9
maggio

ADEM LJAJIC CONTRO DELIO ROSSI: “M’HA DETTO ‘TI VOGLIO AMMAZZARE’, IO NON HO DETTO NIENTE DI BRUTTO”

Adem Ljajic a ViolaChannel

“Prima di tutto volevo chiedere scusa a tutti i tifosi della Fiorentina, a tutta la società, ai miei compagni per quello che è successo”.

Riparte dalle scuse il calciatore serbo Adem Ljajic, protagonista una settimana fa dello spiacevole scontro con l’allenatore Delio Rossi (qui il video) durante la partita Fiorentina – Novara di Serie A, che è costato al tecnico viola l’immediato esonero dalla panchina toscana. Lo fa attraverso le telecamere di ViolaChannel, cercando di spiegare cosa è successo dall’istante in cui rivolge al ct l’applauso ironico per la sostituzione alla sfuriata violenta di Rossi:

E’ successa una cosa brutta, sicuro. Dopo trenta minuti sono uscito e ho fatto un gesto, secondo me, non bello. Ho applaudito e ho detto: ‘Sei un grande mister, bravo così’ [...] Lui m’ha detto delle parole brutte. Prima di tutto che sono stronzo, ‘ti voglio ammazzare’. Poi sicuro io ho detto qualcosa anche in serbo, però dopo che lui ha provato a darmi le botte. Prima io non ho detto niente, niente di brutto”.

Ljajic conferma che lo scontro (verbale, almeno così dice) è poi proseguito anche negli spogliatoi, durante l’intervallo della partita. Ma ci tiene a precisare di non aver rivolto nessuna offesa alla famiglia dell’allenatore, mentre si è molto preoccupato per la sua; i genitori, infatti, alla visione delle immagini, sono subito partiti in macchina dalla Serbia per raggiungere Firenze, preoccupati di tutto ciò che, in poche ore, aveva già fatto il giro del mondo:

Mi sono calmato ora, sono passati un pò di giorni. Per me è molto difficile questo, per la mia famiglia perchè guardano queste foto, guardano questi video”.

Il calciatore, sospeso dagli allenamenti, ringrazia i compagni di squadra che gli sono stati vicini e spera che Firenze e la Fiorentina siano ancora il suo futuro. Dopo le vacanze se ne discuterà.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


rossi prende a pugni ljajic
CAOS FIORENTINA: DELIO ROSSI PRENDE A PUGNI LJAJIC. ESONERATO! (VIDEO)


tg1
Tg1: accesa lite tra il direttore Carboni e il vice


Cristiano Ronaldo, Portogallo
Euro 2020: quattro match in chiaro sulle reti Mediaset. Su Rai1 gioca l’Italia


Maratona Mentana, botte in diretta
Maratona Mentana: botte in diretta dietro all’inviato di La7 – Video

7 Commenti dei lettori »

1. tania ha scritto:

9 maggio 2012 alle 19:37

Caro Adem non ti credo.Punto!



2. paolaok ha scritto:

9 maggio 2012 alle 20:02

Manco io gli credo… Ha ragione Caressa, i giocatori come lui, giovani e con tanti soldi devono stare attenti a quello che fanno… con il Paese messo male come il nostro non vengono perdonati certi atteggiamenti da sbruffone… per me questa è una mossa per calmare gli animi…



3. La Zanzara ha scritto:

9 maggio 2012 alle 20:37

Fabbretti sei stato bravo! Complimenti per lo stile asettico e per aver dato modo al lettore di avere l’ultima parola! La tua penna non condanna e non assove: la cosa migliore in questi casi!



4. tinina ha scritto:

9 maggio 2012 alle 21:14

Non credo proprio che Delio Rossi (che non si può certo definire persona violenta e attaccabrighe) gli si sia scagliato contro senza motivo. Caro Ljajic, secondo me avresti dovuto continuare a startene zitto perché la pezza che hai messo è peggio dello strappo!!!!



5. Emy ha scritto:

9 maggio 2012 alle 22:11

Non credo neanche io al giocatore.Tra l’altro sul web circola la notizia che il giocatore avrebbe offeso pesantemente il figlio dell’allenatore,il quale sarebbe,a detta di tale voce, diversamente abile.
Io non giustifico la violenza,Delio Rossi si è ampiamente scusato,ha ammesso le sue colpe ed ha accettato senza obiezioni la pena conseguente alle sue azioni.
Io ho seguito in parte la storia professionale di Delio Rossi,ha allenato la mia squadra del cuore e qui da noi ha lasciato un ottimo ricordo,sia per le sue capacità tecniche che per quelle umane,ed è tuttora ampiamente rimpianto!!
Non ho mai visto da parte sua un gesto scomposto,nè sentito una parola irrispettosa verso qualcuno.Credo che per reagire così di istinto,il giocatore abbia veramente detto qualcosa di veramente grave verso un suo familiare,che sia il figlio o la madre.Certo che se fosse vera la voce che circola sul web,il giocatore viola dovrebbe andare a nascondersi e con tutta sincerità vi dico che se qualcuno avesse detto una cosa del genere su mio figlio diversamente abile,anch’io avrei avuto fatica a trattenere le mani,pur condannando il gesto ed assumendomi le mie responsabilità.
Comunque sia andata,Delio Rossi sta giustamente pagando ma Ljajic per me rimane un ragazzetto irrispettoso ed ineducato che dovrebbe essere adeguatamente punito dalla sua squadra



6. tinina ha scritto:

10 maggio 2012 alle 09:31

Emy

Sembra che questa storia del figlio disabile non sia vera.



7. Emy ha scritto:

10 maggio 2012 alle 17:21

@tinina:Ah allora sono incappata in una delle solite bufale che girano via internet!!!Grazie per la precisazione!Ciò comunque non cambia l’opinione che mi sono fatta sul caso.Sicuramente il giocatore viola avrà detto qualcosa di gravissimo ai danni della famiglia di un allenatore, che finora si è sempre dimostrato mite e perbene,per farlo reagire in un modo così istintivo!!Delio Rossi,ribadisco,sta giustamente pagando per il gesto violento e sconsiderato,ma il giocatore viola che fin dal momento della sostituzione si è mostrato maleducato e arrogante deve passarla liscia?Una punizione,anche di piccola entità , avrebbe un valore dimostrativo ed anche educativo per tutti i ragazzini che seguono il calcio.E lui farebbe maggiore figura ad ammettere le sue colpe piuttosto che cercare di giustificarsi maldestramente e tentare di passare per vittima innocente!!!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.