31
dicembre

LORELLA CUCCARINI A DM: MI DISPIACE PER ALESSIO VINCI E SABRINA SCAMPINI. UN QUINTO FIGLIO A 47 ANNI? VOLENTIERI

Lorella Cuccarini

[Intervista del 4 novembre 2012] A partire da oggi la attende una nuova sfida. La sua Domenica In – Così è la Vita tornerà a fronteggiare Barbara D’Urso, neo conduttrice di Domenica Live. Ma Lorella Cuccarini non si cura dell’avversaria e si dice dispiaciuta per il cambio di conduzione che ha portato all’addio di Alessio Vinci e Sabrina Scampini. A DM la conduttrice ripercorre la sua carriera e ne approfitta per una una confessione sul fronte privato: a 47 anni, e con ben quattro figli all’attivo, non le dispiacerebbe diventare nuovamente mamma. “Ma solo se a volerlo sarà la natura”, precisa…

Lorella sei alla guida per il terzo anno consecutivo di Domenica In e la concorrenza si fa sempre più agguerrita. Dopo il ritorno di Simona Ventura, è arrivato anche quello di Barbara D’Urso…

Innanzitutto ci tengo a dire che non mi fa mai piacere quando si chiude un programma, o c’è un cambio di conduzione; quando si sbaglia la colpa non è solo del conduttore e allo stesso modo, quando un programma va bene, il merito è di tutto un gruppo che funziona. Mi dispiace, dunque, per Alessio Vinci e Sabrina Scampini che hanno lasciato Domenica Live. La competizione, poi, è sempre sana e sono più felice di andare in onda in una domenica viva, accesa da tante proposte.

Sei una dei pochi personaggi del mondo dello spettacolo a saper cantare, ballare e condurre. Il tuo programma, però, richiede in qualche modo anche un approccio giornalistico…

Purtroppo noi siamo abituati a dei personaggi che hanno dei range d’espressione limitati. Quando, ad esempio, sono andata a Sanremo, ho fatto scandalo perché era inammissibile che una conduttrice televisiva si presentasse come cantante. Inoltre non sono d’accordo sul fatto che il programma debba avere un approccio giornalistico, anzi una delle ragioni per le quali la nostra domenica funziona è perché utilizziamo un approccio umano.

A volte quando si trattano determinati argomenti è facile esser tacciati di morbosità.

Trattiamo tanti argomenti ma mai con morbosità, prestiamo sempre tanta attenzione. Poi ciò non significa che non si veda morbosità in tv. Di cronaca nera non ne parliamo per principio anche se nell’ambito di tematiche più generali, come la violenza sulle donne, è impossibile non far riferimento ai casi di cronaca.

Una domenica all’insegna del varietà sarebbe anacronistica?

Non lo so, posso dirti che, nel mio primo anno, delle sperimentazioni, in tal senso, non hanno funzionato. Anche adesso quando facciamo più musica e raccontiamo meno il personaggio, il programma subisce delle leggere battute d’arresto. Poi da qui a dire che il varietà domenicale non funzionerebbe in assoluto, non lo so. Spesso si invoca la Buona Domenica mia e di Columbro ma noi saremmo ridicoli a riproporre quel programma alla nostra età. Bisognerebbe, invece, trovare due conduttori giovani che abbiano la verve che avevamo io e Marco, all’epoca.

Esistono oggi due conduttori  giovani con le caratteristiche di Lorella Cuccarini e Marco Columbro dell’epoca  e una rete disposta a rischiare?

Se io dovessi fare una domenica di contrapposizione andrei a proporrei l’intrattenimento puro. Il problema forse è riuscire a fare un intrattenimento che sia in sintonia con il momento che viviamo.

L’etichetta di più amata degli italiani è stata una prigione dorata?

Era un gioco e continua a esserlo. Sono dei superlativi assoluti che non esistono al mondo, ma è stata anche una fortuna che mi fosse affibbiata.

La tua è dunque un’immagine rassicurante, al punto che ha fatto scalpore una recente intervista in cui parlavi di sesso…

In realtà in quell’intervista si parlava ben poco di sesso ma su di me si gioca di più perché, di norma, sono una che parla poco di determinati aspetti legati all’intimità. Vero è che a quarantasette anni sono molto cambiata, mi sento più libera di raccontarmi in una maniera diversa, che ovviamente rispecchia quella che sono. Non ha senso tentare di cambiare, col tempo ho imparato ad essere più tollerante verso me stessa e ad amarmi per pregi e difetti.

Sei stata una delle prime “super mamme” della televisione, ora che hai superato gli anta faresti un altro figlio?

Sì, molto volentieri. Se arriva è ben accetto; di solito è difficile avere figli in tarda età quando si tratta del primo; ma nel mio caso sarebbe il quinto! Diciamo che fin quando la natura mi dà l’opportunità io non mi tiro indietro. Magari mio marito non sarebbe così d’accordo (ride, ndDM), ma ai miei figli più piccoli, che cominciano ormai ad essere grandicelli, non dispiacerebbe avere un fratellino o una sorellina. Non mi pongo limiti, dunque, la vita è bella per questo e le cose più belle per me sono sempre arrivate all’improvviso.

