13
febbraio

AUGUSTO DE MEGNI A DM: LA MARCUZZI SI E’ ROTTA LE SCATOLE DI QUELLA STALLA DI MAIALI. CI MANCA SOLO UN CONDUTTORE IN CANOTTIERA CHE RUTTI. ENDEMOL NON SI FA RICATTARE DA UN VENTENNE COME RUDOLF

Augusto De Megni

Sicuramente uno dei personaggi che ha giocato meglio le sue carte all’interno della casa del Grande Fratello concedendo al meccanismo di invadere solo fino ad un certo punto la sua privacy. Niente intrallazzi e scandaletti, al massimo una furbata per sbaragliare il concorrente diretto di allora.  Augusto De Megni, il primo vincitore del Gf incoronato dalla ormai veterana Alessia Marcuzzi, non ha mai nascosto la sua delusione per il cambio di stile del programma. A noi di DM cerca di spiegare il perché.

Com’è cambiata la tua percezione del programma? Oggi non faresti i provini?

Non farei i provini ma non perché rinneghi l’esperienza. L’esperienza è importante, checché se ne dica, per quanto i più siano scettici. Prima dava comunque un’opportunità. Ci sono persone che hanno fatto del Grande Fratello una professione: ti dico Laura Torrisi, Simon Grechi, la stessa Leila che adesso fa le campagne per Richmond. Ce ne sono parecchie di persone rimaste nell’ambiente, tirando fuori a distanza di sei anni un guadagno che permette una vita mediatamente agiata.

Soprattutto un cambio di prospettive dunque?

Ci sono persone che mollano tutto pensando che il Gf sia una sorta di rivoluzione, anche a livello economico. Il consiglio che dò alle persone che mi chiamano dicendomi che hanno fatto i provini è: Hai un lavoro mediamente sicuro (anche se ora col governo Monti non si può più parlare di posto fisso, ride)? Non fare il Grande Fratello. Perché, a meno che tu non sia ben strutturato a livello mentale, difficilmente torni a fare il lavoro che facevi prima. Lo star system e tutto ciò che gira attorno alla televisione ti abbagliano con le loro luci. Hai comunque un periodo di sbandamento, chi più chi meno. In base alla consistenza del proprio io…

Cosa è peggiorato?

Le persone, il cast. Si è trasformato da un reality a varietà, era un reality finché c’erano persone dentro casa lasciate alla mercé di loro stessi e dove potevano fare quello che volevano. Quello era il Grande Fratello riuscito e importante. E’ diventato un varietà perché ci sono comunque interazioni con l’esterno, persone che entrano ed escono di continuo.

Come vedi Alessia in questo nuovo contesto?

Sicuramente Alessia è una persona di cui ho molta stima sia a livello personale che professionale. E’ veramente una donna vulcanica, una persona che è capace con educazione, senza essere sopra le righe, di essere coinvolgente. Ha in mano non una patata bollente, di più, c’ha un cast di patate bollenti quest’anno. Io credo che se Alessia potesse mettere la testa sotto la terra come gli struzzi e aspettare che finisca il Grande Fratello, lo farebbe. Per quel poco che la conosco, non penso che le piaccia quello che sta succedendo, credo che si sia rotta un po’ le scatole, diciamo così. Credo che anche lei si trovi male, che non sappia come gestire questa cosa. Non è più parte integrante del progetto, si vede.

Perché allora continuano a puntare su di lei se è cambiato lo stile del programma?

Un colpo al cerchio e uno alla botte. Se ci fosse una persona molto sboccacciata, molto sopra le righe, una persona del volgo si arriverebbe a fare rutti liberi. Ci manca solo un conduttore in canotta che rutta con un birra in mano. Probabilmente lei con la sua figura cerca di dare un minimo di equilibrio tra una stalla di maiali e una conduzione un pochino più rigorosa.

Quindi com’è il tuo stato d’animo verso il programma?

Ci terrei che si capisse che io non godo nel criticare il Grande Fratello, sono fortemente amareggiato nel vedere come si è evoluto, o meglio involuto, questo format. Non sono di quelli che dice: io l’ho fatto, noi siamo tutti bravi, quelli dopo tutti delle m…e.  Chi c…o siamo diventati?

Se dovessi fare un esempio, un parallelismo tra ieri e oggi?

Cristina Plevani era stata tacciata per quella un po’ facile, ricordi? Prendi lei e prendi una qualsiasi delle ragazze di questo reality. Ora è come se fosse normale che una ragazza in tre mesi, in un posto dentro al quale ci sono le telecamere (e non te le scordi mai. Chi dice il contrario, dice una cosa non vera), vada a letto con quello e con quell’altro. Almeno per amor proprio, resisti tre mesi e poi ti trombi anche il tuo vicino di casa.

