16
ottobre

C’E’ POSTA PER TE: BELEN E LAVEZZI, EROI POSITIVI ‘SOLO’ PER MARIA

Lavezzi a C'è Posta per te

Di C’è posta per te, certosina rappresentazione di quell’Italia che lo guarda e che si autoriflette, diciamo apertamente che la parte meno convincente è stata sempre quella che forzatamente ha adattato le proprie storie alla necessità di farcire la puntata con ospiti importanti, mediaticamente rilevanti nel momento di messa in onda o semplicemente popolari evergreen. Il culmine del senso di artificiosità dell’intervento del personaggio famoso però Maria l’ha toccato ieri sera.

E non parliamo del video di Belen, non siamo stai mai moralisti arcigni nelle analisi televisive e men che mai lo saremo in questa circostanza. Anche perché, come sottolineato da Fabrizio Corona, il video è solo un gioco intimo di una ragazza strabordato postumamente per dinamiche esterne. Ci riferiamo piuttosto al paradosso interno che la busta ha messo in scena in maniera lampante. Nel programma che meglio cristallizza il conservatorismo dei valori arrivano due personaggi moralmente sotto accusa, anche se per motivi nettamente diversi, che non è nostra intenzione mettere sullo stesso piano.

Se Belen Rodriguez porta con sé lo strascico di mille vicende ancora poco chiare, e lo scandalo del videotape è solo la punta dell’iceberg, Ezequiel Lavezzi è balzato alle cronache dei giornali per vicende non sicuramente di merito sportivo. La notifica, recentissima, di un avviso di conclusione delle indagini preliminari, secondo quanto riportato dal Corriere del Mezzogiorno, ha raggiunto il fuoriclasse partenopeo a cui vengono contestati i reati di violenza privata e lesioni per una zuffa che risale a dicembre.

Premesso che i risvolti penali, attribuibili eventualmente solo al Pocho, sono tutti da dimostrare e che questa nostra analisi non tende assolutamente al giustizialismo mediatico, quello che invece vogliamo sottolineare è il buco che si apre nel muro della percezione di credibilità che la Castigatrice ha costruito attorno al suo format principe del prime time in maniera quasi ossessiva.

Se già con fatica trovava la sua ragione narrativa l’idea di spalmare gli idoli delle tifoserie calcistiche italiane, che, per carità, sono anche molto esposti a livello di campagne sociali (due nomi su tutti:  il capitano dell’Inter Zanetti o della Roma Totti), in mezzo ad aperture drammatiche sulle vicende dell’Italia che soffre per malattie, lutti, difficoltà relazionali, orgoglio inflessibile, il tandem dell’ultima puntata porta all’ennesima potenza il dubbio sull’opportunità del vip nel people show.

Scongiuriamo, a scanso di equivoci, anche il demagogico equivoco che potrebbe vedere dietro ai nostri dubbi una demagogica critica al mondo dei calciatori. Non è quello il nostro obiettivo analitico. Come reagirebbe il popolo di Maria, spesso lontano dai circuiti dell’informazione più dettagliata, sapendo che la Rodriguez e il Pocho sono invischiati in vicende così delicate?

Ma soprattutto se la narratologia della favola, del sogno e della sorpresa esclude dalla trasmissione l’Italia dei cassintegrati, del razzismo, dell’omofobia, delle contrapposizioni ideologiche per non turbare gli osservatori (ricordate le polemiche sul trash pruriginoso dei siparietti del postino Maurizio?) proponendo una filosofia della consolazione che propone modelli positivi, non è strano trovarsi dalla parte dei buoni due personaggi che nella stessa settimana la morale manicheista metterebbe dalla parte dei cattivi?

La scelta di Belen, un colpaccio col senno di poi, ad inizio puntata, in un format modulabile che sceglie liberamente la scaletta, è casuale o piuttosto straniante? Lavezzi può diventare un ‘regalo’ solo perché idolo per acclamazione popolare calcistica?



Articoli che potrebbero interessarti


Belen Rodriguez a C'è posta per te
LA SFIDA DEL SABATO: BELEN DAL VIDEO HARD A C’E’ POSTA PER TE CON LAVEZZI, TI LASCIO UNA CANZONE CONTRATTACCA CON ANASTACIA E FRASSICA


Belen Rodriguez dal porno a C'è posta per te
BELEN RODRIGUEZ: DOPO IL VIDEO HARD, DOMANI A C’E’ POSTA PER TE


Maria De Filippi
C’è Posta per Te, Maria De Filippi furiosa con l’ospite: «Quando una figlia si sposa a chi cazz0 li deve chiedere i soldi se non al padre?» – Video


Emad - C'è Posta Per Te
Maria De Filippi ha letto il Corano per C’è Posta per Te. Ma l’egiziano Emad chiude la busta

23 Commenti dei lettori »

1. Matteo ha scritto:

16 ottobre 2011 alle 17:39

Sebbene guardi sempre C’è posta per te, credi che ieri sera Ti lascio una canzone sia stato bello solo per la presenza di Anastacia, l’unica a brillare in una grande monotonia!



