3
settembre

BUONA TV A TUTTI. SI RICOMINCIA (CON TANTE SPERANZE E POCHE CERTEZZE)

Monoscopio

E così è arrivata anche questa! Non che ci sia particolare entusiasmo per la stagione televisiva appena iniziata, ma l’occhio non può non essere rivolto, quest’oggi, ai debutti del daytime di Canale 5 che, insieme a Quinta Colonna (il 27 agosto scorso), Piazza Pulita (30 agosto), L’Infedele e Il Viaggio di Pippo Baudo (al via questa sera, rispettivamente su La7 e Rai 3 in prime time), hanno aperto le porte di un nuovo anno catodico.

Le premesse sono, come sempre, cariche di speranze e aspettative. Ed in realtà risulterebbe decisamente semplice riuscire a far meglio del 2011/2012 che ha ‘partorito’ una stagione televisivamente pessima e insopportabilmente fastidiosa. Se il primo ‘connotato’ è facilmente intuibile per il telespettatore, il secondo lo è decisamente di meno, perchè riguarda il dietro le quinte. Eh si, perchè nel nostro Paese, dove spesso tutto gira al contrario, fare informazione in periodi difficili, mantenendo fede alla mission di qualunque (rispettabile) giornalista, risulta incredibilmente faticoso. Come se il problema fosse di chi fa legittimamente notare ciò che non va, e non di chi ‘quel che non va’ lo mette in piedi.

Senza troppi giri di parole, più fa pena ciò che viene offerto in pasto al pubblico, più ci si affanna a cercare di rendere ‘commestibile’ anche il peggior piatto proposto nei menù dei broadcaster nostrani. E così non ci si preoccupa di tagliare i rami secchi, putridi e marci, ma si sprecano energie per seppellire il marciume in maniera tale che tutto sia bello, lindo e candido. Come se chi guarda fosse talmente idiota da non capire che si tratti di pezze a colori cucite (anzi, supplicate) ad hoc per coprire quella spazzatura televisiva che da un po’ di tempo siamo costretti a sorbirci. Se poi le toppe sono indigeste a chi scrive di tv, e che per lavoro passa al vaglio il mandato in onda, succede spesso e volentieri che i sempre più suscettibili personaggi tv, probabilmente non consapevoli di essere sempre e comunque dei privilegiati rispetto ai poveri cristi che guardano passivi le loro terribili gesta mediatiche, decidano di fare i capricci più del solito perchè tutto debba apparire come piace a loro.

In queste condizioni siamo costretti a scrivere di televisione. Con l’augurio di tempi migliori. Buona tv a tutti.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


tv spazzatura
UNA TV ALLA CANNA DEL GAS


De Filippi - Costanzo (2)
L’INTERVISTA: MAURIZIO COSTANZO E MARIA DE FILIPPI SI INTERVISTANO A VICENDA


dm_recruiting
DAVIDEMAGGIO.IT CERCA NUOVI BLOGGER TELEVISIVI


Davide Maggio cerca nuovi blogger TV
E’ IL TUO MOMENTO! SCRIVI DI TV SU DAVIDEMAGGIO.IT

13 Commenti dei lettori »

1. libus ha scritto:

3 settembre 2012 alle 16:48

so che c’entra poco con l’articolo, però è da tempo che ho in mente alcuni format ed idee per vari programmi, talent, reality e documentari ma non so assolutamente come fare per proporli! qualche consiglio in merito..?



2. Giuseppe ha scritto:

3 settembre 2012 alle 17:12

Davide, parole sante che esprimono perfettamente il disagio che provo quando mi metto a seguire i programmi televisivi. Comunque sono ottimista in quanto a ogni periodo di crisi, di solito, segue una rinascita. Di solito…



3. Alessandro ha scritto:

3 settembre 2012 alle 18:02

Sarebbe bello mettere anche nomi e cognomi di questi personaggi. Non tanto per una “vendetta” quanto per aprire gli occhi alle persone che pendono dalle labbra di certi personaggi che li trattano come piccioni a cui lanciare becchime. Davide, scopri le carte :-)



4. amazing1972 ha scritto:

3 settembre 2012 alle 18:37

ottimo articolo di critica ai contenuti (finalmente) piuttosto che ai riscontri di audience. a voler essere positivi,ci avviamo,anche se non sembra,ad una nuova era. il digitale renderà tutto più competitivo e il duopolio pare sul viale del tramonto. inoltre è la prima stagione senza grande fratello,che non è poco. la partenza della stagione appare abbastanza sciatta,è vero,ma dipende dallo smarrimento che vivono le generaliste,che,complice la crisi,non sanno ancora dove andare a parare. io penso che molte cose potranno accadere durante l’anno. vedremo molti ‘caduti sul campo (Vinci è in pole position) ma probabilmente anche varie sorprese



5. Davide Maggio ha scritto:

3 settembre 2012 alle 19:06

Alessandro: lo farò presto Alessandro se questo clima non finisce.



