12
febbraio

TESTI FESTIVAL DI SANREMO 2012: SAMUELE BERSANI (UN PALLONE)

Samuele Bersani

Penna originalissima della musica italiana, premio della critica nell’edizione del 2000 Samuele Bersani torna al Festival di Sanremo dopo 12 anni e porta con sé un artista del calibro di Goran Bregovic per un omaggio all’Italia targato Romagna (giovedi), Romagna mia per la precisione. La spalla per la serata del venerdì sarà, invece, Paolo Rossi.

Edizione molto emiliana, o meglio bolognese, quella di quest’anno con Lucio Dalla e lo stesso Bersani a fare compagnia a Gianni Morandi. Se la kermesse musicale sarà generosa con i testi come lo è stata in annate come quelle di Simone Cristicchi e Roberto Vecchioni le possibilità per il cantante del giudizio universale sono davvero alte di ambire al leoncino.

E’ sicuramente il testo con il punto di vista più insolito, il meno solenne e il più frizzante, ma non per questo privo di grandi squarci di intensità d’osservazione. Il brano fa parte dell’album, Psyco, in uscita proprio a ridosso del Festival, in cui Bersani analizza la crisi di un uomo da prospettive quantomeno insolite.

Ecco il testo della canzone:

Un pallone

Un pallone rubato
E’dovuto passare
Dalla noia di un prato all’inglese
A un asfalto che fu Garibaldi a donare,
Dalle scarpe di Messi
Alle scarpe ignoranti,
A una rabbia calciata di punta che
lo
Fa volare più in alto dei santi
Un pallone bloccato
Fra gli uccelli su un tetto
Finge di essere un uovo malato
In attesa soltanto di un colpo di becco
Per poter scivolare
E cadere dal bordo
Basterebbe una semplice pioggia però
Anche il cielo deve esser d’accordo
Ci buole molto coraggio a rotolare
giù
in un contesto vigliacco che non si
muove più
E a mantenere la calma adesso
Per non sentirsi un pallone perso
Ci vuole molto coraggio a ricercare
la
Felicità in un miraggio che presto
svanirà
E a mantenere la calma adesso
Per non sentirsi un pallone perso
Un pallone scappato
Sa rubare la scena
Alle ruote dei camion in mezzo alla
strada
Per caso lo sfiorano appena
Quando gli manca un metro
A una lunga discesa,
Una scheggia di vetro lo ferma perchè
E’ contraria alla libera impresa
Un pallone bucato
Non è più di nessuno
Anzi viene scansato da tutti i bambini
E lasciato a ingiallire nel fumo
Dei rifiuti bruciati
Sotto ai fuochi di agosto
Come se fosse giusto un destino così
Arrivando alla fine di un corso
Ci vuole molto coraggio a rotolare
giù
in un contesto vigliacco che non si
muove più
E a mantenere la calma adesso
Per non sentirsi un pallone perso
Ci vuole molto coraggio a rimanere
qui
in un ambiente malato in cui è sempre
lunedì
E a mantenere la calma adesso
Per non sentirsi un pallone perso
Ci vuole molto coraggio a rotolare
giù
in un contesto vigliacco che non si
muove più
E a mantenere la calma adesso
Per non sentirsi un pallone perso
Ci vuole molto coraggio a ricercare
la felicità
in un miraggio che presto svanirà
E a mantenere la calma adesso
Per non sentirsi un pallone perso

Qui tutti i testi dei big in gara al Festival di Sanremo 2012



Articoli che potrebbero interessarti


Samuele Bersani premio della critica sanremo 2012
FESTIVAL DI SANREMO 2012, SAMUELE BERSANI VINCE IL PREMIO DELLA CRITICA “MIA MARTINI”


dm live base17feb
SANREMO LIVE24: 17 FEBBRAIO 2012. SAMUELE BERSANI E IL PIACERE DELL’ATTESA, MARLENE KUNTZ JUNIOR E LA CAREZZA DI BELEN, SANTORO CONTRO IL FESTIVAL


chiara-civello-
TESTI FESTIVAL DI SANREMO 2012: CHIARA CIVELLO (AL POSTO DEL MONDO)


irene_fornaciari
TESTI FESTIVAL DI SANREMO 2012: IRENE FORNACIARI (GRANDE MISTERO)

3 Commenti dei lettori »

1. ANTONIO1972 ha scritto:

12 febbraio 2012 alle 19:12

speriamo bene. lui non è assolutamente immediato nelle sue canzoni,bisogna ascoltatle a lungo prima di capirle. non cacciatelo,vi prego!



2. nadiap ha scritto:

12 febbraio 2012 alle 19:21

Il testo è molto bello, complimenti!



3. Eva ha scritto:

13 febbraio 2012 alle 01:20

Apprezzo Samuele Bersani da sempre,i suoi testi non sono immediatissimi ma sempre molto intensi e profondi,come questo che mi sembra un’analisi della situazione dell’Italia metaforicamente vista come un pallone…Aspetto di ascoltarla e in caso il mio televoto è suo!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.