16
settembre

ENRICO MENTANA: SE MEDIASET ACQUISTASSE LA7 MI DIMETTEREI (VIDEO)

Enrico Mentana

Il mondo delle frequenze è in subbuglio dopo la notizia di ieri che racconta di un  interesse di Mediaset per l’acquisto de La 7. Fatto già di per sé pieno di valenze degne di cronaca, ulteriormente rimbalzato all’attenzione per l’intervento chiaro e diretto di Enrico Mentana, simbolo della transizione a una sorta di triopolio che ha tolto forza al network di Cologno Monzese.

Lui che con il Biscione ha avuto una storia lunga, lui che ha scippato alla concorrenza anche Cristina Parodi, nonostante per ora la signora Gori stia faticando parecchio con l’Auditel, lui che a Matrix era riuscito a rintuzzare in un angolo il Premier che cercava di spiegare come indicare le preferenze sulla scheda, lui che dopo il grande affronto del Grande Fratello aveva preferito peregrinare come l’Enea degli ultimi quadri narrativi dell’Iliade. Lui che è il primo a commentare il rilancio dell’offerta, il primo ad annunciare una nuova Odissea per il tubo catodico pur di non sottostare alle magie di Circe Mediaset – Berlusconi. Queste le sue dichiarazioni, nell’editoriale del Tg di ieri sera (video al termine dell’articolo):

Se Berlusconi torna premier avrebbe il controllo di Mediaset, di gran parte della Rai e con la7 controllerebbe tutta l’informazione in chiaro, forse è un pò troppo…[..] Personalmente – ha aggiunto il giornalista – tre anni e mezzo fa lasciai non per mia scelta, fu una rottura sulla libertà di informazione e per coerenza e dignità mi dimetterei da questo Tg’

E si chiede:

“Può una simile corazzata, può un simile Paradiso digitale terrestre di decine di canali volere anche questi altri canali?  [...] Forse un po’ troppo. Oppure no? E’ la domanda che bisogna fare ai regolatori, alle autorità garanti”

Mettendo ordine ai pensieri e alle valutazioni, così parlò il Mitraglietta invece al Corriere della Sera:

“Certi Guelfi o Ghibellini vedono la mia presa di posizione come una sorta di tardiva riproposizione dell’antiberlusconismo. Ma c’è chi non ricorda, o non vuole ricordare, che un anno fa dissi più o meno la stessa cosa quando si parlò di un possibile interesse di Carlo De Benedetti. Dissi che la situazione migliore per La7, per la sua libertà, è un editore non ’sessuato’ politicamente”.

Nella sua nuova analisi non manca un bilancio del vecchio sistema di duopolio, ormai spezzato, se non nell’immaginario di qualche parte abbastanza isolata di popolazione:

“Ho gia’ fatto la mia parte di strada con Mediaset. Un lungo periodo fatto anche di momenti esaltanti e di completa liberta’ di decidere cio’ che volevo [...] non siamo uomini per tutte le stagioni. Almeno non lo sono io. Non dimentico che sono arrivato qui a La7 dopo essere stato licenziato in tronco in una notte da Mediaset, e non ero l’ultima ruota del carro. Non serbo rancore. Ma ero diventato incompatibile con un progressivo andazzo di quell’azienda”. [...] Il successo de La7, e del nostro Tg, sta nell’impasse del duopolio Rai-Mediaset. In quel blocco che ha dimostrato la loro impossibilita’ di ‘essere normali’. Cioe’ liberi e indipendenti“.

Il no anche ad un’eventuale proposta di dirigere il primo tg nazionale sull’ammiraglia di Stato, che vede ancora troppo sotto scacco rispetto alle logiche di lottizzazione, all’interno delle quali il governo Monti può giocare in sordina:

”Parliamo di una Rai che continua, nonostante i diversi nomi al comando, ad essere emanazione diretta del sistema dei partiti. [...] Esistono le regole. Delle due, l’una. O le leggi attuali, e l’antitrust, permettono a Mediaset un possibile acquisto degli asset televisivi di Telecom. E Monti non c’entra. O non lo permettono. E Monti non c’entra”.

