11
ottobre

IL MONDO CHE VERRA’: ROMANO PRODI SALE IN CATTEDRA SU LA7 E SPIEGA L’ECONOMIA

Romano Prodi

La politica può attendere. Per ora Romano Prodi non ha alcuna intenzione di gettarsi di nuovo nell’agone istituzionale o tra le beghe di partito. Mica scemo: non è aria. L’ex premier, infatti, ha afferrato al volo la possibilità di riprendere in mano il mestiere che ha sempre svolto con successo, quello di docente universitario. Il Professore è tornato in cattedra, davanti agli studenti, e le sue lezioni verranno pure trasmesse in tv. A partire da stasera, La7 manderà infatti in onda un ciclo di tre appuntamenti intitolati Il mondo che verrà e dedicati all’approfondimento di tematiche economiche e geopolitiche. A tenere banco saranno le spiegazioni di Prodi, cui seguirà un dibattito condotto dalla giornalista Natascha Lusenti.

La sfida dei continenti, ovvero le armi per combattere la crisi, cosa fare contro l’aumento della disuguaglianza, la paura del futuro e come vincerla… Ecco alcuni degli argomenti che il Professore sviscererà nel corso delle sue dissertazioni televisive. Le conferenze sono state registrate nell’aula dello Stabat Mater dell’Archiginnasio di Bologna, dove Prodi ha parlato davanti ad una platea di studenti italiani e stranieri. I quali hanno ‘interrogato’ l’ex premier, chiedendogli ad esempio che ruolo abbia l’euro nell’attuale momento di crisi.

Nella puntata d’esordio, in onda stasera alle 23, si parlerà della competizione tra le diverse aree socio-economiche del pianeta, con uno sguardo alle eventuali soluzioni governative da adottare. A modo suo, Prodi lancerà una sfida mediatica all’informazione mordi e fuggi dei tg ed ai programmi che in questi mesi hanno provato a raccontare gli equilibri internazionali dopo il crollo delle borse e lo scoppio delle rivolte arabe. Il format de Il mondo che verrà, ideato dallo stesso Professore assieme a La7, coniugherà infatti momenti di approfondimento e di dibattito, con l’ausilio di alcuni servizi giornalistici esplicativi.

Stasera le lezioni di Prodi si ’scontreranno’ con le discussioni politiche di Porta a porta. Così vedremo quanto varrà il Prof in termini di share e di resa televisiva: quale effetto sortirà sul pubblico il suo eloquio dai poteri narcotici? Non è la prima volta che l’ex premier si presenta in tv in qualità di precettore. Nel 1992 condusse su Raiuno l’approfondimento economico Il tempo delle scelte, e di recente ha parlato di euro e monete sulla tv di Stato cinese.

L’appuntamento con Il Mondo che verrà, raccontato da Prodi, è per stasera alle 23, su La7.



Articoli che potrebbero interessarti


Romano Prodi
ROMANO PRODI TORNA… IN TV. IL PROF IN TRATTATIVA CON LA7 PER UN TALK GEOPOLITICO


Neri Marcorè, Giovanni Floris
Neri Marcorè a diMartedì, domani il debutto


Myrta Merlino
L’Aria Che Tira, speciale «Notte prima degli esami»: Myrta Merlino in prime time per la ripartenza scolastica


Piazzapulita, Zangrillo e Formigli
Piazzapulita, Zangrillo su Berlusconi: «Carica virale a marzo-aprile lo avrebbe ucciso». Poi lo scontro con Calabresi

28 Commenti dei lettori »

1. MisterGrr ha scritto:

11 ottobre 2011 alle 12:32

Posso essere sincero? L’avrei mandato su La7d.

Tra l’altro mi ricordo che qualche settimana fa è andato in onda un speciale condotto da Antonello Piroso sulla questione balcanica…mi sembra che fosse su La7d e addirittura in seconda serata…non capisco queste scelte, obiettivamente.



2. WHITE-difensore-di-vieniviaconme ha scritto:

11 ottobre 2011 alle 12:41

beh è pur sempre un programma di informazione , previsto dall’estate.



3. fabio maressa ha scritto:

11 ottobre 2011 alle 12:47

lo speciale di Piroso è andato in onda su la7 e non su la7d e ha fatto quasi il 3%.
Prodi su la7 che fa lezioni, fa molto rai nettuno. Qui si rischia lo zero virgola, facessero qualche tprogramma di intrattenimento gradevole e di gusto, che queste barbosità. Tanto di cappello a prodi, ma la tv la lasciasse fare ad altri, è comunicativo come una tartaruga in letargo



4. star ha scritto:

11 ottobre 2011 alle 13:10

Si dice tanto di lasciare spazio ai giovani, e poi ti trovi ancora Romano Prodi. Un nuovo santino della sinistra televisiva? Il programma sarà anche interessante, ma a sentirlo parlare uno si addormenta dopo 3 minuti.

@MisterGrr. a questo punto meglio su La7D



5. cls ha scritto:

11 ottobre 2011 alle 13:11

Sempre stato deluso dalla politica di Romano Prodi… può senz’altro dire che i vari Bertinotti e Mastella non l’hanno fatto gevernare come si deve…

Almeno lui è stato dignitoso e autorevole, eppoi non faceva ridere tutto il mondo di noi…



6. MisterGrr ha scritto:

11 ottobre 2011 alle 13:20

allora ricordavo male…niente! ;)



7. Nina ha scritto:

11 ottobre 2011 alle 13:25

Chissà che spumeggiante sarà questo programma.



8. MisterGrr ha scritto:

11 ottobre 2011 alle 13:30

Ragazzi facciamo un LAIV? Sarà più o meno noioso di Baila! ? ahah

No dai scherzo…l’argomento è interessante, seriamente parlando.



