18
gennaio

IL FESTIVAL DI SANREMO E’ TORNATO. MA CHI L’AVREBBE DETTO

Festival di Sanremo 2012 - Gianni Morandi

Ma chi l’avrebbe detto. Mai claim per il Festival di Sanremo fu più azzeccato. Una manifestazione di stupore che va ben al di là del conduttore Gianni Morandi e rispecchia perfettamente il sentire comune o, più semplicemente, quello di chi vi scrive. Chi avrebbe mai detto, infatti, che la kermesse canora potesse vivere una seconda giovinezza dopo anni in cui sembrava destinata ad un graduale declino e ad un insopportabile spegnimento dei riflettori?!

Sino a qualche anno fa, sembravano finiti i tempi in cui Sanremo e Telegatti si contendevano la palma di ‘evento televisivo dell’anno’. Due appuntamenti imprescindibili per i temerari telemaniaci che per nulla al mondo avrebbero tenuto il televisore spento nella settimana festivaliera e durante la notte del Gran Premio Internazionale della tv. E se quest’ultimo è, purtroppo, repentinamente sparito dal piccolo schermo, la kermesse canora ha continuato per troppo tempo a galleggiare tra scarso appeal e riscontri di pubblico in alcuni casi imbarazzanti.

Fino a quando, con Paolo Bonolis, sono tornati a riaccendersi i riflettori. Dall’edizione del 2009 il palco dell’Ariston è tornato gradualmente ad essere fulcro dello showbiz nostrano e catalizzatore dell’attenzione mediatica. Una risalita costante negli ultimi anni che ha riportato nella cittadina ligure quel fermento catodico, croce e delizia di addetti ai lavori e appassionati telespettatori.

Erano persino venute meno le necessarie polemiche pre-festival; era mancato il colpo di scena dell’inaspettato big pronto a salire sul carrozzone last-minute; o quello del super ospite di turno che approda in riviera grazie a cachet stratosferici. Ed invece con Bonolis, Clerici e Morandi, le ultime tre edizioni hanno portato nuova linfa al Festival capace, ogni volta, di stupire, anche quando si pensava che si fossero già giocati tutti gli assi nella manica disponibili.

E allora ben vengano persino le richieste di espulsione su D’Alessio-Bertè o la Civello; ben vengano le polemiche legate a Sanremo Social; ben venga il colpo di scena Celentano, anche se per mere ragioni promozionali; ben venga il ritorno al passato con la coppia di vallette straniere, criticato dagli immancabili ‘accusatori di esterofilia’; ben vengano pure le amiche della De Filippi che strizzano l’occhio ai talent-dipendenti ma fanno infervosare chi ha un po’ la puzza sotto al naso e le definisce sguaiate urlatrici.

Una pecca, però, c’è ancora. Manca il Dopo-Festival. Mancano le chiacchiere post-puntata; mancano le critiche al fulmicotone della Venegoni; mancano i pareri autorevoli dei veterani del giornalismo; mancano le pagelle post-esibizione. E sono, o dovrebbero essere, irrinunciabili per una rinascita completa.

Perchè Sanremo è Sanremo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes



Articoli che potrebbero interessarti


Diletta Leotta, Amadeus, Rula Jebreal
Agcom, ecco le motivazioni alla maxi-multa per la Rai. Tg2 sotto accusa. Nel mirino anche il Festival di Sanremo


Antonio Marano, Presidente Rai Pubblicità
Sanremo 2020: costi e ricavi del Festival


Piero Pelù
Sanremo 2020, spunta il plagio: Piero Pelù ha copiato i The Rasmus?


Chi l'ha visto?
Chi l’ha Visto?, sigla suonata in diretta proprio contro Sanremo

35 Commenti dei lettori »

1. lu85 ha scritto:

18 gennaio 2012 alle 16:34

ottimo!! bel post!!



