21
marzo

FRATELLO MAGGIORE: CLEMENTE RUSSO FA L’EDUCATORE DEGLI ADOLESCENTI DIFFICILI

Fratello Maggiore

Italia 1 ci riprova, stavolta con Fratello Maggiore. Missione quasi impossibile quella di trovare format nuovi che riescano a conquistare in brevissimo tempo il target più specifico della rete giovane, preso dai mille canali di intrattenimento e dalla foga di avere contenuti brillanti, veloci e comodamente fruibili. Per il nuovo esperimento, in onda stasera in prime time, la rete di Tiraboschi bussa alle porte di Magnolia.

La linea per questo nuovo programma, tratto da un format francese di grande successo, è ancora sospesa tra il giovanilismo e il sociologico. Abbandonato il focus trash antropologico sui tamarri della Penisola l’obiettivo si fa più serio: un programma verità sul rapporto sempre più complicato tra i genitori e i figli adolescenti, la generazione internauta che tutto sa e che tutto può, o almeno crede.

Nessun sociologo o psicoterapeuta come protagonista ma il pugile Clemente Russo: trattandosi di un format non tanto da condurre quanto da guidare la scelta è caduto sul campione italiano che conosce molto da vicino alcune realtà della strada. Sarà il fratello maggiore dei ragazzi proprio per il suo profilo umano, da lui stesso ricostruito alla vigilia del debutto:

”Sono nato e cresciuto in periferia dove tutto è più difficile. Anche io come tanti giovani ho avuto una vita al limite. Solo grazie alla disciplina e al rispetto delle regole, ho raggiunto risultati importanti ma non ho mai dimenticato il mio passato. Metterò la mia esperienza al servizio dei ragazzi, vivrò con loro per aiutarli a ritrovare se stessi e a superare gli ostacoli della vita. Combattere non mi spaventa.”

Il rischio è di trovare una realtà che non abbia i contorni più naturali a causa del filtro della telecamera. Questione che giù quindici anni fa aveva creato problemi alla versione talk di Amici che tanto puntava sulla risoluzione dei problemi intergenerazionali. Il problema della verità come questione centrale, dunque, più che mai.

L’obiettivo di partenza è il realismo più crudo ed asciutto possibile: si gioca proprio su quel campo l’efficacia della narrazione e il successo del programma, ancor prima di ogni eventuale valutazione sul gradimento del pubblico, sull’incisività di un tale approccio, pedagogico ma irrituale, nel mondo televisivo attuale.

Di seguito un focus sulle storie che vedremo stasera:

La prima storia è quella di Fabrizio Viale che ha 18 anni e vive a Cuneo con la famiglia: la madre Angelica, il suo compagno Davide e il fratello minore Stefano, nato da questa seconda relazione. Fabrizio è un ragazzo problematico, si sente tradito dalla madre perché si è risposata. Non riconosce l’autorità del patrigno e ha un pessimo rapporto con il fratello minore Stefano che considera il preferito dai genitori. Il secondo racconto vede protagonista Rebecca, 19 anni di Meda in provincia di Milano. Rebecca vive con la madre Sonia, imprenditrice molto impegnata. I suoi genitori si sono separati quando lei aveva 5 anni. E’ una ragazza ribelle, in perenne conflitto con la madre. Far soldi e apparire sono per lei i valori fondamentali della vita. La sua ambizione è entrare a far parte del mondo dello spettacolo ma pensa di riuscirci percorrendo scorciatoie e senza studiare.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


mammoni, palinsesti Italia1
FRATELLO MAGGIORE, MAMMONI E I CLASSICI BY COLORADO NELLA PRIMAVERA DI ITALIA 1


perego-parliamone sabato
La stagione degli «scandali»


Barbara D'Urso, vestito
Domenica Live: il ritorno in tv di Clemente Russo


Russo_Renzi
MATRIX, IL MINISTRO ORLANDO SU CLEMENTE RUSSO: “DOVEVO DIRE AI CITTADINI CHE LA POLIZIA PENITENZIARIA NON COINCIDE CON QUELL’IMMAGINE”

16 Commenti dei lettori »

1. Peppe93 ha scritto:

21 marzo 2012 alle 15:56

Vedrò il programma anche se questo genere non mi entusiasma.



