2
novembre

QUESTA NON E’ UNA PIPA: PIETRANGELO BUTTAFUOCO E LA METAFISICA DEGLI OGGETTI SU RAI 5

Questa non è una pipa- il nuovo programma di Buttafuoco

Le idee originali sono sempre le benvenute, soprattutto quando hanno un retroterra non banale e una capacità di creare mondi, di farsi intertesto. Pietrangelo Buttafuoco, senza dubbio uno dei giornalisti di centro-destra dalle argomentazioni più interessanti, debutta stasera con un nuovo format ispirato un po’ alla metafisica di De Chirico ma in salsa più contemporanea.

Questa non è una pipa: il titolo porta già in sé il germe della particolarità. Niente talenti in circolazione o patate da lessare, bensì un quadro di Magritte come riferimento. Si scaverà nella quotidianità ma in maniera brillante: qual è il senso che diamo alle cose, materialmente intese, una volta aggirata la loro funzione meramente strumentale?

Il programma, che debutta su Rai 5 alle ore 22,45, sembra figlio della rivoluzione duchampiana e incrocia la sua matrice avanguardistica con l’interesse sociologico, come testimonia il sottotitolo dizionario della contemporaneità. Dall’orinatoio trasformato in oggetto da museo ai fasti wahroliani la storia degli oggetti nei rapporti umani ha scritto numerose pagine, tutte interessanti e da riscoprire dinanzi alle ultime frontiere della tecnologia.

Buttafuoco di settimana in settimana proporrà all’attenzione un oggetto che meccanicamente penetra la quotidianità di ciascuno. Si svilupperà sullo stimolo del superamento delle barriere funzionali una riflessione affidata sia alla gente, il Vox Populi, sia ai personaggi famosi, l’Ipse dixit.

Per l’esordio il focus metterà al centro della ribalta il cellulare. Al pari del guanto gigante dechirichiano il telefono mobile susciterà un’analisi sul cambiamento di abitudini, e perché no sui riflessi filosofici che la sua introduzione ha scatenato. A seguire il giornalista amico di Giuliano Ferrara dedicherà le proprie puntate a oggetti-concetti molto diversi tra loro come il wonderbra, la coca-cola, il wireless e persino il kebab.

La regia del programma è affidata a Tiziana Vasta e per i toni e colori che supporteranno l’environment grafico la fonte riporta all’arte di Fortunato Depero. Come set d’azione è stato scelto quel luogo a suo modo metaforico che è il piazzale degli sfasciacarrozze di periferia: un modello di televisione che affascina e che merita tutti gli auspici migliori per superare la fase di crisi di idee attuali dei format.



Articoli che potrebbero interessarti


Canali Tematici Rai
Palinsesti canali tematici Rai, autunno 2019


Milly Carlucci
Milly Carlucci debutta su Rai 5


rai teatro
MARGIOTTA (VICEPRESIDENTE COMMISSIONE VIGILANZA RAI) PROPONE IL CANALE RAI TEATRO: ‘UN GRANDE SERVIZIO PER I CITTADINI’


dm live 24 - 26 aprile 2012
DM LIVE24: 26 APRILE 2012. ROAD ITALY SU RAI 5, TAGLIE…RAI, COMEDY CENTRAL ITALIA A VIACOM

4 Commenti dei lettori »

1. MisterGrr ha scritto:

2 novembre 2011 alle 11:39

Cacchio, imperdibile allora…non me lo faccio sfuggire (dopo masterchef).

Il titolo già mi fa impazzire, lo trovo di una classe e di una raffinatezza smisiurata.

Penso sinceramente che rai5 sia, attualmente, il canale rai più interessante (insieme ai 2 rai sport, oltre che a far vedere sport non popolarissimi qui (leggasi anche POLO, THOUCKBALL, ecc.) più che altro, grazie alle teche, possiamo vedere immagini, interviste, video di diversi decenni fa, bellissimo).



2. MisterGrr ha scritto:

2 novembre 2011 alle 13:02

ho letto che finisce alle 23:10…azz…



3. lele ha scritto:

2 novembre 2011 alle 14:49

Non capisco moltissimo di arte contemporanea e infatti non credo che lo seguirò. Ne approfitto però per elogiare Rai 5 che è un canale che si distingue nettamente dagli altri nati sul DTT; peccato per gli ascolti, ma credo che non potranno aumentare, dato che si rivolge ad un pubblico “di nicchia”.



4. MisterGrr ha scritto:

2 novembre 2011 alle 23:12

ho appena finito di vederlo…interessante. Però lo trovo forse un po’ troppo…filosofico. Lo vedrò ancora.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.