6. pig ha scritto:

3 settembre 2012 alle 20:15

DavideMaggio
Bisognerebbe fare un articolo di “protesta” pure su tutta questa tv del dolore e della serietà.
Non possono iniziare alle 9 del mattino a parlare di omicidi quando uno fa colazione e non si può neppure parlare di cronaca nera quando uno alle cinque del pomeriggio torna a casa dopo una giornata lavorativa.
Gli unici svaghi del day time di Canale 5 sono solo Avanti un altro e Striscia.Non si può continuare così

amazing
Comunque si dice che la tv generalista sta sul viale del tramonto già dal 2006



7. Alessandro ha scritto:

3 settembre 2012 alle 20:42

@Davide: I can’t wait.. :)))



8. Alessandro ha scritto:

3 settembre 2012 alle 20:43

Certi meccanismi vanno resi noti, vedrai che tanti occhi si apriranno davanti ai fatti!



9. Luna ha scritto:

3 settembre 2012 alle 21:15

Caro Davide Maggio che tristezza, secondo me é meglio cominciare a lanciare cannonate, tanto sono già tutti morti, é come sparare sulla Croce Rossa.
Semplicemente guardando la foto di Anna Maria Tarantola, la nuova presidente della Rai mi cadono le braccia. Sembra uscita da una serie televisiva americana anni sessanta. Con tutta la lacca utilizzata per scolpire la sua pettinatura alla Mad Men la ritengo responsabile dell’aumento del buco di ozono.



10. paky ha scritto:

4 settembre 2012 alle 01:05

La Rai in quest’anno televisivo ha buoni format, ma deve saperli sfruttare e in qualche modo rimodernare quelli già di successo (Es. L’eredità o la Vita in Diretta).. Per la mediaset vedo poco per ora.. c’è bisogno di un ammodernamento nell’impianto, eliminando i soliti protetti. La7 con le sorelle Parodi può fare davvero tanto, almeno in termini di qualità. Su sky non posso esprimermi, non avendolo a casa.

Buona stagione a tutti! Sempre su DM!



11. Luna ha scritto:

4 settembre 2012 alle 08:40

Secondo me in Rai a parte lo staff tecnico ( e forse nemmeno quello) dovrebbero lavorare artisti, presentatori, giornalisti sempre diversi. Sempre secondo me la tele di stato dovrebbe ospitare il meglio che c’é in giro, dovrebbe essere una vetrina del mondo dello spettacolo, del cinema, del giornalismo e non la fossilizzazione della mediocrità. In Rai si dovrebbe dare spazio alla creatività e alle persone giuste che saprebbero fare televisione e non a coloro che l’affossano. In Rai si dovrebbe respirare libertà e prediligere la fantasia, l’estro, l’inventiva ( in effetti sul satellite si possono vedere cosette carine) e non pseudo-giornalisti che non sanno leggere due veline, che non sanno parlare non dico l’inglese ma nemmeno l’italiano, tecnici che non sanno premere due bottoni, cantanti che non sanno cantare, attori che non sanno recitare, registi che non sanno dirigere, presentatori che non sanno presentare e bugiardi che non sanno nemmeno mentire. Sul mio telecomando i pulsanti 1, 2, 4, 5, 6 non vengono premuti da tempo. Utilizzo sempre più il PC per guardare solo quello che amo e guardo alcuni programmi Sky.



12. Fabio ha scritto:

4 settembre 2012 alle 11:59

Ma Italia 2 alla fine non ha cambiato nome? Si parlava di rivoluzione anche delle “Zone” se non sbaglio…



13. Fabio92 ha scritto:

4 settembre 2012 alle 14:33

Buona tv anche a voi, sperando di trascorrere qualche serata in più davanti al televisore piuttosto che annoiarsi e stare su facebook xD



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.