30
aprile

UNA GRANDE FAMIGLIA: I RENGONI IPOTECANO LA VILLA. INTANTO TRA CHIARA E RAOUL…

Una Grande Famiglia

Una Grande Famiglia, divisa tra grandi amori e grandi problemi, in grado di realizzare in ogni puntata grandi ascolti. Tutto sembra quadrare perfettamente nella serie di Rai1 prodotta da Magnolia Fiction e diretta da Riccardo Milani. Le vicende del nutrito clan capitanato da Stefania Sandrelli e Gianni Cavina, appassionano, infatti, ogni lunedì sera una media di oltre 7 milioni di spettatori. Un successo non da poco, che fanno di Una Grande Famiglia, una delle serie più seguite della stagione.

Nell’attesissimo quarto appuntamento, in onda questa sera alle 21,10, i conflitti fra i membri della famiglia sembrano inasprirsi ancor di più: Stefano (Primo Reggiani), furioso con i genitori e i fratelli per avergli tenuto nascosta la verità sull’incidente, rassegna le dimissioni dall’azienda e torna a lavorare come team manager di una scuderia di auto.

I Rengoni, intanto, sono scossi da un’intervista che Ernesto (Gianni Cavina) ha rilasciato a un giornale, in cui afferma di nutrire seri dubbi sulla morte di Edoardo (Alessandro Gassman). La notizia lascia tutti perplessi, non solo in famiglia ma anche in fabbrica, dove è ormai di dominio pubblico che i debiti contratti sono ingenti.

Le indagini sulla sparizione di Edoardo, portano finalmente al ritrovamento del cadavere. Ernesto, nonostante il riconoscimento della salma, chiede un ulteriore test del DNA per scongiurare anche l’ultimo dubbio. Ora che il marito non c’è più, Chiara (Stefania Rocca) chiede al suocero di poter lavorare alla fabbrica: è il momento di rendersi utile e indipendente. Sua figlia Valentina (Rosabell Laurenti), invece, sembra non avere reazioni alla morte del padre.

Quando però, nel corso di una serata in discoteca, viene molestata da un ragazzo e portata in salvo dal compagno di classe Pierluigi, Valentina ha una crisi di pianto e, rientrata alla villa, crolla tra le braccia della madre. È l’occasione per scusarsi del pessimo comportamento degli ultimi mesi. Il rapporto tra Nicolò (Luca Peracino) e sua madre Laura (Sonia Bergamasco), invece, non accenna a migliorare: il ragazzo ha deciso di lasciare la scuola e trasferirsi a Villa Rengoni. Chiara si offre di aiutare Raoul (Giorgio Marchesi) nella scelta di un regalo per il compleanno di Martina (Valentina Cervi). L’uomo, confuso per i suoi sentimenti, inizialmente la respinge, ma poi finisce per fare l’amore con lei. C’è un altro Rengoni che fa l’amore senza pensare alle conseguenze: è Nicoletta (Sarah Felberbaum) che, furiosa con Vittorio per l’ennesimo appuntamento cancellato, si abbandona alle avances di Ruggero.

Ernesto intanto, comunica a Eleonora (Stefania Sandrelli) di aver ipotecato la villa di famiglia. La donna si dimostra molto dispiaciuta e accusa di presunzione il marito. Ma le speranze di Ernesto di riuscire a salvare la fabbrica si sommano alla delusione per le sorti di Edoardo. L’esito dell’esame del DNA conferma ciò che tutti temevano: il corpo rinvenuto è quello del primogenito. Il sogno di rivederlo vivo è ormai svanito. Solo Tino (Filippo De Paulis), complici gli strani movimenti notturni nel parco della villa, sembra non aver perso ancora le speranze.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Manuel Amati e Giulia Paolella
La Pupa e Il Secchione e Viceversa 2021, anticipazioni quarta puntata: arriva il forziere per permettere a chi vuole di cambiare partner. Ospiti Luxuria e Mark The Hammer


Carlotta Dell'Isola - Temptation Island 8
Temptation Island 8, anticipazioni quarta puntata: Carlotta non vuole più vedere Nello, Salvo dice qualcosa di ‘esterno al programma’ su Francesca


Andrea Battistelli - Temptation Island 2020
Temptation Island 2020, anticipazioni quarta puntata: nuovo falò in arrivo?


Doc - Nelle tue Mani
Doc – Nelle tue Mani: anticipazioni quarta puntata di giovedì 16 aprile 2020

7 Commenti dei lettori »

1. chi si rivede... ha scritto:

1 maggio 2012 alle 00:02

Guardando un pò delle 3 rose di eva ho notato una differenza abissale tra le due serie: la grande famiglia buona scrittura otttima recitazione ecc… le 3 rose di eva non capisco perchè la trama sia così contorta e complessa.



