18
dicembre

LA PROCESSIONE IN TV NON SALVA I CINEPANETTONI: PER DE SICA E PIERACCIONI ESORDI DELUDENTI AL BOX OFFICE

Sabrina Ferilli e Christian De Sica

Era inevitabile che, come ogni anno nel periodo natalizio, la tv venisse invasa dalle star del cinepanettone: il veterano Christian De Sica in testa, tallonato di buon grado da Leonardo Pieraccioni e rispettivi soci, invadono il tubo catodico ad ogni angolo per ricordare al pubblico di memoria corta che al cinema li aspetta il solito pacco del cinepanettone.

Non che agli italiani servisse un promemoria: il film di Natale è sempre lì,  fa parte dei riti natalizi, esce nelle sale a metà dicembre e la sceneggiatura è sempre più o meno uguale a quella dell’anno prima. Quindi, salvo che per presentare l’ultima new entry del cast, sono pochi i motivi validi che ne giustifichino la processione per ogni genere di salotto tv. Anche perché, dati alla mano, la comparsata promozionale di cinque minuti in cui la star vorrebbe dare il meglio di sé, ormai non giova granchè agli incassi della pellicola.

I primi responsi dal botteghino sono a dir poco devastanti per i due cinepanettoni in sala: nei primi due giorni di programmazione sono solo 923.000 gli Euro incassati da E’ arrivata la Felicità di Pieraccioni, e 911.000 quelli di Vacanze di Natale a Cortina con Christian De Sica, entrambi battuti da Il Gatto con gli Stivali (1.133.000 Euro) ma soprattutto più che doppiati dal secondo capitolo di Sherlock Holmes – Gioco di ombre, arrivato a 2.071.000 Euro. Una sconfitta sonora e impensabile fino a pochi anni fa.

Lo scorso anno, Natale in Sudafrica dopo due giorni sfiorava già il milione e mezzo. Negli ultimi sette giorni De Sica ha pellegrinato senza sosta in tv: da Giletti ad Amici, passando per Kalispera per finire oggi da Licia Colò, senza che questo abbia influito positivamente sugli incassi del suo film. E cosa dire di Pieraccioni (ieri sera ai Soliti Ignoti, prima a Kalispera) e dei suoi film programmati a ruota libera su Canale 5 nelle ultime due settimane?

Se la débacle del cinepanettone venisse confermata arriverebbe in contemporanea alla crisi del Grande Fratello, altro discusso e discutibile simbolo della tv degli anni duemila: si tratta di una straordinaria coincidenza o i gusti del pubblico stanno virando in maniera decisa verso altri generi? La crisi di ascolti e di incassi oltre che quella della politica, sta dando un verdetto chiaro: gli italiani vogliono aria nuova.



Articoli che potrebbero interessarti


DM Live 24 27 Luglio 2010
DM LIVE24: 27/7/2010. DIACO E’ COMPLESSATO E POSSEDUTO, BELEN E’ LA NUOVA SOPHIA LOREN E GIUSY FERRERI E’ ABITUATA ALL’IDEA (DI SANREMO)


Christian De Sica
Una Serata tra Amici… contro Amici. De Sica: «Gli altri giorni erano occupati. Sarà quel che sarà»


conticini pivetti
BOOM! Nel sabato sera di Rai 1 arrivano Paolo Conticini, Veronica Pivetti e Christian De Sica


Zlatan Ibrahimovic
C’è Posta per Te: Conti, Panariello e Pieraccioni e Zlatan Ibrahimovic ospiti dell’ottava puntata

31 Commenti dei lettori »

1. WHITE-difensore-di-vieniviaconme ha scritto:

18 dicembre 2011 alle 13:33

CINEPANETTONI. visto uno,visti tutti.
ma comunque di solito i film di pieraccioni sono abbastanza godibili e il solo fatto che escano a natale, non li tramuta in cinepanettoni.
certo,dalle recensioni che ho letto, quest’ultimo è terribile.
su de sica non mi pronuncio.



2. MisterGrr ha scritto:

18 dicembre 2011 alle 13:41

Come già sostengo da tempo, la gente si è semplicemente stufata della solita minestra riscaldata. Perchè quello è.

I cinepanettone da quanti anni ci sono? Più di 20. Ricordavo di aver visto “Vacanze di Natale 2000″ come ultimo cinepanettone ma ahimè, sbagliavo…purtroppo ho avuto il “dispiacere” di avere La Fidanzata di Papà nel 2009, mi veniva da piangere, soldi davvero buttati.
Il GF? Da 11. E cosa è cambiato dal 2000? Solo i concorrenti che sono di più e con voglia solo di apparire in tv e una casa molto più grande e confortevole (ma vi ricordate nella prima edizione che c’erano le galline?).