2. deres ha scritto:

16 ottobre 2011 alle 17:43

Come reagirebbe il popolo di Maria, spesso lontano dai circuiti dell’informazione più dettagliata, sapendo che la Rodriguez e il Pocho sono invischiati in vicende così delicate?
________________
Come avrebbe reagito il popolo di Antonella (ricordando il trenino dei desideri) , spesso lontano dai circuiti dell’informazione dettagliata , se sapeva che Maradona era invischiato in vicende così delicate?
Maradona può diventare un ‘regalo’ solo perché idolo per acclamazione popolare calcistica?

Come avrebbe reagito il popolo di Simona , spesso lontano dai circuti dell’informazione dettagliata , se sapeva che Nina Moric era invischiata in vicende così delicate?
La scelta di Nina è stata casuale o piuttosto straniante?



3. Elenac ha scritto:

16 ottobre 2011 alle 17:53

Sinceramente vedere belen ieri sera emozionata coinvolta nella storia dei 2 ragazzi parlare con una dolcezza infinita nei suoi occhi.. mi ha lasciata con un buon sapore… quello che fa nella sua vita PRIVATA non non e’ affar mio!



4. giu87 ha scritto:

16 ottobre 2011 alle 18:13

Che articolo insensato! Belen e Lavezzi sono due personaggi pubblici, nella loro vita privata facessero quello che vogliono. Il loro ruolo nella trasmissione non è stato quello di presentarceli come dei santi, ma semplicemente fare delle sorprese a delle persone a cui piacciono. Dunque non capisco proprio questo articolo…



5. MisterGrr ha scritto:

16 ottobre 2011 alle 18:17

La risposta alla seconda domanda dell’ultimo paragrafo è SI, caro Tracà.



6. Cristian Tracà ha scritto:

16 ottobre 2011 alle 18:34

Come immaginavo si stanno avanzando obiezioni che non rispondono ai miei dubbi, nonostante le mie premesse ampie che chiariscono che non ho nulla contro Belen né Lavezzi.

il post ha questo senso (leggete tra le righe):

i vip invitati parlano con i protagonisti delle storie dando un loro incoraggiamento, punto di vista. Inevitabilmente sono connotate come persone che possono nel loro piccolo essere guide e testimoniare valori. Se il telespettatore classico del programma sapesse che cosa sta avvolgendo i due personaggi essi stessi avrebbero la stessa credibilità all’occhio del pubblico?

Nella mia vita odio i moralismi, quindi lungi da me giudicare due persone, al fine di un programma televisivo peraltro.



7. Vincenzoo ha scritto:

16 ottobre 2011 alle 18:45

Non capisco proprio il senso di questo post… sono quasi un fan degli articoli di Cristian, che con belle parole fa’ sempre una analisi dettagliata di quello che racconta, ma questo articolo stento a capirlo.

Da quel che ho capito, dici come mai la De Filippi deve avvalersi di vip (che servono, a tuo giudizio, a poco) quando la vera forza del programma sta nelle storie comuni raccontate senza la facoltà di un personaggio famoso.

Io rispondo: il programma cerca di riconciliare delle persone o famiglie tra le quali ci sono disaccordi, di far rincontrare persone anziane che non si vedono da una vita, e di fare regali; i vip rientrano in quest’ultima categoria.

Se avessi detto, che senso ha fare i regali alle persone comuni, ok non discutevo nemmeno, ma quando tu dici perchè avvalersi di vip, citando poi Lavezzi mettendo in mezzo cose che non ci riguardano, davvero non capisco…
Non si può discutere sul fatto che Lavezzi sia diventato un idolo, alla pari dei più blasonati Totti, Del Piero, Zanetti, Buffon, Cannavaro, poichè grazie alle sua giocate da fuoriclasse ha portato, insieme agli altri, il Napoli in Champions e una città in un’euforia mai vista dai tempi di Maradona…



8. ANTONIO1972 ha scritto:

16 ottobre 2011 alle 18:57

anch’io penso che i vip abbiano davvero poco a che fare con c’è posta. capisco che sia un modo per prendere fiato da storie drammatiche ma gnete che si sottopone a prove assurde o graggio e iachetti col loro teatrino patetico le trovo cose davvero evitabili



9. Cristian Tracà ha scritto:

16 ottobre 2011 alle 19:12

Vincenzooo

la trovo una scelta stonata rispetto all’impostazione del programma…

non puoi filtrare gli argomenti riducendoli a tre tipi di riconciliazioni standard incollandoci i vip che vorresti ospitare a prescindere dalle storie.