Ecco il video dell’editoriale:

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Miss Italia 2013 Patrizia Mirigliani, Giusy Buscemi
PATRIZIA MIRIGLIANI: MEDIASET VOLEVA CAMBIARE IDENTITA’ E NOME A MISS ITALIA


Lucia Annunziata
LA7, LUCIA ANNUNZIATA CONTRO GIULIANO FERRARA: “SEI UN CRETINO”. L’ELEFANTINO PERDE UNA SCOMMESSA E SGANCIA 100EURO A MENTANA (VIDEO)


Enrico Mentana
ENRICO MENTANA (AUTO)CELEBRA IL TGLA7: “NOI NON TIFIAMO PER NESSUNO”. E SPERA ANCORA NELL’ARRIVO DI SANTORO…


Michele Santoro
GAD LERNER CI CREDE ANCORA: TRA UN ANNO SANTORO VERRA’ A LA7

28 Commenti dei lettori »

1. Andrew ha scritto:

16 settembre 2012 alle 20:08

Caro Enrico, nel caso in cui ti dimetterai ce ne faremo una ragione e continueremo la nostra vita come sempre…
….E non è possibile che ogni 2×3 se ne esca con questi suoi monologhi autoreferenziali, neanche fossimo davanti al genio del giornalismo.
Non so, pensa che la gente scenderà in piazza dopo le sue parole per bloccare tale acquisizione (che a me sa tanto di bufala?)
Fino a qualche tempo fa lo ritenevo davvero uno dei migliori giornalisti, ultimamente mi sta scadendo in maniera indecifrabile con questi suoi continui discorsi dove si pone da solo su alti gradini…



2. sara881 ha scritto:

16 settembre 2012 alle 20:18

E vabè ce ne faremo una ragione. Stasera ci sarà qualche speciale su la7 questa grande dramma. Mentana lascia la direzione del Tg7? 5 minuti di telegiornale mi sembrano pochi.



3. liberopensiero ha scritto:

16 settembre 2012 alle 20:21

Ha ragione Chicco se Baerlusconi compra la7 e’ davvero troppo e il troppo stroppia…



4. eldegge ha scritto:

16 settembre 2012 alle 20:26

x 4. liberopensiero
Secondo me Mediaset AL MASSIMO può (e vuole / vorrebbe) comprare le frequenze dei mux di Telecom Italia (e NON la rete La7).



5. mugnezz ha scritto:

16 settembre 2012 alle 20:31

ha ancora il dente avvelenato per come è andato via da mediaset !!!
ipocrita che non è altro , spero che mediaset compri la7 così voglio vedere dove va a lavorare !!!



6. Luna ha scritto:

16 settembre 2012 alle 20:45

Ma legalmente sarebbe possibile per mediaset acquistare un’altra rete ? Monopolio televisivo inaccettabile. Semmai dovesse accadere, perché in Italia tutto puo’ succedere, vuol dire che non vedro’ più nemmeno La7.



7. liberopensiero ha scritto:

16 settembre 2012 alle 20:47

Da quando e’ andato via Matrix non riesco piu’ a seguirlo e anche gli ascolti sono crollati…



8. iki ha scritto:

16 settembre 2012 alle 20:49

Ci manca solo che arriviamo alla dittatura informativa comunque vi ricordo che fra i possibili compratori de la7 ce Urbano Caito,scagnozzo del Berlusca.Dunque speriamo che a comprarla sia quslche editore straniero.
Ps:l’unica cosa positiva è che se la comprasse Mediaset quest’ultima venderebbe MTV a Viacom



9. eldegge ha scritto:

16 settembre 2012 alle 20:56

x 8. iki
Urbano CAIRO è, come ha detto Gad Lerner (lo conosci?), un ottimo professionista ed è il concessionario della pubblicità per La7, quindi una persona che conosce benissimo la rete: inoltre è solo merito suo se gli incassi pubblicitari di La7 sono saliti nell’ultimo anno, quindi meglio lui che Murdoch o “Al Jazzera” o Gazprom (Putin) o i cinesi.