2. lu85 ha scritto:

21 marzo 2012 alle 15:59

Potrebbe essere forte come programma. In Francia e Spagna fa strage di ascolti. Stasera penso di seguirlo, anche perché non c’è nient’altro.
Io, per quanto mi riguarda, invece di spendere soldi per 1000000 programmi low-cost, li terrei da parte per una nuova edizione della talpa. Poi, son scelte. ;)



3. Barbara ha scritto:

21 marzo 2012 alle 16:04

Ma nessuno si è accorto che ieri il film su canale5 è stato trasmesso in lingua originale anzichè italiano?



4. Nina ha scritto:

21 marzo 2012 alle 16:10

@Barbara: a me pare di no, non è che hai impostato qualcosa con il telecomando?



5. luke ha scritto:

21 marzo 2012 alle 16:49

sarà un flop colossale!
Ma quante puntate sono previste?



6. Gabriele90 ha scritto:

21 marzo 2012 alle 16:49

Mi sembra una cosa tanto montata….. Quale adolescente va a chiamare clemente russo se ha dei problemi? Bo… Non parlo senza aver ancora guardato ma mi puzza di recitato…



7. Barbara ha scritto:

21 marzo 2012 alle 18:11

..ma dici? la pubblicità era in italiano e il film in inglese.. ti pare possibile? Se così fosse sono rintronata perchè proprio pensavo fosse un errore di Mediaset.. manco ho badato al telecomando, non sapevo nemmeno si potesse..



8. Vince ha scritto:

21 marzo 2012 alle 18:25

Il programma si candida involontariamene a diventare il gay-cult della stagione!
:-)



9. Francesca ha scritto:

21 marzo 2012 alle 19:01

sono curiosa… cmq stavo guardando the money drop, gerry ha chiesto quale costellazione nn esistesse tra qll del gatto della lucertola e della giraffa… guardando su internet a qnt pare esistono tt e tre…



10. Ale ha scritto:

21 marzo 2012 alle 21:34

E’ tutta una sceneggiata come Al posto tuo della D’eusanio



11. Alessandro ha scritto:

21 marzo 2012 alle 22:01

Scandaloso!!!

Programma anti-educativo, pieno d’incoerenze e contraddizioni. Russo dice che con la violenza non si ottiene nulla, ma poi è un continuo usarla (piombanbo a casa all’improvviso, con la postura del corpo e il tono della voce, sequestrando i beni, portando qua e là il ragazzo contro-voglia,…).

Scandaloso che un programma così sia visto da milioni di persone e passi come il Metodo educativo per “gestire” un ragazzo difficile.



12. fabio ha scritto:

21 marzo 2012 alle 22:37

BRRAVO CAMPIONE,COMPLIMENTI COMPLIMENTI COMPLIMENTI
ERA ORA CHE LE NOSTRE TV POSSONO DARE UN ESEMPIO,CHE LA VITA DI TANTI RAGAZZI,HA UNA POSIBILITA DI MIGLORARE , CHON QUESTO DIMOSTRI A TANTI RAGAZZI CHE NON E MAI TARDI A TORNARE NELA STRADA GIUSTA.
-MI RACCOMANDI CONTINUI NON ZMETERE.



13. Gabriele90 ha scritto:

21 marzo 2012 alle 23:18

Non gli sopporto sti docu-reality che di realtà non hanno nulla…. Ma pensavo veramente che la gente è stupida? Bha….



14. ste ha scritto:

22 marzo 2012 alle 09:04

guarda che avrai impostato male il decoder… avrai lasciato la lingua inglese come linguaggio principale invece di mettere quella italiana… e quando ci sono i film trasmessi con la lingua originale, il decoder te lo fa sentire in inglese… mentre nelle pubblicità ovviamente non può che farti sentire l’italiano… controlla bene le impostazioni…



15. MisterGrr ha scritto:

22 marzo 2012 alle 10:04

E’ recitato davvero male. Hanno molto da imparare.



16. Fil ha scritto:

22 marzo 2012 alle 10:46

@barbara: con il digitale terrestre ad alcuni film puoi selezionare la lingua. È ovvio che la pubblicità era in italiano!!
Vedi nelle impostazioni del TV, dovrebbe esserci una sezione dove puoi impostare lingua, sottotitoli, ecc.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.