Come si concilia vita privata e impegni professionali?

Sono felice di non aver mai fatto calcoli. Quando ho avuto il primo figlio mi hanno presa per pazza perché mi sono fermata dopo il secondo anno di una Buona Domenica che era al top del successo. Ma in quel momento per me era importante solo mia figlia Sara. Delle volte anche se perdi un treno va bene lo stesso. il successo vero, rappresentato dall’affetto delle persone, non finisce per una pausa dal video. In questo mestiere bisogna avere la capacità e la costanza dell’artigiano, lavorare sempre, senza mollare, e con pazienza.

Come ha influenzato la tua vita l’aver raggiunto la notorietà sin da giovanissima?

Il fatto di essere arrivata così presto alla notorietà mi ha fatto corazzare nel tempo. L’impatto è stato forte ma io ho resistito perchè ho avuto una famiglia che mi ha protetto. Recentemente ho ospitato Noemi e mi sono rivista in lei per il rapporto stretto che ha con i suoi cari. Quando arrivi all’improvviso al successo non è facile gestirlo e conosciamo tanti esempi internazionali di artisti che si sono poi autodistrutti. Sono felicissima se mi guardo indietro, poi è naturale avere degli alti e dei bassi ed è bello, dopo i momenti di grande difficoltà, rimettere la testa fuori e trovare nuove motivazioni.

Qual è stato il momento più difficile?

Ce ne sono stati diversi. Quando si fa questo mestiere sei costantemente giudicato, ogni programma che fai è un esame che passi o non passi. Il momento più difficile riguarda il mio lungo stop dal piccolo schermo, periodo sul quale non vorrei neanche ritornare che, però, mi è servito per crescere e per liberarmi da una serie di aspetti superficiali del mestiere. Ho cominciato anche ad apprezzare cose di minore visibilità, come il Pianeta Proibito a teatro, ma che ugualmente mi hanno riempito il cuore.

Sei stata anche su Sky..

Certo anche se io e Fiorello siano arrivati un po’ troppo presto. Ho fatto da apripista e rendersi conto di essere arrivata quei due, tre anni prima fa comunque piacere.

Alcuni volti di punta di Mediaset negli anni 90, te compresa, ad un certo punto hanno lasciato l’azienda o sono stati accantonati. Ritieni che ci sia una sorta di ingratitudine nei vostri confronti?

Ho vissuto quattordici anni in quell’azienda conducendo programmi come Paperissima e Buona Domenica, che hanno segnato la storia non solo di Canale 5 ma della televisione. Di matrimonio, però, ce n’è uno solo e non si sposano le aziende. Capita che non ci si ritrovi più. Ormai il mio addio risale al 2001. Ho fatto altre piccole cose su Canale 5 che non avevano il sapore di una rentrée però. Io non ho più accettato contratti in esclusiva in seguito all’esperienza sofferta che avevo avuto (in Rai, ndDM). Avere un contratto e non lavorare è frustrante. La mia famiglia mi ha inculcato l’idea che i soldi bisogna guadagnarseli lavorando duro e per me è inammissibile esser pagata per non far nulla. Da quella volta firmo sempre contratti a progetto, legati ad un programma. A Mediaset, forse, proprio il fatto di avere un contratto quadro mi stava un po’ stretto perché inevitabilmente sei costretta ad accettare programmi anche se ritieni che non siano giusti per te.

Considerati la tua lunga carriera e i tuoi studi, come ti poni nei confronti di chi emerge senza un background artistico?

Non giudico mai, le meteore ci sono sempre state anche negli anni 80. Mi preoccupo, forse per senso materno, di un aspetto psicologico, non tanto degli ex concorrenti di reality ma di coloro i quali fanno danza o cantano e partecipano a programmi meravigliosi sapendo che l’anno prossimo arriverà qualcuno che li scalzerà. Bisogna essere strutturati, avere l’intelligenza di vivere quelle esperienze come punti di partenza e  non di arrivo.

A proposito, quando ti rivedremo in prima serata?

Non lo so. Mi auguro che ci sia una chance ma non scalpito, sto bene dove sto. Domenica In Così è la Vita è un programma che mi dà molto dal punto di vista umano. Per tanti anni ho inseguito la realizzazione professionale per poi rendermi conto che il nostro mestiere ha un senso se sei utile a qualcuno.

Ma c’è un programma esistente che ti piacerebbe condurre?

Non c’è. Mi piacerebbe avere un programma tutto mio, in cui ci possa essere una conduzione ma anche un ritorno alla spettacolo.

Potresti lavorarci su insieme a tuo marito, Silvio Testi, che ha una casa di produzione.

Abbiamo lavorato pochissimo insieme, anche perchè lui ha una storia preesistente al nostro incontro. C’è la paura della commistione, a volte nostra, a volte degli altri. Forse sarà proprio il non lavorare insieme il motivo per cui andiamo sempre d’amore e d’accordo.



