11
maggio

DONATELLA BIANCHI A DM: “MI PIACEREBBE ESTENDERE LINEABLU SUI CANALI DIGITALI RAI”

Donatella Bianchi

Una nave, La Signora del Vento, per la “Signora del Mare”. Donatella Bianchi ha scelto un suggestivo veliero per presentare la nuova edizione di Lineablu e, durante una minicrociera partita da Civitavecchia, ha svelato le novità del programma di Rai1 dedicato al mare da amare e arrivato ormai alla sua diciannovesima edizione. Capitana della nave dal 1994 quando venne chiamata ad affiancare Puccio Corona, la Bianchi negli anni ha saputo diventare il simbolo del programma, navigando in lungo e in largo gli 8000 chilometri della penisola italiana bagnati dal mare. Dopo 524 puntate, 350 località visitate e 150 specie di pesci incontrate, il viaggio di Lineablu riparte sabato 9 giugno alle 14 su Rai1.

19 edizioni sono tante. Cosa rende a tuo avviso così longevo un programma come Lineablu?

Secondo me Lineablu piace perché noi siamo stati i primi in Italia ad aver avuto il coraggio di parlare di mare, di raccontarlo in tutte le sue sfaccettature. Ormai Lineablu è un appuntamento fisso, il pubblico attende la bella stagione per poter viaggiare insieme a noi. Inoltre voglio sottolineare che si tratta di una trasmissione interamente realizzata con risorse interne della Rai. Il nostro è un format che appartiene all’azienda e che è autoprodotto e questo, in un momento di crisi come quello che stiamo vivendo, per me è motivo di vanto.

Fra l’altro il vostro è un programma che, grazie alle convenzioni, costa pochissimo…

Ci tengo a sottolineare che Lineablu in pratica è a costo zero. Ci avvaliamo infatti della collaborazione del Ministero delle Politiche Agricole-Direzione Generale della Pesca, riuscendo in questo modo a portare ulteriori risorse in azienda.

Cosa dovremo aspettarci in questa nuova serie?

Saranno 28 puntate in cui esploreremo tante località minori che finora hanno avuto poca visibilità. Ci sarà ampio spazio per un viaggio nel Mediterraneo mentre nella prima puntata andremo in Sardegna e partiremo da Carloforte, l’unico centro abitato dell’Isola di San Pietro, nota per la pesca e la lavorazione del tonno.

Oltre al turismo ci sarà spazio anche per l’attualità?

Il nostro è un programma che racconta il mare a 360 gradi, senza censure o omissioni. Nella puntata dedicata all’Isola del Giglio torneremo inevitabilmente a parlare del naufragio della Costa Concordia. Così come torneremo a Lampedusa, raccontando l’isola per le sue bellezze e per il coraggio dei suoi abitanti che ogni anno hanno a che fare con il delicatissimo tema degli sbarchi dei clandestini.

Anni e anni passati a navigare come un vero capitano. C’è stato un momento in cui il mare ti ha fatto davvero paura?

Con gli anni abbiamo imparato a conoscere il mare e ad essere prudenti. Una volta però, in una delle prime edizioni, nel 1996 in Calabria siamo usciti con un peschereccio che doveva salpare le nasse. Nonostante il mare fosse impraticabile uscimmo comunque, una motovedetta della Guardia Costiera ci venne appresso intimandoci più volte di rientrare perché la situazione era davvero critica. Non dimenticherò mai quel momento. Pensa che in 19 edizioni, con la pioggia, il vento, il mare grosso, non abbiamo mai bucato una puntata, portando sempre a casa i servizi che siamo andati a girare. Su quella barca però capii che ci deve essere un limite oltre il quale non bisogna andare, bisogna fermarsi prima perché col mare non si gioca.

Dal 1994 sei alla guida dello stesso programma, non ti piacerebbe sperimentare qualcosa di nuovo?

E come faccio? Ormai sono in trappola, una piacevolissima trappola in cui, dopo 19 edizioni, mi sento a casa. Certo ho dovuto crescere i miei figli raccontando loro che ogni edizione sarebbe stata l’ultima. Pensa che sono mancata alla cresima di mia figlia perché ero in diretta dal Salone Nautico e quest’anno lavorerò anche il giorno del compleanno di mio figlio. La mia famiglia però ormai sa che questo programma è parte di me ed io negli anni ho dimostrato che è possibile fare questo lavoro anche essendo donne, avendo dei figli ed una propria vita privata. È difficilissimo dover conciliare tutto ma la mia esperienza dimostra che non è impossibile.

