27
gennaio

L’EREDITA’: IL PREMIO OSCAR NICOLA PIOVANI DIFENDE LA GHIGLIOTTINA DAL QUALUNQUISMO ‘INTELLETTUALE’

L'Eredità- la ghigliottina

Qualcuno che (finalmente!) reagisce al qualunquismo, quel vizietto snob che colpisce spesso gli intellettuali quando si parla di televisione. Non viviamo certo nel migliore dei mondi mediatici possibili ma onore al merito a Nicola Piovani che, in barba all’idea della cultura che rimpiange Pasolini maledicendo la tv praticamente ad ogni istante, si schiera e ci mette la faccia. E lo fa pure con determinazione.

Esce allo scoperto addirittura a difesa de L’eredità e della sua leggendaria ghigliottina, un segmento calamita capace di attirare nel tempo anche autori di format stranieri, e, al di là di tutto, meritevole di resistere indenne all’usura del tempo in un contesto mediatico che polverizza tutto in maniera frenetica. A destare la rabbia di Piovani è un articolo apparso su Il Venerdì, l’inserto chiccoso di Repubblica. In particolare una frase, piuttosto denigratoria, di Ruggero Cappuccio così preso dal disquisire amabilmente, e in tono apocalittico, del degrado culturale del Belpaese da trascendere in una leggerezza, che ha la colpa principale di generalizzare all’eccesso. Questa l’espressione incriminata:

“Prima del Tg 1 propinano quiz con domande per pazienti in stato crepuscolare”

Il premio Oscar non ci sta ed essendo coinvolto in prima persona dal fascino del gioco finale ci tiene a precisare. Ribatte ottenendo dalle stesse pagine del giornale da cui era partita l’allusione diritto di replica:

“Mi sono sentito personalmente coinvolto, e anche un po’ risentito, perchè sono fra quei ‘pazienti’ che seguono con divertimento quel quiz prima del tg.”

E continua:

“attenzione a liquidare in blocco gli spettatori con termini sprezzanti: non aiuta la credibilità del contenuto”

Si scopre persino, lungo il corpo della risposta, che Piovani si diletti a registrare il programma per giocare con gli amici, come se fosse un gioco da tavola mediatico. Ebbene sì: manipoli di uomini di cultura che si intrattengono con la ghigliottina di Carlo Conti. Nulla da invidiare insomma a un Trival Pursuit, a uno Scarabeo o a qualsivoglia chicca enigmistica elogiata dalla cultura alta. Una nota che costringe la redazione del giornale a correre ai ripari. Ci vuole una prosopopea diplomatica di primo livello per stemperare il caso e un intervento chiarificatore che prova a spostare l’oggetto del contendere su una presunta critica ad altri programmi non meglio specificati.

Peccato però che l’Apocalisse di Cappuccio si abbattesse proprio su Raiuno e sul quiz prima del Tg; difficile rimangiarsi le parole rimbalzando tutta la contestazione sulla linea più easy degli ultimi quiz di Mediaset. Il pezzo conteneva anche un elogio ad Enzo Biagi volto a documentare l’inabissamento del primo canale. Giusto pretendere sempre di più (qualche riservina sulle domande dei primi giochi può essere legittima) ma quando la frittata è fatta il tentativo di rigirarla può essere anche peggio.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


SuperGhigliottina 3
L’EREDITA’: LA GHIGLIOTTINA SI FA SUPER E LA RILEVAZIONE AUDITEL CAMBIA


Alice Taticchi Miss Mondo Italia 2009
L’Eredità: la campionessa Alice Taticchi ha vinto Italia’s Next Top Model – Foto


frizzi-a-leredità-2017
L’Eredità e le gaffe epiche: perchè Rai1 seleziona concorrenti ignoranti?


nemicamatissima - cuccarini parisi
LE PAGELLE DELLA SETTIMANA TV (2-8/12/2016). PROMOSSI L’EREDITA’ E LA CUCCARINI, BOCCIATI NEMICAMATISSIMA E CULTURA MODERNA

10 Commenti dei lettori »

1. Il criticone TV ha scritto:

27 gennaio 2012 alle 18:10

Da ex concorrente del L’eredita ( una ghigliottina vinta, tre puntante giocate, ed elimijato al duello all’ultima domanda) non posso che essere dellostesso pensiero del Maestro Piovani…



2. MisterGrr ha scritto:

27 gennaio 2012 alle 18:13

Mi sto commuovendo.

Lo snobismo nei confronti della tv (“ah, io non guardo la tv” come se non farlo fosse un vanto) lo trovo così, mmm…non mi viene la parola giusta da usare. Mi viene solo da dire “modaiolo”, ma non è proprio ciò che voglio dire. Sembra impossibile per qualcuno l’equazione intellettuale = televisione. Abominevole.



3. DavideBellombra ha scritto:

27 gennaio 2012 alle 18:21

Sinceramente ha un po’ stancato la ghigliottina…i primi anni era un momento di ritrovo familiare davanti alla tv…ora non la guardiamo nemmeno più!



4. Giuseppe ha scritto:

27 gennaio 2012 alle 18:29

E chi è Ruggero Cappuccio?



5. MisterGrr ha scritto:

27 gennaio 2012 alle 18:38

Giuseppe: non voglio dire una boiata (correggetemi nel caso), ma credo sia un regista teatrale o una cosa simile…no? Non ne sono sicuro per niente.



6. Giuse 72 ha scritto:

27 gennaio 2012 alle 18:43

Ho letto il pezzo in questione e avevo pensato che si riferisse non tanto alla Ghigliottina, ma proprio all’intero programma.
Sul quale programma, Ghigliottina a parte, non posso che condividere l’opinione di Cappuccio: le domande sono veramente CRETINE, offensive anche per pazienti in stato crepuscolare.



7. iTruth ha scritto:

27 gennaio 2012 alle 19:12

Il punto è un altro. La televisione fatta per i deficienti è un pericolo solo per questi ultimi.

Chi è intellettuale/intelligente/colto può tranquillamente guardare “Grande Fratello” e simili aberrazioni. Di sicuro non rischia di trasformarsi in un acefalo e, anzi, si divertirà moltissimo perché sa di essere superiore a chi/cosa guarda.

Ma chi di base è ignorante, e non fa che guardare (per esempio) Canale 5 dalla mattina alla sera, diventerà sempre più ignorante e idiota.

Questa è la verità, anche se pochi la ammettono.



8. Davide Maggio ha scritto:

27 gennaio 2012 alle 19:33

iTruth: sulla prima parte sono d’accordo. La generalizzazione successiva, perdonami, ma è sintomo di poca intelligenza.



9. Tomitto ha scritto:

27 gennaio 2012 alle 22:57

A me la ghigliottina piace! Non la seguo tutti i giorni in maniera accanita, ma quando capita “gioco” volentieri, spesso insieme a mio padre!

Trovo invece assurda e brutta quella parte con le domande e le materie. Un inutile “ping pong” senza alcun senso, visto che il 99% delle volte conta solo l’ultima domanda!



10. gian ha scritto:

28 gennaio 2012 alle 02:08

Non è cmq il primo intellettuale a esprimersi in favore del gioco della ghigliottina, ricordo che anni fa persino Umberto Eco si definì spettatore di questo gioco inserito nell’Eredità e di apprezzarlo molto. http://espresso.repubblica.it/dettaglio/la-nostra-ghigliottina-quotidiana/2011914



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.