3
novembre

IL TATUAGGIO CON LA FACCIA DI ZIO MICHELE FA INFURIARE LA VENIER, E DIACO SI SCHIERA CONTRO “GLI SCIACALLI DELL’INFORMAZIONE”

Mara Venier - La Vita in Diretta

Dalla cronaca nera al rosso livore. Mara Venier, protagonista de La Vita in Diretta e ormai abituata a trattare quotidianamente i casi di nera, si lancia in una dura invettiva appena avuta notizia che “ci sarebbero persone che si sono fatte tatuare la faccia di Michele Misseri sul proprio corpo”.

Io non so nemmeno come definirle queste persone…guardate, io ne vedo tante di cose ogni giorno, ma oggi non ce la faccio. Non si può, non posso stare qua  a chiedervi cosa ne pensate. E’ una vergogna che ci sia chi si fa tatuare la faccia di zio Michele, è una mancanza di rispetto totale verso una povera ragazzina di 13 anni che è morta”.

Le parole della Venier danno l’assist a Pierluigi Diaco per dire la sua su cronaca e televisione. Ospite in studio, l’ex conduttore di Uno Mattina Estate sostiene che in questi casi siano anche i media a speculare in modo indegno su alcune storie, Avetrana in primis. Diaco cita “una trasmissione della concorrenza” (senza però farne il titolo) e la scelta poco rispettosa di mandare in onda il contadino di Avetrana che, corda alla mano, ricostruisce davanti alle telecamere l’omicidio di Sarah.

Scene di quel tipo -conclude Diaco- La Vita in Diretta non le avrebbe mai trasmesse”.

A quel punto è Mara che riprende la parola e, più calma, torna con la memoria alla scorsa stagione.

Guarda Pierluigi. A tal proposito voglio ricordare un episodio dello scorso anno. C’era come me Daniel Toaff e c’era Lamberto…

Al solo pronunciare il nome di Sposini in studio padre un forte e lungo applauso. La Venier si ferma un istante, sospira e continua:

Arrivò in redazione un video della piccola Yara durante uno spettacolo teatrale. C’era lei che recitava, si sentiva la sua voce. Avremmo potuto fare uno scoop ma decidemmo di fermarci, di non mandare in onda quelle immagini perché sarebbe stato irrispettoso nei confronti della ragazzina”.

E così mentre Diaco chiude il segmento del programma parlando di “sciacalli dell’informazione” appare sempre più evidente come in Rai non si vedrebbe di buon occhio l’approccio alla cronaca targato Videonews.

La Vita in Diretta ci tiene a far sapere che è un programma che sa porsi dei limiti e fermarsi al punto giusto. Va segnalato però che tutta discussione è nata a partire da una notizia che, per quanto definita “irrispettosa”, poteva benissimo essere omessa.



Articoli che potrebbero interessarti


DM Live 24 13 Novembre 2010
DM LIVE24: 13/11/2010. COSTANTINO E’ NUDO, LA CLERICI E’ IMPACCIATA, CHIAMBRETTI E’ SNOBBATO.


Mara Venier.jpg
Io e Te, Mara Venier irrompe a sorpresa: «Sono Mark Caltagirone» – Video


Diaco Io e Te
Io e Te, Mara Venier telefona a sorpresa: «Ti invidio un programma garbato ed elegante». Diaco si commuove


Mara Venier - ultima puntata Vita in Diretta 2013
LA VITA IN DIRETTA – L’ADDIO DI MARA VENIER: “VADO VIA SODDISFATTA”

14 Commenti dei lettori »

1. Andrea ha scritto:

3 novembre 2011 alle 17:52

Condivisibile il pensiero della Venier.
Però che non lo chiami “zio Michele”, non è suo zio, e così contribuisce a questo processo di “familiarizzazione del delitto”.



2. luigino ha scritto:

3 novembre 2011 alle 17:55

Io trovo anche sconvolgente che la Venier usi il termine affettuoso di “zio Michele”. Vent’anni fa persone del genere sarebbero state chiamate mostri, maniaci, belve…. e no “zii”. Questa confidenza con un presunto assassino che si dichiara tale, cara Venier, mi sembrano del tutto inaccettabili.



3. luigino ha scritto:

3 novembre 2011 alle 17:58

Concordo Andrea…. adesso questo zio sembra lo zio putativo di tutti gli italiani. Adesso mo’ inizio a chiamre la Venier “la nonna Mara”. Siamo veramente a un declino dei costumi…. mi sembrano gli ultimi giorni dell’antico impero romano d’occidente.



4. Zoro ha scritto:

3 novembre 2011 alle 18:03

è vergognoso, mi chiedo come gli passi in mente a sti pazzi, perchè sono pazzi a tatuarsi la faccia di quella persona!!!



5. lca ha scritto:

3 novembre 2011 alle 18:05

Anche a me non piace l’informazione di Videonews.