Sul web ho letto cose (non da giornalisti o superesperti eh…intendo dire da “noi comuni mortali”, gente come me) che mi han fatto fare le migliori risate, come quelle che gli italiani vogliono qualcosa di più elevato culturalmente. Non che penso che noi italiani siamo stupidi e bonaccioni eh, ma sinceramente non credo proprio che sia questo il motivo che porti alla “crisi” di prodotti che più che stagionati sono quasi ammuffiti.

In sostanza, secondo me la gente vuole semplicemente qualcosa di completamente nuovo e popolare.



3. Mauro ha scritto:

18 dicembre 2011 alle 13:42

la gente si è stancata di vedere ogni anno le solite cagate di film che per di piu’ non fanno manco piu’ ridere…almeno fino a qualche anno fa qualche risata te la strappavano…adesso sono tutte gag incentrate sulla volgarità zeppa di parolacce…e poi basta vedere il promo del film di De Sica..è di una tristezza infinita…non ti strappa manco una risata…e se quello sarebbe il meglio del film…andiamoo beneeeeeeee!e poi consideriamoci anche la crisi….i NOSTRI soldi preferiamo investirli in altro di piu utile e divertertente!



4. morgatta ha scritto:

18 dicembre 2011 alle 13:50

vi ricordate nel film di bud spencer e terence hill “anche gli angeli mangiano fagioli” la scena dove nella famiglia poverissima la madre dava al bimbo il nocciolo di albicocca da mangiare, aspettava che lo evacuasse, lo lavava e glielo ridava da mangiare? ecco, il cinepanettone, il gf ecc fanno lo stesso percorso, periodicamente…senza polpa senza sapore, ce li propinano credendo di illuderci….



5. Franco2 ha scritto:

18 dicembre 2011 alle 13:50

Sono d’accordo con White: è un po’ azzardato etichettare il film di Pieraccioni come “cinepanettone”, visto che sarebbe potuto uscire in qualunque periodo dell’anno, a differenza della saga “Natale a …”.
Comunque anche per i film di Pieraccioni vale il “visto uno, visti tutti” (escludendo “Il mio west”).



6. Francesco ha scritto:

18 dicembre 2011 alle 14:00

Ieri ho visto il film “Vacanze di Natale a Cortina” mi aspettavo di peggio, visto dal trailer.. ma poi sono rimasto contento è un bellissimo film. Lo consiglio ;)



7. RosaMou ha scritto:

18 dicembre 2011 alle 14:04

beh alla fine è sempre la stessa solfa ogni anno, gli italiani si saranno stancati sul serio!



8. PierVivaCanale5 ha scritto:

18 dicembre 2011 alle 14:19

io preferirei vedere anzi il gatto con gli stivali



9. Master ha scritto:

18 dicembre 2011 alle 14:27

Ammazza che flop per De Sica e Pieraccioni( e sono praticamente ovunque in tv!)

Tra l’altro giovedi su Italia1 parte Sherlock, il telefilm…



10. markkko ha scritto:

18 dicembre 2011 alle 14:49

mio cugino, che ama il genere cinepanettoni, ha visto il film di de sica e ha detto che dopo 1 ora si annoiava a morte. boring!!!! soldi buttati.



11. Matteo ha scritto:

18 dicembre 2011 alle 14:54

Prima di dare tutto per morto, aspettiamo un pò!!!



12. nadiap ha scritto:

18 dicembre 2011 alle 14:55

E ci credo, già sono dei film di livello pessimo, almeno ogni decennio neri parenti e pieraccioni dovrebbero spremersi le meningi per cambiare gli ingredienti della minestrina, la gente è stufa di vedere ogni anno la stessa cosa.



13. GIULIA ha scritto:

18 dicembre 2011 alle 14:57

Vi sbagliate di grosso…Vacanze di Natale a Cortina merita di essere visto. Il cast e’ meraviglioso… le colonne sonore curate nei minimi particolari… e si ride per 113 minuti. Ve lo consiglio. Baci!!!



14. brooy ha scritto:

18 dicembre 2011 alle 16:05

a me pieraccioni piace, senza volgarità, da buon toscano…de sica ormai logora!!!



15. Marco Bosatra ha scritto:

18 dicembre 2011 alle 16:18

Mister
sono d’accordo con te, mi sembra presuntuoso dire che i gusti degli italiani si siano alzati culturalmente. Credo che per un numero incontrollabile di fattori, esistano cicli di alti e bassi e sicuramente tanto i cinepanettoni quanto il GF hanno bisogno di rinnovarsi. Su questo comunque il GF è molto cambiato in dodici anni e questo gli ha permesso di rimanere popolare anche alla decima edizione.



