12
luglio

E STATE CON NOI IN TV E IL CLUB DELLE METEORE

E state con noi in tv - Paolo Limiti

Uno studio con pubblico e orchestra, il vispo pupazzo di Floradora che interviene fra un’intervista e l’altra e un Paolo Limiti che cerca di riproporre una tv malinconica e genuina in un periodo dove campeggiano repliche e inaspettate sospensioni. Parliamo di E state con noi in tv, il nuovo varietà che da due settimane sostituisce Antonella Clerici e la sua Prova del cuoco e che cerca di riportare in auge personaggi e star del cinema ormai scomparsi dal panorama televisivo italiano.

E così ecco in studio Elsa Martinelli che parla della sua collega Silvana Mangano, protagonista del film neorealista Riso Amaro con Vittorio Gassman, e del declino della sua carriera; ecco Justine Mattera seduta in prima fila a sorbirsi battute e barzellette sul mito della stupidità della bionde ed ecco ancora la giornalista del Tg1 Barbara Carfagna che rammenta le missioni più rischiose in cui si è trovata a partecipare nel corso della sua carriera fra cui l’intervista esclusiva con una donna nigeriana condannata a morte per via della religione fondamentalista da poco accettata nella sua regione.

Il tutto condito da canzoni anni ‘50 e ‘60, coreografie e costumi che ricordano Milleluci e un conduttore eloquente, politicamente corretto che però sembra fuori posto e così lontano soprattutto dalle ultime generazioni che non colgono l’arguzia e l’ironia di certe sue battute. Che Paolo Limiti decida di fare concorrenza alla riproposizione della trasmissione Matricole e Meteore con Nicola Savino e Juliana Moreira che andrà in onda a breve (in replica, naturalmente) su Italia Uno?Intanto ci sembra che un programma come E state in tv cerchi di trasmettere un’aria di nostalgia mista a euforia da festa del villaggio che non riesce a decollare, forse perché troppo ancorata a una tv che non esiste più e a una società non più riproponibile ai nostri giorni.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


E state con noi in tv
E STATE CON NOI IN TV: PAOLO LIMITI MAESTRO NEL METTERE A PROPRIO AGIO GLI INTERLOCUTORI


Paolo Limiti - E state con noi in tv
PAOLO LIMITI A DM: ASSENTE DALLA TV PER COLPA DI UN IDIOTA. VORREI CLAUDIA DI AMICI PER ‘E STATE CON NOI IN TV’ MA NON RIESCO A RINTRACCIARLA


Paolo Limiti
E’ morto Paolo Limiti


Musical! Award - Paolo Limiti
MUSICAL! AWARD DOMANI SU RETE4 CON PAOLO LIMITI E JUSTINE MATTERA

20 Commenti dei lettori »

1. Diegoz ha scritto:

12 luglio 2012 alle 13:56

Secondo me non durerà molto…



2. Nina ha scritto:

12 luglio 2012 alle 14:14

Già i giovani capiscono meglio le becere battute di Savino.



3. sboy ha scritto:

12 luglio 2012 alle 14:18

pesante, pesante, pesante..giuro ho provato a seguirlo più di una volta ma non c’è la faccio. Niente su limiti, grande professionista, ma è la trasmissione che non va. Poteva andare bene dieci anni fa ma oggi ne risulta un programma terribilmente vecchio.



4. Ale 96 ha scritto:

12 luglio 2012 alle 14:28

Trasmissione penosa, meglio “Forum” dato che d’inverno sono a scuola va!



5. awee ha scritto:

12 luglio 2012 alle 14:42

adoro paolo limiti e non smetterei mai di sentirlo parlare e raccontare aneddoti, ma il contorno è una peperonata alle due di notte



6. Zio tv ha scritto:

12 luglio 2012 alle 14:59

Coreografie e costumi che ricordano milleluci!??? Forse dovrebbe ripassare la storia della tv..



7. eugenio ha scritto:

12 luglio 2012 alle 15:37

Le coreografie e i costumi sono terribili. Tra i discorsi non c’è un minimo di filo logico sembra tutto messo lì a casaccio.



8. matteo quaglia ha scritto:

12 luglio 2012 alle 15:40

diegoz durera’ per tutto il tempo previsto , gli ascolti che sta facendo non giustificano una soppressione ( per metterci cosa poi ?? ) , le puntate limiti se le fara’ tutte senza problemi



9. Dvs ha scritto:

12 luglio 2012 alle 16:08

…a me sembra invece una bella trasmissione, si respira voglia di intrattenimento… si ascolta bella musica… si ascoltano interviste che vanno oltre alle classiche domande, si possono scoprire aneddoti interessanti e… si gode di uno spettacolo che da spazio alla positività :).



10. marcko ha scritto:

12 luglio 2012 alle 18:23

non l’ho visto, ma da subito ho pensato ke l’orario non andasse bene, sarebbe sicuramente meglio al primissimo pomeriggio, dove magari tra un aneddoto e l’atro ci scappano 10 minuti di abbiocco…
e comunque lo slot ke limiti conosce meglio..



