29
giugno

DAI DETERSIVI ALL’INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA: ECCO I VERI MOTIVI DEL DECLINO (PROVVISORIO) DELLA SOAP OPERA NEGLI STATES

Soap Opera DigestIn una soap che si rispetti e che sia degna di questo nome, le trame contorte e spesso avvizzite sono all’ordine del giorno, soprattutto quando sono previste spettacolari uscite di scena degli interpreti principali.

La soap americana “Days of our lives” ha recentemente visto ben quattro coppie di attori estromessi dalla storyline principale; in “The Young and the restless”, meglio nota in Italia come “Febbre d’amore”, attualmente in onda nel mattino di Rete 4, Brad Carlton, interpretato da Don Diamont, è morto annegato in un lago ghiacciato prima di riunirsi con la sua fidanzata, Sharon Newman (l’attrice Sharon Case); la stessa Susan Lucci, popolarissima star americana di “All my children”, conosciuta in Italia come “La valle dei pini”, trasmessa da Canale 5 fino al 1992, ha dovuto dire addio dopo ben 38 anni di carriera al suo personaggio, Erica Kane, accoltellato dalla psicotica Annie.

Il destino di queste e molte altre soap americane è a rischio. Ascolti in calo, eccessive pretese contrattuali e stipendi da capogiro. Il vero colpevole? La crisi americana. Volendo essere più precisi, la crisi dell’industria automobilistica. General Motors, Ford, Chrysler e altri rivenditori locali hanno tappato la fonte di accesso dei finanziamenti alle soap di daytime. Se un tempo, infatti, erano i detersivi e i saponi a pubblicizzare queste produzioni tv dal target tipicamente femminile, ora sono i colossi industriali automobilistici a fare la parte più grossa. Ma se in passato i costi di produzione erano trascurabili, quasi a voler dare l’impressione di un prodotto artigianale confezionato alla meno peggio, oggi la qualità e quindi il budget sono aumentati considerevolmente. Basti pensare che le stesse “Febbre d’amore” e “General Hospital” sono girate in alta definizione.

Ecco quindi che sono necessarie strategie di taglio del personale per riuscire a contenere le spese: molti show cambiano le storyline in corsa, facendo morire personaggi e facendone scomparire altri. Sono i serial killer fittizi, ultima tendenza del momento, ad aver cancellato i nomi più autorevoli – e più costosi – dalla top list degli attori più popolari di soap. Quest’ultima ne guadagna in ascolti e tensione narrativa, ma risente sicuramente della mancanza di professionalità autorevoli e di facile appiglio al pubblico.

La CBS ha addirittura disposto la chiusura di “Sentieri”, 71 primavere, prevedendo l’ultima puntata il 13 settembre 2009 (in Italia la programmazione è ridotta al ruolo di tappabuchi del palinsesto di Rete 4, facendo sì che la soap sia ancora alle trame del 2005); la stessa emittente però sta vagliando l’ipotesi di raddoppiare la durata di “Beautiful”, come immediato riempitore di palinsesto.

In Italia le cose non sono differenti: “Vivere” ha già dato in termini di restyling, riducendo il cast a poco più che a 10 attori principali e affievolendosi sempre più, fino a spegnersi nel maggio 2008. Stessa sorte per “Incantesimo”, i cui confortanti dati Auditel non hanno ancora giustificato una chiusura raffazzonata, decisa da indefinite strategie degli oscuri piani alti Rai e non condivisa dal pubblico. Ma si sa, c’è bisogno di un capro espiatorio e la crisi economica, in questo momento, è perfetta.



Articoli che potrebbero interessarti


Coma da soap
CHI NON MUORE SI RIVEDE: COME USCIRE DAL COMA SIA PIÙ CONVENIENTE NELLE SOAP CHE NELLA VITA REALE


Otalia
LE SOAP SONO SEMPRE PIU’ GAYE. MA GLI ATTORI NON PRESTANO IL… FIANCO!


Beautiful
Beautiful da record in America dopo 32 anni. Merito dei ‘figli di’


Jacqueline MacInnes Wood
Daytime Emmy Awards 2019: i vincitori. Jacqueline MacIness Wood (Beautiful) è la migliore attrice – Video

7 Commenti dei lettori »

1. Markos ha scritto:

29 giugno 2009 alle 20:13

E chi l’avrebbe mai detto che le industrie automobilistiche avrebbero avuto questo ruolo così importante e determinante per le soap!

P.S.

Bell’articolo!



2. CeleTheRef ha scritto:

29 giugno 2009 alle 21:11

è stato girato un episodio pilota del quiz Pyramid, che dovrebbe rimpiazzare Guiding Light sulla CBS

http://buzzerblog.flashgameshows.com/set-report-from-the-1000000-pyramid/

l’altro “candidato” era Let’s Make a Deal (Facciamo un Affare) ma temo che l’affare non sia andato in porto ^_^



3. genny ha scritto:

30 giugno 2009 alle 17:10

Scusate…io seguo “febbre d’amore”:ma chi muore?Brad Carton?



4. Alex Argenta ha scritto:

30 giugno 2009 alle 20:10

A quanto pare si :-((



5. Cristina ha scritto:

5 luglio 2009 alle 14:39

Bellissimo articolo, professionale sono in attesa del prossimo articolo.



6. fyve21 ha scritto:

5 luglio 2009 alle 18:46

Sono molto triste alla notizia della chiusura di Sentieri…Non si spegne un programma qualsiasi. Si spegne la mamma di tutte le soap opera. Si spegne il programma più longevo della storia delle tv mondiali. Si chiude un pezzo di storia…



[...] soap operas statunitensi stanno morendo (ne discutevamo pochi giorni fa). Ma, nonostante questa lenta agonia, che, in alcuni casi, ha avuto degli esiti mortali (leggasi [...]



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.