15
settembre

UN IMBARAZZANTE GIAMPIERO GALEAZZI A 90° MINUTO CHAMPIONS

Novantesimo Minuto Champions League

La domanda sorge spontanea. Ma la Rai non ha un opinionista più valido di Gianpiero Galeazzi? E’ tanto tempo che la presenza del “bisteccone” più popolare della tv negli studi di approfondimento allestiti da Rai Sport per commentare le partite di Champions League suscita qualche perplessità.

Il giornalista sportivo porta avanti le sue idee e i suoi interventi con la velocità lessicale di un bradipo – il che già stona all’interno di una trasmissione come Novantesimo Minuto Champions dai ritmi serratissimi, stretta nella morsa tra la fine del prime time e l’inizio della seconda serata e con una durata scarsa di mezz’oretta – ma sono proprio i contenuti ad essere quantomeno opinabili. Se a ciò aggiungiamo un ingiustificabile atteggiamento da saccentone (lo stesso Bartoletti, compagno d’avventura, sembra molto più preparato e pacato), lo spettatore è costretto a provare una sensazione di “fastidio” televisivo.

Senza andare indietro nel tempo e aprire i “cassetti della memoria”, nella puntata di Novantesimo appena conclusa, l’opinionista ha giocato a fare il bullo sparando sulla croce rossa. Una croce rossa che risponde al nome di Giampiero Gasperini, allenatore dell’Inter, reduce da una mortificante sconfitta in casa contro i poco blasonati turchi del Trabzonspor. Nell’intervista post partita Galeazzi decide di vestire i panni del giornalista incalzante e inizia a bombardare l’interlocutore con domande poco originali e poco opportune come: “L’Inter non riesce a segnare. E’ dovuto al calo psicologico della cessione di Eto’o?” (ma i nerazzurri hanno fatto tre gol a Palermo appena tre sere fa). Aldilà dei contenuti dei quesiti, è snervante proprio il modo di porre le questioni e quando il mister prova a replicare – parlando oltre che dei motivi tecnici della sconfitta – appellandosi anche alla mancanza di fortuna, il solerte giornalista replica: “Mister, non può dare la colpa alla sorte!“. Cosa che il tecnico non voleva di certo fare.

Stizzito, Gasperini prova a dire la sua con educazione ma il Bisteccone non gli dà modo di esprimere un concetto. Anzi, copre la voce dell’intervistato con la sua, al punto che il mister ironizza (nenache troppo): “Prima di dare giudizi sulla mia squadra dovrebbe aver visto la partita“. Come non bastasse Galeazzi domanda: “Cosa è successo a Milito che adesso non la butta dentro neanche con le mani?“. Un allenatore più permaloso avrebbe (legittimamente) tolto l’auricolare e abbandonare la postazione ma il tecnico dell’Inter preferisce rispondere con signorilità: “Veramente ha fatto due gol domenica scorsa…“.

Il culmine si raggiunge quando Andrea Fusco, conduttore della trasmissione, manda la pubblicità e avverte il pubblico che subito dopo verranno mandati in onda gli highlights degli altri match della serata. E Galeazzi, pensando di non essere ancora in onda, esclama: “Tutte (le altre partite nDM)?“. Considerato che è ormai da anni nel cast della trasmissione, si tratta di una domanda retorica: è ovvio che vengono mandate in onda le sintesi di tutte le partite della notte di Champions. Ma forse il giornalista non se ne è accorto perchè impegnato a riflettere sul suo prossimo intevento “di peso”.



Articoli che potrebbero interessarti


Italia-Germania di Messico '70
RaiSport lancia il nuovo canale «Classic»


Tour de France
Tour de France: la Rai rinnova l’esclusiva free fino al 2025


Luca Toni
A Tutta Rete e 90° Minuto inaugurano la domenica pomeriggio di Rai 2


Paola Ferrari
RaiSport ridisegna la domenica di Rai 2: apre la Ventura, chiude Paola Ferrari di ritorno alla DS. Enrico Varriale a 90° Minuto

15 Commenti dei lettori »

1. Raffa ha scritto:

15 settembre 2011 alle 07:44

qualcuno a suo tempo aveva esaltato le conduzioni calcistiche della coppia Costanzo-Galeazzi



2. Giuseppe ha scritto:

15 settembre 2011 alle 08:21

Galeazzi resta comunque un personaggio (a me) simpatico. Forse la sensazione di fastidio televisivo in questo caso è accentuata da certe delusioni… ravvicinate.