16. leo ha scritto:

18 dicembre 2011 alle 16:36

soldi buttati, ma sono soldi buttati dal principio, ce che vi lamentate, se andate a vedere uno di quei film che di “cine” hanno ben poco, cosa vi aspettate?
Prevedibile cacca strafritta. E chi li fa lo sa benissimo, non si adoperano per un briciolo di sperimentazione o innovazione, vogliono guadagnare senza lavorare, ed è giusto che sia arrivata la loro ora.
Io mi so stancato di vedere tanto successo immeritato. Poi ci lamentiamo che non sappiamo cosa sia la meritocrazia.
Che cosa ci fanno al cinema i televippini a fare gli attori da quattro soldi? Questo chiedo a Pieraccioni e De Sica. Questo continuo riciclo dall’isola dei non famosi al cinema al “thyago chi?”, perché un quarto d’ora dura. E noi tutti in fila a farci prendere per i fondelli.
Tette, culi e bicipiti si trovano molto più facilmente su youporn.



17. alex1989 ha scritto:

18 dicembre 2011 alle 16:45

@giulia: Baci!!!
l’unica cosa che condivido del film che hai visto

oggi si butta sulla prostata de sica, se sei urologo vai a vederlo



18. tania ha scritto:

18 dicembre 2011 alle 16:52

Mi sono piaciuti sia Natale a Cortina che Il gatto con gli Stivali,in settimana andro’ a vedere il film di Pieraccioni.Ho sempre odiato i cinepanettoni ma questo film di De sica torna alle origini,e’ meno volgare dei film fatti negli ultimi anni,ed e’ questo uno dei motivi del perche piace poco.Ritengo da “poco intelligenti” criticare senza aver visto,non sarebbe meglio dire “non mi piace il genere”?



19. tania ha scritto:

18 dicembre 2011 alle 16:56

ah dimenticavo…andate a vedere the artist…un capolavoro!



20. fabio ha scritto:

18 dicembre 2011 alle 18:07

Pieraccioni ora era dalla panicucci.
E’ un segno che cambia la tendenza natalizia: dopo moltissimi anni torna al comando un film americano che è carino, ma sempre straniero, su questo c’è da pensare.
Natale a cortina? ma forse il puntare su attori meno acclamati (alcuni all’esordio in un film o almeno in questi cinepattoni, i due di punta sono la Ferilli e De sica, che sembra intoccabile, a discapito del precedente dove c’erano panariello belen ghini ecc..) e meno sulla volgarità (fatto perchè l’anno scorso è stato battuto dalla banda dei babbi e quindi si è voluto rivedere tutto il complesso) con la speranza di fare un lavoro da primato, in realtà si sta rivelando una mossa sbagliata. E il motivo è molto semplice ..le volgarità, i doppi sensi sessuali, i personaggi attori del momento erano proprio le caratteristiche che spingevano migliaia di ragazzini/zzetti a vederlo e lo mandavano molto in alto negli incassi (come è successo al recente i soliti idioti, che basano la maggior parte del loro successo proprio sui minorenni) oggi i ragazzi sono spinti a vedere di + Sherlock Holmes. E’ con il verdetto di questi incassi delle feste, se continuerà su questa strada ed è molto probabile, De sica e il suo cuccuzzaro di natale sarà morto. Ce ne faremo una ragione….tanto ipo immagino già la mossa di De sica….quale? tornare a fare il film di natale il prossimo anno con Boldi!



21. gino luppino ha scritto:

18 dicembre 2011 alle 18:47

ma dai………de sica l’anno scorso ha fatto 3.2 milioni in 3 giorni, è ovvio che vanno tutti oggi al cinema…. alla fine del weekend arriverà a 2.7-3 milioni



22. gino luppino ha scritto:

18 dicembre 2011 alle 18:51

ah…dimenticavo alla fine delle feste scommetiamo che la classifica sarà questa:
1-sherlock holmes(23 milioni)
2-natale a cortina(20-21 milioni)
3-il gatto con gli stivali(19 milioni)
4-finalmente la felicità(10-11 milioni)
5-le idi di marzo(5-6 milioni)
e poi… de sica dopo il 6 gennaio non andrà a vederlo nessuno, gli altri avranno il fiato più lungo



23. Marco Bosatra ha scritto:

18 dicembre 2011 alle 19:02

gino luppino
intanto c’è stato un ribaltone: il cinepanettone non è più il film irrinunciabile di questo periodo. Al contrario dello scorso anno, due film stranieri hanno superato i cinepanettoni italiani.



24. MisterGrr ha scritto:

18 dicembre 2011 alle 19:06

Bah, io non sto dicendo che i cinepanettoni di quest’anno siano brutti. Secondo me la gente si è solo rotta le scatole di andarli a vedere. Io personalmente mi ero già stufato 10 anni fa (e di anni non ho tanti…).