10. Valerio ha scritto:

16 settembre 2012 alle 21:03

Non sarà solo Mentana ad andarsene. Se l’ipotesi che scrive Sara Nicoli sul Fatto Quotidiano fosse vera (che Mediaset comprerà La7 per chiuderla perché la legge non glie lo impedirebbe, tenendo per sé le frequenze per potenziare le attuali in dote al Biscione), a rimanere in mezzo ad una strada senza lavoro sarebbero migliaia di dipendenti dell’attuale Telecom Italia Media. Ma questo è un film che si spera di non dover vedere: ci sono altri concorrenti che hanno manifestato interesse all’acquisto di La7 perché sanno che Santoro è una miniera per la raccolta pubblicitaria, e sono concorrenti messi finanziariamente molto meglio di Mediaset (che cala da mesi pure in ascolti, dall’anno scorso li avrà praticamente dimezzati). I lavoratori del gruppo Telecom Italia Media, il cdr del TgLa7 e tutti i volti su cui l’emittente si tiene, non gradiscono affatto essere alle dipendenze di Berlusconi per molteplici ragioni. Di questo Barnabé non può non tenerne conto quando dovrà valutare le proposte che giungeranno. Poi c’è sempre la magistratura che potrebbe svegliarsi e andare a vedere tra le carte di Mediaset, se tutto è così in ordine come sembra, se non ci sia in atto una strategia per demolire un avversario d’impresa dopo averlo comprato. Non credo che a Silvio convenga. E poi La Stampa ha scritto di carte che il gruppo Telecom manda agli interessati con i prospetti di crescita, con i conti, eccetera. Può una persona che guida un partito (Berlusconi) e può controllare il potere legislativo (Parlamento) ed esecutivo (governo), usufruire del suo ruolo di editire-imprenditore per accedere a carte e documenti delicati e riservati su una azienda concorrente, magari per prevederne e bloccarne le mosse con la sua azione politica (tipo leggi ad hoc per fermare proprio i finanziamenti o per mettere nuovi paletti nei settori in cui.vuole svilupparsi il gruppo Telecom)? Non si configurerebbe in tal caso dello spionaggio industriale? E cosa diranno le associazioni dei consumatori? Cosa farà il Pd e gli altri gruppi non asserviti a Berlusconi in sede europea? Potrebbe intervenire una procedura d’infrazione? Insomma, la strada di Berlusconi per compiere il suo ennesimo espropio (dopo quello Mondadori a De Benedetti) è tutta in salita. Non penso che tutte le istituzioni rimarranno a guardare un’ulteriore lesione democratica con la riduzione degli operatori nel mercato televisivo che già ci vede maglia nera tra i paesi occidentali.



11. eldegge ha scritto:

16 settembre 2012 alle 21:13

x 10. Valerio
Sei coscente che su questo sito è VIETATO fare commenti lunghissimi e soprattutto che LA LEGGE VIETA di copiare gli articoli altrui, pena VIOLAZIONE DEL COPYRIGHT? Lo hai già fatto in altri post… DM, questa cosa è INTOLLERABILE, sia per il buon nome di questo sito che per il fatto che a Valerio viene concesso ciò che ad altri è negato…



12. Gah! ha scritto:

16 settembre 2012 alle 21:14

Se Berlusconi dovesse vincere le elezioni e se dovesse anche comprare La 7 avrebbe il controllo totale dell’informazione …
Cose da far rabbrividire
veramente!!!



