7
marzo

SILVIO BERLUSCONI DA’ FORFAIT, SALTA LO SPECIALE DI PORTA A PORTA

Silvio Berlusconi, Porta a Porta

Narcotizzato dalla sobrietà montiana, Bruno Vespa ha sentito il bisogno di riportare in tv la politica politicante, quella che fino a pochi mesi fa infuocava il dibattito pubblico trasformandolo in un inferno, con una doppietta di appuntamenti in prima serata con Porta a Porta dedicati rispettivamente a Silvio Berlusconi e a Pierluigi Bersani. Ci ha pensato il Pdl a guastare la festa, però.

Il Cavaliere, infatti, non sarà ospite di Vespa perché a giudizio di alcuni maggiorenti del suo partito avrebbe significato una delegittimazione del segretario Angelino Alfano in quanto nelle prossime settimane, nello stesso salotto, verrà ospitato il segretario del Pd Luigi Bersani.  Il forfait è arrivato qualche minuto prima che iniziasse la registrazione e dopo una serie di telefonate notturne per spingere Berlusconi a non partecipare alla trasmissione.

A spiegare meglio la situazione ci pensa lo stesso Bruno Vespa in una nota:

Silvio Berlusconi è rimasto vittima della par condicio. Com’è noto la legge impone l’equilibrio delle presenze tra rappresentanti di forze politiche di peso equivalente. Sappiamo bene che il segretario del Pdl è Angelino Alfano, che era stato nostro ospite di altre due prime serate insieme con politici di segno diverso, ma Berlusconi non aveva mai parlato in televisione dopo le sue dimissioni da palazzo Chigi del 12 novembre e certamente le spiegazioni che solo lui potrebbe dare sarebbero state interessanti. L’ex presidente del Consiglio  mi ha tuttavia spiegato che – dopo le polemiche dei giorni scorsi sul ruolo di Alfano – una sua presenza  in parallelo con il segretario del Pd avrebbe creato sgradevoli equivoci sulla leadership operativa del Pdl che è di Alfano al quale Berlusconi intendeva confermare ancora una volta tutta la sua fiducia. Ho obiettato che seguendo questo criterio Berlusconi non potrà più comparire in televisione e fatto fermamente presenti le difficoltà  in cui ci metteva questa decisione dell’ultima ora [...]“

Il conduttore di Rai 1 fa sapere poi che hanno deciso di non sostituire la prima serata di stasera (andrà in onda un film). Confermato, invece, l’invito per la prima serata del 21 marzo a Pierluigi Bersani.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Bruno Vespa, Porta a Porta
BERLUSCONI: “VESPA SAREBBE IL LEADER MIGLIORE PER IL CENTRODESTRA”. MA IL CONDUTTORE LO GELA


Bruno Vespa
PORTA A PORTA, BRUNO VESPA BLOCCA L’APPLAUSO A BERLUSCONI: NON SIAMO A CHE TEMPO CHE FA


Bruno Vespa e Beppe Grillo, Porta a Porta
BRUNO VESPA, DA ZERBINO A EROE GRAZIE A GRILLO


Vespa, Berlusconi, Contratto con gli italiani 2001
BRUNO VESPA: BERLUSCONI NON E’ FINITO. L’INFORMAZIONE MEDIASET CHE CONTA E’ SEMPRE STATA DI SINISTRA

12 Commenti dei lettori »

1. MisterGrr ha scritto:

7 marzo 2012 alle 12:29

Perché non avrebbe invitato Alfano?



2. MisterGrr ha scritto:

7 marzo 2012 alle 12:33

Simona Ercolani sulla sua pagina facebook, dice che non andrà in onda la puntata di Matador su Vespa…



3. Vincenzo ha scritto:

7 marzo 2012 alle 12:46

Bene bene… salta anche Porta a Porta.

Con Canale5 che fa quel filmaccio del romanzo, stasera c’è il NULLA.

Menomale c’è la Champions, soprattutto il Barça!



4. Matteo ha scritto:

7 marzo 2012 alle 13:57

c’e’ anche chi l’ha visto



5. wilma n. ha scritto:

7 marzo 2012 alle 14:20

si, la par condicio!!!!!!!!



6. Giuseppe ha scritto:

7 marzo 2012 alle 16:19

Relativamente a questa faccenda m’è piaciuto il commento di Bersani su Twitter: «Vespa si tolga dall’imbarazzo, inviti sia Berlusconi che Angelino Alfano. Il 21 dovrei essere ospite di Porta a Porta. Cedo il mio posto». O forse l’ha scritto Crozza?



7. Pippo76 ha scritto:

7 marzo 2012 alle 16:34

Parliamo anche dello scandaloso comportamento di Alfano , degno erede del grande statista, che in maniera inopinata fa saltare un tavolo di lavoro su Rai e Giustizia per presunti problemi interni al partito..
Capisco adesso perchè la gente non voterà più questa gente e questi politici e ad oggi il partito “dei tecnici” che in quale modo stanno lavorando è al 22% nei sondaggi



8. Pippo76 ha scritto:

7 marzo 2012 alle 16:39

La realtà dei fatti è che la par condicio non C’ENTRA NULLA.
Bella nota di Vespa basata su uno stravolgimento dei fatti , diramata per parare il fondoschiena al pdl , ad Alfano ed a Barlusconi stesso
—-
“Berlusconi non va per la situazione politica molto delicata” ammette Osvaldo Napoli del Pdl. “La par condicio non c’entra nulla. Tanto per cambiare è solo un comodo artificio retorico, utilizzato in questo caso da Vespa per tutelare Berlusconi. La cui scelta nulla ha a che fare con la legge del 2000, tirata in causa impropriamente” dice il senatore Pd Vincenzo Vita.



9. lillina ha scritto:

7 marzo 2012 alle 16:50

Molto molto meglio che il Berlu abbia rinunciato, la situazione politica è effettivamente molto delicata e con li suo savoir faire da elefante e le balordaggini su cui da tempo indugia avrebbe fatto solo danni.



10. pippo ha scritto:

7 marzo 2012 alle 20:41

#7: il governo tecnico è stato messo lì per risolvere la crisi economica, non i problemi della rai e della legeg elettorale, visto che monti non è stato eletto democraticamente.



11. Pippo76 ha scritto:

8 marzo 2012 alle 14:35

Infatti non si sarebbe parlato di legge elettorale nel vertice, mentre della Rai si dovrà comunque parlare visto che il Cda è in scadenza



12. pippo ha scritto:

9 marzo 2012 alle 15:16

qualsiasi discussione su rai, giustizia o legge elettorale va fatta nella sede opportuna (il parlamento) e non certo in una riunione privata tra partiti e governo.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.