12
settembre

IL COMMISSARIO ZAGARIA: LINO BANFI SU CANALE 5 PER DIMENTICARE NONNO LIBERO

Il Commissario Zagaria

Un commissario vecchio stampo, bonario ma non troppo, che alle innovazioni scientifiche preferisce l’intuito è il personaggio con il quale Lino Banfi si mette alle spalle - pare definitivamente - la fortunata parentesi di ‘nonno Libero’. Una missione non facile ma che non spaventa l’attore pugliese e soprattutto Mediaset che crede ne Il Commissario Zagaria al punto da ordinarne sei nuovi episodi prima della messa in onda prevista per stasera e domani in prima serata. D’altronde con la fiction ‘made in Salento’ Canale 5 potrà strizzare l’occhio ad un pubblico più adulto, meno sensibile al fascino delle altre piattaforme, e indebolire altresì la concorrenza (cosa accadrebbe se Banfi tornasse a Un Medico in Famiglia?).

Un duplice obiettivo che sembra a portata di mano: la presenza di Banfi, con un personaggio sulla scia di quelli interpretati nel passato cinematografico, e una controprogrammazione debole (l’esordio su Rai1 de Il segreto dell’acqua con Riccardo Scamarcio non è andato oltre il 14% di share) potrebbero essere i fattori decisivi per il successo della fiction. Il Commissario Zagaria, prodotto da RTI e realizzato da Alba Film 3000 (casa di produzione targata Banfi), è una fiction a metà tra la commedia e il poliziesco che verte sul ‘burrascoso’ rapporto tra Zagaria, vecchio commissario grassotto ma simpètico, e il giovane vicequestore Stefano Amato (Marco Cocci), chiamato dal Questore (Luigi Petrucci) per mettere in piedi una sezione scientifica nel Salento.

Anche se non lo ammetteranno mai, i due si scopriranno complementari proprio come il sostituto procuratore Emma Sardella (Rosanna Banfi) e l’agente Anna Lepore (Isabelle Adriani) non mancheranno di evidenziare. Per Stefano ci sarà da affrontare anche una tormentata attrazione per Nicoletta (Ana Caterina Morariu), figlia di Antonio Matera, un notabile ben visto a Lecce e dintorni che dietro ad una facciata da filantropo ben pensante nasconde attività malavitose. Una doppia vita che rende Matera il vero e proprio antagonista di Zagaria, al cui infallibile intuito non potevano sfuggire i suoi affari illeciti.

Dopo il salto la sinossi del primo episodio:

In una tranquilla mattinata salentina, viene trovato nel cemento il corpo di un uomo. Zagarìa intravede subito l’occasione per poter finalmente indagare su Antonio Matera (Antonio Stornaiolo), personaggio di spicco della città. Da tempo Zagarìa sospetta che dietro alla facciata di benefattore, Matera nasconda le sue attività malavitose. Il morto, infatti, è il suo commercialista: il ragionier Palmas. Man mano che le indagini proseguono Zagarìa & Co capiscono di trovarsi di fronte ad una vera e propria guerra per la conquista del territorio pugliese: la mala calabrese ha deciso di espandersi e il commendator Matera è deciso a dar loro filo da torcere. Dapprima scatena i suoi uomini Antonio Pagano (Manrico Gammarota) e Senza Filtro (Mimmo Mancini) contro i calabresi ma poi, quando si rende conto che l’affare potrebbe essere vantaggioso anche per lui, decide di trattare. La situazione si complica quando Amato scopre di essersi innamorato proprio della figlia di Matera, la bella professoressa Nicoletta (Ana Caterina Morariu)!  A questa vicenda s’intreccia quella personale di Pagano, la cui figlia Sara sparisce. Pagano, amico di lunga data di Zagarìa, è disperato. Teme, infatti, che siano stati i calabresi a rapire la figlia e, contravvenendo alle regole della mala, decide di rivolgersi al vecchio amico commissario sapendo che l’affetto che ha per Sara lo spingerà a prendersi a cuore la vicenda. E così Zagarìa e Amato scoprono che insieme a Sara è sparita anche la sua amica Veronica e l’ultima volta che sono state viste una delle due indossava un vestito rosso sgargiante; proprio il colore di quello che indossa il cadavere che ora galleggia nel mare….



Articoli che potrebbero interessarti


Riccardo Scamarcio
BANFI E SCAMARCIO: I DUE NUOVI COMMISSARI DELLA TV CHE NON HANNO CONVINTO IL PUBBLICO


garko
FICTION MEDIASET, PARLA SCHERI: “SARA’ UN AUTUNNO DI GRANDISSIMO PRESTIGIO”. DUE NUOVI TITOLI PER GABRIEL GARKO


Lino Banfi
TUTTI I PADRI DI MARIA: LINO BANFI NON E’ PIU’ LIBERO MA SARA’ ANCORA NONNO NELLA FICTION DI RAI1 (CON LINO TOFFOLO E ORIETTA BERTI)


mia_madre-fiction
MIA MADRE: BIANCA GUACCERO NEI PANNI DI UNA DONNA CORAGGIOSA NEI TEMPI DURI DELL’EMIGRAZIONE. STASERA E MARTEDI SU RAI1

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.