2
ottobre

RAI1 IN CRISI D’ASCOLTI PERDE LA SFIDA SETTIMANALE CON CANALE 5. GARIMBERTI E’ PREOCCUPATO

Riccardo Scamarcio

Riccardo Scamarcio non è Terence Hill: i telespettatori di Rai1 non si sono fatti conquistare dall’attore pugliese protagonista de Il segreto dell’acqua, la ficton che, probabilmente nei piani dei vertici Rai, doveva essere il fiore all’occhiello del palinsesto per inaugurare al meglio la nuova garanzia autunnale. E invece l’ammiraglia della tv pubblica ha dovuto fare i conti con un imprevisto calo d’ascolti per colpa soprattutto di quello che fino a ieri era il suo punto di forza: la fiction.

Per rimanere in tema di attori presi in prestito dal grande schermo, anche Luca Argentero ha deluso con l’attesa miniserie su Tiberio Mitri, superato dalla premiere di Baila e da Ballarò. La settimana nera di Rai1 ha poi raggiunto il suo picco negativo mercoledì sera con l’esordio di Me lo dicono tutti, programmato all’ultimo minuto e senza uno straccio di promozione. L’ascolto è stato da minimi storici: solo l’11.89%, quasi sei punti in meno rispetto alle prime tre puntate trasmesse a maggio che si erano assestate intorno al 18%.

Meno male che Don Matteo c’è, verrebbe da dire: la fiction di Terence Hill dimostra una tenuta unica in tutto il panorama catodico. E se anche gli ascolti non sono più quelli dei suoi migliori anni, Carlo Conti può dire di aver regalato qualche sorriso, e con lui Antonella Clerici e il suo Ti lascio una canzone che rimane stabile anche dopo il calo del suo “facsimile” Io canto. Peccato che i risultati degli ultimi tre giorni non siano bastati a colmare il divario con Canale 5: l’ammiraglia del Biscione si aggiudica l’ultima settimana settembrina con una media del 17.3% contro il 16.81% di Rai1.

Tutto questo non poteva non generare qualche preoccupazione tra i vertici della tv pubblica. A suonare il campanello d’allarme è stato il Presidente della Rai Paolo Gamberti:

Mi preoccupano gli ascolti. Ieri sera (mercoledi, ndDm) ancora Rai1 ha fatto un ascolto che non è da Rai1. Me lo dicono tutti ha fatto gli stessi ascolti di Chi l’ha visto. Rai1 è sempre stata l’ammiraglia, ha sempre avuto la leadership totale, è raro che perda una serata. Non basta Lavitola a spiegare una cosa del genere. Questi sono dati che mi preoccupano, su cui bisogna lavorare, se avessi la ricetta farei anche il direttore di Rai1 ad interim, ma siccome non ce l’ho, siccome faccio il giornalista, ognuno faccia il suo mestiere. Io dico che mi preoccupano gli ascolti, chiedo che mi si facciano delle proposte, poi ne parleremo in Consiglio con lo stesso direttore di Rai1. Dobbiamo confrontarci su questi dati”.

La rete di Mauro Mazza riuscirà a risollevarsi con l’arrivo della nuova miniserie Il signore della truffa e la conclusione de Il segreto dell’acqua?



Articoli che potrebbero interessarti


il segreto dell'acqua - riccardo scamarcio
IL SEGRETO DELL’ACQUA: SU RAI 1 LA NUOVA FICTION IN SEI PUNTATE CON RICCARDO SCAMARCIO


James Cromwell, Sotto il cielo di Roma (Papa Pacelli)
DEL NOCE SVELA NUOVI PROGETTI PER LA FICTION RAI TRA MOLTE NOVITA’, GRADITI RITORNI E IL “SOGNO” DI UN FIORELLO ATTORE


La La Land
Rai 1 va «Oltre la Soglia» con la prima tv di La La Land


La Vita in Diretta
La Vita in Diretta in perenne crisi, tallonata ora anche da Geo. E la Balivo rosicchia 10 minuti a Timperi e Fialdini

14 Commenti dei lettori »

1. King92 ha scritto:

2 ottobre 2011 alle 16:00

Clerici stabile alla settimana scorsa? No..è calata in share arrivando al 19,77%.
Cmq..per il resto concordo con l’articolo. Rai1 è in crisi piena..ha toppato da domenica a mercoledì oscillando sempre tra l’11 e il 12%.
Sta andando molto meglio Canale5..complimenti!



2. Phaeton ha scritto:

2 ottobre 2011 alle 16:08

Fosse solo Scamarcio il problema! Una Fiction flop ci può stare… ma Insegno secondo me è ancora più problematico!