11. Gabriele90 ha scritto:

12 luglio 2012 alle 18:36

Io propongo un nuovo titolo per il programma: NAFTALINA SHOW



12. Miss Dickinson ha scritto:

12 luglio 2012 alle 19:04

E certo, per un 20enne o un 30nne è pura naftalina, abituati ad una conduzione più becera, farcita di doppi sensi e di battute buttate lì a caso. Nel caso di Limiti c’è la profesionalità e la cultura, quella vera, quella che fa sembrare la sua competenza come una marea di chiacchiere da pennichella. Sicuramente la trasmissione non è perfetta, ad esempio Floradora non era necessaria, ma ascoltare tutto quello che Paolo Limiti racconta, le storie degli attori di Hollywod, la verità sulla canzone “Malefemmina”, e gli aneddoti su De Filippo e Tina Pica, oh, sarò anziana, ma mi piacciono da morire.



13. marco 91 ha scritto:

12 luglio 2012 alle 21:08

Io ho 20 anni e sarò strano ma la trasmissione mi piace! Oddio anche secondo me certe volte è un po’ pesante ma belle interviste, bella musica, bel programma!!!!!!!!! Forse è sbagliato l’orario ma la gente a mio parere piuttosto che senitre yara, sara, schettino preferisce qst genere di trasmisione. che ne dite di mandare in autunno prima della vita in diretta o cacciando l’odiosa maya?????



14. Laura ha scritto:

13 luglio 2012 alle 00:56

Limiti è un ottimo professionista, garbato, parla un buon italiano, cosa ormai rara, più che insolita. Ma è innegabile che la trasmissione sappia di vecchio, di muffo. E’ inutile riproporre cose che andavano in onda 20 anni fa sperando che possano piacere ancora, e non credo sia colpa del pubblico più o meno “stagionato” che segue il programma(per intenderci, non penso che chi si lobotomizza seguendo I soliti idioti o Uomini&Donne possa cogliere ciò che è positivo in Limiti e nel suo programma), è che è proprio cambiato il modo di fare televisione, nel bene e nel male, non si può pensare di riproporre tutto tale e quale dopo 20 anni. Io ho 40 anni, quindi non sono certo una ragazzina, ma trovo il tutto pesante come quando ne avevo 20. Certo, ci sono le interviste di Limiti, gli aneddoti che riesce a tirar fuori che fa anche piacere ascoltare…ma il resto è una vera e propria mattonata!per non parlare del cane di pezza al quale darei letteralmente fuoco :-) !!!



15. MENTIGAZZA EDILIO ha scritto:

16 luglio 2012 alle 16:08

Il tg1 ha ancora nella sigla l’effigie di Berlusconi accanto ai grandi della terra, i conduttori leggono i nomi dei fiumi Tànaro e Panàro con gli accenti invertiti e pronunciano Luca Ward con la “a”(è più che logico dopo gli insormontabili ostacoli di libertà culturale loro imposti). Per fortuna ci sono ancora artisti come Raffaella Carrà e Paolo Limiti che prima di parlare, studiano. Vuoi avere un commento positivo in tv? Basta vantarsi di essere un cesso in matematica, di non aver mai studiato (vedi ultimo spettacolo di Brignano), di adorare il jazz e di apprezzare l’ultima baggianata musicale che, tradotta in italiano, suonerebbe: «Tutti insieme, gridate con me, si ragazza si, dai così non fermarti». Se ti prepari, dici cose genuine che piacciono ai non snob e ai non più giovanissimi, sei definito sorpassato dall’imperante mediocrità assurta a simbolo negli ultimi 20 anni. Accetto che veri miti artistici del passato vengano interpretati da chi non è molto conosciuto, non accetto che mi si proponga come fenomeno un cantante che, uscito 8 mesi fa, ha venduto qualche migliaio di dischi.
Edilio Mentigazza – Castell’Alfero (AT)



16. NICOLO' SPERANDEI ha scritto:

18 agosto 2012 alle 01:54

I critici non sanno quello che dire… io ho diciotto anni e per me è una grandissimo programma dove finalmente vengono ricordati i veri protagonisti della VERA CANZONE ITALIANA, non quelli di oggi che non rappresentano un bel niente… PAOLO LIMITI: un grande professionista che meriterebbe molto di più, non solo un’ora e mezza di trasmissione…



17. ledro666 ha scritto:

21 agosto 2012 alle 21:35

trovo una trasmissione interessante, NON tutti possono avere ancora 20 anni



18. ledro666 ha scritto:

21 agosto 2012 alle 21:50

ripeto NON TUTTI possono avere ancora 20 anni, per questo chiedo di inserire qualche video della REGINA NILLA PIZZI che della canzone italiana sicuramente fa parte [non dimenticatela, e molti ascoltatori NON piu giovanissimi saranno felici ]



19. Emanuele ha scritto:

22 agosto 2012 alle 12:31

Oh, io ho 23 anni e seguo la trasmissione con estremo interesse. Non vedo né noia né naftalina ostentata, è solamente un modo di fare tv che manca da diverso tempo e, paradossalmente, dà anche una ventata di novità. Di solito ci son sempre programmi che parlano dei soliti omicidi irrisolti, almeno qui si parla della cultura italiana che fu e che può ancora essere. Paolo Limiti è bravo, fa bene il suo mestiere e lo fa trasparire.



20. Bruno ha scritto:

23 agosto 2012 alle 14:01

A mio parere, trasmissione bella ed interessante. Paolo Limiti è molto bravo. Vorrei soltanto permettermi di correggerlo: oggi 23 agosto, se non ho capito male, ha detto che “Cinque minuti e poi” era una canzone del 1970. In effetti noi la suonavamo nell’estate del 1968 a Cesenatico



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.