2
ottobre

CHIARA GIALLONARDO A DM: A LINEA VERDE ORIZZONTI RACCONTO STORIE DI VITA. MI DIVERTIREBBE CONDURRE UN GAME SHOW

Chiara Giallonardo

La curiosità è donna, come Chiara Giallonardo. La conduttrice di Linea Verde Orizzonti – in onda ogni domenica dalle 10.00 alle 10.30 su Rai1 - nei suoi viaggi alla scoperta dei borghi d’Italia si lascia infatti guidare dall’interesse per le vicende umane di chi quei luoghi li abita e li rende speciali. Come racconta a DM, sono le storie di vita ad appassionarla e a costituire vero il leit motiv del suo racconto itinerante. Per la seconda stagione consecutiva, Chiara scopre assieme al pubblico le tradizioni gastronomiche, artistiche e storiche del Belpaese, con un approccio che – tiene a precisare – vuole essere il più possibile spontaneo e non didascalico. Nel suo futuro? Sorpresa: il sogno di condurre un game show.

Come procede l’esperienza a Linea Verde Orizzonti?

Io sono arrivata a Rai1 l’anno scorso e direi che sta andando bene. A me piace molto vedere il territorio e raccontarlo senza un copione rigido, soprattutto perché ogni terra ha un odore diverso e la gente del posto ti racconta delle cose incredibili. Ci sono artigiani che, ad esempio, trascorrono la vita cercando di innestare il vino perfetto e ti rendi conto di come la loro realtà sia incentrata sul tipo di terreno dove sono nati.

Quale apporto personale offri al programma?

Quello che cerco di fare io è tirare fuori l’umanità delle persone che incontro, facendo raccontare le loro storie e il loro rapporto con il territorio. Perché, sinceramente, non ci importa di spiegare quanti sono gli abitanti o quanto sono lunghi i fiumi, come accade a scuola o nelle schede di Wikipedia. Quello che cattura l’attenzione sono gli occhi degli abitanti e le emozioni che ti trasmettono quando fanno capire che quello che per te è un dettaglio marginale, per loro è la vita.

Noto che insisti molto sull’aspetto umano dei tuoi itinerari. Hai qualche aneddoto particolare al riguardo?

Ne avrei a valanghe. Il proprietario di una grande azienda vincola, ad esempio, mi ha raccontato come lui e suoi fratelli abbiano scritto un regolamento per cui i loro figli, prima di poter entrare nella ditta di famiglia, debbano laurearsi, con almeno un anno di master all’estero e un’esperienza di lavoro nel settore enologico. In Sicilia, invece, ho incontrato una ragazza che faceva i tappeti con un telaio dell’800 appartenuto a sua nonna. Aveva le mani completamente deformi per il lavoro ma non se ne vergognava, perché le considerava il segno di una tradizione portata avanti nel tempo. Queste cose un po’ ti toccano quando le vedi.

Nel tuo futuro professionale intendi continuare a viaggiare o sogni anche altro?

Da tre anni, il sabato e la domenica, conduco Radio2 Days con Michele Cucuzza e quindi già sperimento questo mezzo. Rischiando il tutto e per tutto, però, ti rispondo che mi piacerebbe molto condurre un game show. Non necessariamente un preserale con uno studio al buio, ma anche qualcosa di diverso. Trovo infatti che in Italia non ci siano donne alla guida dei game e non ho mai capito perché essi siano una prerogativa esclusivamente maschile. E’ un fatto tutto italiano…

Credi quindi che le donne debbano ancora dimostrare le loro migliori qualità in tv?

No, io penso che non dobbiamo dimostrare niente. A volte serve solo il coraggio di rompere degli schemi, di aprire la mente e capire che ci sono delle cose che si possono fare anche diversamente, in tutti gli ambiti. In tv noto questa tendenza, che però non considero una discriminazione, riferita ai game show e mi divertirebbe molto fare un’esperienza di questo tipo.

Parlavi della tua avventura radiofonica a fianco di Michele Cucuzza. Come sta andando?

Bene. Michele è un grande giornalista e professionista, nel senso che sul lavoro è molto disponibile e non è assolutamente un prevaricatore. Questo lo voglio sottolineare, perché nel nostro ambiente non è sempre facile trovare un collega generoso. Io credo di aver portato a lui un po’ di pepe, perché prima in radio mi occupavo di cinema in maniera ‘giocosa’, e così ora quando parliamo di costume e spettacolo io sono un po’ più dissacrante rispetto a lui.

Non ti piacerebbe portare questa collaborazione anche in tv?

Chissà, potrebbe succedere. Sicuramente se ci arrivasse una proposta in tal senso la accetteremmo di buon grado visto che siamo una coppia ormai testata e garantita. E poi la garanzia dura tre anni, no? Ecco, allora ci siamo! (ride).



Articoli che potrebbero interessarti


Daniela Ferolla
Daniela Ferolla a DM: «Il vero lusso è il ritorno alla terra. Basta ridicolizzare le Miss, ci vuole rispetto per il talento della bellezza»


Linea Verde
LINEA VERDE: PATRIZIO ROVERSI E DANIELA FEROLLA TORNANO IN GIRO PER LO STIVALE A SOSTENERE IL MADE IN ITALY


Daniela Ferolla
DANIELA FEROLLA A DM: “A LINEA VERDE VORREI FAR CONOSCERE IL MIO CILENTO”


Gerry Scotti
Gerry Scotti a DM: «All’inizio pensavo che The Wall fosse un’americanata. Sono felice che La Corrida torni su Rai1 ma io quel linguaggio l’ho superato. Riporterei La Ruota e il Milionario»

6 Commenti dei lettori »

1. marcko ha scritto:

2 ottobre 2012 alle 17:48

io questa quà l’ho già intravista in qualke programma anni fa, e non capivo come fosse possibile ke una persona con una personalità e una voce tanto sgradevole potesse avere un ruolo parlante in tv….
poi ho visto ke elisabetta gregoraci ha sposato briarore e ke continua a lavorare e mi son dato una risposta…



2. Franco2 ha scritto:

2 ottobre 2012 alle 18:10

A me piace molto la Giallonardo. La vedo a Linea Verde Orizzonti e mi sembra una che mette impegno nel sul lavoro e non si tira mai indietro. Non capico perchè non venga promossa a condurre Linea Verde “normale”.



3. Markos ha scritto:

2 ottobre 2012 alle 19:54

Simpatica e semplice!

Franco2

Bè facciamole fare un po’ di gavetta :D



4. Alma ha scritto:

2 ottobre 2012 alle 20:46

Oltre ad essere una bella ragazza è anche molto professionale, credo che possegga il binomio perfetto bellezza ed intelligenza, mi piacerebbe
vederla in un programma tutto suo.



5. lucio ha scritto:

2 ottobre 2012 alle 21:11

Lei si che mi piace! Mi piaceva quando faceva lo sport e mi piace ora . Ha un sorriso luminoso ,sa quello che dice e mi sembra dotata di grande umanità.Peccato poterla vedere solo la domenica mattina!



6. Daniele ha scritto:

3 ottobre 2012 alle 01:31

questa ragazz aè come giorgia luzi, dovrebbe condure qualcosa di piu grosso…. ha professionalità bellezza e gavetta alle spalle!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.