3. ANTONIO1972 ha scritto:

2 ottobre 2011 alle 16:13

il peggio per raiuno deve ancora arrivare,visto che il cda rai fa di tutto per distruggere l’azienda. le fiction non si sa mai come possano andare,quindi, sotto quel versante, la situazione può migliorare,ma per il resto? lo show di fiorello sembra l’unica novità appettibile,in mezzo a una serie di show low coast. di raidue è meglio non parlare e raitre si tenta di tutto per rovinarla



4. turbine1974 ha scritto:

2 ottobre 2011 alle 16:23

garimberti qual è il suo ruolo?
perchè non interviene in prima persona ?
si dovrebbe dimettere tutta la direzione della rai visto in che stato ormai versa la tv pubblica! mai raggiunto un livello cos’ basso
forse qualcuno rimpiange del noce !



5. WHITE-difensore-di-vieniviaconme ha scritto:

2 ottobre 2011 alle 16:45

king
in VA la clerici è stabile.



6. Giuseppe ha scritto:

2 ottobre 2011 alle 16:46

Il discorso è che la Rai nel suo insieme sta reggendo solo grazie ai pochi programmi e professionisti storici rimasti. Certo, il punto più debole si sta rivelando, per ora la fiction, ma è quasi tutto il resto che sta affondando. Rai1 preoccupa di più perchè considerata l’ammiraglia. Ma Rai2 che faceva ormai ascolti solo con Santoro, Rai3 che comincia ad annaspare in seconda serata a causa della cancellazione del troppo oneroso, in termini economici e politici, Parla con me, i canali digitali che sopravvivono grazie alle Teche Rai, tutte queste situazioni sono emergenze molto più significative di un paio di fiction andate male. E’ tutto il servizio pubblico che si sta disgregando: se l’insieme non tiene crolla anche i singoli palazzi. E’ il rispecchiamento di quello che sta rischiando la stessa Italia sbranata da chi la dovrebbe governare. Non a caso gli stessi che comandano anche alla Rai.



7. shameboy ha scritto:

2 ottobre 2011 alle 17:05

Ti lascio una canzone stabile?? Ma se è crollato al 19%!
E pensare che solo fino a due anni fa faceva il 30%
Io lo avevo previsto quest’estate che sarebbe stato un autunno nero per la Rai
Per non parlare da gennaio in poi quando avrà solamente Ballando con le stelle mentre Mediaset manderà in campo Italia’s got talent, Grande Fratello, serale di Amici, Scherzi a parte..
Povera Rai..



8. Davide Maggio ha scritto:

2 ottobre 2011 alle 17:30

turbine: Del Noce per me e’ stato uno dei migliori direttori. Certo, aveva alcune antipatie non condivisibili, ma fa parte della natura umana.



9. anna ha scritto:

2 ottobre 2011 alle 17:40

anche il daytime non brilla molto, a parte unomattina e la vita in diretta



10. kalinda ha scritto:

2 ottobre 2011 alle 19:23

gli italiani si sono accorti che le nostre fiction fanno pietà…….



11. Marco Bosatra ha scritto:

2 ottobre 2011 alle 20:04

King e Shameboy
in valori assoluti Ti lascio è stabile a 4.2 milioni. In share è calato dello 0.55%, come del resto C’è posta è calato dello 0.56%. Per essere pignoli! ;)



12. pippo ha scritto:

2 ottobre 2011 alle 21:43

e se mediaset avesse dei dirigenti migliori, questo divario sarebbe maggiore, visto che ha potenzialità, cioé prodotti, sulla carta superiori alla rai, ed è in grado benissimo di vincere i periodi di garanzia! Piccoli esempi: non si toglie mezzora ad amici per darla alla inutile e scarsa toffanin, non si mette sottile contro baila, che ha già abbastanza problemi ed è debole di per se. è una bella sfida tra mazza e donelli, per trovare il peggiore! la rai non vince per merito suo ma per demerito degli altri.



13. Zoro ha scritto:

3 ottobre 2011 alle 10:17

shameboy come al solito stravolge i risultati come gli conviene, un 19,77 diventa un 19!

cmq il problema di Rai è anche l’access, canale 5 sta messa male in prima serata quanto Rai 1, ma almeno canale 5 ha striscia la notizia che può salvare in piccola parte la fascia, mentre su rai 1 ci sono i soliti ignoti che non salvano niente perchè stanno floppando!!!



14. PeregoLibri ha scritto:

3 ottobre 2011 alle 11:05

Quoto Zoro nella prima parte del discorso…

Comunque io mi sto chiedendo una cosa: Garimberti parla, si lamenta, ma dice di non poter fare niente, ed è uno dei dirigenti. La Lei settimana scorsa si è lamentata di Minzolini, ma ha detto di non poter fare niente. Ed è anche lei una dei dirigenti. La domanda è: ma chi cacchio è che decide le cose in Rai?! Il presidente e il direttore generale sembrano non avere potere in niente, mi pare di vedere la stessa situazione della politica italiana: Napolitano è il Presidente della Repubblica (che a dirla così, sembrerebbe una carica molto più importante di quella del Presidente del Consiglio), ma non può fare niente. O è così anche in Rai oppure non me lo spiego veramente, l’unica cosa che so è che la situazione dell’azienda pubblica è sempre più disastrosa, e mi dispiace perché c’è qualcuno che la sta distruggendo.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.