18
luglio

EDOARDO RASPELLI A DM: SODDISFAZIONE E PREOCCUPAZIONE PER IL PASSAGGIO DI MELAVERDE A CANALE5. LA PAURA DELLA MORTE MI CREA UN SOTTILE EGOCENTRISMO.

Edoardo Raspelli

Alla fine, la promozione l’ha conquistata. Edoardo Raspelli, complici i buoni risultati d’ascolto, prepara armi bagagli forchette e coltelli per traslocare il suo Melaverde, insieme alla compagna catodica Ellen Hidding, da Rete4 a Canale5. Il più celebre critico gastronomico del Paese ci ha raccontato gli stati d’animo che accompagnano questo importante passaggio proprio nel giorno in cui l’evento culinario che lo aspettava aveva un sapore particolare: era il suo 33° anniversario di matrimonio.

Allora Edoardo, finalmente si passa a Canale 5…

Si. Ma il ‘finalmente’ non posso condividerlo totalmente. La notizia del passaggio da Rete4 a Canale5 mi ha creato tutta una serie di sensazioni: emozione, piacere, felicità ma anche preoccupazione, ansia, timore e rimpianto.

Perché rimpianto?

Per 15 anni, 14 edizioni e 420 puntate abbiamo realizzato il programma per Rete4 e abbiamo avuto a che fare con persone che ci hanno seguito, aiutato e valorizzato con affetto e interesse, a cominciare dal direttore Giovanelli, con il quale Melaverde ha visto la luce, passando per Scheri e arrivando a Feyles (attuale direttore di rete), senza dimenticare l’ideatore del programma Giacomo Tiraboschi. Ecco perché traslocare ti dà rimpianti e malinconie.

Però è innegabile la soddisfazione…

Provo la stessa sensazione di quando negli anni 70 lavoravo come cronista di nera e critico gastronomico al Corriere Informazione e tutti bramavamo di passare al fratello maggiore che era il Corriere della Sera. In quell’occasione, però, non ci riuscii. Adesso, invece, c’è la soddisfazione di essere passati dalla mascotte di Mediaset all’ammiraglia per i buoni risultati che il programma ha fatto, anche e soprattutto nel target commerciale. Viene seguito dagli anziani, appassiona i bambini, suscita interesse in chi è appassionato di agricoltura e ambiente.

Preoccupazione perché la responsabilità aumenta?

Si. A Rete4 eravamo i primi della domenica ed era uno dei primi programmi della rete. Adesso è come giocare a carte: speriamo che arrivino quelle buone.

Cosa spinge il più celebre critico gastronomico italiano a condurre un programma in televisione?

Sono il più noto critico gastronomico ma anche il più largo, quello di maggior peso. In verità, però, non mi sono mai sentito un critico gastronomico ma un cronista della gastronomia, cerco di raccontare le atmosfere. Adesso, invece, faccio soprattutto il conduttore televisivo. Mi dà più adrenalina, più emozione e mi fa imparare cose nuove. E a 63 anni è gratificante.

Conduttore televisivo per vanità?

Un po’ vanitoso lo sono ma è stato il caso. Nel 1998 i conduttori del programma erano Tony Garrani e Gabriella Carlucci. Dopo 4 puntate Mediaset mi chiamò per dare una mano a raccontare un ristorante dei luogi visitati durante il programma. Il mio spazio è poi passato da due minuti a tre, poi a cinque, sei, otto. Quando, poi, Tony Garrani lasciò il programma il produttore Giacomo Tiraboschi ha scelto me.

A proposito di maggior peso, il bypassgastrico come va?

Male grazie. Ho perso tra i 28 e i 31 chili ma mangio come un pulcino e devo stare attento.   Giorni fa ero con la regina del burlesque, Francesca Cavallotti, a tagliare il nastro alla premiazione dei più buoni lambruschi d’Italia e c’era un banchetto con salumi, gnocco fritto, tortelli di erbette con burro fuso e tante prelibatezze. Io, purtroppo, ho potuto mangiare 3 tortelli e un pezzo di parmigiano.