Articoli che potrebbero interessarti


Lorella Cuccarini
LORELLA CUCCARINI A DM: LA BELLUCCI A DOMENICA IN PER #30ORE – LA DOMENICA POMERIGGIO IN ALCUNI PROGRAMMI L’ETICA SI E’ PERSA UN PO’ DI VISTA!


alessio vinci e sabrina scampini
SPECIALE DM LIVE, NUOVA STAGIONE TV: COMMENTA IN DIRETTA I DEBUTTI DI DOMENICA IN E DOMENICA LIVE


massimo giletti-lorella cuccarini
DOMENICA IN: CONFERMATI GILETTI E CUCCARINI TRA ATTUALITA’ E STORIE COMUNI


lorella-cuccarini-2
LORELLA CUCCARINI A DM: L’ATTRITO CON MASSIMO GILETTI? UNA STUPIDAGGINE VERA!

76 Commenti dei lettori »

Pagine: [1] 2 » Mostra tutti i commenti

1. WHITE-difensore-di-vieniviaconme ha scritto:

4 novembre 2012 alle 12:35

eh appunto… quelle domeniche con lei e Columbro . . <3



2. marcodesantis ha scritto:

4 novembre 2012 alle 12:59

sempre una gran signora…una delle poche vere singore della tv. sperimao che la ra le dia un nuovo programma in prima serata dove possa tornare anche a ballare.



3. amazing1972 ha scritto:

4 novembre 2012 alle 13:02

anni fa la adoravo,adesso non la sopporto. sempre quell’aria da maestrina,la voce soffiata,per creare intimità. la sua domenica poi è inguardabile! penso che la sua strada potrebbe stare nel talent. è vero che non mi era piaciuta a star academy,ma quello era un programma brutto di suo,un’altra occasione gliela concedo



4. FDiv88 ha scritto:

4 novembre 2012 alle 13:13

Può darsi che, per la Domenica pomeriggio, non vada bene “qualsiasi” varietà ma solo il varietà fatto in un determinato modo. Modo che andrebbe ricercato. In altre fasce orarie, il varietà, funziona (vedasi Fiorello e altri casi).

Personalmente, non amo molto le domeniche pomeriggio di cronaca e la Cuccarini che preferisco è in altre situazioni. Detto questo, questa intervista, mi è piaciuta molto :)



5. liberopensiero ha scritto:

4 novembre 2012 alle 13:16

La Signora della Tv(insieme a poche altre).La Rai pensi a farle fare più spettacolo,visto che quando si esibisce da conti o dalla clerici(picco di cinque milioni,battendo la defilippi,cioè Lorella batte Maria)registra il picco di ascolti.Bravo Mattia per l’intervista.



6. anna ha scritto:

4 novembre 2012 alle 14:24

trovo ingiusto che la rai “limiti” personaggi di punta come la Cuccarini o la Goggi: la cuccarini, che sa ballare, cantare, recitare, intrattenere ecc, la limitano a condurre un programma stile “vita in diretta”; anche la goggi, che ha le stesse qualità di lorella, la limitano a fare la giurata nello show di conti.
la carrà invece addirittura la lasciano a casa.
no comment .



7. Ale ha scritto:

4 novembre 2012 alle 15:34

Lorella non è soltanto la numero Uno della televisione e dello spettacolo (e questo è indiscutibile, chi lo volesse negare avrebbe veramente paraocchi e non sarebbe obiettivo). Lorella è una persona che crede e diffonde i valori dell’umiltà, la solidarietà, l’amore e l’aiuto verso il prossimo. Non rincorre il successo personale, nonostante ami indubbiamente il suo lavoro e esibirsi. E’ una numero uno umanamente, una vera eccezione nel mondo della tivù. Anche in questa intervista dimostra la sua umanità, e la sua grande umiltà. Ed è dunque una vera eccezione nel mondo della televisione. Non ricordo persone semplici e buone come lei se non Mondaini e Vianello.



8. cigno ha scritto:

4 novembre 2012 alle 15:36

infatti la CARRA’ preferisce stare a casa piuttosto che tornare senza le garanzie che un mito della tv come lei ha bisogno….piuttosto che tornare con un programma inutile e non di qualita’…..a noi fans dispiace molto ma pazienza….viviamo di rendita……..LORELLA dovrebbe tornare a fare il varieta’ piuttosto ……..io non la seguo piu’ proprio perche’ il suo programma nonostante i buoni propositi e’ veramente noioso,scontato e uguale a tanti altri….anche se LORELLA possiede una grazia immensa e nell’affrontare certi argomenti e’ sempre discreta…..



