12
ottobre

SERIE B TV: DA DOMANI IL CAMPIONATO CADETTO IN ONDA SULLA MAI DECOLLATA EUROPA 7 HD

La Serie B su Europa 7 HD

La Serie B su Europa 7 HD

Sì, anche se nessuno se ne era accorto, Europa 7 esiste ancora. La televisione dell’imprenditore Francesco Di Stefano è ancora on air, anche se il progetto originario di dar vita ad un nuovo polo televisivo in diretta concorrenza con i big del settore non è mai decollato. C’è  qualcuno però che, in mancanza di spazi su cui appoggiarsi, ha bussato alla porta di Di Stefano: è la Lega Serie B che da domani 13 ottobre (in occasione della nona giornata di Campionato) vestirà i panni dell’editore televisivo e offrirà un proprio bouquet di canali nel multiplex in DVB-T2 di Europa 7 (la cui copertura è pure piuttosto scarsa), in diretta concorrenza con Sky e Mediaset Premium (che però offre solo anticipi e posticipi).

Serie B TV – diretta da Massimo Caputi – offrirà nel fine settimana tutte le partite (esclusi anticipi e posticipi) delle squadre del campionato cadetto in “alta qualità” (quindi, non in HD), mentre il restante palinsesto sarà occupato dagli highlights di anticipi e posticipi, ma anche repliche, informazione e reportage. Ma veniamo ai prezzi della nuova pay tv calcistica, facendo un confronto con le proposte di Premium e Sky.

L’abbonamento a Serie B TV costa 99 euro l’anno, a cui bisogna aggiungere 39 euro di attivazione e l’acquisto del decoder DVB-T2, che costa 129 euro, per un totale di 270 euro circa. Premium offre tutto il Calcio (ma la B solo con anticipi e posticipi) assieme a Serie Tv, Documentari e Premium Play a 24 euro al mese, a cui bisogna aggiungere 59 euro di attivazione, per un totale di 347 euro l’anno. Sky invece offre la Serie B a 99 euro l’anno, ma bisogna essere abbonati almeno al pacchetto base della pay tv (Sky TV), che costa 19 euro al mese, a cui bisogna aggiungere i costi di installazione, pari a 49 euro, per un totale di 376 euro.

Veniamo alle promozioni in atto per Serie B TV: acquistando il decoder di Europa 7 HD, aggiungendo 14.90 euro per l’attivazione, è possibile avere la Serie B a un euro, per un totale di 144 euro circa l’anno. O ancora, per chi ha un televisore con ricevitore DVB-T2 incluso, può acquistare la Cam a 99 euro e avrà, con i soliti 14,90 euro di attivazione, la Serie B TV inclusa per un mese.

I tifosi che sono invece abbonati ad una delle squadre di Serie B potranno avere decoder, l’abbonamento a Serie B TV per un anno e attivazione gratuita a 99 euro. Gli abbonati che hanno invece un televisore compatibile, possono avere la Cam, la Serie B TV per un anno e l’attivazione gratuita a 79 euro.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Ancora invenduti i diritti della Serie Bwin per il dtt
LA SERIE B E’ VISIBILE SOLO SU SKY, NON C’E’ L’ACCORDO PER LA VENDITA DEI DIRITTI PER IL DTT


Europa7 HD
EUROPA7 HD: PARTONO LE PRIME TRASMISSIONI, MA NESSUNO CONOSCE IL PALINSESTO


europa7_ajah37
EUROPA7 HD: 10 ANNI DI BATTAGLIE E… UNA PAYTV PER QUATTRO GATTI


Sky
Sky, carcere e multa per chi evade il canone col «card sharing». Come funziona la truffa

4 Commenti dei lettori »

1. Novantacinque ha scritto:

12 ottobre 2012 alle 16:47

Ma che differenza c’è tra HD e HQ? :)



2. Marco ha scritto:

12 ottobre 2012 alle 16:50

NO ALLE PAY TV



3. Giuseppe ha scritto:

12 ottobre 2012 alle 19:07

#1 L’ HQ non è altro che l’ SDTV, la normalissima definizione standard a 576 linee interlacciate, che però, là sul DVB-T2 dovrebbe essere un pelino migliore.



4. Valerio ha scritto:

15 ottobre 2012 alle 13:42

Purtroppo Di Stefano ha buttato alle ortiche anni di battaglie legali quando accettò il compromesso al ribasso offertogli dall’ex ministro alle telecomunicazioni dell’ultimo governo Berlusconi, il ministro Romani. Di Stefano è considerato un editore politicamente ostile al centrodestra per via della nota vicenda giudiziaria con strascichi europei “Retequattro-Europa7″ dove la prima avrebbe trasmesso per anni su frequenze di cui non aveva diritto. Da Di Stefano mi sarei aspettato che non si accontentasse di una soluzione che lo mettesse ai margini del panorama televisivo con l’impossibilità vista la natura «riparatoria» dell’accordo, di poter riottenere il maltolto e proseguire la sua battaglia legale. E invece si è accontentato, addirittura con il proponente che era un governo retto da colui che rappresentava la controparte nelle disputa giudiziaria. Le questioni di principio andrebbero portate avanti fino in fondo altrimenti vuol dire che non ci si credeva poi così tanto.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.