2. MisterGrr ha scritto:

18 gennaio 2012 alle 16:35

Non c’è da aggiungere altro, concordo in toto.

Anche a me manca tanto il dopo-festival, e lo vorrei davvero tanto, magari fatto con lo stesso cast di XtraFactor, ma è e rimarrà un sogno purtroppo.

Dal 14/2 vedrò solo Rai1.



3. Gionny ha scritto:

18 gennaio 2012 alle 16:38

@DM : ma anche quest’anno nnt dopo-festival?



4. luke ha scritto:

18 gennaio 2012 alle 16:43

Questo topic dice tutto e dice niente!
Non capisco questo stupero per questa edizione!

“Una pecca, però, c’è ancora. Manca il Dopo-Festival. Mancano le chiacchiere post-puntata; mancano le critiche al fulmicotone della Venegoni; mancano i pareri autorevoli dei veterani del giornalismo; mancano le pagelle post-esibizione. E sono, o dovrebbero essere, irrinunciabili per una rinascita completa.”

Ma per fortuna che manca tutto questo, diamo spazio alle canzoni e ai cantanti.



5. Davide Maggio ha scritto:

18 gennaio 2012 alle 16:46

luke: sono stupito perche’ io stesso mi sono chiesto che appeal potesse avere una seconda edizione di Morandi. La vedevo gia’ un flop sulla carta. E invece e’ arrivato Celentano. E poi un buon cast di cantanti. E poi le polemiche. Secondo me fa tutto bene. Per il dopo-Festival… beh, era la cosa che mi piaceva di piu’ del Festival. Pensa che l’anno scorso il dopo-Festival si faceva (purtroppo solo in radio) a Casa Sanremo. Si respira un’aria troppo bella.



6. boh ha scritto:

18 gennaio 2012 alle 16:56

Per fortuna quella buffonata provinciale dei Telegatti non va più in onda. Parliamoci chiaro sembrava una festicciola di paese.
E aggiungerei…per fortuna quella buffonata del dopo-festival non va in onda nemmeno quest’anno. Serviva solo ad ingingantire l’ego di alcuni giornalisti.



7. Alessandro ha scritto:

18 gennaio 2012 alle 17:03

La rinascita del Festival è dovuta principalmente (oserei dire anche solamente) a Lucio Presta e alla sua squadra.. non per niente il rilancio è cominciato da quando l’ha preso in mano lui!



8. Clà ha scritto:

18 gennaio 2012 alle 17:13

anche am epaiceva tantissimo il dopo festival peccato…cmq c’è il question time sulf estival che m piace tanto



9. Giuse 72 ha scritto:

18 gennaio 2012 alle 17:13

“Purtroppo” i Telegatti sono spariti? Purtroppooooooo?
Ma che tv vedi, DM?



10. luke ha scritto:

18 gennaio 2012 alle 17:18

Le prime edizioni dei Telegatti erano belle ed emozionati, tutti i vip che arrivavano, gli ospiti stranieri, erano belle serate, allora c’era una bella TV, veri professionisti, amati e stimati.
C’era meno gossip e si sapeva molto meno, quindi vedere li anche un attore di una soap straniera era un evento.
Le ultime edizioni erano pessime, quelle dal 2000 in poi, e cioè quando la televisione ha cominciato a cambiare grazie ai reality e altre pagliacciate.



11. vicky ha scritto:

18 gennaio 2012 alle 17:18

Sinceramente anche io sono indignata per le “vallette”,belle per carità
ma l’Italia pullula di belle ragazze,e sicuramente ci costerebbero di meno.Perchè,perchè non dare spazio alle ITALIANE?Non se ne può più di queste,chissà se esiste qualche nostra bellezza nei loro paesi che giri la ruota,che porti le buste o altro



12. Mattia Buonocore ha scritto:

18 gennaio 2012 alle 17:22

@luke sono state le edizioni romane dei Telegatti pessime ma perchè non si premiava solo la tv. Ci sono stati i reality in questi anni (che poi non possono esser fatti bene?) ma anche tanti programmi validi. Un Report non meriterebbe un Telegatto o un Masterchef?



