27
maggio

L’OLIMPIADE NASCOSTA: QUESTA SERA SU RAI1 LA MINISERIE CON CRISTIANA CAPOTONDI E ALESSANDRO ROJA

Alessandro Roja in L'Olimpiade Nascosta

Nel 1940 e nel 1944, nei campi di detenzione militare di Langwasser, Woldenberg e Grossborn, ai confini di Germania e Polonia, si svolsero in maniera clandestina i Giochi Olimpici. Detenuti di diverse nazionalità europee, rinchiusi dai tedeschi, misero a rischio la propria vita per tenere alta la bandiera dello sport e della civiltà di fronte alle barbarie naziste. Due edizioni clandestine di competizioni olimpiche: la XII e la XIII Olimpiade che ufficialmente risultano come non disputate a causa della guerra.

Su questa vicenda è incentrata la miniserie L’Olimpiade Nascosta, in onda questa sera e domani in prima serata su Rai1. Il film tv - diretto da Alfredo Peyretti e prodotto dalla Casanova Multimedia - che la Rai propone al pubblico anche in vista della prossima edizione delle Olimpiadi di Londra 2012, racconta una storia d’amore, di sentimenti e di sport nel contesto storico difficile e conflittuale dell’ultima fase della seconda guerra mondiale.

Protagonista l’inedita coppia composta da Cristiana Capotondi, volto noto della fiction italiana, e Alessandro Roja, il famoso Dandy di Romanzo Criminale. Nel cast della miniserie a firma di Maura Nuccetelli, Fabrizio Bettelli e Francesco Miccichè, anche Andrea Bosca e l’attore britannico Gary Lewis.

Trama: Primavera del 1944. Il conflitto ha subito un graduale capovolgimento di fronte, e la forza militare tedesca, che sembrava invincibile, sta subendo rovesci drammatici. Un camion militare nazista attraversa strade sconnesse e bombardate. A bordo, fra gli altri, due prigionieri italiani: MarioVittorio. Mario è un concentrato dei difetti italiani: opportunista, individualista, spaccone. Vittorio è un giovane strappato agli studi: timido, intellettuale, schivo. Tutti e due sono diretti ad un campo di prigionia tedesco. Nello stesso momento, un altro camion porta un carico di ebrei. Una madre disperata approfitta di un rallentamento per far cadere, in strada, il suo bambino di sei anni, Joel: lo affida alla sorte per sottrarlo a morte sicura.

Mario e Vittorio si rendono presto conto che la situazione al campo è insostenibile. Il comandante, il maggiore Weber, è un uomo crudele e sommario nelle punizioni. Nell’ora del declino del Reich, continua a credere ottusamente al futuro trionfo del nazismo e sfoga le sue frustrazioni sui prigionieri, umiliandoli e sfinendoli con l’intento di ridurli a mere cose, privandoli della loro dignità e umanità. Nel campo fra i prigionieri regna quindi l’anarchia, la legge del più forte, abbrutiti, tutti sono nemici fra loro. L’unico che si distingue è Alex, un ufficiale inglese che lotta con tutte le sue forze per mantenere la sua dignità di uomo e che guarda con dolore all’abbrutimento dei compagni di prigionia. Durante un’estenuante giornata lavorativa all’esterno del campo, Mario trova per caso un bambino apparentemente abbandonato. E’ il piccolo Joel, rifugiatosi lì dentro. E’ chiaramente denutrito e semi-assiderato, e Mario non può far altro che bussare alla casa più vicina. Gli apre una ragazza polacca, Kasia. E’ sospettosa, diffidente, spaventata. Ma davanti al piccolo abbandonato, e alle insistenze di Mario, prende il piccolo ebreo in casa con sé.

Desideroso unicamente di salvarsi la pelle anche se il prezzo è far buon viso ai tedeschi, Mario senza rendersi conto comincia piano piano ad interessarsi alla sorte di quel bambino sconosciuto e di quella donna a cui l’ha affidato. Alex, che l’osserva da tempo, comincia a notare fra le pieghe dell’egoismo di Mario la nascita di sprazzi di generosità che lo spiazzano e contemporaneamente lo avvicinano a lui. Ed è proprio Alex ad avere l’idea che cambierà i destini di tutti loro: in un mondo libero, in quel mondo che i tedeschi stanno tentando di fargli dimenticare, dice, nell’estate del 1944 si celebrerebbero le Olimpiadi. Da ex atleta, propone agli altri prigionieri di disputare, di nascosto dai tedeschi, i giochi olimpici. E’ il modo, dice, di cercare di recuperare dignità e integrità umane. I reclusi discutono fra loro. L’idea è pericolosa, ma affascinante, e piano piano si fa strada. Intanto Mario si trova sempre più coinvolto nei confronti di Kasia e di Joel. Quella donna e qual bambino gli entrano nel cuore tanto che senza rendersi conto comincia a pensare a loro come alla propria famiglia e a rischiare sempre di più pur di vederli anche solo un attimo, pur di stringerli a sé. Mentre nel campo i preparativi per le Olimpiadi segrete procedono a costo di grandi sacrifici ed enormi rischi, fra i prigionieri qualcosa comincia a cambiare ed una forza nuova sembra impadronirsi di loro. Ma un tentativo di fuga getta il campo nel terrore: per ogni prigioniero che fugge ne verranno fucilati dieci e fra i condannati c’è anche Mario. Kasia assiste sgomenta all’esecuzione e fugge disperata credendo Mario morto.

Quello che la ragazza non sa è che Weber ha inscenato, sadicamente, una finta esecuzione, salvo poi sparare personalmente alla tempia dell’inglese che aveva tentato la fuga. Nel campo, l’ennesimo episodio, scatena la rabbia di tutti. In molti discutono se di fronte ad una crudeltà simile abbia ancora senso spendersi per disputare le Olimpiadi ma alla fine ognuno sente che non è disposto a rinunciare a quella scintilla di ritrovata dignità che ha sentito nascere dentro di sé nella prospettiva di gareggiare da uomini. Le Olimpiadi dunque si faranno. Mario rischia il tutto per tutto per andare da Kasia, sapendo che lei lo crede morto ed arriva giusto in tempo per difenderla dall’aggressione del suo ex fidanzato che, appena tornato dal fronte, non accetta che lei lo rifiuti. Mario vede Eric su di lei e lo aggredisce. Combattono, ed è solo con l’aiuto di Kasia che Mario ha la meglio, e riesce ad uccidere Eric. Lui e Kasia, ancora sconvolti dall’accaduto, seppelliscono il corpo di Eric in giardino. Il giorno dopo è quello dell’inizio delle Olimpiadi. Con commovente solennità si dà inizio ai Giochi. Contemporaneamente, delle SS entrano in casa di Kasia.



Articoli che potrebbero interessarti


Di Padre in Figlia - Alessio Boni
Di Padre in Figlia: Rai1 racconta il conflitto generazionale tra un padre padrone e una figlia intraprendente


Liberi Sognatori
LIBERI SOGNATORI: AL VIA LE RIPRESE DEI QUATTRO FILM TAODUE IN ONDA GIA’ QUEST’ANNO


Io ci Sono
IO CI SONO – LA MIA STORIA DI NON AMORE: CRISTIANA CAPOTONDI E’ LUCIA ANNIBALI QUESTA SERA SU RAI 1


Cristiana Capotondi
CRISTIANA CAPOTONDI SARA’ LUCIA ANNIBALI NELLA FICTION RAI “IO CI SONO”

1 Commento dei lettori »

1. La Zanzara ha scritto:

27 maggio 2012 alle 19:56

…e’ un bel soggetto!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.