9. marco ha scritto:

4 novembre 2012 alle 17:27

Cuccarini nelle interviste sempre assolutamente molto opportunista. Le dispiace che hanno fallito Vinci e Scampini perchè ora c’è la D’Urso. Non mi sembrava tanto un approccio umano l’insistenza che Lorella ha avuto con la Ricciarelli nel voler saper a tutti i costi dei suoi amori visto che Katia aveva detto fin da subito di non volerne parlare…sotto sotto anche a così è la vita la morbosità c’è anche se è meno esplicità di quella espressa a la vita in diretta di cui così è la vita è la sorella domenicale. La Cuccarini mente sapendo di mentire quando dice che quando a così è la vita fanno musica il programma subisce una battuta d’arresto. Nella seconda puntata (quella con Malika) ha fatto il 16,57 nella terza parte contro il 15,88 della prima e seconda parte. In realtà non è mai stata la più amata dagli italiani e Lorella lo sa bene soprattutto se guardamo i bassi risultati ottenuti sempre in prima serata nella sua carriera da conduttrice solista. A sanremo c’è andata perchè c’era baudo infatti quando ha presentato un brano nelle edizioni 1990 e 2009 in cui baudo non c’era gliel’hanno scartato. Dai Lorella lo sapevi benissimo che quella tua risposta sul sesso avrebbe fatto parlare e questo a pochi giorni dalla prima puntata di così è la vita ti faceva comodo, su. Oggi dice sì al quinto figlio ma fino a qualche hanno fa diceva ma quando mai, io ho già dato. E’ proprio nel momento in cui ha lasciato Buona domenica per la maternità che la sua carriera non ha più brillato realmente. Pianeta proibito di minor visibilità? ma se è stato messo apposta il numero con la chitarra per fare che si ritornasse a parlare di te con la speranza di avere un rientro in tv. Un po’ meno piacere però sono stati gli ascolti pessimi che su Sky ha avuto con un fiorello che invece faceva 10 volte l’ascolto che faceva la cuccarini e i film in prima tv che facevano più del doppio del suo programma. Nel suo caso perà è stata Lorella a lasciare Mediaset illusa dalla Rai che le prometteva chissà cosa (e infatti si è visto) e non Mediaset ad accantonarla. Oggi a mediaset non ci torna perchè c’è suo marito che è impegnato in una causa. Lorella lascia perdere la conduzione da sola in prima serata, non fanno per te, le esperienze precedenti non te lo hanno insegnato? Nonostante il buon ascolto di così è la vita le prime serate mi sembra evidente che giustamente le danno a clerici e conti a cui non ha caso hanno affidato tale e quale show e non alla cuccarini. Insomma il suo è il caso di un pallone che dal grande boom di fantastico in poi si è piano piano sgonfiato rigonfiandosi solamente quando ha fatto paperissima e buona domenica.



10. Michele ha scritto:

4 novembre 2012 alle 17:32

Io Lorella l’adoro ma questa sua deriva cattolica moralistica me la sta facendo calare di molto: prima a Domenica In il pezzo di Don Antonio Mazzi è stato una cosa imbarazzante: l’appello ad una moglie divorziata di riprendersi in casa il marito, roba da Paola Binetti….. PER CARITA’!!! E adesso dopo don Mazzi è arrivato Don Pieracci (neanche la Bianchetti ospitava due preti in una stessa puntata) un altro che è rimasto al 1800 dai discorsi che fa…… Mi dispiace ma così non mi piace, non è questa la Lorella che ho adorato sin da bambino, questa è Lorella Bianchetti!!!!! Speriamo che la Rai le dia presto un varietà di prima serata ben fatto e la liberi da questa Domenica In-A sua immagine tutta preti moralisti, Diaco e Pivetti….



11. marco ha scritto:

4 novembre 2012 alle 17:51

e poi Lorella guarda che alcuni non invocano un ritorno di te e columbro a buona domenica, non siamo mica scemi, si è visto il risultato a scommettiamo che. Invocano solamente la buona domenica allegra e spensierata di una volta. punto. Ma purtroppo come dimostrano gli ascolti la maggior parte delle persone preferiscono martoriarsi con trasmissioni come la tua.



12. Michele ha scritto:

4 novembre 2012 alle 17:55

@marco Sei un fan di Heather Parisi o Alessandra Martines? Perchè hai detto delle baggianate: non è affatto vero che Lorella da solista non ha mai funzionato : La Stangata (condotto da sola nel 1995-96) fu la rivelazione tv della stagione con picchi del 40% di share, Campioni di ballo (condotto sempre da sola la stagione successiva) fece il 30-35% di share (e non andava nemmeno in onda sull’ammiraglia Canale 5 ma sulla minore Rete 4), La notte vola (di cui era anche autrice) fu il programma estivo più seguito del 2001 (e già una volta facevano programmi nuovi anche d’estate) quindi che dici? La carriera di Lorella si è rovinata con il suo ritorno in Rai e l’esilio forzato voluto da Del Noce, che prese il pretesto dell’insuccesso di Scommettiamo che? per emarginarla dicendo che non funzionava più, favorendo altre signorinette a lui più gradite e quando si sta fermi sette anni dopo è dura tornare alla ribalta (in tv puoi essere il numero uno per 20 anni, se da un giorno all’altro sparisci, in due mesi sei già una meteora) ed infatti i flop di La sai l’ultima?, Vuoi ballare con me? e di Domenica In… Onda ne sono l’esempio… Poi ripeto questa sua involuzione cattolica a me mi disgusta e me la sta facendo diventare odiosa: ripeto che il pezzo di Don Mazzi è stato RACCAPRICCIANTE!!!!