2. viktor ha scritto:

1 maggio 2012 alle 00:45

Non sono d’accordo.
Non c’è dubbio che la fiction di Rai 1 abbia una trama piuttosto semplice da comprendere ma comunque ‘appetibile’ dai telespettatori, ma di certo Le tre rose di Eva non hanno una trama da ‘Lost’.. altrimenti il pubblico di c5 l’avrebbe gia abbandonata come fiction. E’ un po’ + articolata ma semplice comunque da seguire.



3. Laura ha scritto:

1 maggio 2012 alle 01:07

Credo che il problema de Le Tre Rose di Eva non sia tanto un fatto di trama(sono fiction, gli intrecci sono inevitabili!) quanto un problema di cast. In Una Grande Famiglia cast, regia e sceneggiatura sono decisamente più di qualità, in particolare fra gli attori apprezzo molto Gianni Cavina, mentre per Le Tre Rose di Eva le ambientazioni sono decisamente spettacolari(o almeno io adoro la campagna toscana!), l’intreccio di sceneggiatura c’è…ma il cast è decisamente più debole, molti bei figoni ma espressività e pathos quasi zero, recitano sussurrando e ansimando…Farnesi ha sempre la stessa faccia…diciamo che sembrano tutti appena scesi dal trono della De Filippi!

Comunque Una Grande Famiglia mi piace parecchio:-) !!!



4. chi si rivede ha scritto:

1 maggio 2012 alle 12:31

mi accodo a laura in merito al cast di 3rose, inoltre mediaset ha fatto una furbata il mandarlo di mercoledì per “blindare” ascolti…
cosa che non ha fatto con CentoVetrine.
le fiction mediaset dopo il bello delle donne non sono riuscite a non essere più aderenti alla realtà. ammetto di aver visto solo scorci di puntate di 3rose… ma a me è bastato vedere quel poco con la pitagora “grandissima come sempre” per capire come il resto mediocratizza il poco di professionalità.
da rivedere la scena tra la Sandrelli e la Rocca nell’anticamera dell’obitorio… un esempio ” a mio modesto parere” di pathos quasi cinematografico.



5. chi si rivede ha scritto:

1 maggio 2012 alle 12:33

ps: ho citato il bello delle donne per dire che le mediasetfiction dopo quella serie sono cambiate in “peggio”….



6. Laura ha scritto:

2 maggio 2012 alle 00:30

Si, concordo, le fiction Mediaset, con l’eccezione delle produzioni TaoDue, sono peggiorate anche e soprattutto per i cast scadenti che vengono scritturati. Il Bello delle Donne è stata l’ultima fiction “giallo/rosa” di una certa qualità, poi più niente. Hanno iniziato a propinare i “polpettoni” indigesti con Garko e l’Arcuri(quelli di Losito…l’Onore e il Rispetto,Il Peccato e la Vergogna,La Rava e la Fava…), esempi indiscussi di figaggine ma assolutamente incapaci a recitare, con bravi attori(come Paola Pitagora ne le Tre Rose)magari reclutate per ruoli di contorno.
Altro discorso per le fiction della TaoDue, che trovo ben curate e soprattutto con buoni cast. Ho seguito Distretto di Polizia fino a che non è diventato una cosa stiracchiata(bene hanno fatto a chiuderlo, le prime serie erano un’altra cosa), aspetto la nuova serie di RIS, che mi piace sempre e ora sto seguendo anche Benvenuti a Tavola, trama semplice e leggera, ma aver scelto un cast di ottimi attori, Bentivoglio e Tirabassi in testa, fa la differenza e rende godibilissima la fiction.

Comunque Una Grande Famiglia mi piace molto. Si vede che, oltre al cast scelto con cura, alla sceneggiatura han messo mano Ivan Cotroneo e il gruppo di Tutti Pazzi per Amore e che alla regia c’è Riccardo Milani.



7. Giorgio80 ha scritto:

3 maggio 2012 alle 17:19

Il Bello delle Donne resta anche per me la una delle fiction migliori degli ultimi anni e a volte sarei spinto dal desiderio di una nuova stagione… Anche se mi rendo conto che certi attori sono spariti, altri avevano già lasciato la serie in corsa e comunque ormai e’ cambiato ancora il modo di girare. Comunque vi faccio notare che Il Bello e’ stato scritto da Losito e vi invito a smettere con queste critiche a Garko!!! Personalmente lo trovo bravo e sono pronto a scommettere che non avete seguito bene nessuna delle fiction sue..



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.