è solo un interrogativo televisivo…con i due personaggi di ieri sera, mediaticamente interessantissimi in questi giorni ma estranei al clima domestico che crea la trasmissione, si è magnificata l’artificiosità.

Ho scritto spesso bene di C’è Posta perché nelle narrazioni Maria non ha rivali…ma c’è qst aspetto che rivedrei



10. Paola ha scritto:

16 ottobre 2011 alle 19:24

Io non sono un’amante dei programmi della De Filippi, però mi pare di ricordare che a c’è posta per te si tentino riconciliazioni, padri o madri che abbandonano i figli poi si ripresentano dopo anni , fidanzati che tradiscono e chiedono perdono… e così via .. l’obiettivo è il lieto fine non il giudizio sui comportamenti delle “parti” … che a volte non sono proprio esempi di valori positivi.

Belen, e tutti gli altri ospiti del programma rappresentano la parte giocosa, il regalo, il momento di spettacolo, chiamalo come vuoi, e sono lì in questa veste.. aldilà delle loro vicende private che possono essere piu’ o meno piacevoli, come spesso capita nella vita di ognuno di noi.

Maria chiama il calciatore per la popolarità che ha in campo, con la sua squadra, idem Belen. Non hanno ucciso ne imbrogliato nessuno di noi.

Sono altre le persone che ci danneggiano come telespettatori, cittadini e italiani, per favore…



11. Paola ha scritto:

16 ottobre 2011 alle 19:34

Scusami io sarò dura di comprendonio , ma tu dai per scontato che chi guarda c’è posta o i protagonisti stessi delle storie.. non siano al corrente di tutto il chiacchiericcio che c’è intorno a questi due personaggi.. altrimenti … (cosa??? chissà che succederebbe??)

non capisco…

scusami non la fanno a loro la morale .. mah .. perchè Belen non può avere una parola buona o dare un consiglio ad altri perchè si è macchiata di cosa??.. A me pare una persona intelligente ..



12. giu87 ha scritto:

16 ottobre 2011 alle 20:04

Ma da quando in qua dare una parola di incoraggiamento significa essere guide e testimoniare valori? Non c’entrano nulla le due cose! Semplicemente sono vip, hanno dei fan, e vanno a fare una sorpresa, non ci vedo nulla di male sinceramente, e continuo a non capire il senso di questo post…



13. SergioCalamia ha scritto:

16 ottobre 2011 alle 20:26

e quindi??? qual è il disappunto degno di nota? ma sta riflessione lascia il tempo che trova. viene da rispondere:_e allora???????



14. divino ha scritto:

16 ottobre 2011 alle 20:44

Come reagirebbe il popolo di Simona, spesso lontano dai circuiti dell’informazione più dettagliata, sapendo che la presentatrice italiana cenava ad Arcore?



15. Davide Maggio ha scritto:

16 ottobre 2011 alle 20:50

divino: la presentatrice italiana non ne fa mistero di essere stata ad Arcore e ce l’ha anche dichiarato in un’intervista.



16. Vittoria ha scritto:

16 ottobre 2011 alle 21:07

Condivido perfettamente il post di Cristian Tracà, è esattamente quello che penso io, purtroppo attraverso la tv spesso si cerca di comunicare dei valori positivi, salvo scoprire che i protagonisti non sono proprio rappresentanti di tali valori positivi, comunque alla fine credo che la tv sia molto ipocrita. Poi penso che la forza del programma siano più le storie vere della gente vera e inserire vip e vippini abbia snaturato il programma facendo piano piano calare gli ascolti. La presenza del personaggio famoso spesso è inopportuna e serve più al personaggio a farsi pubblicità, che ai partecipanti al programma. Nel caso specifico, poi, lungi da me essere moralista, però la presenza di entrambi gli ospiti di ieri, in base anche ai fatti raccontati da Tracà, a me è sembrata abbastanza inopportuna in uno show familiare seguito anche da molti giovanissimi. La tv non dev’essere pedagogica, però neanche dare esempi negativi.