Ma è vero che hai olfatto e gusto assicurati?

Si, sono assicurati per 500.000 euro. E’ un’assicurazione fatta dalla Reale Mutua di Torino che mi costa 3000 euro l’anno. Mi auguro proprio di non doverla utilizzare mai.

Dove fa la spesa Edoardo Raspelli?

Quando sono in autostrada mangio in Autogrill: bevo un bicchiere di latte, un caffè e un camogli. Oppure sulla Torino-Savona c’è la stazione di servizio di Carcare dove fanno il panino artigianale più buono d’Italia. Della spesa, invece, se ne occupa mia moglie all’Esselunga che dista 100 metri da casa mia a Bresso. Esselunga che, a parte una o due soprese negli ultimi anni, rimane il miglior supermercato d’Italia anche se mi pare che caprotti e caprottini condizionano un po’ troppo il prezzo al ribasso della produzione agricola italiana. Poi ci sono i piatti pronti anche per i single che sono una cosa fantastica.

Tornando a Melaverde, la squadra è confermata?

Credo proprio di si. Ma è una domanda delicata che dovremmo girare al produttore Giacomo Tiraboschi.

Stesso orario, stessa collocazione?

Sicuramente la domenica. Per l’orario dobbiamo ricordare che alle 13 c’e’ il Tg5 che è inamovibile. Però non vorrei toccare temi che non mi spettano. Io sono soltanto uno dei due conduttori di Melaverde.

Qual è la prima persona che ti ha contattato per farti l’in bocca al lupo?

La prima persona che l’ha saputo è stata mia moglie che l’ha saputo quando ancora la notizia era embargata.

Prima hai ammesso di essere un po’ vanitoso. In più ti si vede spesso a serate mondane. Da Edoardo Raspelli non me l’aspettavo…

Ho 63 anni e credo che a una certà la paura della morte, il rendersi conto che – toccando ferro – dobbiamo morire, ti crei un sottile egocentrismo, ti faccia venire il desiderio di godersi la vita. Nella mia vita non sono andato da nessuna parte, ho fatto un’adolescenza disperata, non ho avuto una giovinezza e, adesso, le novità, la musica, i concerti mi fanno sentire un po’ più giovane rispetto ai 63 anni che ho.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Edoardo Raspelli
Melaverde: su Canale 5 al via la ventesima edizione


Melaverde
MELAVERDE DIVENTA MAGGIORENNE. AL VIA SU CANALE 5 L’EDIZIONE NUMERO 18


Edoardo Raspelli
MELAVERDE: NUOVA EDIZIONE CON UN OCCHIO PUNTATO AD EXPO 2015


Melaverde
MELAVERDE: ELLEN HIDDING E RASPELLI RIPRENDONO IL LORO VIAGGIO PER L’ITALIA

7 Commenti dei lettori »

1. Alex ha scritto:

18 luglio 2012 alle 13:16

Vedrete Melaverde flopperà. Non ha il target di Canale 5



2. Master ha scritto:

18 luglio 2012 alle 13:58

Una lettura ai dati non farebbe male
E’ molto piu’ in target di Forum



3. Alexn ha scritto:

18 luglio 2012 alle 14:02

Master Melaverde su Rete 4 ha fatto ottimi ascolti. Io gli auguro di fare ottimi ascolti anche su Canale 5 ma secondo me non andrà oltre il 15% perchè appunto non ha il target della rete.



4. Master ha scritto:

18 luglio 2012 alle 14:34

Un 15% sarebbe già un successo visto che Canale5 a quell’era era al 7%



5. Master ha scritto:

18 luglio 2012 alle 14:34

Il 15% sarebbe già un buon traguardo visto che Canale5 finora era al 7% in quello slot



6. Alexn ha scritto:

18 luglio 2012 alle 15:15

Sì hai ragione. Canale 5 deve risollevare la domenica pomeriggio



7. fetonte giustetto ha scritto:

8 ottobre 2013 alle 15:07

il panino artigianale di carcare sa di plastica



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.