6
luglio

LIVIO BESHIR, CI SPIACE. NON SEI IL PRIMO SIGNORINO BUONASERA

Livio Beshir

Una notizia ed una smentita assieme. RaiDue ha appena assunto Livio Beshir, il primo signorino buonasera della storia della televisione italiana; questa la notizia. La smentita è la seguente: Livio Beshir, stando alle informazioni in nostro possesso, non è il primo signorino buonasera passato per il piccolo schermo.

A differenza di quanto riportato da quasi tutti i quotidiani ed i blog, infatti, noi di DM siamo in grado di rettificare i titoloni che impazzano ovunque, in rete e sulla carta stampata. Ma facciamo due doverosi passi indietro. Il primo ad un anno, l’altro a più di vent’anni fa.

Nel 2008, tale Massimiliano Corceddu si rivolgeva addirittura all’allora neo ministro delle Pari Opportunità Mara Carfagna per veder tutelati i propri diritti e far sì che non gli fossero chiusi i cancelli di Viale Mazzini di fronte al suo più grande sogno: fare il signorino buonasera. Fiumi e fiumi di inchiostro furono gettati, pareri di illustri critici e di qualche addetto ai lavori. Tra quest’ultimi una voce autorevole, Rosanna Vaudetti, storica annunciatrice Rai ora datasi ad ospitate e piccoli ruoli da fiction. Intervistata sul punto, la Vaudetti timidamente precisava in una intervista a La Rapubblica del 25 giugno 2008: “non è vero che gli uomini sono discriminati: ci sono stati gli annunciatori su RaiTre ma non hanno avuto molto successo”. La cosa, però, non ebbe alcuna eco. Ed ecco, quindi, che ancora oggi si urla alla novità.


A cosa si riferiva Rosanna Vaudetti? Stando alla nostra memoria storica, il riferimento potrebbe essere ad un’idea di Angelo Guglielmi per la RaiTre del lontano 1987 (Angelo Guglielmi è colui che, per intenderci, ha messo tra “virgolette” le annunciatrici della terza rete). Si trattava di un esperimento estivo che vedeva una coppia di annunciatori che, tra un annuncio e l’altro, giocavano a fare gli innamorati (inquadrati a figura intera), in una situazione da.. camping.

Nessun primo signorino buonasera, dunque. La novità, semmai, sarebbe quella di riproporre una coppia di annunciatori sì, ma tutta declinata al genere maschile.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Olimpiadi di Tokyo 2020
Olimpiadi di Tokyo 2020 in diretta: la programmazione TV e streaming


Luana Ravegnini
Luana Ravegnini condurrà «Check Up» su Rai2


Mark Harmon
NCIS dal 26 luglio su Italia 1 in access


Tour de France 2021
Tour de France 2021 al via. De Luca e Garzelli tornano alla telecronaca su Rai 2

5 Commenti dei lettori »

1. Mr. V ha scritto:

6 luglio 2009 alle 18:38

In realtà la presenza degli annunciatori uomini è ancora più “antica”: quando Raitre iniziò le sue trasmissioni (e si parla di fine anni 70), le annunciatrici del neonato canale cambiavano ogni settimana e non erano quelle delle altre reti. Venivano scelte nel campo delle attrici esordienti e non era raro che venissero alternate a… uomini! Sì, già da allora c’erano gli annunciatori! L’annuncio aveva anche un titolo: “Questa sera parliamo di”, il linguaggio non era quello paludato delle altre reti ma piuttosto innovativo per quel periodo. Poi ad un certo punto l’esperimento finì e a Raitre cominicarono a lavorare le stesse annunciatri della rete 1 e 2. Fidatevi, io c’ero! ;-)



2. Eugenio Viterbo ha scritto:

7 luglio 2009 alle 04:09

@ Mr. V: Visto che c’eri, ci fidiamo.
P.S. Anche perchè alcuni di noi fine anni ‘70 … nemmeno erano nati! ;)



3. MetaMorph ha scritto:

7 luglio 2009 alle 11:33

Confermo che la RAI non è stata la prima ad avere l’annunciatore uomo (che, tra l’altro, non ho avuto ancora l’onore di guardare).

Solo qualche mese fa ho visto un altro annunciatore per un programma intitolato “Il club delle donne”: contenitore di vecchie telenovelas, corsi di restauro (hobby che possono praticare tutte le donne, insomma :D) e altre cose simili. Qual era il canale? In basso a destra c’era scritto “Europa 7″… sarà quella vera che trasmette “in circuito”?

Statemi bene…



4. Andrea Ferrario ha scritto:

7 luglio 2009 alle 12:01

Vi state sbagliando: Max Cordeddu ha partecipato a tante trasmissioni, proponendosi come “annunciatore”, si è battuto per questa che lui considera una giusta causa , ma non è ha mai fatto l’annunciatore. L’episodio al a quale fate riferimento (quello per intenderci che vede protagonista la Vaudetti a Unomattina) riguardava una sorta di “prova”.
In realtà si voleva affrontare l’argomento e si è colta l’occasione per fare una piccola gag.
Quindi, se per annunciatore intendiamo il ruolo di colui che annuncia i programmi che seguiranno, cioè il “signorino buonasera” e non un qualsiasi speaker , Livio Beshir è effettivamente il primo.



5. Andrea Ferrario ha scritto:

7 luglio 2009 alle 12:02

” ma non ha mai fatto l’annunciatore”
scusate l’errore di battitura



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.