20
novembre

AMERICAN HORROR STORY FA “TRIPLETE”

Evan Peters e Lizzie Brocheré

Presenze infestanti, alieni venuti da mondi sconosciuti, psicopatici incalliti in cerca di una valvola di sfogo per ottemperare i loro oscuri propositi e religiosi in cerca di risposte da un male oscuro e dilagante, queste sono solo alcune delle caratteristiche dell’horror drama che ha stregato il mondo: American Horror Story. Perché stiamo parlando di un vero e proprio fenomeno, riuscito a dimostrare la malleabilità intellettuale di Ryan Murphy, passato dalle cover danzanti di Glee ai meandri più oscuri della mente umana, e il fascino di un genere televisivo e cinematografico ormai prevedibile e parodiato oltre l’inverosimile.

Visto il successo che la seconda stagione continua a mietere in patria (e non solo), il canale FX conferma la sua serie di punta per una terza stagione composta da 13 episodi, spronato dall’ottima media di ascolto che, nella quinta puntata del ciclo tutt’ora in corso, ha tenuto incollati al televisore ben 3,8 milioni di spettatori. I punti di forza di un prodotto come AHS? La raffinatezza delle riprese, le storie narrate profondamente suggestive, ovviamente, una Jessica Lange straordinaria e perfettamente in sintonia con la psiche contorta e labile dei personaggi che si è trovata a interpretare: dapprima la petulante vicina di casa Constance e ora l’intransigente Suor Jude di Asylum.

La seconda stagione, in particolare, è riuscita a spingersi lì dove la Casa degli Omicidi non è riuscita ad arrivare, trasportando l’ignaro telespettatore in un mondo inedito e avulso come quello di un ospedale psichiatrico, teatro di oscuri esperimenti medici e di intrighi e sotterfugi elaborati con arguzia e estro da alcune delle menti più pericolose e instabili dell’America degli anni ‘60. Immancabile per la terza stagione la riconferma della Lange e di altri membri del cast fra cui speriamo vivamente di ritrovare Evan Peters, riuscito a ritagliarsi un ruolo sempre più complesso e affascinante come quello del presunto killer seriale Kit Walker.

Murphy ringrazia il network per la fiducia e l’attenzione dimostratagli e si prepara alla scrittura del prossimo soggetto della serie, ancora priva di un (sotto)titolo definitivo, che probabilmente vedrà la luce solo nell’autunno 2013. Cosa aspettarci? Sicuramente tanta suspense in uno dei prodotti seriali più belli e meglio girati degli ultimi anni, con buona pace di Glee, altra creatura di Murphy, ormai relegato a carrozzone di talenti schiavi di dinamiche narrative sempre più piatte e inverosimili.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


david-schwimmer
AMERICAN CRIME STORY: DAVID SCHWIMMER E’ IL SIGNOR KARDASHIAN NELLA SERIE SU OJ SIMPSON


Jamie Lee Curtis scream queens
SCREAM QUEENS: NUOVA SERIE HORROR COMEDY PER RYAN MURPHY. NEL CAST JAMIE LEE CURTIS


The Normal Heart
THE NORMAL HEART: OMOSESSUALITA’ E AIDS NEL FILM TV CON MARK RUFFALO E JULIA ROBERTS


Glee 5 - Lea Michele 2
GLEE: IL FINALE DELLA SERIE CON RACHEL E FINN PENSATO DA RYAN MURPHY

6 Commenti dei lettori »

1. Marco89 ha scritto:

20 novembre 2012 alle 19:12

Non no neppure termini per descrivere questa serie…meravigliosa, io ero innamorato del personaggio di Adelaide, incredibile comunque.
Ma chiedo…la seconda stagione in Italia, arriverà su Fox? Se non sbaglio l’ anno scorso arrivò in questo periodo ma se non ho capito male sta andando in onda ora in America…arriverà per l’ inverno???Ditemi di sì vi prego….



2. Mario Manca ha scritto:

20 novembre 2012 alle 21:49

Si @marco89, dovrebbero essere trasmesse da dicembre su Fox ;)



3. Marco89 ha scritto:

20 novembre 2012 alle 23:07

Ohhhhhh…che sollievo, grazie mille, ottima notizie, aspetteremo dicembre allora…meraviglioso! Grazie ancora per la gentile risposta, buona serata!!!!



4. riccardo ha scritto:

21 novembre 2012 alle 09:18

Ti consiglio vivamente di vederla in lingua originale con i sottotitoli. Basta cercare..



5. Marco89 ha scritto:

21 novembre 2012 alle 12:34

@ Riccardo: dici? Per me non è la stessa cosa…tutto sommato i doppiatori sono stati eccelsi, una grande Micaela Esdra per Jessica Lange…io i sottotitoli non li amo, sono tardo mi sa…



6. riccardo ha scritto:

22 novembre 2012 alle 15:15

No, tranquillo. E’ solo questione d’abitudine.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.