Siete leader nella fascia oraria del sabato pomeriggio estivo. Certo è che con il materiale che girate poteste realizzare altre produzioni per gli appassionati di Lineablu da mandare in onda durante l’anno, ad esempio su qualche canale digitale della Rai..

Non hai idea di quanto materiale c’è nel nostro archivio, filmati, anche inediti, che potrebbero essere “spalmati” in strisce quotidiane o piccoli “best of”.  Credo che potrebbe essere un’idea funzionale sia per il pubblico che per l’azienda, però non sono io a prendere queste decisioni..

Però diciamo che ti piacerebbe espandere Lineablu?

Certo che si!

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


donatella bianchi linea blu
Linea Blu: Donatella Bianchi riparte dai luoghi di Makari


Donatella Bianchi
LINEA BLU: AL VIA CON DUE MESI DI ANTICIPO LA VENTIDUESIMA STAGIONE


Linea Blu, Donatella Bianchi e Fabio Gallo
LINEA BLU: LA VENTUNESIMA EDIZIONE SBARCA IN RADIO E PUNTA SUL WEB


Linea Blu
LINEA BLU: AL VIA QUESTO POMERIGGIO LA 18^ STAGIONE

11 Commenti dei lettori »

1. wilma n. ha scritto:

11 maggio 2012 alle 11:59

se lo meriterebbe perchè è brava, brava, bravissima, una delle meglio conduttrici rai.



2. Giuseppe ha scritto:

11 maggio 2012 alle 12:00

Linea Blu è così longevo anche perchè è condotto molto bene da Donatella Bianchi.



3. Davide Maggio ha scritto:

11 maggio 2012 alle 12:03

Programma fantastico.



4. lele ha scritto:

11 maggio 2012 alle 12:30

oddio programma magnifico. Le pillole le metteri prima di vita in diretta, per ridurre lo squallore del pomeriggio della prima rete.



5. Fafo1970 ha scritto:

11 maggio 2012 alle 12:36

bel programma fatto con professionalita’ e cura…ovviamente se ne parla tropo poco..lei poi gira dei posti da sogno….



6. La Zanzara ha scritto:

11 maggio 2012 alle 13:12

Oltre a celebrare il programma un complimento speciale va alla sua conduttrice e al gruppo degli autori. Un programma pulito e onesto che rimane il protagonista assoluto grazie alla professionalità di Donatella Bianchi che quasi si eclissa dando prova di grande umiltà. Quando uno si trova al posto giusto e ha gli strumenti per starci non ha bisogno di mettere su teatrini per dimostrare il suo valore. Onore al merito!



7. Domenico Marocchi ha scritto:

11 maggio 2012 alle 13:21

A mio avviso il programma ha più magia di Linea Verde, che negli anni ha perso smalto. Donatella poi è bravissima



8. euforione ha scritto:

11 maggio 2012 alle 13:34

Linea Blu è una vera meraviglia, un mix perfetto di immagini ed atmosfere e la Bianchi è una grande professionista, insostituibile in quel contesto. E le musiche, che magìa!



9. wilma n. ha scritto:

11 maggio 2012 alle 14:09

tutto vero quello che scrive la zanzara, una vera professinista mette il programma al primo posto e non se stessa, peccato che dai telespettatori di oggi non viene piú valutato.



10. andrea ha scritto:

11 maggio 2012 alle 14:45

una serie di prime serate no?? Se ci vediamo italia coast2coast che fa il 3 per cento….lineablu farebbe il 18-20. Non credete?



11. limone ha scritto:

14 maggio 2012 alle 17:04

Quando mi chiedono quale sarebbe stato il mio lavoro ideale rispondo “la conduttrice di Linea Blu” … :-) …. quanto la invidio! Bonariamente, si intende …
Ogni volta che posso la guardo, lei è bravissima e il programma è meraviglioso, e soprattutto ha il merito di farci “esplorare” virtualmente le meraviglie infinite e spesso sconosciute delle coste italiane. Io ancoro non mi capacito che ci sia gente che va alle Maldive o alle Seychelles e poi non ha mai visto il mare del Salento, o le isole Tremiti, o gli arcipelaghi siciliani, o l’isola del Giglio …



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.