25. Lorenzo ha scritto:

18 dicembre 2011 alle 19:39

Comunque il crollo negli incassi c’è stato solo per De Sica, i numeri di Pieraccioni per ora sono leggermente superiori a quelli di IO e Marilyn che alla fine incassò quasi tredici milioni di euro (che non sono poco!). Discorso diverso per il cinepanettone che attraversa una crisi conclamata.



26. Silvano ha scritto:

18 dicembre 2011 alle 20:12

La gente si è stancata di vedere sempre le stesse cose, De Sica ripropone sempre lo stesso film e Pieraccioni idem, lo ha dichiarato lui stesso a Sky cinema, quindi per quale motivo andare al cinema?



27. pippo ha scritto:

18 dicembre 2011 alle 20:48

bisogna dire che grazie al cinepanettone di de sica, negli ultimi anni si è finanziato il cinema italiano, le cosiddette pellicole d’autore osannate dalla critica ma meno ai botteghini, durante il resto dell’anno, e non a caso se dopo pieraccioni ed aldo giovanni e giacomo hanno cominciato pure loro a far uscire i loro film a metà dicembre, così come anche nel resto dell’anno c’è stato un aumento di commedie leggere; diciamo che vanzina insieme neri parenti sono stati gli apripista. quest’anno però entrambi i film hanno commesso dei gravi errori: il film di de sica ha una colonna sonora nuova e quindi sconosciuta al grande pubblico (il motivetto orecchiabile fa molto per un film), invece pieraccioni doveva andare dalla de filippi a promuovere il film, visto che comunque parte da una puntata di c’è posta per te.



28. pippo ha scritto:

18 dicembre 2011 alle 21:06

nuovo dispaccio di dagospia che conferma il trend negativo: IL BOTTEGHINO CONFERMA: E’ CAPORETTO PER I CINEPANETTONI, UN’EPOCA E’ FINITA – BOXOFFICEITALIA SABATO 17/12: IN TESTA “SHERLOCKHOLMES” CON UN INCASSO DI UN MILIONE E 400MILA EURO; SEGUE IL CARTOONI ”IL GATTO CON GLI STIVALI” 857MILA, SOLO AL TERZO POSTO SI PIAZZA CON LA SOMMETTA DI 683 MILA EURO IL CINEPANETTONE DI AURELIO DE LAURENTIIS CON DE SICA & FERILLI “VACANZE DI NATALE A CORTINA”, A RUOTA “E’ ARRIVATA LA FELICITÀ” DI PIERACCIONI CON 664 MILA (L’OTTIMO “LE IDI DI MARZO” CON CLOONEY APPENA 288 MILA, L’INSOSTENIBILE FILM TURISTICO DI WOODY ALLEN “MIDNIGHT IN PARIS” 267 MILA)



29. marcko ha scritto:

18 dicembre 2011 alle 22:14

incrociamo le dita e speriamo ke incassino poco!



30. leo ha scritto:

19 dicembre 2011 alle 00:40

se va be’, eh sì giustifichiamoli con sta storia che fanno soldi e permettono le altre produzioni. Non sarebbe meglio che scegliessimo di guardare film fatti bene e basta??? Anche commedie e film comici possono essere fatti bene, perché accontentarci del trita e ritrita e le scritture da 4 soldi.



31. Sandrino ha scritto:

19 dicembre 2011 alle 16:36

Ne ho visti un paio in 20anni e sempre in televisione,la prima impressione è di dispiacere nel veder buttar via la simpatia ed il mestiere di De Sica che visto in altro genere di film e con altri registi non sfigura,poi mi viene da pensare che il tumore del berlusconismo è una metastasi incancrenita in ogni meandro della società e questi film sono la liturgia di tale visione di vita,la storia delle quattro risate con la famiglia per natale è ridicola.Pensiamo ai film degli anni 60,non i capolavori dei Maestri,sarebbe troppo facile,intendo quelli della commedia un gradino più in basso ,quelli con Tognazzi Manfredi Fabrizi De Filippo Gasman pure Sordi e almeno altri 200 caratteristi di talento mondiale (lingua a parte) , periodo irripetibile certo aiutato da una serie di convergenze fortunate , ma oggi siamo caduti nella merda più nera basti pensare alla sopra valutazione dei fratelli Muccino..in Italia tolti 6/7 registi quali Sorrentino o Salvatores e Virzì per avvicinarsi al genere dei cosidetti cinepanettoni, una ventina di attori come ad esempio Servillo che ha preso il posto di Volontè la Mezzogiorno Bentivoglio e pochi altri,la vedo TRISTE.All’estero non guarderanno mai questi film ma se dovesse capitare sarebbe come vedere il patonza che incontrando I Cogniugi OBAMA dice alla Signora (come ha realmente Mimato)…”Belin che Figa…”



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.