3. Norat ha scritto:

15 settembre 2011 alle 09:01

Finalmente un post contro uno dei personaggi più raccomandati della storia…
Di una incompetenza assoluta, lento, statico, banale.
Faceva ridere solo per le gaffe fuori onda (un suo classico di repertorio) ora risulta essere irritante pure in quelle…

Già che siamo in argomento, mi rendereste grandemente felice se uno di questi giorni leggessi su queste pagine due righe su Enrico Varriale…



4. Nina ha scritto:

15 settembre 2011 alle 09:15

Stra-concordo con Camilleri e con Norat. Comunque non è una novità che Galeazzi sia inadeguato per non dire una cosa peggiore. Le “domande” che fa non sono domande. Sono affermazioni auto-esaltatorie della sua presunta capacità di interpretazione delle partite. Non c’entra niente il fatto di essere interisti, lo dice una simpatizzante milanista.



5. gay30 ha scritto:

15 settembre 2011 alle 09:55

non esiste la pensione per questi personaggi?



6. alessandro atti ha scritto:

15 settembre 2011 alle 10:15

è in pensione da maggio, gli han fatto un contratto di collaborazione



7. Nina ha scritto:

15 settembre 2011 alle 10:33

Eh già, si vede proprio che non si poteva fare a meno di lui! Alessandro Atti da radio music?



8. Gianluca Camilleri ha scritto:

15 settembre 2011 alle 11:44

@Giuseppe #2
Eh?

@Norat #3
Invece Varriale mi piace. Anche lui ha l’atteggiamento da saccente e da “sotuttodicalcio” ma rispetto a Bisteccone è molto più preparato. Ricordo inoltre che – negli anni più bui del nostro calcio – quando tutti i giornalisti (giornalai?) sportivi si genuflettevano davanti a Moggi, Varriale era l’unico in grado di tenere botta e porre domande scomode all’ex DG della Juventus.
Lui e Alessandro Antinelli,a mio giudizio, sono i migliori di Rai Sport.



9. Vincenzoo ha scritto:

15 settembre 2011 alle 12:25

Quasi tutti gli opinionisti, telecronisti e conduttori di RaiSport sono imbarazzanti… per questo Galeazzi si trova lì… salvo solo la povera Ferrari, ingabbiata in una mandria di incompetenti, e Civoli.
Quello che viene da dire non è perchè Galeazzi stà ancora lì, ma perchè ha trattato Gasperini in quel modo (a mio avviso, ha fatto bene a fare domande punzecchianti, è il loro mestiere, ma ci vuole competenza), visto che l’attuale mister dell’Inter ha fatto parte della scuderia RaiSport come opinionista? Vecchi attriti, chi lo sà…

P.S. Se ieri sera fosse stata una squadra qualsiasi a perdere, e il bisteccone si fosse comportato nello stesso modo con l’allenatore della squadra perdente, ci troveremmo qui a commentare questo articolo???



10. Gianluca Camilleri ha scritto:

15 settembre 2011 alle 14:42

@Vincenzoo
Chi non fa domande punzecchianti non è un giornalista ma un giornalaio.
Il fatto è che le domande del Bisteccone erano ovvie e tendenziose: ha visto Gasperson in difficoltà e ha provato a farlo innervosire.
Quel che non mi è piaciuto – aldilà delle domande – sono stati i toni saccenti di chi crede di avere possedere la verità assoluta.
Per questo l’articolo sarebbe stato scritto anche se al posto del Gasp ci fosse stato chiunque altro.

P.S.: Io non salvo neanche la Ferrari, mi piaceva di più la DS di De Luca.



11. Betty ha scritto:

15 settembre 2011 alle 15:34

Non sono per niente d’accordo con quanto scritto….



12. mats ha scritto:

15 settembre 2011 alle 15:37

Tremendo lo speciale dei mondiali che fece con Costanzo. Una cosa veramente aberrante!!



13. Giuseppe ha scritto:

15 settembre 2011 alle 15:52

@ Gianluca Camilleri #8
Va be’…



14. Gianluca Camilleri ha scritto:

15 settembre 2011 alle 16:35

@Betty
Potresti argomentare il tuo disaccordo?



15. Davide Maggio ha scritto:

15 settembre 2011 alle 16:36

Ma saranno anche fatti suoi :D



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.