21
febbraio

A FARI SPENTI NELLA NOTTE: QUESTA SERA SU RAI1 IL FILM TV SULLA DISLESSIA CON GUIDO CAPRINO

A fari spenti nella notte

Questa sera alle 21,10 su Rai1, andrà in onda A fari spenti nella notte, il film tv diretto da Anna Negri con protagonisti Guido Caprino, Francesca Inaudi e Anita Caprioli. Prodotta dalla Ocean production, la fiction affronta il difficile tema della dislessia, ispirandosi liberamente al libro di Ugo Pirro (nome d’arte di Ugo Mattone), Mio figlio non sa leggere. Un’opera dolorosa, nella quale il noto sceneggiatore raccontò l’odissea che lui e il figlio Umberto avevano vissuto in totale solitudine nell’universo di una patologia che all’epoca, spesso, non veniva neppure riconosciuta.

Oggi è proprio Umberto Mattone, quel figlio ex dislessico, insieme alla moglie neurologa Alessandra Murri,  a proporre il soggetto del film la cui sceneggiatura è stata affidata a Giovanna Koch e Fabrizia Midulla. Il tv movie, dalle atmosfere misteriose, racconta la vita di Stefano (Guido Caprino), un ragazzo che, dopo essere caduto dalla moto e aver battuto la testa, non ricorda più nulla del suo passato, neanche il volto della bellissima moglie Antonia (Francesca Inaudi).

La donna a sua volta, si comporta in un modo sempre più strano e sospetto, augurandosi che il marito non recuperi la memoria e rimanga per sempre su una sedia a rotelle. Stefano non prova nulla per lei. Si sente attratto invece da Chiara (Anita Caprioli), una giovane e brillante neurologa, che si prende cura di lui in ospedale: è l’unica di cui si fida. E ne ha motivo: con Chiara, prima dell’incidente ha vissuto un weekend appassionato e romantico, alla fine del quale hanno giurato di non lasciarsi più. Ma lui non lo ricorda e lei ha appena scoperto che Stefano ha una moglie e si sente ingannata.

Dopo alcuni tentennamenti, Chiara rompe gli indugi e rivela a Stefano che si sono amati. Antonia se ne accorge e li separa e quando Chiara chiede aiuto ad un amico poliziotto, Stefano peggiora e tutto sembra precipitare verso una tragedia annunciata. Ma l’amore è più forte: Stefano e Chiara continueranno a lottare e riusciranno  a scoprire il piano di Antonia. Non tutto però è risolto, c’è ancora l’inspiegabile blocco che impedisce a Stefano di guarire e di ricordare. Per spiegarlo e superarlo, Stefano e Chiara dovranno affrontare un lungo e intenso viaggio nel passato.

Il film tv annovera nel cast anche Federico Pacifici, Maria Rosaria OmaggioAlessio Di Clemente, Gaetano Bruno, Pier Luigi Misasi e Achille Brugnini.



Articoli che potrebbero interessarti


Tutti-pazzi-per-amore-3 15
TUTTI PAZZI PER AMORE 3: DAL 6 NOVEMBRE LE NUOVE AVVENTURE SU RAI1


L'affondamento del Laconia 14
L’AFFONDAMENTO DEL LACONIA: LA TRAGEDIA DEL TRANSATLANTICO RIVIVE DOMENICA 2 OTTOBRE SU CANALE 5


Tutti-pazzi-per-amore-3 10
TUTTI PAZZI PER AMORE 3: L’INTERA SERIE SI SVOLGERA’ IN SOLI 26 GIORNI (FOTO)


CODICI televoto AMICI 17
Amici 17: torna la classifica di gradimento. Ecco come votare

4 Commenti dei lettori »

1. mal ha scritto:

21 febbraio 2012 alle 21:02

ma che minchia c’entra la dislessia con la storia raccontata dalla sinossi?



2. xxx ha scritto:

22 febbraio 2012 alle 11:35

“ex dislessico”????
giornalisti ignoranti….la dislessia non passa mai!!!!



3. anna ha scritto:

23 febbraio 2012 alle 19:59

La dislessia ha una cura,mentre l’ignoranza che vedo nei commenti specie in quello dove dice”la dislessia non passa mai”,beh l’ignoranza non ha CURA,senza speranza.



4. Catia ha scritto:

27 febbraio 2012 alle 11:20

E’ vero Anna,
la dislessia non ha una cura perchè non è una malattia.
Esistono ormai fior fior di trattati e testi scientifici sull’argomento.
Come mamma di una bambina dislessica non mi aspetto che questo “piccolo dettaglio” sia conosciuto da chi non vive questa situazione ma sicuramente me l’aspetto innanzitutto dagli addetti ai lavori, insegnanti in primis, e poi da chi in qualche modo svolge un lavoro pubblico, come i giornalisti. Sulla dislessia c’è ancora molta ignoranza!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.