10
febbraio

LA TRAGEDIA DELLA NAVE CONCORDIA: QUESTA SERA SU SKYUNO IL DOCUMENTARIO BRITANNICO SULLA CATASTROFE DEL GIGLIO

La tragedia della nave concordia

E’ il momento di far parlare le immagini. Dopo settimane di chiacchiere e di talk show più o meno ridondanti è Skyuno (stasera alle 23) a mostrare un punto di vista diverso sul naufragio della Costa Concordia mandando in onda l’inedito documentario del canale inglese Channel 4 (e seguito da ben 3.400.000 spettatori in terra d’Albione) dal titolo Terror at Sea: The sinking of the Concordia, italianizzato in La tragedia della nave concordia. Dopo aver ascoltato dunque il parere dei vari Vespa, D’Urso, Sottile (si prendano questi nomi a meno titolo esemplificativo, è impossibile citarli tutti) avremo la possibilità di conoscere il modo in cui un Paese estero ha vissuto la notizia e di ascoltare le sue opinioni in proposito.

Punto di forza del documentario sono sicuramente le immagini ad alto impatto emotivo: all’interno della produzione troveremo infatti contributi amatoriali forniti dai passeggeri (molti dei quali inglesi) via smartphone che si alterneranno a quelle già trasmesse dai notiziari in un montaggio che non potrà fare a meno di offrire allo spettatore stati d’animo quali l’inconsapevolezza, il panico e infine la speranza di riuscire a salvarsi.

Channel 4 ha dunque posto in essere un minuzioso lavoro di ricostruzione dei fatti con l’obiettivo di dare un’idea della frenesia a bordo e delle acclarate inadempienze del personale della Concordia, culminate con l’abbandono della nave da parte del Comandante Schettino. Interessante anche la decisione di focalizzare l’attenzione sul racconto di alcune storie individuali come quella di Kristie e Joe, due ragazzi inglesi del corpo di ballo della nave, che decidono di combattere per la propria vita raggiungendo l’isola del Giglio a nuoto con l’unica preoccupazione di non perdere il cellulare.

La tragedia della nave Concordia è soltanto il primo dei documentari realizzati su una delle pagine più nere della storia d’Italia: anche National Geographic Channel ha preparato un instant doc che potremo vedere prossimamente sul canale 403 della piattaforma Sky. In attesa di queste nuove produzioni i non abbonati al pacchetto intrattenimento di Sky potranno seguire il cortometraggio di Channel 4 in replica anche su Sky Tg24 eventi alle 12 di domani e su Cielo alle 22 di domenica.



Articoli che potrebbero interessarti


4 Hotel - Bruno Barbieri
4 Hotel: al via la terza edizione registrata prima del lockdown


Antonino Cannavacciuolo
BOOM! Antonino Cannavacciuolo giudice di Family Food Fight su Sky Uno


X Factor 2019
X Factor riparte con una puntata di Audizioni in meno


Bruno Barbieri, Masseria Le Torri
4 Hotel, Bruno Barbieri di nuovo alla ricerca degli albergatori perfetti

4 Commenti dei lettori »

1. Giuseppe ha scritto:

10 febbraio 2012 alle 18:02

Una cosa è certa: all’estero questa vicenda ha destato molto interesse e risvegliato ben noti, e vecchi, pregiudizi sull’Italia e gli italiani. Spero che questo documentario sia indenne da talii atteggiamenti.



2. Laura ha scritto:

10 febbraio 2012 alle 18:51

Sempre dare la colpa ai soliti perchè non ve la prendete anche Venier e Liorni ?????????????



3. ibud ha scritto:

10 febbraio 2012 alle 20:22

Fra poco ci faranno anche una fiction…
che si fa per un briciolo di ascolto..
Ma Sky non diceva che l’ascolto era l’ultima cosa a cui pensare?
Non si diceva che Sky puntava alla qualita’?
Alla Faccia…



4. Forzaitalia ha scritto:

10 febbraio 2012 alle 20:55

@ibud: te la fai e te la canti
Chi ha detto che sky trasmette questo documentario x gli ascolti? Solo tu!
Sky e sinonimo di qualita’, mi sa che il tuo livello e’ molto basso x non apprezzare



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.