27
settembre

RAI: IL CONI ACCUSA LA CENSURA DEGLI SPORT RITENUTI VIOLENTI. MA C’E’ CHI GIOISCE

Giovanni Petrucci, presidente del Coni

Si sta scatenando un vero e proprio polverone di polemiche in seguito alla decisione della commissione di coordinamento dei palinsesti Rai di vietare in prima serata sulla tv di Stato, per salvaguardare la crescita dei minori, sport ritenuti violenti come il pugilato, il judo, la lotta e il taekwondo (per maggiori inflo clicca qui). Una scelta che ha lasciato incredulo Giovanni Petrucci, presidente del Coni, che – come si legge su Repubblica – accusa:

Si tratta di un atto gravissimo e inaudito, per il quale chiedo al Presidente Tarantola, al Direttore Generale Gubitosi e al Direttore di Rai Sport De Paoli un immediato cambio di strategia perché tale decisione rappresenta un affronto alla storia dell’olimpismo e dello sport italiano, nonché l’esatto contrario di quello che viene normalmente definito ’servizio pubblico’. Inoltre, vietando ai minori la visione di tali sport, si offende anche il senso comune e l’intelligenza di quei genitori che, sull’onda dell’entusiasmo dei recenti Giochi Olimpici di Londra, dove queste quattro discipline hanno contribuito al medagliere azzurro con sei podi (pari al 21,4%), hanno portato in massa i loro figli ad iscriverli nelle palestre di tutt’Italia di pugilato, judo, lotta e taekwondo”.

Petrucci non si risparmia e parla di “assurdità di certe scelte di ottusa burocrazia che lo sport italiano respinge con fermezza e di cui avremmo fatto volentieri a meno”. Deluso e amareggiato anche il pugile Roberto Cammarelle, argento nei supermassimi alle recenti Olimpiadi (medaglia, va precisato, ottenuta nella finale trasmessa dalla Rai alle 16.00):

“Ma quando è stata decisa questa cosa? Non ne sapevo nulla, addirittura. Che la boxe possa essere definita uno sport violento, mi sembra una grandissima falsità (…) Non capisco cosa ci sia di male nel contatto fisico finché rientra nelle regole dello sport”.

Unica voce fuori dal coro, con tanto di soddisfazione, arriva per bocca di Luca Borgomeo, presidente dell’associazione di telespettatori cattolici Aiart:

“Abbiamo chiesto e ottenuto che Italia 1 non mandasse in onda esibizioni di wrestling. Sappiamo bene che boxe e arti marziali sono tutt’altra cosa, ma comunque si tratta di sport che hanno una determinata carica di violenza - si legge in un comunicato - Lo spostamento dopo le 22.30 ci sembra un giusto compromesso. Evidentemente in Rai qualcosa sta cambiando”.



Articoli che potrebbero interessarti


clemente russo
LA RAI SMENTISCE (O CORRE AI RIPARI?): NESSUNA DISPOSIZIONE VIETA BOXE, JUDO E KARATE IN FASCIA PROTETTA


clemente russo
LA RAI METTE IL BOLLINO ROSSO ALLA BOXE/PUGILATO: TROPPO VIOLENTI PER I MINORI. MA DURANTE LE OLIMPIADI HANNO FATTO COMODO


Usain Bolt
Atletica, Mondiali 2017: diretta tv su Rai 2, RaiSport ed Eurosport. Ecco il calendario delle finali


Scherma
Scherma, Mondiali 2017: diretta tv su RaiSport ed Eurosport fino al 26 luglio

7 Commenti dei lettori »

1. Giuseppe ha scritto:

27 settembre 2012 alle 17:02

Ma è mai possibile arrivare a queste cose? Roba da non crederci…



2. DON IVANO ha scritto:

27 settembre 2012 alle 17:26

Di nuovo AIART ????
A questi andrebbe lanciato un bestemmione di proporzioni bibliche.



3. Andrea ha scritto:

27 settembre 2012 alle 17:44

Fortuna che ci sono gli integralisti cattolici che ci salvano dalle brutte cose della TV!



4. WHITE-difensore-di-vieniviaconme ha scritto:

27 settembre 2012 alle 17:55

u can’t see me



5. marcobremb ha scritto:

27 settembre 2012 alle 18:07

E’una cosa incredibile e oscena… senza parole :(



6. Pippo76 ha scritto:

27 settembre 2012 alle 19:56

Inconcepibile..



7. straffa ha scritto:

28 settembre 2012 alle 01:04

Domattina ci sveglieremo con Benedetto XVI Direttore Generale della Rai.. ve lo dico io!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.