13. eldegge ha scritto:

16 settembre 2012 alle 21:19

x 10. Valerio e 12. Gah! e altri
A leggere certi commenti (probabilmente uno spin doctor di Repubblica o de L’Unità e simili giornali), viene proprio da dirsi… “ma quanto sono MALATI E OSSESSIVI gli antiberlusconiani?” – mio dio, che fanatismo: al confronto, le fan di Emma AMANO Belen! E pensare che Gad Lerner ha detto fin da subito sul Corriere che non è il caso di preoccuparsi: evidentemente lui si è già venduto in anticipo ;) ? Inoltre, come mai se Berlusconi aveva tutto questo POTERE ASSOLUTO, che neanche il Gheddafi degli anni d’oro (anni ottanta) aveva, si è dovuto miseramente arrendere? Non ho ben capito… non mi risulta che Hitler si sia dimesso spontaneamente: chi me lo spiega?



14. Andrew ha scritto:

16 settembre 2012 alle 21:23

Ragazzi io non sono di certo di destra, ma sinceramente dopo un pò uno si stufa a leggere le solite cantilene.
Leggo che Valerio scrive che Mediaset addirittura comprerebbe la7 per distruggere un temibile avversario (con i suoi ascolti la7 fa concorrenza al massimo ai canali del digitale, non alle 3 ammiraglie), che poi l’informazione sarebbe tutta sotto dittatura (tralasciando i tg di Italia 1 e Rete 4 che sono sotto lo stesso direttore e che lasciano un pò il tempo che trovano, il tg 5 non mi pare così schierato, anzi! Per assurdo si potrebbe dire lo stesso del tg di Chicco, eppure io seguo entrambi e non mi pare che uno o l’altro abbia “nascosto” notizie). Pare che Mediaset sia una rete dove 24 ore su 24 facciano propaganda elettorale quando oggettivamente mi pare di vedere una certa libertà in tutti i programmi (da quelli comici come Zelig a quelli più impegnati come quello di Celentano che andrà in onda, dove da quanto riportato ieri da “La Stampa” andrà anche Grillo a fare una sua personale campagna invitato da Celentano, così come in passato ci sono stati molti giornalisti che di certo non erano di destra -Santoro è diventato quello che è proprio sulla Mediaset…-).
Leggo poi che la anche la Mondadori è stato uno scippo per plagiare l’informazione. Invito a vedere quali autori ritenuti dell’altra sponda politica pubblicano senza problema alcuno con Mondadori.
Ora va bene tutto, ma qui si parla di scelte imprenditoriali.
Mai un giorno mi sarei aspettato di dover “difendere” berlusconi…



15. Gah! ha scritto:

16 settembre 2012 alle 22:01

Eldegge
Evito di risponderti perché non ho voglia di scrivere …



16. eldegge ha scritto:

16 settembre 2012 alle 22:09

Comunque, “Valerio” e “Gah!”, davvero non capite che Telecom Italia (il cui bilancio è più disastrato di quello della RAI… il che è tutto dire!) NON può più permettersi di PERDERE NEL NULLA centinaia di milioni di euro per mandare in onda L’Infedele e simili? Inoltre, ancora con la barzelletta di La7 in costante crescita? Forse lo era negli ultimi due mesi del Governo Berlusconi… adesso avete capito perchè Berlusconi si è dimesso ? Sorry per la battuta, ma ci voleva…



17. giovanni ha scritto:

16 settembre 2012 alle 22:30

TI DIMETTI ? E STI CAZZI MENTANA
GUARDA CI VADO IO A LEGGERE I TITOLI AL TG QUAL’è IL PROBLEMA.



18. nokiatony ha scritto:

16 settembre 2012 alle 23:01

beh…ha ragione mentana! sarebbe la fine della libera informazione! più passa il tempo e più rimango sbigottito da alcuni servizi del tg5… e poi se dovesse rivincere berlusconi alle elezioni cambio nazione xD



19. Pippo76 ha scritto:

16 settembre 2012 alle 23:35

Pare che Mediaset sia una rete dove 24 ore su 24 facciano propaganda elettorale quando oggettivamente mi pare di vedere una certa libertà in tutti i programmi
—–
In quali programmi vedi libertà..? In Uomini e donne? :-D
Che televisione hai visto tu negli ultimi 20 anni, mi domando. Ti pare che Mediaset sia stata la massima espressione di libertà e pluralismo ( tralasciando la Rai)