Andiamo più nel vivo delle polemiche dell’anno: le penali, il contratto, le presunte minacce degli autori. E’ veramente così stringente questo contratto?

Esiste un contratto. Da quello che ho saputo i contratti si modificano di anno in anno. Quando si firma un contratto bisogna vedere cosa comporta e nel momento in cui c’è la firma c’è l’accettazione di quello che c’è scritto. Non credo che Rudolf, o chi per lui, sia oggetto di trattative estenuanti o cose di questo tipo. Comunque non parliamo di Al Pacino o di Robert Redford, parliamo di Rudolf. Non credo che Endemol sia così poco intelligente da farsi minacciare da un ragazzo di vent’anni. Non lo voglio credere. Credo che la stanchezza sia determinante. Io ho fatto tre mesi e sono uscito ‘devastato’ psicologicamente. E’ vero che si può in qualsiasi momento aprire la porta e andare via ma è un percorso abbastanza difficile. Sette mesi o otto sono davvero lunghi per poi uscire e avere una settimana di applausi e riconoscimenti in questa fase. E’ dura.

Andrea Cocco e Ascanio Pacelli hanno lamentato un’invasione eccessiva della privacy anche dopo il programma. Tu che ne pensi?

Hai citato due nomi di persone sicuramente intelligenti e sicuramente tra le meno sprovvedute sia a livello familiare sia a livello di educazione. La sottoscrizione di un contratto vuol dire prenderne i pro e i contro. Bisogna leggerlo. Se si firma, lo si è firmato. Spesso e volentieri la voglia di entrare in quella casa non ti fa ragionare su quello che può essere il dopo.



Articoli che potrebbero interessarti


cristina-del-basso intervista
CRISTINA DEL BASSO A DM: “CHI GUARDA I REALITY VUOLE DIVERTIRSI E NON SENTIRE GRIDARE (COME AL GF12). FAREI UN PROGRAMMA DI CUCINA”


Vladimir Luxuria
DOPO L’ANNO DELLE VECCHIE GLORIE, IL REALITY SHOW VA RIPENSATO IN PRIMA SERATA?


Paolo-Bassetti-Grande-Fratello-e1307203448138
GRANDE FRATELLO 12 – DONELLI SODDISFATTO, BASSETTI MENO: ‘NON SIAMO STATI CAPACI DI RACCONTARE STORIE. ALMENO UN ANNO DI STOP’


Sabrina Mbarek vince il Grande Fratello 12
GRANDE FRATELLO 12: VINCE SABRINA MBAREK

14 Commenti dei lettori »

1. Francesco Amico ha scritto:

13 febbraio 2012 alle 03:37

Non mi piace il Gf, non lo seguo da molti anni.. quello di quest’anno men che meno.. però De Megni ha ragione su tutto, non ha sbagliato di una virgola..



2. Bradz ha scritto:

13 febbraio 2012 alle 03:51

Ancora esiste sto tipo??? Facile vincere un reality dopo un passato del genere!!!



3. Alexius00 ha scritto:

13 febbraio 2012 alle 09:59

Ma secondo me è dal suo GF in avanti che la situazione è degenerata…



4. paolaok ha scritto:

13 febbraio 2012 alle 10:01

scusate, lo so che non è il post giusto ma avrei una news sul gf da mettere nel live 24 ma non lo trovo… sono cecata?



5. Elena ha scritto:

13 febbraio 2012 alle 10:43

Augusto è uno dei pochi che ha giocato bene, senza essere esagerato, ma rimando intelligente e qui in questa intervista lo ha ancora dimostrato.
E’ vero che il GF è peggiorato di brutto, ragazzi sempre più esagerati, sempre più copie dei concorrenti degli anni prima, più volgari, più ignoranti! e gli ascolti quest’anno lo dimostrano vivamente!



6. paolaok ha scritto:

13 febbraio 2012 alle 10:43

Vabbè al massimo mi cancellate i commenti…
Questa mattina, durante la trasmissione di RMC con Alfonso Signorini, Alessia Marcuzzi dire che stasera entreranno come concorrenti al Gf, Patrick, Cristina del Basso e Ferdinando Giordano!!!



7. MisterGrr ha scritto:

13 febbraio 2012 alle 11:04

Concordo con tutto ciò che dice, nè più nè meno. Anche su Alessia.



