10
gennaio

IL RESTAURATORE: LA FICTION PARANORMALE CHE PARE NORMALE

Lando Buzzanca in Il Restauratore

Un 2012 all’insegna del paranormale. Dopo Il tredicesimo apostolo, la fiction record d’ascolti di Canale5, il soprannaturale è approdato domenica sera su Rai1 con Il Restauratore, la miniserie in dodici puntate (sei serate), con protagonista Lando Buzzanca. La fiction diretta da Giorgio Capitani e Salvatore Basile, si presenta come una contaminazione di stili. Da una parte un canovaccio tipico della serialità italiana, con indagini di taglio poliziesco e momenti di commedia, dall’altra il (poco) riuscito tentativo di svecchiare formule e generi, offrendo ai telespettatori il tema del paranormale attraverso le visioni o meglio “le luccicanze” del restauratore Buzzanca.

Pur consapevole di rivolgersi ad un pubblico generalista, la serie tv offre alcuni spunti interessanti, che strizzano inevitabilmente l’occhio a produzioni straniere di successo come MediumGhost Whisperer. Basti pensare che proprio in quest’ultima serie tv, la protagonista Melinda Gordon – capace fin da bambina di comunicare con le anime dei morti – interpreta il ruolo di una giovane imprenditrice che gestisce un negozio di antiquariato. Inutile specificare, però, come il prodotto nostrano non riesca a bissarne le atmosfere, sprofondando spesso e volentieri in una grottesca surrealtà.

Buona la prova d’attore del carismatico Buzzanca, volto ormai familiare della fiction Rai. L’ex protagonista delle commedie sexy all’italiana, risulta credibile e a suo agio sia nelle scene più drammatiche che in quelle dal tono più leggero. Apprezzabili ma non certo degni di nota gli sforzi fatti da Martina Colombari, abituata a destreggiarsi più con spazzolini e dentifrici, che nelle vesti di restauratrice. Non va meglio con la poliziotta  Caterina Guzzanti, le cui continue smorfie del viso riportano col pensiero alla fantomatica soap Gli occhi del cuore della serie Boris.

Ciò che maggiormente delude è, però, lo sviluppo troppo orizzontale della serie, con il protagonista Basilio impegnato ad accompagnare passo per passo il telespettatore, sottolineando ogni azione, ogni pensiero e sviluppo della trama. L’aspetto paranormale viene appena accennato e le “lucicanze” di Basilio finiscono per essere delle semplici alternative alle intuizioni di Don Matteo o della Professoressa Pivetti. Le vie e i rioni del centro di Roma, ricostruiti con grande dovizia di particolari in quel di Belgrado, si affiancano senza troppa fantasia ai paesaggi umbri del celebre parroco-detective, offrendo al pubblico una fiction sin troppo stereotipata e dall’happy end garantito.

Un piccolo passo avanti tra le produzioni televisive italiane che, però, rimane solo sulla carta.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Bake Off 2019 - Giusy
Bake Off 2019: Gabriele Bonci e i suoi lievitati irrompono nel tendone


Booda - X Factor 2019
X Factor ha fatto 13 con Malika Ayane


Matrimonio a Prima Vista 4 - Ambra
Matrimonio a Prima Vista 4: viaggi di nozze finiti tra musi lunghi, confronti e un «avvicinamento notturno»


La Vita in Diretta - Lino Banfi, Alberto Matano e Lorella Cuccarini
Inizio di una nuova era per La Vita in Diretta?

3 Commenti dei lettori »

1. morgatta ha scritto:

10 gennaio 2012 alle 19:40

concordo, sono gli stessi punti deboli che ho osservato io.. due registi di un’ingenuità pazzesca.
Sulla colombari non sono d’accordo, ormai son quasi 30 anni che proclama di voler fare l’attrice.. mi pare che non ne abbia dote.. a questo punto nessuna scuola di recitazione fa miracoli, era imbarazzante.



2. gallo ha scritto:

10 gennaio 2012 alle 23:32

Scusa Morgatta ma la Colombari ne ha 36 di anni ….. come fai a dire che sono 30 anni che vuol fare l attrice….. ?



3. Marcox94 ha scritto:

12 novembre 2015 alle 21:20

gallo : un modo di dire che è da sempre che vuole fare l’attrice



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.