14
settembre

SERGIO ASSISI A DM: DOPO NARDONE, SOGNO DI INTERPRETARE UN SANTO

Sergio Assisi

“Nella storia di un attore c’è sempre un medico o un commissario”. Sergio Assisi introduce così il protagonista della fiction che ha debuttato giovedì 6 settembre su Rai1: Il Commissario Nardone. Le sei puntate che compongono la serie sono nei cassetti di Viale Mazzini da qualche mese e trovano spazio in questo inizio di stagione, dando all’attore partenopeo la possibilità di rilanciarsi in tv dopo l’infortunio a Ballando con le stelle e lo scarso riscontro ottenuto dalla miniserie Zodiaco – Il Libro Perduto. Ecco cosa ci ha raccontato Assisi del nuovo personaggio e delle prossime fatiche in cantiere.

Cosa puoi dirci della tua interpretazione ne Il Commissario Nardone?

Nella vita di un attore c’è sempre un commissario o un medico, non solo in Italia, anche nelle fiction estere. Ecco, è arrivato anche il mio momento. La differenza con gli altri commissari sta nel fatto che si tratta di un personaggio realmente esistito e che tutta la storia si basa su fatti di cronaca realmente avvenuti negli anni ‘50. Mario Nardone è un commissario campano che è stato trasferito a Milano ed è stato in grado di trarre beneficio dallo spostamento. Maggiore è la responsabilità rispetto all’interpretazione di un personaggio di fantasia, per delineare il carattere di Nardone ci siamo dovuti basare sulle poche notizie che c’erano. Poi ho aggiunto la mia “napoletanità” e altri aspetti non presenti nella sceneggiatura.

A proposito di Napoli, sono numerosi i tuoi progetti legati alla città.

Cerco di portare la mia cultura ovunque, sono di un campanilismo sfrenato. Che sia un libro, o uno spot cerco di portare il mio bagaglio. Napoli è un mondo a parte, è innegabile che sia la culla della cultura, in molti criticheranno questa affermazione ma per me è così. I napoletani hanno una marcia in più, è un fatto genetico e io sono fiero di essere un testimone di ciò.

Quest’anno hai partecipato a Ballando con le stelle. Qual è il bilancio della tua partecipazione?

Estremamente positivo, al di là dell’infortunio. Anche se voi avete parlato di esperienza mal riuscita, ma anche ai grandissimi atleti capita di farsi male dopo essersi preparati a dovere. Il bilancio è positivo soprattutto per gli incontri fatti, sono rimasto molto amico di tutti coloro che hanno partecipato e ho trovato in Milly Carlucci una donna di altri tempi. E’ una persona di una galanteria e correttezza che non vedevo da tempo. Non tutti sanno, invece, che mi hanno scritto maestri di danza dalla Russia, da mezza Europa e italiani e mi hanno fatto i complimenti. Hanno visto potenzialità di cui non ero a conoscenza. Questo è più importante di un 4 in giuria.

Prenderesti parte a un altro reality?

Adesso no, non è una cosa nelle mie corde. Più avanti magari…se mi annoierò e mi proporranno qualcosa di carino…

Hai nuovi progetti nel cassetto?

Sto scrivendo Un attimo ancora, il mio primo romanzo. O meglio, è il primo che uscirà ma il secondo che ho scritto. Poi sto preparando il film A Napoli non piove mai, è una commedia sui sogni che inizieremo a girare la prossima estate.

Parliamo della vita sentimentale, la tua è stata a lungo sotto i riflettori (per la rottura con Gabriella Pession, ndDM)…

C’è questa linea di congiunzione fra personaggio pubblico e vita privata del personaggio da rendere pubblica, ma è una contraddizione in termini: il privato è privato. Infatti ho smesso di parlare delle mie cose personali perché le dichiarazioni vengono alterate allo scopo di aumentare le vendite dei giornali. Fa parte del gioco, ma fino a un certo punto, finché non si tocca la libertà personale dei soggetti coinvolti e la verità.

Quindi se ti chiedo se c’è qualcuno nella tua vita non mi rispondi…

Ti rispondo che ci sono io, sono innamorato di me stesso.

Torniamo alla carriera, un ruolo che ti piacerebbe interpretare?

Un santo.

Con chi, invece, ti piacerebbe lavorare?

Con registi quali Matteo Garrone e Paolo Sorrentino e attori come Pierfrancesco Favino e Paola Cortellesi.

Alcune indiscrezioni parlavano di una nuova stagione di Capri con i vecchi protagonisti, cosa puoi dirci a proposito?

Non ne so nulla, ma sinceramente non credo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Il Commissario Nardone  16
IL COMMISSARIO NARDONE: SERGIO ASSISI NEI PANNI DELL’UOMO CHE INVENTO’ LA MOBILE DA STASERA SU RAI1


Immagine
IL COMMISSARIO NARDONE: SERGIO ASSISI CERCA IL RISCATTO NELLA NUOVA FICTION RAI IN ONDA IN AUTUNNO


Miss Italia 2009 - Backstage
MISS ITALIA 2009 E LA QUESTIONE “PARIS HILTON”. DM TV NEL BACKSTAGE DELLE PREFINALI CON GIANNA TANI, RICCARDO SARDONE’, FIORETTA MARI, RAFFAELLO TONON E CLIZIA FORNASIER


Gerry Scotti
Gerry Scotti a DM: «All’inizio pensavo che The Wall fosse un’americanata. Sono felice che La Corrida torni su Rai1 ma io quel linguaggio l’ho superato. Riporterei La Ruota e il Milionario»

2 Commenti dei lettori »

1. kalinda ha scritto:

14 settembre 2012 alle 15:36

che uomo!!!!!!!!



2. Markos ha scritto:

14 settembre 2012 alle 19:31

Una rimpatriata di “Capri” sarebbe una notizia boom!

Bravo attore e bravo napoletano!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.