6. Pippo76 ha scritto:

3 novembre 2011 alle 18:06

Chi è senza peccato scagli la prima pietra ( tutti hanno abusato di Avetrana)
Solo che io non vorrei più vedere la faccia di quel signore in tv che racconta solo ca**te. Ignorante e stupido e più stupida la gente che ascolta le sue chiacchiere e le sue ricostruzioni con corde ed altarini alle spalle.
Siamo caduti in basso veramente.
Poi per quelli che si tatuano la faccia di quel bell’uomo che come minimo ha gettato in un pozzo sua nipote, cosa dire? Si commentano da soli



7. Nina ha scritto:

3 novembre 2011 alle 18:24

Premesso che è più importante il fatto che non abbiano rispetto per una ragazzina brutalmente uccisa, ma io mi chiedo quanto idioti sono questi? Quanto è insignificante la loro vita? Comunque basta con “Zio Michele” facciamoci sentire con tutti gli organi di informazione per chiedergli di smettere con questo modo di definire i componenti della famiglia Misseri.



8. amelia ha scritto:

3 novembre 2011 alle 18:45

totalmente d’accordo con andrea



9. Matte ha scritto:

3 novembre 2011 alle 18:54

ma stanno scherzando vero ? forse si sono dimenticati che loro passavano l’intero pomeriggio a parlare solo di questi casi di cronaca!
la d’Urso si ci ha marciato ma per fortuna non ha mai fatto puntate monotematiche!
Senza andare molto lontano da settembre ad oggi a pomeriggio cinque dedicano i primi 10 minuti alla cronaca nera (come oggi) e prima del gf se ne parlava pure due volte a settimana nella 3 parte (20 minuti) mentre alla vita in diretta tutt’ora ne parla per più di un’ora!



10. pig ha scritto:

3 novembre 2011 alle 19:47

Ah ah ah,parlano loro contro gli sciacalli dell’informazione??Vorrei ricordare alla cara Vita in diretta che l’hanno scorso hanno riempito per circa 4-5 mesi tutte le tre ore dedicate a Sarah e a Yara senza parlar di nient’altro



11. Vincenzo ha scritto:

3 novembre 2011 alle 20:12

Se siamo arrivati a tutto questo, è grazie alla speculazione fatta dai programmi Videonews, Chi L’ha Visto, La Vita in Diretta, Unomattina, Domenica In l’Arena… chi più, chi meno, ha contribuito a tutto questo, solo per far alzare l’indice dello share.

La vita in diretta (cito loro perchè il post riguarda loro), lo scorso anno, ha parlato tutti i giorni della stessa cosa, cioè Sarah e Yara… quindi si addossino le responsabilità di tutto ciò anche loro, senza buttare la patata bollente in mano a qualcun altro…

Poi ci meravigliamo del tatuaggio… già lo scorso anno, a Napoli circolavano i pastorelli del presepe della famiglia Misseri, e a Carnevale c’era la moda di vestirsi alla Michele Misseri!



12. marcko ha scritto:

3 novembre 2011 alle 22:21

si , certo d’accordissimo su quello ke dice su misseri e ki si è tatuato la sua faccia, ma lei col suo programma ke ogni giorno santo giorno sta a parlare e riparlare sempre sulle stesse cosesul delitto ke tira di più in quel momento,che raccontano tutti i minimi dettagli del delitto e dei suoi protagonisti, può davvero permettersi di mettersi in cattedra??????



13. ales79 ha scritto:

4 novembre 2011 alle 06:17

dovrebbero TUTTI farsi un bell’esame di coscienza!!!!



14. DavideFI ha scritto:

4 novembre 2011 alle 11:43

Ragazzi scusate, ma si sa quanto resta ancora alla Venier? No, guardate lo dico perchè i miei scogli**amenti su di lei sono arrivati all’amaro Averna (ammazza-caffè).
Mi sono rotto i già citati cogl***i sul fatto che continuano a sputare sentenze su Mediaset. Il carissimo e angelico (ma de che?) Sposini per tutta la stagione 2010-11 de “La vita in diretta” non fece altro che parlare A PUNTATE INTERE, DALLE 16 ALLE 19, di Sarah, Yara e Melania. E chi era con lui? NO, MA NON MI DITE, SI’, C’ERA PROPRIO LA DOLCISSIMA MARA VENIER. Povera Elisabetta Ferracini, ma cara mia, non potresti tornare tu con Mauro Serio a condurre Solletico su Raiuno al pomeriggio? La vita in diretta… mi fai schifo. Con tutto il mio affetto, ribadisco alla Venier di farsi una cura o di Sofficini Findus (“il sorriso che c’è in te”, speriamo…) o di Pizze Ristorante Cameo (“la donna è mobile, qual piuma al vento…”): ce ne sono in tanti gusti, provala ai funghi o ai quattro formaggi, usa la bocca per mangiare, antipatica (e cattiva dentro, come la Clerici ci ha insegnato) già lo sei…
“Tu non hai fame?”



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.