11
marzo

COSMO: BARBARA SERRA RIPARTE DAL GIOCO D’AZZARDO

Barbara Serra

Forte dei consensi di pubblico ottenuti con la prima stagione, in grado di toccare l’11% di share, ritorna, questa sera in seconda serata alle 23,30 su Rai3, Cosmo, il programma scientifico di Gregorio Paolini condotto da Barbara Serra. La giornalista italiana, già volto della BBC, Sky News, e conduttrice di Al Jazeera English, si dichiara entusiasta di ripetere l’esperienza lavorativa in Rai.

“Sono molto contenta di ritornare su Rai3 con un programma scientifico. A Cosmo gli ospiti non vengono per litigare ma per farci capire meglio le cose. Le opinioni sono ovviamente diverse ma non ci interessa lo scontro verbale. Vorremmo che chi ci segue potesse scoprire qualcosa che non sapeva prima”

Ad affiancare Barbara Serra tre inviati, le giornaliste scientifiche Elisabetta Curzel e Alessandra Viola e il giovane astrofisico Amedeo Balbi. Nello studio, completamente rinnovato e ancora più tecnologico rispetto al passato, si alterneranno numerosi ospiti, con i quali approfondire i temi di ogni puntata. Un viaggio tra passato, presente e futuro, nel quale si cercherà di entrare in contatto con le realtà più interessanti e meno conosciute del nostro Pianeta. Trai tanti temi trattati, il gioco e l’economia, il crimine e la tecnologia, il sesso e la psicologia, le scorie nucleari e Fukushima, la scienza e il razzismo, il futuro dei bambini, i rifiuti e la ricchezza. 

Nel programma prodotto da Rai3 in collaborazione con Hangar, scritto da Simonetta Martone, Daniel Visintin, Paolo Malizia, Enrico Menduni, con Luca Di Ciaccio e la stessa Serra, non mancheranno come lo scorso anno i documentari, girati interamente in alta definizione da un gruppo di giovani registi.

In questo primo appuntamento si parlerà di giochi ed economia. Nei periodi di crisi economica si gioca di più: i cittadini per cercare la fortuna e gli Stati per ripianare i propri bilanci. Ma cosa ci spinge a rischiare? Il gioco può diventare una malattia? E la matematica e la statistica possono davvero aiutarci a vincere? Elisabetta Curzel è andata a Las Vegas e Atlantic City, vere capitali del gioco d’azzardo per famiglie, ma si è anche recata nel benestante nord-est che sente i colpi della crisi economica seguendo gli italiani che vanno a investire i propri risparmi nei casinò di Nova Gorica. Alessandra Viola è andata a Lecce, a visitare i capannoni di una delle più grandi fabbriche di slot machine in Italia, riuscendo a vedere come sono fatte  dentro. L’inviato Amedeo Balbi, giovane astrofisico, si è invece sottoposto nei laboratori dell’università di Pisa alla risonanza magnetica, per capire come reagiscono le persone di fronte a una roulette o una slot machine, e perché alcuni non riescono più a fermarsi.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Cosmo, Rai3 Barbara Serra
COSMO: BARBARA SERRA SU RAI 3 PER “INDAGARE SUL PASSATO E SCOPRIRE IL FUTURO”


Belen Rodriguez - Italia1 Come mi vorrei
COME MI VORREI E LA PETIZIONE PER LA CHIUSURA. TIRABOSCHI: “SICCOME C’E’ BELEN SCATTA LA POLEMICA”. BARBARA SERRA SUGGERISCE DI BOICOTTARE GLI SPONSOR


Pagelle cugine william
LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (25/04-1/05): PROMOSSI MICCIO, PARODI E PIPPA. BOCCIATE LA BEGAN E “ANASTASIA E GENOVEFFA”

3 Commenti dei lettori »

1. Markos ha scritto:

11 marzo 2012 alle 18:53

Lo seguiró stasera, bravissima Barbara Serra!



2. Gabriele90 ha scritto:

11 marzo 2012 alle 19:46

La giornalista più competente fra molte… A mio dire



3. Nina ha scritto:

11 marzo 2012 alle 20:21

Donna odiosa, quando andava a Tvtalk parlava dell’Italia come un branco di sottosviluppati minus habes, dall’alto del suo lavoro ad Al Jazeera. Peccato perchè l’argomento è molto interessante al giorno d’oggi.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.