aziendali della tv generalista che si accompagna ad una perdita di una considerevole fetta di spettatori. Mattia Ferretti, giovane studente della Cattolica, ha parlato dell’abitudine di un pubblico altamente scolarizzato a non seguire determinati programmi televisivi. Il pubblico universitario, ad esempio, che corrisponde all’8% del campione preso in considerazione dalle logiche Auditel, si è dimostrato il più disaffezionato rispetto al palinsesto proposto dalla generalista, soprattutto nella fascia dalle 20.30 alle 22.30 della rete ammiraglia Rai.

“Tanto più il pubblico è scolarizzato, tanto più si disaffeziona alle proposte della tv. E’ come se i laureati e gli studenti non trovino il prodotto all’altezza del proprio bagaglio culturale

recita severo lo studente.

L’incontro è poi proseguito ponendosi un interrogativo: quali sono i motivi per non credere all’Auditel e alla sua presunta verità? Daniele Banfi, laureando della Cattolica, individua i punti deboli del sistema a cominciare dall’esclusione nel panel degli immigrati, che sono 4 milioni e 500mila in Italia, e dalla mancata registrazione dei dati d’ascolto all’interno di locali pubblici come bar, ospedali, carceri e alberghi. Dal 1987 a oggi, secondo lo studio, l’Auditel non ha mai modificato nulla della sua iniziale impostazione, restando fedele ad un sistema che si definisce “trasparente” ma che in realtà “è restio a rispondere ad eventuali forme di confronto con quanti criticano i loro parametri, diventando da termometro a febbre della televisione.

Auditel inaffidabile allora? Forse se solo i manager tv cominciassero ad interpretarlo con una maggior visione d’insieme non ci sarebbe nemmeno bisogno di porsi questa domanda.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Auditel (1)
Auditel: ecco perchè i dati sono in ritardo


Urbano-Cairo-La7
Dati auditel in ritardo, Cairo: «Non voglio pensare male ma…»


Guess_my_age_01
Ascolti TV Settembre 2017: Rai 1 (16.25%) davanti a Canale 5 (14.64%). Tv8 supera il 2% e surclassa Nove (1.49%)


sky-go
Auditel: entro il 2018 dati rilevati anche da pc e smartphone

5 Commenti dei lettori »

1. Marco MDNA ha scritto:

25 novembre 2012 alle 12:30

Perché alcuni dati vengono esclusi? Secondo me non è giusto. I telespettatori che vengono esclusi sono comunque telespettatori. E poi chissà come sarebbe veramente l’auditel con l’aggiunta di quei dati. Forse alcuni programmi e alcune reti guadagnerebbero qualcosina in più…



2. Marco89 ha scritto:

25 novembre 2012 alle 12:32

Articolo interessante. Pur seguendo Simonelli a Tvtalk e non essendo quasi mai d’ accordo con quello che dice, non credo abbia tutti i torti.
Secondo me il problema principare sta nel web…c’ è sempre più gente che vede determinati programmi dai siti, soprattutto i più giovani, bisogna andare subito a coprire questo buco secondo me.
Per il resto…io sono dell’ idea che è inutile piangere il morto…le generaliste hanno perso molti ascolti a causa delle digitali…hanno voluto tutti creare nuove reti e nuovi stimoli per il mercato quando secondo me si sono tutti indeboliti.
Leggevo anche giorni fa un altro articolo, riguardo l’ auditel…pare non ci sia un modo per far arrivare in un unico cervello tutti i dati, quindi…



3. MisterGrr ha scritto:

25 novembre 2012 alle 12:57

Più che nemico, la limita molto.



4. tania ha scritto:

25 novembre 2012 alle 12:59

Sia amico che nemico!



5. Giuseppe ha scritto:

25 novembre 2012 alle 14:20

L’auditel, se non abolito, andrebbe completamente riformato e, magari, affiancato da altri strumenti di rilevazione come l’IQS. Così com’è è stato creato da Rai e Mediaset a proprio vantaggio, ma ora si sta rivelando un boomerang. Se fossi un’inserzionista cercherei altre fonti prima di fare certe scelte.

Comunque, per quanto riguarda il servizio pubblico, l’Auditel andrebbe immediatemente abolito.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.