20. Pippo76 ha scritto:

16 settembre 2012 alle 23:38

Mi piacerebbe farvi leggere questo articolo di Grasso ( generalmente non condivido i suoi ultimi “scritti” però questa volta ha centrato il punto)
Vi invito a riflettere perchè questo meccanismo che mette in luce è presente in molte trasmissioni di questa emittente, specialmente in quelle targate Videonews ( più i telegiornali)
Capite bene che se consideriamo i Tg della mattina, poi Mattino5 con Del Debbio e Sallusti, poi il Tg delle 13, poi la D’Urso ,poi il Tg e poi Matrix fino all’anno scorso siamo ad un buon 70% di palinsesto con un certo tipo di informazione



21. Pippo76 ha scritto:

16 settembre 2012 alle 23:40

Mediaset alla ricerca del suo Santoro
«Quinta colonna» punta su demagogia e populismo: Del Debbio (ideologo di Forza Italia) punta ad assecondare gli umori della piazza
—–
Facessi l’analista politico non avrei dubbi: Silvio Berlusconi si presenterà alle prossime elezioni. Altrimenti non andrebbe in onda un programma come «Quinta colonna» condotto da Paolo Del Debbio (Rete4, lunedì, ore 21.10). Mi occupo d’altro e dal punto di vista televisivo il talk è molto istruttivo.
Mediaset è alla ricerca del suo Santoro e «Quinta colonna» fa di tutto per pestare i tasti della demagogia, del populismo, della piazza berciante. Il fine ultimo del programma sembra essere questo: entrare nel ventre molle del Paese, scatenare gli umori più incontrollabili per screditare il governo Monti. E dunque l’inviata Nausica Della Valle è a Roma, nel cuore del Tufello, a raccogliere gli sfoghi più sanguigni sul caro-casa (Imu, mutui); Roberto Poletti accende i peggiori istinti di un gruppo di veronesi (a proposito, non riesco a capacitarmi di come Poletti, visti i suoi testacoda politici e professionali, possa essere finito a Mediaset); Valerio Minelli e la piazza di Battipaglia.
Certo se non si fa pagare l’Ici si vincono le elezioni, ma poi i Comuni vanno in rosso e si devono per forza aumentare le tasse. Ovviamente questo ragionamento non sfiora né il conduttore né i suoi ospiti: il peggiore di tutti pare Rosario Trefiletti, come se le disgrazie del Paese lo rafforzassero nel suo ruolo, seguito a ruota dai vagheggiamenti politici di Maurizio Zamparini (nessuno in studio, ovviamente, gli chiede conto della gestione del Palermo calcio).
Mai vista una trasmissione Mediaset così impegnata ad assecondare gli umori della piazza, a cavalcare il malcontento, a intercettare le suggestioni emotive della folla, indossando ora la maschera di Santoro ora, comicamente, quella delle Iene.
Certo, la parte del leone la fa lui, Paolo Del Debbio, grande cultore della tv trash, ma sempre con quell’arietta compunta del vecchio liberale della Lucchesia che si trova nella mischia solo per salvare il mondo.

