11
ottobre

STRISCIA LA NOTIZIA: TAPIRO A DI PIETRO, PER L’ACCUSA DI PECULATO A VINCENZO MARUCCIO (IDV)

Valerio Staffelli, Antonio Di Pietro attapirato

Antonio Di Pietro sarà attapirato? Secondo la banda di Striscia la Notizia sì. Nella puntata del tg satirico di Canale5 in onda stasera, l’inviato Valerio Staffelli consegnerà un tapiro d’oro al leader dell’Italia dei Valori, intercettato per le vie di Roma. E’ di ieri, infatti la notizia che Vincenzo Maruccio, capogruppo dell’IdV al Consiglio Regionale del Lazio e stretto collaboratore di Tonino, sia indagato per peculato.

Al politico ed esponente regionale dell’IdV, in particolare, sono stati contestati assegni, prelievi in contanti e bonifici dai conti del gruppo in suo favore. Di Pietro, accettando il Tapiro, ha detto subito: “Grazie, me lo merito!. Poi, quando Staffelli gli ha fatto notare che Maruccio fosse il suo “enfant prodige” (lo stesso senatore ne aveva infatti sponsorizzato la candidatura con grandi attestati di stima), l’ex magistrato di Manipulite ha risposto: ”Mi è dispiaciuto molto. Spero che possa dare giustificazione del proprio operato“.

Il tapiroforo, infine, gli ha ironicamente aggiunto che ora nell’IdV potrebbero entrare un sacco di “zanza”. E Tonino: “Sai quanti ne ho segati di zanza!“. In questa sua venticinquesima stagione, non è la prima volta che il tg satirico condotto da Ezio Greggio e Michelle Hunziker colpisce i furbetti della politica.

Il 24 settembre scorso, il programma di Canale5 consegnò un tapiro anche a Francesco Fiorito, capogruppo del PdL alla Regione Lazio, travolto dallo scandalo dei conti stratosferici pagati con i soldi dei cittadini.

Stasera toccherà a Di Pietro, per la vicenda legata al suo collaboratore Vincenzo Maruccio. Chi sarà il prossimo?



Articoli che potrebbero interessarti


Fabrizio Del Noce, Valerio Staffelli
Striscia la Notizia: Fabrizio Del Noce condannato per la «microfonata» a Staffelli. Risarcimento di 84mila euro


Tapiro d'oro a Roberto Benigni
STRISCIA LA NOTIZIA: TAPIRO D’ORO A ROBERTO BENIGNI PER LE CRITICHE DI DARIO FO


Tapiro a Barbara d'urso 2
STRISCIA LA NOTIZIA: TAPIRO D’ORO A MARIA CARMELA PER L’INTERVISTA A BERLUSCONI


Tapiro cammellato a Manuela Arcuri
TAPIRO “CAMMELLATO” A MANUELA ARCURI: STRISCIA LA NOTIZIA COMINCIA DAL CASO TARANTINI

18 Commenti dei lettori »

1. WHITE-difensore-di-vieniviaconme ha scritto:

11 ottobre 2012 alle 19:16

almeno di pietro li fa dimettere istantaneamente ai “suoi”.



2. teoz ha scritto:

11 ottobre 2012 alle 19:25

GREY’S ANATOMY 8 SU LA7?????????????????????????????? Dal 23 ottobre alle 21.10????????????????????????????????????????????????
Ditemi che è uno scherzo



3. Marco Leardi ha scritto:

11 ottobre 2012 alle 19:33

@WHITE-difensore-di-vieniviaconme. Forse i “suoi” dovrebbe sceglierseli un po’ meglio. Da uno che parla di liste pulite e partiti senza mariuoli è il minimo che ci si possa aspettare.



4. Pippo76 ha scritto:

11 ottobre 2012 alle 20:02

Intanto Formigoni si è già dimesso, vero…..?



5. Marco Leardi ha scritto:

11 ottobre 2012 alle 20:14

@Pippo76. dovrebbe farlo, penso



6. matteo ha scritto:

11 ottobre 2012 alle 20:30

no , formigoni ha azzerato la giunta , non si dimette



7. mugnezz ha scritto:

11 ottobre 2012 alle 20:52

buahahahahahahahahah , di pietro è il più mafioso di tutti quelli che stanno in politica adesso !!!



8. Marco Leardi ha scritto:

11 ottobre 2012 alle 21:19

@mugnezz. piano con le parole.

@matteo. intendevo che, a mio parere, sarebbe opportuno che Formigoni facesse un passo indietro. Il motivo è semplice: con la situazione venutasi a creare la governabilità potrebbe risultare compromessa.



9. P ha scritto:

11 ottobre 2012 alle 21:25

x 1. WHITE-difensore-di-vieniviaconme
Dal punto di vista GIUDIDICO, un partito NON è “proprietario” dei suoi eletti, ovvero il capo-partito NON ha il “potere” di far dimettere (licenziare) gli iscritti al suo partito dalla CARICA ISTITUZIONALE da loro ricoperta: casomai il capo-partito può decretare l’ESPULSIONE dal partito di tali persone, ma NON le dimissioni dalla CARICA ISTITUZIONALE.

Si vedano i casi dei vari Penati, Minetti, Lusi a titolo di esempio: vi ricordo che Renzo Bossi si è dimesso perchè era sotto pressione psicologica (e un 22enne ingnorantello non ha la forza psicologica di un politico esperto Penati o la sfacciataggine di una arrivista come la Minetti), e quindi non perchè la Lega Nord aveva GIUDICAMENTE il potere – che infatti non ha – di “licenziarlo” dal Consiglio Regionale della Lombardia.

