14
settembre

ETTORE ROGNONI, DIRETTORE DI SPORTMEDIASET, SFIDUCIATO DALLA SUA REDAZIONE. BOCCIATA LA NUOVA LINEA EDITORIALE

SportMediaset

SportMediaset

E’ difficile che a Cologno succeda, ed infatti nessuno in tempi recenti ha mai sentito parlare di sfiducia o bocciatura dei dirigenti da parte dei propri dipendenti. In Rai, soprattutto con Mauro Masi alla Direzione Generale e Augusto Minzolini al TG1, era diventata una routine, tra accuse, sfiducie, referendum interni e comunicati al fulmicotone. Anche Enrico Mentata è stato spesso, durante la Direzione del TG di La7, sotto “attacco” da parte della propria redazione.

E a quanto pare anche i giornalisti di Mediaset stanno iniziando ad alzare la voce, soprattutto in virtù dei tagli che i piani alti di Viale Europa stanno attuando per attutire la crisi che sta investendo anche il più importante network televisivo privato. Tante sono non a caso le produzioni tagliate, tante le produzioni di punta rimandate e relativamente pochi gli investimenti sui contenuti, anche per via delle tante risorse che necessita la paytv. La strategia pare chiara: far cassa a basso costo eliminando il più possibile i rami futili.

Ed è proprio questa linea che pare non piacere ai giornalisti sportivi di Cologno che nel giro di pochi mesi si sono ritrovati senza produzioni di punta sui canali generalisti del gruppo. Complice o colpevole – poco importa – è anche il Direttore della testata SportMediaset Ettore Rognoni – che Bonolis in tempi non sospetti apostrofò come “Er Penombra” – portato alla ghigliottina dai suoi stessi dipendenti. Sfiduciato il Direttore e bocciata tout court la sua linea editoriale: alla votazione hanno partecipato i 63 redattori della testata e solo 13 sono stati i voti favorevolevi, mentre ben 44 quelli contrari.

I motivi che hanno spinto i giornalisti a scagliarsi “in via ufficiale” contro il proprio Direttore dipendono proprio dalle novità autunnali della testata: linea editoriale poco condivisibile, con la chiusura dei programmi storici come Controcampo, la pessima gestione della Redazione e la riduzione della settimana lavorativa (passata da 6 a 5 giorni di lavoro).

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Higuain - napoli-vs mediaset
SSC NAPOLI VS MEDIASET: LA SQUADRA CHIUDE I RAPPORTI PER UN SERVIZIO CHE DICE “IL FALSO”. LA RISPOSTA DI COLOGNO


Pierluigi Pardo
MONDIALI 2014: ITALIA 1 SCHIERA GLI SPECIALI BRAZIL E TIKI TAKA


Sport Mediaset: le manovre della prossima stagione
ITALIA1 STUDIA UN NUOVO PROGRAMMA CALCISTICO PER LA DOMENICA SERA. UNDICI CANCELLATO


mario giordano
BOOM! GIORDANO A VIDEONEWS, BANFI A TGCOM24 (CHE DIVENTA AUTONOMO), RAGUSA A NEWSMEDIASET, BRACHINO A SPORTMEDIASET.

10 Commenti dei lettori »

1. tinina ha scritto:

14 settembre 2012 alle 12:44

Allora Bonolis c’aveva visto giusto!



2. Vincenzo ha scritto:

14 settembre 2012 alle 13:33

L’eliminazione dal palinsesto di Controcampo è una bestemmia…
Uno dei programmi sportivi storici deve essere presente nel palinsesto.

Non vedo l’utilità di quel programma che conduce Taveri la domenica invece…

E soprattutto l’edizione di Studio Sport delle 19 non dovevano spostarla su Italia2.

Comunque se qualcuno è complice di queste stupidaggini, è giusto che sia messo in discussione.



3. serio ha scritto:

14 settembre 2012 alle 13:46

concordo con sopra, la cancellazione di controcampo grida vendetta… l’ultima edizione low cost, peraltro, non credo costasse granchè



4. eldegge ha scritto:

14 settembre 2012 alle 14:06

Anche Enrico Mentata è stato spesso, durante la Direzione del TG di La7, sotto “attacco” da parte della propria redazione.

MENTATA?!? Casomai… MENTANA ;) ! Correggete…



5. eldegge ha scritto:

14 settembre 2012 alle 14:09

Secondo me è stata una BESTEMMIA la cancellazione di Controcampo e di Guida al campionato E SOPRATTUTTO la cancellazione della figura della valletta in tali programmi: Mediaset dice tanto che non si fa comandare dai radical chic, e poi cosa fa? Li accontenta ad ogni loro minima richiesta! Si vedano le cancellazioni di “Ragazza Italiana”, “La pupa e il secchione 3″ e “Veline 2011″, più ovviamente l’eliminazione della figura delle vallette da Controcampo e altri programmi.



6. Dario Manili ha scritto:

14 settembre 2012 alle 14:15

Ettore Rognoni insieme a Giovanni Toti sono il simbolo dello sfascio informativo e televisivo di Mediaset.

Anche perché programmi come Guida al Campionato o Controcampo sono il fulcro dell’informazione sportiva di Mediaset ed è un peccato cancellarli per sempre dai loro palinsesti, inoltre, sarei favorevole anche ad un piano di investimenti e di valorizzazione per la redazione oltre al lancio di un canale all-news sportivo dal nome Sportmediaset 24 a partire dalla primavera 2013.

Vi piace l’idea?



7. Fabio92 ha scritto:

14 settembre 2012 alle 14:37

“Anche Enrico Mentana è stato spesso, durante la Direzione del TG di La7, sotto “attacco” da parte della propria redazione”
Ma quando? Rinfrescatemi la mente please! Ho un vuoto di memoria…



8. Vincenzo ha scritto:

14 settembre 2012 alle 15:06

@Dario Manili: beh se a Sport Mediaset hanno tagliato Controcampo e altre cose per mancanza per minimizzare i costi, non credo proprio che stiano pensando ad un canale all sport 24 :D



9. Gianluca Camilleri ha scritto:

14 settembre 2012 alle 15:19

Mah, aspettiamo di vedere (e giudicare) Undici, il nuovo programma in partenza su Italia2 al lunedì sera per valutare meglio la scelta di sopprimere Controcampo



10. Lucas ha scritto:

15 settembre 2012 alle 17:25

In effetti…tra due cancellazioni e uno spostamento non mi stupisco.

E’ una VERGOGNA che non ci siano più Controcampo e Guida al campionato, così come l’edizione serale di Studio Sport.

Per non parlare del nome sport Mediaset che alla domenica si aggiunge un xxx…

Mah..



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.