Aldo Grasso



22. Rock ha scritto:

16 settembre 2012 alle 23:42

mamma speriamo di no, sta da per tutto sta mediaset…



23. Valerio ha scritto:

17 settembre 2012 alle 02:49

@ eldegge: sei patetico. Le tue minacce da ignorante non mi spaventano: io non ho violato nessun copyright perché se ho citato un paio di volte agenzie sul web dal sito L’Unità.it e Lettera43.it ho riportato correttamente le fonti e, quando segnalati i relativi autori ho scritto anche quelli. L’ho fatto così come ho visto che fanno altri che commentano come me qui, per segnalare notizie o includere dettagli utili alla discussione. Ma io non devo giustificarmi con te perché non faccio nulla di illecito, non ho mai riportato tra i commenti articoli del Corsera o di Repubblica in cui è espressamente scritto “riproduzione riservata”, ma l’ho fatto di siti che permettono di farlo purché – come ho sempre osservato – venga citata la fonte. Inoltre non ne ricavo alcun utile in denaro perché sono un semplice lettore del sito e i miei interventi sono del tutto gratuiti (chissà se invece a te non ti paga qualche servo di Berlusconi per difenderlo tutti i giorni sul web dai commenti della gente inviperita….), quindi non ho violato alcun copyright poiché non me ne torna nulla se non il fastidio di dover leggere le tue inutili annotazioni da sciocco. Sei talmente inconsistente nella tua statura morale che ti attacchi a simili sciocchezze per tentare di mettere la mordacchia all’unica persona che qui dentro ti tiene testa. Prima di dire “la legge dice”, almeno leggi bene cosa dice la legge perché sennò fai solo figure di emme. Allora su tutti i siti compreso questo in cui vengono riprese frasi rilasciate in interviste alla carta stampata o dichiarazioni in tv (anche quelle hanno il copyright se tanto lo vuoi sapere) chi scrive gli articoli lo starebbe violando? E perché allora non accusi anche loro quando riportano i virgolettati? Sarà perché poi temi di perdere lo scettro di commentatore dell’anno?
Tu sei un ipocrita che guarda la pagliuzza nell’occhio dell’altro e poi hai una trave grossa così, che voti per un signore che è stato praticamente accusato di qualsiasi nefandezza inclusa nel codice penale ed è talvolta riuscito a cavarsela con prescrizioni e non sempre con assoluzioni. Ma forse quando si tratta di guardare alle vere violazioni del diritto, se hai qualcosa da guadagnarne, tu volti dall’altra parte e ti accomodi alla mensa. E comunque ribadisco, io nel fango con te non ci scendo. Il tuo livello è veramente basso e lo dimostri ulteriormente con questo tuo ultimo riprovevole messaggio delirante. Io ti ho scritto che voglio ignorarti per cui fallo anche tu e non rivolgerti più a me per favore che mi dai il voltastomaco.



24. Valerio ha scritto:

17 settembre 2012 alle 03:05

@ Andrew: Non lo dico io che Mediaset potrebbe voler acquisire La7 per chiuderla e prendersi le frequenze evitando di incappare nell’antitrust, lo ha scritto una giornalista sul Fatto Quotidiano (clicca sul sito e leggitelo da solo così verificherai coi tuoi occhi che se poi ti cito la frase arriva Eldeg e dice che avrei “violato il copyright” per cui naviga e leggitelo, se non mi credi mi importa una cippa lippa).
Per quanto riguarda il fatto che Berlusconi abbia “scippato” la Mondadori non lo dice il sottoscritto, ma lo dice la magistratura che ha riconosciuto all’ingegner De Benedetti un risarcimento milionario per la vicenda della corruzione in atti giudiziari di Previti nel cosiddetto “Lodo Mondadori”.
Le notizie sono tutte su internet. Capisco la pigrizia ma la saccenza è insopportabile.



