16
gennaio

PERCHE’ ITALIA 1 SI E’ FATTA ‘SCIPPARE’ JEAN CLAUDE E MACCIO CAPATONDA?

Jean Claude- Sensualità a corte

Tormentoni del web, calamite di attrazione anche presso quel pubblico più sofisticato e più diffidente verso la televisione: ieri personaggi di punta del varietà di Italia 1, di quegli sketch a cascata epigoni del leggendario Mai dire Gol, ora protagonisti, entrambi, della domenica, ma su due fronti diversi.

Da un lato Jean Claude, rispolverato da Victoria Cabello a Quelli che il calcio. Dall’altro Maccio Capatonda (qui una nostra intervista), ormai fido accompagnatore dei programmi di Antonello Piroso. Se è vero quel che dicono le costanti previsioni sulla trasmigrazione dell’anima pirosiana nei gironi del secondo canale, il ricongiungimento tra i due personaggi è più che probabile.

Insomma se prima la gag tormentone batteva sulla rete giovane di Mediaset presto potrebbe essere il due il numero magico. Scelta forsennata probabilmente, quella di Mediaset di abbandonare i gioiellini venuti su con il gruppo della Gialappa’s, che ancora a distanza di tempo grida vendetta, considerata la situazione non brillante in cui versano gli ascolti della rete di Tiraboschi.

Che poi il target e la forma di questi momenti comici esaltino la fruizione frammentaria tipica del web, così in voga e così problematica per le reti rivolte principalmente ad un pubblico giovane, è un dato oggettivo e può in parte spiegare il timore della rete di Mediaset di puntare con più energia a mantenere uno spazio vitale per i personaggi dei vari Mai dire…

Sensualità a Corte e i trailer parodia, interpretati rispettivamente da Marcello Cesena e Marcello Macchia, al di là della popolarità raggiunta e dal numero impressionante di condivisioni sui social network puntellano, a dirla tutta, due contenitori domenicali che nella notte delle vacche nere galleggiano sì, ma senza troppo brillare negli ascolti, complice un profilo d’impostazione iniziale non troppo popolare e alla ricerca di maggior respiro proprio tramite questi intermezzi.

Fatta questa doverosa precisazione, almeno un piccolo esame di coscienza coloro che hanno deciso di scaricare personaggi ancora a distanza di anni così vitali, tanto da essere stati ’scippati’ da altre produzioni, dovrebbero sicuramente farlo.



Articoli che potrebbero interessarti


Maccio Capatonda
INTERVISTA A MACCIO CAPATONDA, CAMPIONE DI CLICK SUL WEB.


Mai Dire Grande Fratello Show
MAI DIRE GRANDE FRATELLO SHOW, LOLA PONCE E’ PRONTA AL DECOLLO


Maccio Capatonda
Maccio Capatonda a DM: «A Mai dire Talk farò satira complottista con Jerry Polemica»


Mariottide
MARIOTTIDE: LA NUOVA SITCOM DI MACCIO CAPATONDA, PRIMA PRODUZIONE ORIGINALE DI INFINITY. I PRIMI DUE EPISODI IN ANTEPRIMA SU ITALIA 1

11 Commenti dei lettori »

1. marcko ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 16:06

titolo un po assurdo dal momento ke italia 1 non fa più “mai dire..”
da qualke anno,
quindi scippati non direi proprio, anzi son stati fortunati ad aver trovato una nuova collocazione in questa tv.



2. MisterGrr ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 16:10

Hai ragione Cristian.



3. Matteo ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 16:17

non e’ che li hanno lasciati scappare , semplicemente dopo che non hanno piu’ fatto ( purtroppo ) mai dire tutti quelli che vi lavoravano o si sono fermati con i loro personaggi e hanno fatto altro riprendendoli , oppure hanno continuato portandoli in altre trasmissioni tippo nuzzo e di biase che sono andati a zelig . p.s. italia1 in una situaazione di ascolti non brillante?? ma se ingrana un successo dietro l’altro



4. Cristian Tracà ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 16:56

Marcko

era un modo per chiedere: perché non si è più investite su Mai dire, o almeno perché non si studiava un progetto alternativo, magari nuovo, dove inserirli

Rispetto a molti comici di Colorado questi due sono oro colato da non sprecare



5. marcko ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 17:17

scusa cristian non avevo colto il senso.

trovo ke della scuderia di mai dire c’era di meglio di questi due, ma detto questo, magari ritornasse MAI DIRE, col mago forrest e hellen hidding, hanno sempre avuto la capacità di rinnovarsi, e credo ke anke oggi sarebbe un programma attualissimo.



6. Tyrael87 ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 17:28

beh prima ancora Maccio Capatonda era già stato scippato da Radio 105… le avventure di Mariottide sono continuate lì ;)



7. Vittorio ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 17:42

Anch’io mi chiedo sempre come è possibile che un gioiello come Mai dire sia stato chiuso, oggi fanno solo Mai dire GF solo con la Gialappa’s, ma tutti i brillanti comici che ci lavoravano o hanno fatto il gran salto come Albanese, Corrado e Caterina Guzzanti, Luttazzi, Aldo, Giovanni e Giacomo e tanti altri o sono stati costretti ad “emigrare” altrove disperdendo un bel patrimonio di comicità. Purtroppo a Italia 1 preferiscono fare Colorado piuttosto che programmi con una comicità vera e i risultati si vedono, la gente si allontana sempre di più dalla tv generalista e Italia 1 non mi sembra che stia facendo chissà quali ascolti.



8. Matteo ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 17:49

ma se colorado e’ uno dei programmi piu’ visti della rete



9. Franco2 ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 18:10

Il problema non è che si sono fatti sfuggire questi due. Il problema è che hanno relegato la Gialappa’s al MaiDireGF e quindi non ne sfornano di nuovi.
Tempi bui per Mediaset.



10. Eren ha scritto:

16 gennaio 2012 alle 18:16

Sono “protagonisti” della Gialappa’s. La Gialappa’s, come si saranno accorti in tanti, soni finita a fare gli speciali su Canale 5. Probabilmente non ci sono budget sufficienti per i vari “Mai dire…” su Italia 1.



11. emy ha scritto:

17 gennaio 2012 alle 11:32

pensa che io Sensualità a corte a Mai dire non l’ho mai sopportato.. ora dalla Cabello mi fa sbellicare dalle risate.. evidentemente la collocazione gli ha giovato! quindi ben venga questo rispolvero..



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.