Ergo, stà alla sensibilità personale dell’eletto (vedi Renzo Bossi e gli altri) di decidere SE dimettersi: notare che molti (a sinistra) si dimettono solo per poi insultare Berlusconi e quindi ripulirsi davanti agli elettori fessi… scommettiamo che Penati sarà rieletto in modo trionfale alle prossime regionali/politiche se si candida?



10. P ha scritto:

11 ottobre 2012 alle 21:34

x 8. Marco Leardi
Se non sbaglio, entro 30 giorni, chi si dimette può ritirare le dimissioni: la Polverini, se fosse furba, lo dovrebbe fare per dire “voglio rinviare le elezioni regionali al prossimo aprile perchè voglio impedire al PD di vincere le elezioni: signori, se il capogruppo del piccolo partito IDV rubava, chi dice che quello del grande partito PD non lo faceva?” o una cosa tipo questa ;) !

Infatti… perchè il PD vuole le elezioni in Lazio SUBITO? Forse perchè loro temono che pure Esterino Montino potrebbe fare la fine dei colleghi Maruccio e Fiorito? Notare che quest’ultimo è finito in galera guarda caso quando stava per dire i “segretucci” del PD laziale in tv?

Ergo, Formigoni farebbe bene ad aspettare fino a gennaio per decidere SE dimettersi proprio per questa ragione ;) ! Inoltre la Lega non ha capito che senza il PDL non vince da nessuna parte (e viceversa), anche se andando ADESSO al voto anticipato in Lombardia ci sarebbero 5 anni di PD alla Regione (2013-2018), i quali porterebbero in automatico il centrodestra alla vittoria alle elezioni del 2018 (sia regionali che politiche) per ovvi motivi… ;) !



11. Marco Leardi ha scritto:

11 ottobre 2012 alle 21:47

@P. Non è più una questione di Pd, Pdl o Lega, né di tattiche politiche. Gli scandali ormai sono trasversali: l’unico modo per reagire democraticamente è ridare la voce agli elettori. Di zombie di abbiamo già troppi.



12. Tripolina ha scritto:

11 ottobre 2012 alle 21:56

Più rubano e più diventano famosi!



13. fabio ha scritto:

11 ottobre 2012 alle 22:08

c’è molto marciume in giro in tutte le direzioni di partito e in diverse regione
io direi che ci vogliono facce nuove meno propense al denaro e più considerevoli ai problemi dei cittadini
che sia l’ora di rottamarli davvero tutti come auspica un tale matteo?
però la vedo difficile eliminarli tutti.



14. matteo quaglia ha scritto:

11 ottobre 2012 alle 23:12

ma anche se ridai parola agli elettori , questi hanno una sola domanda : chi cacchio votiamo??



15. Pippo76 ha scritto:

11 ottobre 2012 alle 23:49

P mi fa molta simpatia..
Giustamente la Polverini non si dovrebbe dimettere. Farebbe bene a restare dicendo “non voglio che il PD vinca le elezioni”
Forse se dicesse una cosa del genere dopo tutti i milioni rubati dalla sua maggioranza rischierebbe come minimo il linciaggio.
Inoltre è surreale che pensi alle elezioni del 2018 che il centrodestra potrebbe vincere. Cioè, DUEMILAEDICIOTTO. Forse non ti rendi conto che il centrodestra come lo intendi tu sta per scomparire assieme a Berlusconi (gli ex An a novembre usciranno dal PDL)



16. liberopensiero ha scritto:

12 ottobre 2012 alle 08:39

Eh certo quando è indagato uno di centrosinistra è già colpevole…mentre nel caso contrario i seguaci del club sono vittime di complotti,magistratura politicizzata,gli alieni..ti comprano la casa?eh ma non lo sapevo!Questi negherebbero anche col passamontagna in testa e il malloppo in mano…un presidente di regione (cattolico moderato,eh..?)indagato e col tenore di vita da nababbo,non deve dimettersi..ma per la governabilità eh…sia chiaro per il bene del paese perché quelli del pd rubano,eh che diavolo,come si permettono,mica hanno la licenza,come i pidiellini?in pò di rispetto,a ciascuno il suo.



17. Nina ha scritto:

12 ottobre 2012 alle 11:06

Non so se Di Pietro sia sfortunato oppure abbia sbagliato a fare il casting ma i suoi sembrano fatti con lo stampino: Scilipoti, Razzi, questo qua e il figlio. Ah già il figlio forse si basa su quello.



18. P ha scritto:

13 ottobre 2012 alle 17:16

x 15. Pippo76
Come al solito non hai capito o fingi… dunque, la Polverini NON si doveva dimettere perchè rischia di dare la regione al centrosinistra PRIMA che la gente e i giudici abbiano il TEMPO MATERIALE per scoprire le LORO ruberie: insomma, mezzo PD potrebbe andare a TALE E QUALE SHOW ad interpretare la parte di Fiorito ;) e io PRETENDO che prima di andare a votare la gente lo sappia…

Poi, anche se mi dici che “il centrodestra come lo intendi tu sta per scomparire assieme a Berlusconi”, io ti ricordo che esisterà sempre una area alternativa alla sinistra e quindi bisogna lavorare sul LUNGO TERMINE… esempio: nel 2001 Fassino arrivò alla guida dei DS in una situazione elettoralmente disastrosa (simile a quella del PDL attuale) e tutti gli opinionisti politici (compresi quelli di Repubblica) dicevano che Fassino sarebbe stato solo il “liquidatore fallimentare”… come andarono le cose? Ricordo male io oppure i DS vinsero molte elezioni tra il 2003 e il 2006 contro Berlusconi? Ergo, mai dire mai in politica: nessuno nel 2001 poteva pensare che i DS avrebbero vinto le Regionali del 2005, e invece è successo…



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.