13. marco ha scritto:

4 novembre 2012 alle 18:11

In questo momento la discussione tra diaco e il prete (creata ad arte se il prete lo si mette ospite guarda caso proprio con il tema che si sta trattando perchè prima o poi era chiaro che cozzavano) è trash esattamente come quelle nel programma della D’Urso! Dopo tutti questi anni di Cuccarini artista mai mi sarei nemmeno minimamente potuto sognare di vederla alla conduzione di un programma in mezzo ad una discussione a dire “vi prego non vi accavallate con la voce!” Però bisogna anche capire che non è una novità il fatto che la convenienza alla fine può portarci a fare tutto.



14. marco ha scritto:

4 novembre 2012 alle 18:23

e infatti La stangata, la notte vola e campioni di ballo (che andò bene su retequattro e dico retequattro ma non su canale 5) sono tutti programmi talmente di successo che se li ricordano tutti ahahahaha
ma quali 7 anni gli anni di panchina in rai per “colpa” di del noce sono solo 3 (2003-2005) poi se lorella non ha avuto o accettato altre proposte non è colpa della rai dalla quale lorella era già libera.
per la cronaca non me ne frega niente ne della parisi e ne della martinez ed è appunto questo che a differenza di chi è fan di qualcuno mi fa guardare le cose con vera obiettività ciao ciao



15. Mattia Buonocore ha scritto:

4 novembre 2012 alle 19:10

@Michele a La Stangata c’era Iacchetti. Voi tutti state estremizzando un po’ troppo



16. liberopensiero ha scritto:

4 novembre 2012 alle 19:33

Mattia,in quel caso Iacchetti le faceva da spalla,detto questo trovo ridicolo pensare che una conduzione in coppia valga meno o sua più semplice,un personaggio se valido funziona in entrambi i casi e ls professionalità di Lorella è fuori discussione,malgrado certi estremismi,può non piacere ma è un altro discorso.



17. darix ha scritto:

4 novembre 2012 alle 22:02

lorella è sempre lorella, è vero che domenica in è pallosa, ma se non ci fosse lei farebbe il 10 %. in quanto a te marco posso dirti che preferisci il trash della d’urso, uno che segue i reality per morbosità!Lorella assieme a raffaella e milly carlucci è una signora che sta in tv da oltre 25 anni. La Cuccarini avrà fatto scelte sbagliate ma con la sua grande forza di volontà è tornata in tv, è una madre presente per i suoi quattro figli (quattro) ed io non l’ho mai vista arrogante come la ventura o falsa come la d’urso!!! Se poi vogliamo affidare i programmi a gallinelle belle ma insignificanti allora ditelo!!!



18. marco ha scritto:

4 novembre 2012 alle 22:26

mi spiace deludere le tue preveggenze ma io in questa tv non preferisco proprio niente e la cuccarini non fa certo eccezione e ti assicuro che così è la vita avrebbe lo stesso share anche senza la conduzione della tua preferita e questo lo sa bene pure la cuccarini perchè i pensionati che vedono quel programma non lo guardano perchè c’è lorella ma perchè a loro piace vedere quel tipo di programmi tutto il pomeriggio 7 giorni su 7



19. Valerio ha scritto:

4 novembre 2012 alle 23:43

Concordo con Michele sulla deriva clericale del suo programma, e poi ci sono sempre le stesse facce. Quando si scelgono gli ospiti fissi si abbia almeno il buon gusto (visto che si sta su RaiUno) di accontentare un po’ tutti. Se si vuole fare dell’opinionismo schierato poi è ovvio che non tutti si riconoscano nel taglio dato alla trasmissione e quindi gli ascolti non saranno mai così esaltanti. Mi spiego meglio, se si fa opinionismo con Diaco, Pivetti e due preti si rimane comunque nell’ambito del solo conservatorismo. Non capisco cosa cambi rispetto alla D’Urso che contrappone i leghisti alla Mussolini. È proprio una metà del paese che viene tagliata fuori da questi sedicenti dibattiti. Poi non ci si meravigli che certo pubblico si orienta altrove. La Cuccarini si trova bene in quel contesto perché è una tradizionalista convinta ma non può aspettarsi che ci siano ascolti larghi se si insiste sempre su certi temi con gli stessi ospiti. Sarebbe interessante vedere qual è il target di pubblico che segue la sua trasmissione. RaiUno è monocorde da sempre.



20. Roy79 ha scritto:

5 novembre 2012 alle 00:08

Certo che attaccare la Cuccarini anche per questa intervista in cui non ha detto nulla di trascendentale ed è sembrata più che obiettiva è davvero ridicolo…

Concordo con chi dice che Lorella ha fatto molte scelte sbagliate, ma da qui a tentare di farla passare come una che nello spettacolo italiano non ha fatto nulla mi sembra proprio ingeneroso e per niente onesto…

Quindi Marco & co. cercate di usare il cervello quando decidete di commentare e non di dar fiato alla bocca (o movimento alle dita in questo caso) solo perchè non avete nulla da fare!!!