25. Andrew ha scritto:

17 settembre 2012 alle 10:39

Faccio una premessa importante. Il mio appunto era puramente televisivo, anche perchè non mi sembra questo il luogo adatto di parlare di quello politico (campo in cui la penso nella vostra stessa maniera.)
@ Pippo76: Mica ho detto che Mediaset è il paradiso dell’informazione libera. Ho solo fatto notare che quella che viene dipinta come la rete dove pare si facciano comizi in tutti programmi, è una rete che non si discosta più di tanto dalle altre. O ci vogliamo raccontare che su La7, Sky ecc (non cito la Rai perchè è una banderuola al vento) non ci sono persone palesemente schierate (da una parte e dall’altra?)
Ovvio che non mi riferisco alla De Filippi (che stranamente viene tirata in ballo quando si deve parlare di qualità, come se la De Filippi fosse a capo del settore news di Mediaset…). Ma sinceramente io ho sentito con le mie orecchie molte volte fare satira e anche attacchi non tanto velati proprio sulle reti mediaset a berlusconi, per assurdo in maniera anche più incisiva di quanto fatto su altre reti.
Inoltre pare che ci si dimentichi sempre che la Mediaset ha sfornato quelli che ora vengono considerati i messia della libera informazione: Mentana, Santoro, Parodi… E tutti e 3 hanno sempre fatto quello che volevano sulla rete. Anzi, pare che ci si dimentichi che Mentana, per uno speciale negatogli in prima serata (su Englaro, giusto o sbagliato che sia, la mediaset è una rete commerciale e deve guardare prima di tutto ai profitti), prima rassegnò le sue dimissioni (che furono accettate) e poi ci ripensò portando la mediaset davanti ai giudici per illeggittimo licenziamento(quanta coerenza a questo mondo…). Anche Santoro acquistò molta fama proprio sulle reti mediaset, soprattutto con i suoi servizi sulla guerra del kossovo che scatenarono polemiche a destra e a sinistra. Anche nel campo dei tg, tralasciando il tg4 e studio aperto che sono una barzelletta e non dei tg, non mi sembra che il tg5 abbia una qualità o una faziosità tale da non dare notizie. O meglio, a livello di “schieramento” a mio avviso è a livello dei vari tg1, tg2,tg3, tgLa7, Sky tg (mi volete negare che tutti sono legati in maniera più o meno incisiva a delle ideologie?)Anche il tgLa7 che viene definito uno dei più imparziali-e che io seguo sempre se mi è possibile- non mi pare sia esente da ciò visto che ci ritroviamo un conduttore che per ogni notizia si mette ad esprimere delle sue opinioni non richieste.
@Valerio: per inciso, tu dicevi che volevano smantellare la rete per paura della concorrenza. Il fatto delle frequenze lo sapevo anche io (è stato ipotizzato da subito) e questo lo trovo davvero vergognoso.
Per quanto riguarda il discorso mondadori (rimanendo nel solo ambito della compravendita di quote e non di tutto quello che ne è seguito) stiamo parlando di uno scontro con De Benedetti, che non è uno stinco di santo. Insomma in quel caso non so quale dei 2 mali sarebbe stato maggiore, considerando che attualmente mi risulta che la Mondadori pubblichi senza problemi anche libri di gente che non è proprio schierata dalla parte del pdl (sempre perchè il loro primo scopo è fare soldi, essendo un azienda)
Detto questo, per me il discorso si chiude qua, non devo convincere nessuno delle mie idee su settori non politici. Diciamo che non mi piace che in Italia non si riescono mai a scindere fino in fondo i 2 settori, si fa sempre di tutto un minestrone…



26. Nina ha scritto:

17 settembre 2012 alle 10:47

La Mondadori non è stata scippata, i magistrati a volte sbagliano. Ma una bugia ripetuta più e più volte per alcuni diventa una verità.



27. Anna ha scritto:

17 settembre 2012 alle 12:23

Quindi Mentana crede davvero che nel 2000 e passa la gente formi la propria opinione tramite i tg? Già la gente che arriva fino al 7 per seguire il suo telegiornale è gente che durante il giorno ha cercato ulteriori fonti alla propria sete di informazione.E dai Chicco.. Sono l’unica ad essersi sentita trattata da cretina dalle sue dichiarazioni?



28. Anna ha scritto:

17 settembre 2012 alle 12:31

Valerio, ma se a Mediaset ci fosse una dirigenza capace di elaborare un piano tanto diabolico, credi davvero ci sarebbe questo accanimento terapeutico nei confronti di programmi come Mattino 5 e Pomeriggio 5?Credi davvero che alla crisi di ascolti dello scorso anno avrebbe risposto con lo stesso identico spiccicato palinsesto-epic-fail?



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.