29
giugno

ANGELA RAFANELLI A DM: CREDO CHE LA SVOLTA DI MTV SIA UNA NECESSITA’ DEI NOSTRI TEMPI

Angela Rafanelli

Ha studiato recitazione al Piccolo Teatro di Milano con Luca Ronconi ma è negli ultimi anni che si è trovata a vestire i panni di svariati personaggi, raccontando con acume e sensibilità Le Vite degli Altri e facendo la “Iena”. Ora Angela Rafanelli, ultimo volto a condurre lo storico Loveline, si lancia nell’ennesima nuova sfida professionale con la conduzione degli Mtv Days di Torino stasera e domani in diretta su Mtv ed Mtv Music a partire dalle 19.30.

Sarai chiamata a domare la piazza, accompagnata da due rapper, Marracash ed Ensi. Sarà una conduzione all’insegna dell’hip-hop?

E perché io non ti sembro già abbastanza hip-hop? In realtà ho accettato con molto entusiasmo, sono onorata di poter condurre un evento del genere che arriva in un momento di crisi per tutto il Paese in cui un po’ di musica e di evasione sono necessarie. Sarà una festa, ma una festa consapevole, non ci dimenticheremo degli eventi che hanno “scosso”, nel vero senso della parola, il nostro Paese e sarà lì che il rap ci sarà d’aiuto, come linguaggio per lanciare dei messaggi sociali e di denuncia. Marracash ed Ensi sono dei big della scena hip-hop e sarà un piacere lavorare con loro.

Se Mtv ti ha scelta come unica presenza femminile vuol dire che ormai ti individua come volto di riferimento della rete?

Oddio, non saprei ma se così fosse ne sarei molto lusingata. Saranno due concerti con tanti big e per la prima volta dovrò misurarmi con una piazza enorme. Voglio fare bene, per me, per la rete e per la storia degli Mtv Days.

Tornerai su Mtv con il mitico Loveline? Sembrava impossibile sostituire Camila Raznovich e invece con la tua ironia hai conquistato tutti…

Che io sappia per ora non è prevista una nuova edizione di Loveline. Con la rete però stiamo lavorando a qualcosa di nuovo, di diverso ed originale, ma ancora non c’è nulla di definitivo, diciamo che è un progetto work in progress

Vista la nuova identità del canale che dà ampio spazio al sociale e alle docufiction (Mtv News, Ginnaste..) dobbiamo aspettarci qualcosa che racconti i giovani italiani di oggi?

Credo che la svolta di Mtv sia una necessità dei nostri tempi. C’è il bisogno di entrare nelle singole vite delle persone per capire meglio la società in generale. Dopo anni di rincorsa a beni materiali, dopo la società dell’apparire credo che sia in atto un ritorno al concreto, alle cose vere. Essendo sempre stato Mtv un canale lungimirante, credo che ora l’intento sia raccontare alcune realtà senza filtri, nel modo più onesto e diretto possibile.

Raccontare Le Vite degli Altri ormai sembra essere la tua vocazione. Nel programma andato in onda lo scorso anno su La7 ti sei calata nei panni di diverse figure, dal soldato alla pornostar, dalla prostituta al malato di mente. Qual è stata l’esperienza più difficile?

Ogni puntata è stata una storia a sé, ho dovuto davvero faticare per immedesimarmi nelle vite degli altri vivendo a stretto contatto con i protagonisti delle storie, 24 ore su 24, per un intero mese. Forse la vita più difficile è stata quella del soldato. Sono stata nella caserma di Trani, accanto a militari che sarebbero poi partiti per l’Afghanistan. Nell’esercito ho vissuto forse l’esperienza più traumatica, anche perché mi sono trovata a dover convivere con le armi, proprio io che se imbraccio un fucile mi sento come se avessi addosso un groviglio di serpenti. E poi mi interrogavo spesso, anche troppo, sul concetto di difesa. Mi domandavo: “perché invece di imparare a difenderci non studiamo delle soluzioni per prevenire l’attacco? ” Lo so, sono pensieri semplici ed utopistici, ma è proprio quando ti trovi in una situazione del genere che ti poni alcuni interrogativi, che ti fai delle domande anche scomode.

Altre difficoltà della vita in mimetica?

All’inizio c’era molta diffidenza. Io ero sulle mie, l’ambiente era chiuso, non capivo il perché di alcune azioni, anche nelle esercitazioni. Mi sono bloccata ad esempio nei primi allenamenti, quando dovevo strisciare a terra. Gli istruttori mi dicevano come fare ma non riuscivo a capire perché dovevo eseguire certi ordini. Poi però ci siamo sbloccati, i militari sono venuti incontro a me e io sono andata verso loro, è nato un dialogo costruttivo, bellissimo, ho capito finalmente quali sono i principi di chi fa parte dell’esercito. Sono persone meravigliose, ricche di umanità. Sembra un paradosso ma se i valori di chi fa parte dell’esercito fossero estesi a tutti non ci sarebbe più bisogno di alcun esercito.

Come hai fatto ne Le Vite degli Altri a scindere la vita di Angela da quella che dovevi interpretare nelle puntate?

Il segreto secondo me sta nel non separare la vita reale da quella lavorativa, e quindi quella che andavo a vivere nel programma. Questo lavoro lo fai e ti viene bene se alla base c’è la curiosità, la passione, la voglia di conoscere e capire. E’ impossibile, e credo anche sconveniente, separare i due piani. Ad esempio con i soldati che sono andati in Afghanistan ci siamo continuati a sentire e una volta tornati mi hanno raccontato la loro missione.