21. liberopensiero ha scritto:

5 novembre 2012 alle 09:01

Siccome si giudica senza sapere,ieri la Cuccarini e Diaco erano chiaramente,dalla parte di una maestra transessuale,purtroppo per trattare certi temi su raiuno,è costretta a invitare il prete di turno fermo all’800,è lo scotto da pagare,intanto grazie alla Cuccarini se ne parla su Raiuno,prima di lei,Baudo non l’avrebbe fatto e anche il di sinistra Fazio,dall’alto dei milioni di euro che guadagna si sporca mai le mani più di tanto,e certi temi non li tratta.La Cuccarini,non crea la rissa e smorza subito gli animi,mentre la d’urso la cerca e fa propaganda becera.Sono imparagonabili,la Cuccarini non si è mai schierata apertamente,ma tratta gli argomenti più disparati senza faziosità,questo è servizio pubblico,ricordando che si tratta del pubblico familiare di raiuno,ed è veramente puerile catalogare politicamente un personaggio in base agli ospiti,tanto più che molte personalità di sinistra con la puzza sotto al naso su raiuno non ci vanno perché è più figo andare dalla cabello,che ripete Victor Victoria all’infinito.



22. marco ha scritto:

5 novembre 2012 alle 11:02

chi non usa il cervello e non ha niente da fare sono ovviamente i fans (della cuccarini come di chiunque altro) ma questo è normale



23. Nina ha scritto:

5 novembre 2012 alle 11:32

Ieri ho girato un attimo ho visto il prete e Crepet e ho cambiato subito.



24. Michele ha scritto:

5 novembre 2012 alle 11:40

@Mattia Buonocore Eh no Enzo Iacchetti alla Stangata interveniva solo in brevi siparietti comici, non era affatto un co-presentatore…

@marco Campioni di ballo fu un successo strepitoso proprio perchè il 30% di share (ovvero circa 7 milioni di telespettatori) era un ascolto che non si aspettava nessuno per una trasmissione in onda su una rete minore quale era (ed è ancora) Rete 4 (ed infatti i dirigenti Mediaset la spostarono subito su Canale 5, appuratone il successo) Lorella ne condusse due edizioni e poi fu sostituita da Natalia Estrada e gli ascolti crollarono ed il programma venne di nuovo relegato su Rete 4 e non ne furono fatte altre edizioni. Comunque sappi che si sono un fan della Cuccarini ma riconosco se uno perde o vince: ad esempio ieri Lorella contro la D’Urso ha PERSO (ma non è che mi vado a suicidare per questo) quindi il discorso del fan acritico puoi farlo a qualcun’altro non certo a me…..



25. Michele ha scritto:

5 novembre 2012 alle 11:44

@marco Un ultima cosa: il fan della Parisi e MARTINES (non Martinez) era una semplice battuta……



26. iris ha scritto:

5 novembre 2012 alle 12:28

7.000.000 su rete quattro? Ma state scherzando?
Rete quattro non ha mai fatto quei numeri! Figuriamoci con la Cuccarini. Quanto fanatismo esasperato da parte dei fan della Cuccarini! Non le fa certo bene, portate tutto sul grottesco, visto che esasperate dati troppo lontani dalla realtà.



27. marco ha scritto:

5 novembre 2012 alle 13:21

concordo con iris. siete talmente fan che dite perfino inesattezze. (come quella di dire che la stangata andò in onda in tra il 95 e il 96 quando invece fu nella primavera del 95).
la verità è che le famose tre serate di campioni di ballo andarono molto bene e fecero uno fra gli ascolti più alti nella storia di rete4 ma proprio perchè era su rete4 che la cuccarini fece così tanto ascolto perchè si sa che di norma rete4 non fa grandi ascolti.
ma la vera prova del 9 campioni di ballo la ebbe quando poi fecero una quindicina di puntate anche su canale5 (mi pare c’era pure il figlio di ingrassia) che però bisogna essere onesti non ottennero un risultato per niente brillante.
per non parlare poi della noiosità che aveva la macchinosa e ripetitiva struttura che aveva quel programma, ma questo è il mio parere personale che naturalmente può essere condivisibile o meno



28. marco ha scritto:

5 novembre 2012 alle 13:26

michele se era una battuta allora esistono queste :-) le hanno inventate apposta



29. Michele ha scritto:

5 novembre 2012 alle 13:33

@ iris nessun fanatismo, Campioni di ballo fece proprio il 30% di share su Rete 4, infatti fu promosso su Canale 5.

@marco Si, ho sbagliato l’anno della Stangata hai ragione :)



30. iris ha scritto:

5 novembre 2012 alle 17:16

il 30% su rete quattro?
Ma neanche Enzo Tortora faceva quegli ascolti su rete quattro negli anni 80.
Vi prego, abbiate pietà! Non confondete le punte di ascolto in terza serata, con l’ascolto medio del programma.
Fu promosso su canale 5, perchè era l’unico progetto che aveva la Cuccarini, e infatti si sono visti i risultati calanti.
Gonfiate molto meno, dareste meno nell’occhio.