8. dert86 ha scritto:

13 febbraio 2012 alle 11:36

Caro Augusto hai perso la percezione della realtà per caso? no perchè voglio ricordarti che i partecipanti del gf sono messi dagli stessi autori che manipolano i daytime e il gf stesso…



9. luigino ha scritto:

13 febbraio 2012 alle 13:16

la maggior parte dei format televisivi è soggetto a usurarsi, proprio come le cose, e il Grande Fratello è uno di questi programmi. La formula si è usurata e inoltre viene anche ampiamente compromessa dall’ormai ovvia mancanza di spontaneità dei concorrenti che sono ovviamente tutti stati a loro volta telespettatori del programma e che quindi non sono se stessi ma recitano delle parti. Quindi è inutile filosofeggiare sul perché stia perdendo colpi…… era ovvio! Questo stupirsi della Marcuzzi del perché il GF non funziona più mi stupisce….mi sembra tipo un’arzilla anziana che si domanda “perché mi fanno male le gambe?”.Davvero,ne ho conosciute di persone così. E’ semplice, cara Marcuzzi,è la vecchiaia.Il GF ormai è vecchio.



10. limone ha scritto:

13 febbraio 2012 alle 14:36

Augusto è il mio preferito tra i vincitori del GF insieme a Serena Garitta. L’ho molto apprezzato per cose che non c’entravano assolutamente niente con il suo passato, ma semmai con la sua buona educazione e la sua pacatezza, in una edizione in cui i suoi diretti “competitors” erano soggettini tipo Fabiano e Laura (Torrisi) che passavano le giornate tra gare di rutti e co., o tipo Filippo Bisciglia, e ho detto tutto. Semmai quel GF fu un’occasione persa per Simon, che si espose troppo poco e quel poco perlopiu’ dalla parte sbagliata. Comunque poi si e’ rifatto. Mi sfugge invece del tutto il motivo per cui si continui a sentir parlare di Filippo Bisciglia, ma il mondo e’ bello perche’ e’ vario.

Concordo con tutto ciò che dice Augusto, e mi auguro che ciò che dice della Marcuzzi sia vero, perchè proprio non capisco come possa essere caduta sempre più in basso edizione dopo edizione. La bravura e la simpatia non le mancano, il coraggio di fare scelte diverse da “questo” GF evidentemente si. Speriamo che ci ripensi.



11. alessia ha scritto:

13 febbraio 2012 alle 19:54

Dette da uno che non solo al grande fratello ci è andato, ma l’ha pure vinto, queste parole sono spiazzanti… però è la pura verità! E proprio per questo il grande fratello non lo guardo!



12. Augusto de Megni ha scritto:

13 febbraio 2012 alle 20:10

Buonasera a tutti,
vorrei confermare a tutti quanto detto,in quanto mio personalissimo pensiero, mi rincrescono, pero’, i termini con cui viene intitolato l’articolo.

Augusto de Megni



13. Mattia Buonocore ha scritto:

13 febbraio 2012 alle 20:42

@Augusto de Megni perfetto, l’importante è il contenuto dell’articolo; il titolo è di competenza e a discrezione del caporedattore.



14. Eva ha scritto:

14 febbraio 2012 alle 03:23

Augusto De Megni è il mio preferito di tutte le 12 edizioni del Grande Fratello,la dimostrazione che si può partecipare a un reality mantenendo dignità,carattere ed educazione.In pochi hanno saputo dimostrare questo in tanti anni di GF,forse solo Andrea Cocco,che però nel trash ci ha sguazzato,suo malgrado,anche lui,tra le corna della fidanzata strombazzate in tutti i programmi Mediaset,e la storia con Margherita.Augusto De Megni per vincere il GF non ha avuto bisogno di infilarsi nei letti delle altre concorrenti,o di litigare con tutti,nè ha utilizzato ciò che gli era successo in passato,semplicemente si è mostrato per quello che era senza svaccare,e questo l’ha premiato.
Condivido ogni parola – anche se, in effetti, i termini usati nel titolo fuorviano un pò,ma basta leggere il testo dell’articolo per capire,e mi fa piacere anche la precisazione di De Megni in tal senso…una spanna superiore a tutti i partecipanti delle varie edizioni – soprattutto nelle ultime edizioni si è voluta cavalcare una deriva trash, che comprende lo sviscerare ogni fesseria in tutti i programmi Mediaset,l’avere come opinionista Signorini,deriva trash c che ha coinvolto anche la Marcuzzi la quale non penso possa esserne felice.
Spero che i bassi ascolti di quest’anno li inducano a cambiare rotta,altrimenti è meglio che chiudano la baracca perchè il GF così non ha più senso.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.