13. Davide Maggio ha scritto:

18 gennaio 2012 alle 17:22

vicky: secondo me e’ giusto anche che ci siano le vallette straniere per rendere il clima un po’ internazionale.



14. Davide Maggio ha scritto:

18 gennaio 2012 alle 17:23

Giuse 72: forse sei tu che non ricordi cos’era i telegatti anni fa.



15. Tyrael87 ha scritto:

18 gennaio 2012 alle 17:24

il dopofestival con EELST è stato epico :D



16. pippo ha scritto:

18 gennaio 2012 alle 17:26

a mio avviso il successo di un festival lo fa anche la controprogrammazione: infatti mediaset alterna anni dove non modifica la propria programmazione, ad anni dove manda in onda delle repliche. l’ulimo anno di baudo cominciò con il ritrovamento dei piccoli fratellini di gravina: quella sera chi l’ha visto fece grandi ascolti, mentre baudo no!



17. boh ha scritto:

18 gennaio 2012 alle 17:30

Non fatevi prendere dalla nostalgia della televisione di quando eravamo piccoli…i Telegatti erano brutti, presentati male e a tratti patetici. Non sono contro l’idea in se, ma dovrebbe essere rivisto il tutto.



18. Davide Maggio ha scritto:

18 gennaio 2012 alle 17:33

boh: per carita’, non sopporto i nostalgici. Ma nei Telegatti francamente non ci vedo nulla di vecchio.



19. pippo ha scritto:

18 gennaio 2012 alle 17:35

ormai i telegatti fanno parte di una tv che non c’è più, come la sai l’ultima?, la vecchia corrida, buona domenica. con la crisi economica che c’è, i telegatti con i grandi ospiti stranieri non potrebbero più essere riproposti. poi diciamola tutto i telegatti, così come gli oscar tv, sono delle scuse per poter incensare e premiare soprattutto programmi della propria azienda di appartenza: fatti in questo modo nessuno dei due ha molta ragione di esistere. l’esempio lampante è che la clerici lo scorso anno ha vinto ben tre oscar tv, e non è che facesse chissà quali ascolti con tluc.



20. boh ha scritto:

18 gennaio 2012 alle 17:37

Io li ho sempre trovati una versione borgatara di altre manifestazioni. Questo perchè in Italia il divismo non esiste nel mondo della televisione, o almeno da qualche anno non se ne vede l’ombra. Detto questo, anche io credo che si possano riproporre ma in una versione più pop, meno ingessata e autoreferenziale.



21. luke ha scritto:

18 gennaio 2012 alle 17:37

A me i telegatti hanno sempre affascinato e fatto sognare.
Edizioni 80/90



22. vivky ha scritto:

18 gennaio 2012 alle 17:38

Sono in ogni angolo Davide,anche dove non dovrebbero stare…Ricordo anni fa che in una Domenica in di Amedeus c’era una valletta straniera,bionda e bella ma con l’auricolare perchè non sapeva nemmeno dire buongiorno,ti pare normale?



23. luke ha scritto:

18 gennaio 2012 alle 17:38

Invece non mi sono mai piaciuti i premi della RAI di Daniele Piombi, serate troppo fredde.



24. Davide Maggio ha scritto:

18 gennaio 2012 alle 17:40

vivky: perche’, secondo te in televisione c’e’ bisogno di normalita’? :D



25. boh ha scritto:

18 gennaio 2012 alle 17:40

pippo: perché i premi devono essere consegnati in base agli ascolti?



26. Davide Maggio ha scritto:

18 gennaio 2012 alle 17:41

boh: beh, considera anche che quando in Italia qualche personaggio fa un po’ il ‘vip’ viene massacrato :D Definirla borgatara e’ veramente inopportuno. C’era la creme dello showbiz, non solo quello italiano.