31. marco ha scritto:

5 novembre 2012 alle 17:24

forse più che sui numeri il fantasmo e l’estremizzazione è da attribuire a chi dice che la cuccarini è la numero uno della televisione e addirittura dello spettacolo in generale aggiungendo che chi lo nega ha i paraocchi. Mi sa che chi ha i paraocchi e non è per niente obiettivo è lui perchè sarà anche brava ma da qui a dire che è la numero uno ce ne passa. chi è veramente obiettivo sa che i numeri uno sono ben altri (specialmente fra quelli che non sono più fra noi) e di questo ne è consapevole anche la stessa lorella. e anche dal punto di vista personale non è possibile pensare che non ci siano persone (anche nello spettacolo) altrettanto (o se non di più) umili. La differenza sta nell’esporla o tenerla per se ma questo non significa non averla. l’umiltà e la generosità si può anche non sbandierarla ai quattro venti attraverso un associazione. altri fanno solidarietà in silenzio senza prestare il proprio volto come testimonial e non per questo non sono umili. Se non fosse una che rincorre il successo certamente oggi non sarebbe lì a fare quello che sta facendo la domenica dimostrando ad ogni costo di voler (lo dice lei stessa) rimanere in tv a stare seduta sugli allori rispolverando ogni tanto qualcuna delle sue 2 o 3 solite siglette trite e ritrite (fra l’altro per l’ennesima volta a TLUC) che a quanto pare sono e saranno per sempre il suo unico ed eterno elemento identificativo professionale, anzichè esprimersi in nuovi e stimolanti progetti artistici (ovviamente teatrali) che le possano consentire finalmente di scrollarsi di dosso un passato fatto di sigle talmente lontano da renderla artisticamente vecchia. oggi il teatro lo fanno cani e porci quindi se una come la cuccarini che è normalmente brava (se la cava nel canto e nella recitazione ma per intenderci non è ne una cantante ne un’attrice) non fa teatro è solo perchè è lei a non volerlo fare se non le conviene farlo.



32. marco ha scritto:

5 novembre 2012 alle 17:55

aggiungo che nessuno come ha scritto roy sta attaccando la cuccarini, ma semplicemente si sta controbattendo quello che lei ha dichiarato in questa intervista e per controbattere non c’è bisogno che si dica qualcosa di trascendentale. Nessuno qui la sta facendo passare per una che non ha fatto niente di buono. i suoi grandi VERI successi personali televisivi e teatrali, (paperissima, buona domenica e grease tra i più clamorosi) anche se pochi, li ha avuti e tutti glieli riconoscono (questo sì che è veramente indiscutibile e chi lo volesse negare avrebbe veramente paraocchi e non sarebbe obiettivo, tanto per citare la frase scritta qui da qualcuno) ma il fatto che abbia fatto delle scelte sbagliate non esclude che non le stia ancora facendo.



33. iris ha scritto:

5 novembre 2012 alle 17:57

Il problema è, che non se la cava abbastanza in ogni ambito, il suo ultimo spettacolo teatrale è stato un mezzo flop, nonostante la chitarra e che fosse mezza nuda.
Funzionicchiava come ballerina negli anni 80 grazie a Baudo e ai media che l’hanno saputa ben sponsorizzare, o a giocare con Columbro a Paperissima e Buona Domenica nel 93 e 94; ma il tempo passa, e quando ha provato a fare da sola, lei non ha avuto nient’altro da dire e dare. Si è riciclata con tanta forza di volontà, anche grazie al suo agente, e al marito, ma i risultati da viale del tramonto dal 1995 ad oggi sono evidente a tutti. Le vuole fare, vuole fare, ma la volontà, ahimè, non basta. E i risultati si vedono, è bastata una D’Urso qualunque per surclassarla, ancora una volta.



34. marco ha scritto:

5 novembre 2012 alle 18:11

io spero solo per lei che lorella non venga ricordata come quella che prima faceva veramente spettacolo (televisivo o teatrale che fosse) e poi ad un certo punto si è dedicata a fare la finta-pseudo-giornalista



35. iris ha scritto:

5 novembre 2012 alle 18:23

Appunto quando faceva spettacolo (metà anni 80, inizio 90) però da comprimaria.



36. marco ha scritto:

5 novembre 2012 alle 18:26

Iris non sono le sue capacità il problema ma le sue scelte che non sono alla sua altezza. forse con il passare dell’età si sottovaluta o più probabilmente non vuole più impegnarsi più di tanto come in quel suo ultimo spettacolo teatrale



37. darix ha scritto:

5 novembre 2012 alle 18:41

marco allora evviva il giornalismo della d’urso, il trash vero e proprio della tv, evviva l’arroganza della pur sempre brava ventura, evviva la suora bianchetti, evviva uomini e donne, i tronisti e quelle casalinghe ultraottantenni che cercano il vero amore dalla de filippi!!! marco se questa è la tv italiana è meglio spegnerla….



38. marco ha scritto:

5 novembre 2012 alle 19:04

darix evviva niente, nemmeno i falsi tg e il finto calcio. in tv oggi si salvano solo pochissime fiction e qualche film almeno quelli si sa che sono finzione.