Passiamo alle Iene, dove tornerai da settembre. Hai denunciato tanti casi di presunti talent-scout che adescano giovani ragazze promettendo loro le luci della ribalta. Quando hai iniziato hai avuto esperienze del genere?

Purtroppo sì, ho visto e vissuto queste esperienze durante i miei inizi, negli anni del teatro o quando dovevo sottopormi ai vari casting da attrice. L’ambiente è pieno di queste figure viscide, finti produttori, persone che operano a livelli davvero bassi. Devo riconoscere che poi, da quando ho virato verso la televisione e ho iniziato a lavorare per Current tv, non ho avuto più questi “inconvenienti” e ho trovato davanti a me solo dei grandi professionisti, seri e preparati. Va ricordato, sempre, che quando lavori ad un certo livello, anche nel cinema e nel teatro, queste cose non succedono. Se devi lavorare per una produzione importante significa che c’è davvero bisogno di te e che evidentemente hanno riconosciuto il tuo valore, senza scorciatoie e favori sessuali. La serietà esiste, basta riconoscerla.

Dopo la trasferta torninese per Mtv dove si andrà a riposare Angela Rafanelli? Consigli per le vacanze?

Io in realtà le vacanze le ho già fatte a maggio, sono stata a Formentera per uno shooting e ho unito il piacere al lavoro. E poi sono andata in Olanda, un paese che amo molto, a trovare mia sorella che vive lì da diversi anni con la sua famiglia. Ad agosto invece me ne tornerò nella mia Livorno, e anzi, la consiglio anche per le vostre vacanze. Viva Livorno e viva la Toscana!

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


MTV Days: conduzione di Marracash, Ensi e la Rafanelli
MTV DAYS: ALLA CONDUZIONE MARRACASH, ENSI E LA RAFANELLI. SUL PALCO SPICCANO EMMA, GIORGIA, NINA ZILLI E MENGONI


Gerry Scotti
Gerry Scotti a DM: «All’inizio pensavo che The Wall fosse un’americanata. Sono felice che La Corrida torni su Rai1 ma io quel linguaggio l’ho superato. Riporterei La Ruota e il Milionario»


Megan Mullally karen will and grace
Intervista a Megan Mullally di Will & Grace: «Karen è rimasta la stessa, orribile e amabile, terribile e grandiosa». All’inizio avrei dovuto interpretare…


Verdiana Bixio Publispei
Verdiana Bixio (Publispei) a DM: «Una serie da ripescare? Amo Tutti Pazzi per Amore ma sono per le cose nuove»

5 Commenti dei lettori »

1. nokiatony ha scritto:

29 giugno 2012 alle 14:29

che programmi italiani ha oggi MTV??? mi ha deluso copn questa affermazioni! sono programmi inutili ed è un peccato che gli adolescenti di oggi non conoscono la vecchia MTV e i vecchi programmi di MTV! Oltre i soliti idioti è un canale inutile..questo perchè legati alle altre MTV e non hanno più le risorse di un tempo! Si rifiutano anche di replicare almeno le repliche di TRL per paura di far aumentare le già numerose richieste dello show!



2. teoz ha scritto:

29 giugno 2012 alle 17:04

ho il sentore che MTV non abbia l’archivio degli episodi di TRL…se non fatta eccezzione per alcune puntate grosse…sicuramente MTV ha un problema interno di cui nemmeno i dirigenti nascondono. MTV è ad un bivio, o continua sulla linea della docu.reality giovane come VITE PARALLELE (perla di programma secondo me), IL TESTIMONE, MTV NEWS (con le storie di ragazzi), ma anche i prodotti esteri come 16 AND PREGNANT e mettiamo anche il JERSEY SHORE come folklore oppure torna alla musica con trl, select ecc…nemmeno più le chart ci sono fatta eccezzione per HITLIST ITALIA che lascia il tempo che trova… Certo è che non possono basare il palinsesto sul jersey shore ecc…devono ampliare l’offerta…puntando ancor di più in docu-reality per far conoscere varie realtà… questa può essere una salvezza…o almeno un identificazione smarrita da tempo



3. teoz ha scritto:

29 giugno 2012 alle 17:06

ps: se lei è il simbolo femminile di MTV siamo alla frutta non avrà lavorato x mtv non più di 100 ore tra registrazioni ecc…sul serio…



4. elGrifota ha scritto:

29 giugno 2012 alle 17:41

@teoz…forse “MTV ha un problema interno DI CUI (cheeeeeeeeee? DI CUI?) nemmeno i dirigenti nascondono.” ma tu hai grossi problemi con la grammatica e con le “z” precedute e seguite da vocali. Per te urge visione dell’archivio rai relativo alla nota trasmissione “non è mai troppo tardi” del leggendario Mestro Manzi.



5. Gabriele90 ha scritto:

29 giugno 2012 alle 23:25

I cambiamenti a MTV , a parer mio ,hanno giovato in termini di numero di telespettatori adolescenti. Programmi come Ginnaste vite parallele, il testimone e jersey shore hanno portato la rete ad essere una reale alternativa alle reti ammiraglie. Ormai i tempi dei video musicali sono praticamente morti. Le persone ascoltano la musica da internet, non più dalla tv. I tempi cambiano e MTV si é adeguata senza snaturare il suo vero essere: una tv per giovani. Ricordo anche per chi vuole vedere solo video musicali c’è MTV music.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.