27. boh ha scritto:

18 gennaio 2012 alle 17:50

Davide: capisco quello che intendi, però quando gli stranieri vengono in Italia (salvo rari casi), non venono coinvolti come si deve. Non si sfrutta il loro senso dell’umorismo, ma vengono solo idolatrati. Negli altri paesi non è così.



28. Mattia Buonocore ha scritto:

18 gennaio 2012 alle 17:53

@Vivky era Adriana Skenarikova, all’epoca Piroso, autore della trasmissione, “perse la testa” per lei



29. Clà ha scritto:

18 gennaio 2012 alle 17:57

a me i telgatti sono sempre piaicuti ogni spero che c siano ma niente…l’edizioni più brutte a livello d premi intendo ed ospiti secondo em sn state le ultime 2 o 3 forse, però m ricordo ke erano bellissimi vedere tutti i personaggi del piccolos chermo tutti insieme … il redcarpet



30. Marcodesantis ha scritto:

18 gennaio 2012 alle 17:59

Rivoglio i telegatti!:) se fatti un po’ meglio e con maggior attenzione sarebbero stati un buonappuntamento -evento x Mediaset.



31. pippo ha scritto:

18 gennaio 2012 alle 18:00

se poi pensiamo al fatto che l’ultimo stasera pago io fu completamente snobbato da piombi, così come fiorello, che si rifugiò ai telegatti, o la coppia fazio-saviano lo scorso anno fu completamente ignorata (mentre qualcuno ne ebbe fin troppi): bene capiano quanta credibilità possiede la manifestazione della rai.



32. Clà ha scritto:

18 gennaio 2012 alle 18:01

ai telegetti si premiavano programmie personaggi aldi là della rete…erano davvero ben fatti da quel che ricordo io, ma rifarli no vero…scusate ma un puntat dei telegatti quanto può costare quanto 5 del GF e li tagliano tanto…ma è giusto farli!



33. ANTONIO1972 ha scritto:

18 gennaio 2012 alle 19:36

che finti quei telegatti! tutto studiato a tavolino,non ci credeva nessuno! salvo giusto le prime edizioni dove si premiava di tutto,senza categorie e c’erano grandi ospiti



34. Superpat ha scritto:

18 gennaio 2012 alle 20:30

Concordo assoltamente con tutto!!credo solo che sia stata errata la scelta delle straniere..ora Morandi non questo genio dell’intrattenimento,sarebbe stato congeniale affiancarlo ad una donna dello spettacolo più avvezza,volta a riempire i tempi vuoti lasciati dal presentatore ufficiale.Io ci avrei visto una Incontrada o perchè no anche la Geppy!



35. Claudio ha scritto:

18 gennaio 2012 alle 22:47

Per me Sanremo non è mai stato in disparte. Io sono proprio uno di quelli che non si perde una serata! Ho 30, anni non è che sono vecchio, eppure da quando sono bambino per me era ed è un appuntamento fisso ogni anno!
Mi ricordo che con mia sorella, ai tempi delle medie, la settimana sanremese ce la facevamo praticamente a casa perché dovevamo guardarci dal primo all’ultimo programma che parlava di Sanremo (all’epoca TUTTI i programmi parlavano solo del festival, mediaset compresa)!
Poi amo la musica, quindi non posso non seguirlo!

Riguardo ai Telegatti, anche quello era un evento che seguivo molto e con piacere! Specialmente x vedere ospiti le grandi star delle soap e telenovelas (quelli di Beautiful piuttosto che la mitica Grecia Colmenares)! Purtroppo quest’evento col passare degli anni ha perso tutto o quasi il bello che aveva. Ma DM ha ragione, una volta tutti lo guardavno e ne parlavano! Il bello era che sullo stesso palco si incontravano star dell’allora Fininvest e Rai e, come Sanremo, era l’unico evento che riusciva ad unire le due aziende.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.