39. iris ha scritto:

5 novembre 2012 alle 19:07

Marco, secondo me, lei s’impegna tanto, ma proprio tanto, ma proprio non ce la fa. Le scelte che ha fatto, andavano troppo spesso le sue reali possibilità, che al di là dei Fantastico (come ballerina limitata ma carina e sorridente) con Baudo e di Buona domenica ridanciana con Columbro non potevano andare. Ha fatto molto di più di quello che poteva fare.



40. iris ha scritto:

5 novembre 2012 alle 19:10

andavano troppo spesso OLTRE le sue reali possibilità



41. marco ha scritto:

5 novembre 2012 alle 19:57

michele riguardo a la notte vola (che però se fosse andato in onda in autunno sarebbe stato un mezzo flop) chi ti ha detto che lorella ne era anche autrice? nei titoli non risultava il suo nome come autrice. la cuccarini non è mai stata autrice di nessuno dei suoi programmi compreso quello che fa ora la domenica pomeriggio su raiuno nonostante ci siano alcuni suoi fan che si ostinano a dirle fai questo o fai quello in realtà lei è solo la conduttrice che partecipa alle riunioni di redazione ma alla fine chi decide sono altri ovvero gli autori del programma.



42. Giulio ha scritto:

5 novembre 2012 alle 20:00

Ieri ho visto il programma della D’urso ? ma vi rendete cont oche ci propinano? non è che quell odi lorella sia supereccitante, ma almeno c’è gusto eleganza e professionalità. per favore………
la d’urso che canta “kill va pazz p te ….” assurdo……….
per loro siamo tutti ignoranti. sveglia…..



43. iris ha scritto:

5 novembre 2012 alle 20:02

La Notte Vola, esordì benino la prima puntata contro una replica, ma calò a picco puntata dopo puntata fino a perdere puntualmente contro le repliche estive.



44. liberopensiero ha scritto:

5 novembre 2012 alle 20:07

Quante sciocchezze,una carriera lunga è fatta di alti e bassi,per tutti,e anche per la Cuccarini,che è a pieno titolo,tra i grandi della tv,perché versatile,se si fosse specializzata solo on un campo,tipo la danza,sarebbe rimasta una Parisi,qualunque,ormai dimenticata,che ritorna solo per sprizzare invidia verso le colleghe più brave di lei.



45. iris ha scritto:

5 novembre 2012 alle 20:17

Nel suo caso, fatta di bassi soprattutto.
Non è mai stata una “grande”. Come protagonista non funziona.
Per specializzarsi ci vogliono le capacità che lei non ha.
E lei è già andata oltre, è già un miracolo.



46. marco ha scritto:

5 novembre 2012 alle 20:18

tra l’altro gli stessi suoi fans che come qualcuno qui ne decantano tanto la sua eleganza il garbo e l’umanità, ora che la cuccarini ha perso contro la concorrente barbara d’urso, su fb ora la incitano ad avere ospiti più trash e a lasciar sfogare gli ospiti quando litigano per guadagnare qualche punto di share in più. alla faccia della coerenza!! cosa non si fa con la speranza (vana) di ottenere lorella in prima serata a far che? programmi come quel ci vorrebbe un amico? ahahahaha
e ho letto di recente in una sua intervista che la cuccarini non vorrebbe condurre ballando con le stelle ma addirittura parteciparvi come concorrente… ma lo sa la cuccarini che i vip che vi partecipano non devono già saper ballare?



47. marco ha scritto:

5 novembre 2012 alle 20:26

liberopensiero meglio dimenticata che pseudogiornalista con alterni e ripetuti ricordi delle sue sigle. un po’ come quando ci scompare una persona cara debilitata esteticamente. meglio ricordarla quando stava bene



48. liberopensiero ha scritto:

5 novembre 2012 alle 20:28

È protagonista da Fantastico,è innegabile,può non piacere ma negarne il talento e l’appeal è da zitelle invidiose.



49. liberopensiero ha scritto:

5 novembre 2012 alle 20:36

Marco,ma io ho capito che apprezzi l’artista,ma i tuoi commenti sono stati distorti per sminuirla o peggio denigrarla.Io non credo debba vendersi al trash,concordo,se questa domenica non dovesse funzionare,piuttosto che continuare su questa strada,meglio un programma dove faccia spettacolo,anche in seconda serata,oppure teatro,l’ho vista in sweet charity ed era strepitosa,e non sono suo fan,quello spettacolo vinse il premio gasmann ed era molto recitato,quindi resta il teatro,come ha fatto la goggi per tanti anni.



50. marco ha scritto:

5 novembre 2012 alle 20:36

e poi qui ormai non si tratta più di chiederle di rivederla ballare.. è evidente che non è più fattibile. però in campo artistico c’è sempre il canto (visti anche i suoi ultimi evidenti miglioramenti in tal senso) e la recitazione che non subiscono l’avanzare degli anni, anzi al contrario della danza possono anche migliorare. ma tutto questo non ha niente a che vedere con la conduzione di un talk. ma evidentemente per te la versatilità di un artista consiste in questo…



RSS feed per i commenti di questo post

Pagine: [1] 2 » Mostra tutti i commenti

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.