22
settembre

SUPERCINEMA: QUANDO LA TV FA LA CORTE AL CINEMA

SuperCinema

SuperCinema

Il cinema, un mondo sfavillante e grandioso da sempre lusingato dal piccolo schermo grazie a tributi e prime visioni in grado di racimolare un cospicuo numero di telespettatori. Ormai i gloriosi Lunedì-Cinema, appuntamento immancabile del lunedì sera di Rai Uno è svanito, sostituito dalla trasmissioni di una miriade di fiction prodotte dalla Tv di Stato. E’ possibile trovare un’approfondimento cinematografico senza migrare ai porti sicuri offerti dal digitale terrestre? La risposta è si. Parliamo di Supercinema, il rotocalco del venerdì notte della rete ammiraglia Mediaset (non ce ne voglia Marzullo e il suo Cinematografo).

La trasmissione riporta, con sagacia e briosità, il grande cinema contemporaneo in televisione attraverso una serie di rubriche pronte ad aggiornare il pubblico pagante sulle nuove uscite della settimana, gli incassi dell’ultimo mese e le interviste esclusive dei protagonisti degli ultimi lavori lanciati sul mercato. In 25 minuti, Christian De Sica si prepara a rendere omaggio all’irriverente ciclo dei cinepanettoni, tappa fondamentale e necessaria  alla sua lunga e valida carriera – con buona pace di papà Vittorio che probabilmente, dopo aver udito il suo pensiero, gli avrebbe intimato di “andarsi a coricare” come nella pellicola di Dino Risi “Pane,amore e…” – e Riccardo Scamarcio racconta il suo percorso evolutivo da ragazzaccio stralunato e inespressivo dei film di Moccia a supplente di lettere in “Il rosso e il blu”.

Spazio anche agli incassi dell’ultima settimana, alle schede di presentazione delle nuove uscite, da “The Words” con Bradley Cooper a “L’Appartamento di Atene” con Laura Morante, e alla rubrica sulle dive più amate dagli italiani che, sorprendentemente, premiano la silhouette mediterranea di Ambra Angiolini al pallore etereo di Scarlett Johansson. Il montaggio vivace e colorato, l’alternanza dei segmenti volutamente stuzzichevoli e intensi, rende il ritmo di Supercinema rapido ed esaustivo, aprendo una piccola finestra televisiva sul magico universo inaugurato dai fratelli Lumière.

Si sa: lode al digitale per aver regalato ai suoi telespettatori un cospicuo numero di canali tematici pronti a trasmettere grandi classici del cinema internazionale, con buona pace di quanti aspettassero di godersi un buon film sulla tv generalista, ormai attenta solo alle prime tv come il caso di Avatar e alle trasmissioni di una certa età come Per tutta la vita. Fra un appiattimento informativo che non ha eguali, Canale5 è riuscita a ritagliarsi appena trenta minuti per tessere le lodi al grande cinema, agghindandolo con cura per un grande ritorno su un tappeto rosso che non calcava da tempo. Certo, l’orario e il giorno di programmazione sono un po’ ingrati, ma il programma riesce, ad ogni appuntamento, ad essere originale e leggero conquistando il cuore di quanti ricordano con piacere il tempo, ormai lontano, in cui la tv era costantemente aggiornata al suo vecchio, ma mai fuori moda, antenato.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Umberto Tozzi
Ricovero urgente per Umberto Tozzi, rinviato l’evento di Canale 5 «40 Anni che Ti Amo»


Dybala
Champions League 2017/2018: Mediaset blinda la Juventus su Premium. Su Canale 5 Roma e Napoli


Gialappa's Band
BOOM! La Gialappa’s Band al Grande Fratello Vip


Paolo Bonolis
Palinsesti Mediaset, Autunno 2017: tutti i programmi sera per sera

3 Commenti dei lettori »

1. Diegoz ha scritto:

22 settembre 2012 alle 14:43

in un certo senso… mi ricorda Wonderland di Rai 4



2. Valerio ha scritto:

23 settembre 2012 alle 03:30

Mediaset se vuole fare una rubrica decente sul cinema dovrebbe smetterla di focalizzarsi sul racconto del glamour che gira intorno ai film per attirare più i telespettatori del gossip che i cinefili. A che serve dedicare tutto quello spazio a passerelle, abiti e chiacchiere superflue? Per quello ci sono le trasmissione di costume che certo non mancano. Inoltre è totalmente carente il racconto del cinema indipendente, ci si concentra sui blockbuster e sui cinepanettoni, insomma sembra più una rubrica promozionale per il botteghino. Nulla di diverso dal vecchio Ciak di Anna Praderio. Peccato non ci sia più Parla con me: lì sì che si promuovevano i film anche di inferiore dustribuzione ma non per questo di minor qualità, anzi, spesso dirette da bravi registi e con un cast dustribuzione tutto rispetto. Quello.che ci vorrebbe a Mediaset è più coraggio: non fermarsi al solo film distribuito da Medusa o alla commediola che accontenta tutti. Anche se certi film a loro non piacciono fanno parte della produzione italiana e a prescindere dagli interessi di bottega (politica) meriterebbero attenzione. La trasmissione di Marzullo ha il pregio almeno di non limitarsi ai prodotti commerciali, anche se il programma sarebbe meglio se avesse un’altra formula e ospiti un po’ più autorevoli.



3. Vicky ha scritto:

5 ottobre 2012 alle 23:46

Siamo al ridicolo! Come si può paragonare due attrici vere (jennifer Lopez un pò meno) con Ambra Angiolini!! Se lo sapesse Scarlett Joahnsson chiederebbe i danni all’immagine. Mistero!!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.