25
maggio

PIAZZA PULITA, IL LUNGO SILENZIO DI MARIO MONTI ALLA DOMANDA SUI GIOVANI (VIDEO)

Mario Monti a PiazzaPulita

In tv certi silenzi valgono più di mille parole. Colpisce e fa discutere la reazione avuta ieri sera dal premier Mario Monti di fronte ad una domanda postagli da Corrado Formigli, che lo intervista nel corso del programma Piazza Pulita. Dopo tante perifrasi del Professore sulla crisi, sui disavanzi strutturali e congiunturali, il giornalista di La7 ha portato all’attenzione del Primo Ministro alcuni problemi che riguardano direttamente i cittadini, ed in particolare le giovani generazioni. Così, ha chiesto al premier:

“A un suo figlio di vent’anni, laureato, che guadagna 5 euro l’ora in un call center con questi tipi di contratti, cosa direbbe? Vai via dall’Italia? O come lo convincerebbe a restare?”

Di fronte alla domanda a bruciapelo, che di per sé non era nemmeno così spietata, Monti si è di colpo impietrito. Passano cinque, dieci interminabili secondi ma niente: il premier tace e fissa il vuoto. Il conduttore Formigli prova a rompere l’imbarazzo creatosi e imbecca: “E’ difficile?“.

Solo allora, quando sono trascorsi ben diciassette secondi di silenzio (che in tv sono un’infinità), Monti spiega: “E’ difficile, ma sto cercando le parole…

A riprendere e cronometrare il curioso episodio accaduto ieri sera su La7 è stato il programma Agorà di Andrea Vianello, che stamane ha riflettuto in diretta sulla reazione avuta dal premier. E in effetti l’episodio in questione merita alcune considerazioni soprattutto in materia di comunicazione televisiva.

Proprio ieri, raccontando a caldo la performance di Monti a Piazza Pulita, facevamo notare come ancora una volta il premier avesse scelto una modalità di intervento che non lo esponesse al contraddittorio o a domande scomode. Il professore aveva tenuto un’altra lezione delle sue, ed è bastato uno scivoloso riferimento ai giovani e al precariato per mandarlo in tilt.

Un cortocircuito, questo, che ha mostrato anche la differenza tra il Tecnico per eccellenza ed il tradizionale uomo politico, abituato a rispondere a qualsiasi domanda, anche alla più compromettente. Nei vecchi talk show erano le parole a frastornare il pubblico; oggi invece, al tempo dello spread, degli Eurobond e della spending review, sono certi silenzi a risultare assordanti.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Giovanni Favia e Beppe Grillo
PIAZZA PULITA – GRILLINO SHOCK: IL COLPACCIO DI CORRADO FORMIGLI (VIDEO)


Mario Monti, Piazza Pulita
MARIO MONTI A PIAZZA PULITA: FORMIGLI SI ISTITUZIONALIZZA TROPPO E NON INTERROGA IL PROFESSORE


Mario Monti
MARIO MONTI OSPITE A PIAZZA PULITA. IL PREMIER TORNA IN TV: CERCA CONSENSI?


Gerry Scotti The Wall palle luminose
The Wall: Gerry Scotti mostra il funzionamento delle palle luminose – Video

22 Commenti dei lettori »

1. MisterGrr ha scritto:

25 maggio 2012 alle 20:38

Ma tu guarda.



2. WHITE-difensore-di-vieniviaconme ha scritto:

25 maggio 2012 alle 20:38

io l’ho visto in diretta l’episodio.
Formigli ha sbagliato a interrompere il silenzio secondo :D



3. WHITE-difensore-di-vieniviaconme ha scritto:

25 maggio 2012 alle 20:45

*secondo me



4. Davide Maggio ha scritto:

25 maggio 2012 alle 20:45

White: vero :D



5. M88 ha scritto:

25 maggio 2012 alle 20:57

Ma come? Tolto il Berlusca, non si sarebbe dovuto azzerare lo spread? Ah ah ah: e poi… per fare la spending review il “governo tecnico” imposto dal PD ha bisogno dei “supertecnici”, guarda caso di area PD? Ecco, io farei queste due domandine al sedicente Premier, tal Mario Monti… altro che il silenzio: secondo me si infurierebbe subito :D oppure farebbe come fece Forlani al processo Cusani… ricordate “l’uomo con la bava alla bocca” ;) ? DM, White: se non lo avete capito, Formigli ha “interrotto” Monti perchè aveva capito di aver fatto una domanda “errata”… non so se avete capito cosa intendo dire ;) !



6. Pippo76 ha scritto:

25 maggio 2012 alle 21:52

Il premier precedente avrebbe riempito il vuoto raccontando una barzelletta..



7. Pippo76 ha scritto:

25 maggio 2012 alle 22:01

Mike
All’indomani della dura manovra economica annunciata dal governo Monti, lo spread toccò il punto più basso: 375 punti, con i rendimenti dei Btp a dieci anni sotto il sei per cento. Il massimo era stato toccato il 9 novembre ( governo Berlusconi): spread a 574 punti (con chiusura a 552), record storico assoluto che portava il rendimento del Btp decennale a 7,47 punti, un salasso per le casse dello Stato sul fronte degli interessi sul debito pubblico. Uno spread come quello che avevamo prima, a 570 punti, significava non avere conti pubblici sostenibile e avere banche non in grado di finanziarsi.



