2
novembre

VENDITA LA7: CLESSIDRA E 3 ITALIA IN VANTAGGIO METTONO SUL PIATTO PIU’ DI 300 MILIONI DI EURO PER I MUX E I CANALI

La7

La7

E torniamo a parlare ancora di La7. Il terzo polo generalista, nelle intenzioni ma non negli ascolti, è di nuovo al centro dell’attenzione dopo i (mega) costi dei programmi in onda. Come già sottolineato, gli interessati all’acquisto della divisione media di Telecom Italia dovranno fare i conti non solo con un palinsesto che ad oggi fa un po’ acqua, ma anche con i debiti che affliggono la società.

Gli interessati hanno avuto finalmente accesso ad (alcuni) dati della società, cosicché possano farsi un’idea più precisa sullo stato di salute di Telecom Italia Media e dei canali del gruppo, per decidere se procedere o meno con una proposta di acquisto vincolante. Stando a quanto rivelato da Milano Finanza, dopo un primo giro di consultazioni, pare potrebbe profilarsi una gara a due tra, ironia della sorte, società che con il mondo televisivo hanno poco a che fare.

In pole position c’è il fondo Clessidra (affiancato da Bain&Co, Kpmg e Chiomenti) che ha offerto la bellezza di 330 milioni di euro per i multiplex e tutte le reti del gruppo, una proposta definita più che convincente – anche se minore rispetto alle valutazioni di Telecom (che ha assegnato all’intero pacchetto un valore pari a 400 milioni di euro). Altrettanto convincente quella di H3G Hutchison Whampoa meglio nota come 3 Italia, che ha messo sul piatto 300 milioni di euro e ha chiesto inoltre una proroga per la presentazione delle offerte vincolanti, ad oggi fissata al 19 novembre (mentre il 5 iniziano gli incontri con TiMedia).

La società telefonica guidata da Vincenzo Novari (affiancata da Hsbc e Goldman Sachs), stando ad alcune voci, deve prima fare i conti con la casa madre, che ha sede ad Hong Kong, e – vista la distanza – questo avrebbe ripercussioni sui tempi. Proroga che comunque potrebbe essere concessa, anche per via del contenzioso legale con Cairo.

Restano ancora in lizza Discovery (affiancata da Morgan Stanley) che però vorrebbe solo La7, per la quale ha offerto ben 100 milioni di euro, e Cairo Communication (affiancato da Lazard), avvantaggiato dal contratto come concessionaria pubblicitaria.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Urbano Cairo
LA7: SOVRASTIMATI (PER ORA) TUTTI GLI OBIETTIVI DI ASCOLTO DEI TALK


La7
VENDITA LA7: SCADE L’ESCLUSIVA CON CAIRO, CLESSIDRA E DELLA VALLE VALUTANO NUOVA OFFERTA. SPUNTA GUIDO VENEZIANI


Skroll
Skroll: Makkox confeziona un Blob per «webeti»


Myrta Merlino
La7 riaccende il daytime. Unica novità Skroll, Myrta Merlino torna a L’Aria che Tira per «odiare l’odio»

12 Commenti dei lettori »

1. amazing1972 ha scritto:

2 novembre 2012 alle 19:07

vorrei che la acquistasse discovery,già propietaria di real time e focus. ha dei contenuti che sarebbero perfetti per la7



2. Daniele Pasquini ha scritto:

2 novembre 2012 alle 19:09

Veramente Focus è prodotto da Switchover Media



3. Maximo ha scritto:

2 novembre 2012 alle 19:43

H3G già lotta aspramente per non soccombere nel difficile mercato telefonico, non so davvero se gli faccia bene cacciare un’altra valanga di milioni per comprare delle tv, che poi non sono altro che delle scatole vuote da riempire a carissimo prezzo con artisti e programmi graditi al pubblico. Riempimento tutt’altro che facile da qualche anno a questa parte…. Boh…



4. osservatore ha scritto:

2 novembre 2012 alle 19:51

la7 ha problemi in daytime rivoluzionato ma a tutti gli effetti è il terzo polo televisivo alla sera tra crozza, santoro, formigli, grey’s ecc. piaccia o non piaccia. la si reputi una tv snob con la puzza sotto la naso di sinistra o meno – tanto il problema è quello



5. alberto ha scritto:

2 novembre 2012 alle 21:46

Non mi spiego l’antipatia nei confronti de La7. Fa un tg che sfiora il 10%. Santoro, Formigli, Crozza; Gruber viaggiano tra il 7 e il 10%, ma per molti rimane terzo polo “solo nelle intenzioni”. I dati di ascolto vanno anche interpretati. Mi sa che siete rimasti allo share sopra il 25% degli anni ‘80



6. lordchaotic ha scritto:

2 novembre 2012 alle 23:49

per me è era gia terzo polo ai tempi di tmc!!



7. amazing1972 ha scritto:

3 novembre 2012 alle 07:54

@daniele pasquini
hai ragione,intendevo dire dmax



8. peppinoz ha scritto:

3 novembre 2012 alle 18:58

qualcuno saprebbe dirmi che differenza c’è tra “raccolta pubblicitaria lorda” e “raccolta pubblicitaria netta”?

Grazie



9. Daniele Pasquini ha scritto:

3 novembre 2012 alle 19:32

La stessa che c’è tra lordo e netto?!



10. peppinoz ha scritto:

4 novembre 2012 alle 11:07

si ma al lordo o al netto di cosa?



11. Valerio ha scritto:

4 novembre 2012 alle 23:58

Post incompleto: potreste dire anche i legami raccontati da alcuni quotidiani tra alcuni azionisti del fondo Clessidra e l’ex presidente del Consiglio Berlusconi. Torna sempre il tema del conflitto d’interessi: Telecom ricordo che recentemente dichiarò ad organi di stampa che se non ci fossero le condizioni (tra le quali quelle di non snaturare La7) potrebbe anche ripensarci.
In fondo Clessidra offrirebbe solo 30 mln do euro in più della H3G. Io darei priorità all’indipendenza del gruppo rispetto a certi editori. Comunque La7-Mtv è terzo polo anche negli ascolti (se non consideriamo Sky che è una pay tv).



12. Daniele Pasquini ha scritto:

5 novembre 2012 alle 01:27

Di La7 abbiamo scritto a vagonate, questa non mi pare la sede per tirare fuori tutte le dietrologie sui pretendenti. Clessidra comunque ha investimenti ovunque, e nel caso specifico sono affiancati da Marco Bassetti per la gestione delle reti, che non mi pare proprio per niente l’ultimo arrivato.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.