9. norman ha scritto:

11 ottobre 2011 alle 14:38

ma qualcuno ha mai visto la pubblicità? io lo scopro ora che stasera parte il programma di prodi…… zero pubblicità
mistergr e nina x voi c’è oggi sposi su canale 5 oppure potete noleggiare un porno…. così nn dovete impegnarvi e non vi annoiate!



10. MisterGrr ha scritto:

11 ottobre 2011 alle 14:49

norman, è noioso prodi, non l’argomento. leggi bene. Grazie!



11. WHITE-difensore-di-vieniviaconme ha scritto:

11 ottobre 2011 alle 15:16

si beh anche Lerner è noioso . chi vede questi programmi non si aspetta improvvisamente uno stacchetto musicale con le ballerine o un televoto aperto per creare tensione :)



12. Davide Maggio ha scritto:

11 ottobre 2011 alle 15:31

norman: tanto per incominciare, stai calmo e rispetta gli altri commentatori.



13. MisterGrr ha scritto:

11 ottobre 2011 alle 15:48

White: ok, quello sicuramente, ma almeno un interlocutore “coinvolgente” e non soporifero facilita le cose, esperienza personale.

DM: grazie :)



14. WHITE-difensore-di-vieniviaconme ha scritto:

11 ottobre 2011 alle 16:29

mister
no ma lo so. so benissimo che prodi può conciliare il sonno :)
magari puntano su quello.



15. Davide Maggio ha scritto:

11 ottobre 2011 alle 16:31

WHITE: se si addormentano non cambiano canale. Sara’ sicuramente quello il motivo :D



16. Giuseppe ha scritto:

11 ottobre 2011 alle 16:31

Già sono in letargo per conto mio, ci manca solo che mi metta a sentire Prodi alle 23 (guardare proprio non me la sento).



17. MisterGrr ha scritto:

11 ottobre 2011 alle 16:34

white: secondo me puntano su quello ahahahah!



18. MIRY51 ha scritto:

11 ottobre 2011 alle 16:35

Allora stassera niente sonnifero, guardo il mio Romanino e poi vado a dormire. Problemi? Nessuno! Bravo professore con dignità da vendere, che di questi tempi è cosa RARA!!!



19. WHITE-difensore-di-vieniviaconme ha scritto:

11 ottobre 2011 alle 16:50

:D



20. Franco2 ha scritto:

11 ottobre 2011 alle 16:54

Sulla carta sembra un programma da 0,0x%
Sarà mica un test per vedere se Prodi è ancora popolare? Una specie di primarie via auditel?



21. Giuseppe ha scritto:

11 ottobre 2011 alle 17:21

Però le puntate si potranno rivedere sul sito de La7. Magari saranno anche istruttive e non è detto che il Prodi politico coincida con il Prodi accademico. Io però sono in letargo e mi sveglio solo per mangiucchiare ogni tanto. Non la mortadella che fa fare cattivi sogni.



22. Nina ha scritto:

11 ottobre 2011 alle 17:29

Ah ah ah non avevo letto norman, però che simpatico!



23. Nina ha scritto:

11 ottobre 2011 alle 17:42

Sarebbe interessante se rispondesse al Wall Street Journal.



24. Marco Leardi ha scritto:

11 ottobre 2011 alle 18:31

Staremo a vedere, anche se non è che si sentisse la mancanza di Prodi. Strano: stavolta nessuno si pone il problema di un eventuale contraddittorio economico al Professore? Va così di moda invocarlo in altre occasioni…



25. norman ha scritto:

11 ottobre 2011 alle 18:52

marco leardi chi ti dice che non ci sarà?? non è la regola che si facciano programmi super schierati o cmq non dovrebbe essere la regola……
e cmq il contraddittorio politico in prima serata e nei salotti delle ammiraglie è più importante del contraddittorio economico su la 7 in un programma d seconda serata



26. Marco Leardi ha scritto:

11 ottobre 2011 alle 18:59

@norman. Se ho ben capito, il programma sarà composto da una ‘lezione’ del Professore e da una parte di dibattito. In ogni caso la mia era anche una provocazione: non sopporto il contraddittorio a tutti costi e per questo sorrido quando lo si invoca solo nei confronti di una determinata area culturale (non solo politica, quindi).



27. norman ha scritto:

11 ottobre 2011 alle 19:15

una lezione può tener conto dei diversi punti di vista su un certo punto in questo caso l’economia…… io il contraddittorio lo voglio a tutti i costi dove è necessario come nei talk, nei salotti in cui si parla di politica soprattutto se si fanno su grandi reti e in prima serata



28. Giovanni Dossena ha scritto:

11 ottobre 2011 alle 22:12

Egr. Prof Prodi,
una domanda, dopo aver constatato cle ‘ il denaro è lo sterco del diavolo’, perche non pensare ad una tavola rotonda planetaria x elimanire il denaro?
Perchè fare un medicinale costa? Perchè avere il medicinale sie ve pagare ? (perche costa!).
Lavorare x essere pagati con i soldi, per poi utilizzare questi soldi per compare cio che si produce, che a sua volta genera consumo e quindi lavoro per fare produzione, non è forse qui la genesi dell’implosione del sistema occidentale che come atto finale si è inventato la “GLOBALIZZAZIONE” che come risultato piu evidente sta buttando fuori le persone dai cicli produttivi?
Perchè non provare davvero a cambiare questo mondo? UOMINI DI BUONA VOLONTA’ … UOMINI CHE NON HANNO IL PROFITTO COMELUME DI RIFERIMENTO perchè non ritrovarci? Perche le conoscenze acquisite devono servire solo al profitto e non solo ed esclusivamente al benessere di …TUTTI!
Ringrazio e saluto,

Gioavanni Dossena
Novate Milanese – MI



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.