17. pippo ha scritto:

16 ottobre 2011 alle 21:09

con una ospitata di 30 minuti, che non ha aggiunto valore al programma per famiglie per antonomasia (avrebbe potuto esibirsi cantando qualcosa, anche per differenziarsi dagli altri ospiti andati da maria), belen si è ripulita l’immagine offuscata dopo il sexi tape.



18. divino ha scritto:

16 ottobre 2011 alle 21:17

Traca’
I personaggi non “arrivano”….
Belen e’ stata chiamata perche’ il ragazzo ,di chi ha mandato la posta,ogni volta che la vede rimane a bocca aperta
Lavezzi aveva un fan cioè il padre di questo ragazzo. Un padre morto prematuramente…
Insomma sono stati dei regali…
Se mio fratello ha il sogno di vedere il piu cattivo delle persone…con scandali e denuncie alle spalle? Io non posso fargli sto regalo?
e perche’ mai? se lui lo desidera…



19. divino ha scritto:

16 ottobre 2011 alle 21:23

Vittoria
io penso invece che senza i vip e vippini il programma rimanga stabile negli ascolti…
Punti di vista.



20. Elenac ha scritto:

16 ottobre 2011 alle 21:26

Bisogna pero anche stabilire il parametro di chi veramente puo dare il buon esempio?? mi chiedo io?? boh??
perche se si va a scavare in fondo tutti o quasi hanno o hanno avuto dei nei nella loro vita..
poi c’e’ anche la percezione dell’individuo… a me puo dare piu’ credibilta’ una persona schietta (con dei sbagli umani) che una finta maria goretti..



21. pippo ha scritto:

16 ottobre 2011 alle 21:33

a favore di maria va il fatto che comunque quando ha registrato queste ospitate, gli scandali non erano ancora scoppiati. poi la de filippi è furbacchiona anche perché, a differenza degli altri anni, ad inizio puntata non specifica il numero di puntata, quindi oltre ad essere libera di gestirsi le scaletet come vuole, può anche gestire le puntate da mandare prima e quelle da posticipare.



22. Paola ha scritto:

16 ottobre 2011 alle 22:02

Scusami Vittoria se insisto, e qui chiudo, ripeto , le storie che vengono raccontate a “C’è posta per te” il piu’ delle volte sono esempi di comportamenti negativi da parte dei protagonisti e l’ipocrisia piu’ grossa è secondo me, voler far credere a tutte queste famiglie del mulino bianco italiane , che basti aprire una busta in uno show televisivo per risanare ferite, umiliazioni, dolori subiti etc.

Diciamo allora che abbiamo bisogno di favole, di credere ancora nel lieto fine, e Maria che sa fare il suo mestiere, vi affabula col suo racconto nel quale è insuperabile, riesce a regalarvi per un’ora due, tutto ciò.

Quindi non ne parliamo come se il telespettatore non fosse consapevole che questo è solo ad uso e consumo di uno show.

E sulla faccenda del filmino, di cui si vuole continuare a parlare con la premessa ipocrita secondo me che non si vuole fare la morale a nessuno… però poi si parla di “esempi negativi” .. di.. “se la gente sapesse” ..etc… e quindi si fa eccome …

diciamo invece la verità… che è stata oggetto di un comportamento schifoso da parte di un suo ex, e non è la prima volta che le donne subiscono questo genere di violenza da parte di ex mariti fidanzati etc.. che pubblicano cose intime su you tube , e che la legge, per fortuna, condanna anche in maniera severa.

E’ questo che dovrebbe indignare . Per il resto poi mi pare che intercettazioni e dichiarazioni varie abbiano dato risposte sufficienti e inequivocabili.

Mi da pure fastidio fare l’avvocato di Belen perchè francamente di lei…. però tra tutti gli esempi veramente negativi che abbiamo e che ci dovrebbero davvero indignare visto che è tempo di indignados, lei mi pare davvero proprio il minore.



23. Cristian Tracà ha scritto:

17 ottobre 2011 alle 00:17

molti commenti mi confermano che spesso i commentatori leggono solo il titolo…

poi tra l’altro dare del moralista a me che nei miei post indirizzo a tutt’altro orientamento i discorsi..beh, vabbè.

A scanso di equivoci: per me Belen è degna come e più di prima di condurre trasmissioni televisive perchè ha un grandissimo talento, ma dico anche che preferirei solo storie di gente comune senza vip. La logica dei regali non la capisco proprio a livello di significato intrinseco…



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.