11
luglio

SEPTEMBER ELEVEN 1683: IN ARRIVO AL CINEMA E IN TV “L’EREDE” DI BARBAROSSA

Renzo Martinelli

Il clamoroso flop ottenuto al botteghino e in tv con il film Barbarossa non sembra essere di buon auspicio. La pellicola diretta da Renzo Martinelli, incentrata sulle gesta di Alberto da Giussano, con tanto di cameo di Umberto Bossi nei panni di un nobile lombardo, è stata un vero e proprio bagno di sangue. Un flop da circa 30 milioni di euro, finanziato da RaiCinema e RaiFiction con il sostegno del ministero dei Beni Culturali, peraltro ampiamente prevedibile. Nonostante ciò, a firma dello stesso regista e co-prodotto dalla Rai, è già in fase di lavorazione avanzata un altro epic movie dedicato questa volta alla figura del frate Marco D’Aviano.

La pellicola, intitolata September Eleven 1683, sarà un kolossal in cui si narrerà l’assedio turco a Vienna nel 1683 e la resistenza che il frate francescano riuscì ad organizzare, coalizzando un gruppo di principi cristiani che sconfissero gli invasori in un’epica battaglia. Una figura storica, quella di d’Aviano, che per i leghisti rappresenta una sorta di simbolo della difesa dei valori cristiani in chiave anti-Islam. Ed è qui che cominciano i primi problemi. Il film, prodotto anche in questo caso con doppia distribuzione al cinema e in tv, è stato, infatti, già tacciato di anti-islamismo.

Alle inevitabili polemiche di carattere religioso si sono ben presto aggiunti numerosi malumori sui finanziamenti statali ottenuti. Secondo il quotidiano Il Piccolo di Trieste, la pellicola usufruirà di un finanziamento regionale di ben 150 mila euro. La somma sarebbe stata inserita in un maxiemendamento riservato ai finanziamenti avanzati da Pdl, Lega, Udc.

Nella norma si precisa che:

“L’amministrazione è autorizzata a erogare alla Martinelli Film Company International un contributo straordinario per la realizzazione e distribuzione e che sono ammesse anche le spese sostenute prima della presentazione della domanda”.

L’opposizione dell’assemblea regionale ha fatto però da subito notare come il film non sia stato realizzato in Italia. L’opera è stata, infatti, girata per buona parte in Romania e non in Friuli Venezia Giulia. Il PD ha accusato in aula il Carroccio di aver stanziato i 150 mila euro a Martinelli “senza alcun criterio e senza un effettivo ritorno o indotto per il territorio”. A creare ulteriore scompiglio è la presenza tra le tante comparse del film, del Senatore della Lega Mario Pittoni, che di fronte alle accuse dell’opposizione dichiara:

“Ritengo che Padre d’Aviano abbia cambiato la storia d’Europa e che sia legittimo ricordarlo, visto che in Italia nessuno lo conosce. Il mio unico interesse personale per il finanziamento non riguarda me, bensì un mio antenato, Gianbattista Pittoni, che partecipò alla difesa di Vienna. Dunque, per una motivazione storico-culturale, me ne sono occupato dall’inizio, dato che tocca le radici della storia della nostra comunità”.

Polemiche e battibecchi che si vanno ad aggiungere a quelli dell’autunno del 2010, quando il film di Martinelli incassò l’approvazione del Cda Rai, creando scompiglio e forti divisioni tra i consiglieri. Come scritto all’epoca da Laura Rio sulle pagine de Il Giornale:

“Il contratto per la produzione del nuovo film è stato approvato con il voto contrario dei due consiglieri vicini al centrosinistra, Nino Rizzo Nervo e Giorgio Van Straten e del presidente Paolo Garimberti, che hanno sollevato dubbi sia di natura editoriale che economica. Al film la Rai parteciperà con una quota di 4,1 milioni di euro più un altro milione e tre di Rai Cinema (…).”

Difficile al momento capire se la nuova opera di Martinelli potrà smentire i nefasti pronostici della vigilia e mettere a tacere le polemiche vecchie e nuove sorte intorno alla pellicola. Per scoprirlo non ci resterà che attendere l’autunno, quando il film verrà presentato al pubblico, per poi approdare nel 2013 sugli schermi Rai.



Articoli che potrebbero interessarti


Dario Franceschini
Riforma Franceschini, approvato il decreto su film e fiction italiane in TV. Contrari i broadcaster (a ragione!): «Imposizioni insostenibili e ricadute drammatiche»


Federica Citarella ieri
Come sono diventati i bambini della fiction italiana – Foto


Giuseppe Zeno
Palinsesti Rai1, autunno 2017: la stagione delle fiction apre con Il Paradiso delle Signore


Professione Vacanze
10 Serie d’Estate mai dimenticate

8 Commenti dei lettori »

1. Nina ha scritto:

11 luglio 2012 alle 15:12

Purtroppo questa è solo una piccola parte della telenovela del consiglio reg. FVG. Tanto per raccontare un piccolo particolare. Dunque, come alcuni di voi sapranno Bellocchio sta facendo un film sulla Englaro. Il PD ha votato contro il finanziamento assieme all’UDC per far emergere le spaccature che ci sono nel centro destra.



2. warhol_84 ha scritto:

11 luglio 2012 alle 15:39

Insomma, Nina, gira che ti rigira è sempre colpa del PD e della sinistra anche quando si parla di Fiction volute dalla lega! ^_^ Voi siete straordinEri…come direbbe Crozza



3. Nina ha scritto:

11 luglio 2012 alle 15:47

Anche se desidero precisare che warhol è proprio l’ultimo che possa permettersi certe affermazioni, io non ho affatto detto che è colpa del PD.



4. warhol_84 ha scritto:

11 luglio 2012 alle 16:05

Io desidero precisare che qua sopra ho criticato aspramente artisti accostabili alle mie idee politiche, a differenza tua, giusto per precisare ecco. Però ogni volta viene dimenticato…perchè è sempre molto populista



5. Nina ha scritto:

11 luglio 2012 alle 16:32

A differenza mia cosa? Onestamente, io di te ricordo che te la prendi con il blog se non è in linea con le tue idee anche con insulti, cosa che io posso escludere di aver fatto. Quindi non darti pena, con te non c’è gara, batti chiunque in quanto a faziosità.



6. Giuseppe ha scritto:

11 luglio 2012 alle 17:39

Con queste premesse temo che sarà un’altra opera pazzesca in senso fantozziano.



7. warhol_84 ha scritto:

11 luglio 2012 alle 18:05

Nina: Ti ricordi male.



8. Nina ha scritto:

11 luglio 2012 alle 18:35

Neghi l’evidenza? Ma se hai detto che è un “blog disonesto” ricordo che sei stato più volte invitato a smetterla. Abbi il coraggio di ammettere ciò che hai fatto.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.