8. Giuseppe ha scritto:

25 maggio 2012 alle 22:09

Veramente il vuoto lo si poteva notare anche mentre Monti parlava. Vuoto perchè non ha proposte diverse che non riguardino tasse e tagli. Tuttavia quel vuoto cronometrato da Agorà forse è stato l’unico momento di verità di tutta l’intervista. Personalmente apprezzo di più questa reazione ripsetto a quella di certi politici che, come scritto nel post, hanno una risposta pronta per tutti i problemi. Ma è un vizio nazionale che si ripresenta puntuale quando si è perso senso di realtà e di responsabilità.



9. tarcisio ha scritto:

25 maggio 2012 alle 22:11

@Pippo76 quindi è tutta colpa di berlusconi? ma fammi il piacere! piuttosto diciamo che la crisi e lo spread avevano messo fuori gioco l’italia a prescindere. che poi io dico: chi se ne frega dello spread, qua c’è gente che fatika ad arrivare a fine mese!

e monti imbambolato non sa rispondere sui problemi concreti!



10. Pippo76 ha scritto:

25 maggio 2012 alle 22:12

Hanno una risposta pronta, ricette fantasmagoriche con contratti firmati su tavoli, poster di opere faraoniche per l’Italia, promesse e poi la realtà di quello che si è fatto per l’Italia è ben diversa da quel “sogno raccontato”.



11. Marco Leardi ha scritto:

25 maggio 2012 alle 22:15

Il Professore è bravissimo a spiegare la teoria….. è la pratica che lo frega.



12. Pippo76 ha scritto:

25 maggio 2012 alle 22:16

Figurati se è un problema di spread, amico mio.
Non si è pensato a fare un ca**o per anni, figuriamoci se è un problema di un “numeretto”. Non si è pensato a fare riforme, non si è pensato al lavoro, non si è pensato a nulla..
Ci si è interessati della riforma della giustizia, delle intercettazioni.. quello era l’Ordine del giorno per mesi.
Io mi meraviglio del fatto che c’è ancora gente convinta che Berlusconi potesse risolvere qualcosa per l’Italia assieme alla Lega nord.
Effettivamente era solo una congiuntura sfavorevole mondiale, certo



13. Pippo76 ha scritto:

25 maggio 2012 alle 22:18

Altri, in pratica, si davano da fare a letto.. invece.
Ha perfettamente ragione il buon Leardi :-)



14. tarcisio ha scritto:

25 maggio 2012 alle 22:22

pippo76, perché la sinistra invece ha fatto grandi riforme vero? la gente ha votato berlusconi anche perché la sinistra di prodi era stata un disastro!!! comunque non cambiamo discorso: berlusconi se n’è andato e invece la crisi è rimasta, quindi tra le due cose non c’è un nesso.

se poi tu sei contento di essere massacrato dalle tasse di monti perché adesso abbiamo un premier serio che non dice barzellette, contento tu!



15. Pippo76 ha scritto:

25 maggio 2012 alle 22:26

Secondo te dove saremmo andati a finire con l’andazzo del passato?
Sai la prospettiva qual’era? Non certo quella di continuare a non pagare l’ICI/IMU sulla prima casa..figuriamoci.
Non si trattava più di essere contenti di pagare più o meno tasse ( ed io ne pagherò il doppio e contento non sono ovviamente)



16. Pippo76 ha scritto:

25 maggio 2012 alle 22:27

*trattava di essere contenti



17. tarcisio ha scritto:

25 maggio 2012 alle 22:30

ci saremmo schiantati, ma per un semplice motivo: perché i signori delle banche e dell’europa avevano deciso di far saltare il sistema italia e avevano usato la situazione politicamente fragile come scusa.
tra l’altro mi sembra che adesso la merkel non rida più tanto. quanto a sarkò, adieu



18. Giuseppe ha scritto:

25 maggio 2012 alle 22:33

Il problema non è solo quello di capire gli errori fatti in passato: non si sentono ancora proposte alternative alla politica del governo attuale, imposta dalla BCE e dall’FMI e di fatto sostenuta da tutte le forze politiche parlamentari ormai complessivamente svuotate di ogni credibilità ed energia.



19. M88 ha scritto:

26 maggio 2012 alle 00:05

Lo dico ai lettori di sinistra: spiacente, ma verrà il giorno – e tale giorno sarà un giorno nerissimo per la sinistra italiana, talmente nero che la vittoria di Berlusconi nel 1994 sembrerà il nulla a confronto… – in cui anche in Italia ci sarà qualcuno che riuscirà a portare gli italiani “sulla via di Margaret” (Thatcher), come si suol dire… ;) !



20. warhol_84 ha scritto:

26 maggio 2012 alle 00:27

A me fanno quantomeno sorridere queste persone che adesso se la prendono con Monti quando per 20 anni se lo sono fatto mettere dietro senza vasellina per ritrovarci in questa situazione economica. Pensate che la nostra situazione si sia venuta a creare in 8 mesi? Diciamo che il Signor Monti ci sta mettendo la faccia per coprire le schifezze che i nostri politici hanno fatto per anni…e si, anche e soprattutto Berlusconi e la Lega Ladrona. Cosa è? Lesa maestà?



21. ale ha scritto:

26 maggio 2012 alle 12:00

10 100 1000 volte meglio il silenzio di chi cerca di pensare prima di rispondere e cerca di dire cose sensate di quelle risposte subito pronte e piene di balle o di barzellette sconce e ridicole



22. lele ha scritto:

26 maggio 2012 alle 18:42

dio santo… in quei 5/10 secondi di silenzio mi si è bloccato il cuore: formigli non avrebbe dovuto “interromperlo”.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.