19
febbraio

SANREMO QUESTION TIME: CHE L’ANNO PROSSIMO POVIA CANTI “ALESSANDRO CECCHI PAONE ERA ETERO”

Sanremo - Question Time

Se la prima serata del Festival aveva allontanato la spada di Damocle degli ascolti dal capo di Paolo Bonolis, questo secondo appuntamento con la kermesse canora ha contribuito decisamente a scacciare lo spettro dell’auditel dal palco dell’Ariston.

Nonostante il buon risultato ottenuto dall’amica Maria De Filippi, che ha mantenuto un pubblico di quattro milioni di affezionati, e quel calo fisiologico degli ascolti che Bonolis diceva di attendersi, sono stati in dodici milioni i telespettatori che hanno seguito la prima parte del festival, con uno share del 41%.

Ma non di soli ascolti vive la conferenza stampa del Festival. E così Mario Luzzatto Fegiz apre con una domanda che mette in dubbio il meccanismo di votazione della giuria demoscopica, distribuita in tre settori e chiamati a votare con un segnale luminoso, non visibile a tutti. E così scopriamo che alcuni fra i giurati, in alcune circostanze, non sono riusciti a votare. La regolarità del voto viene comunque garantita da un meccanismo che distribuisce la media dei voti sui votanti effettivi. Polemica chiusa con una battuta di Luca Laurenti, che auspica, in presenza dei semafori del voto, la presenza di un vigile.

Qualche battuta sulla questione, ormai stantia, circa il tema dell’omosessualità, con un giornalista di Libero che auspica una nuova partecipazione di Povia con la canzone “Alessandro Cecchi Paone era etero”. Bonolis ride e glissa, così come glissa sulla domanda circa il suo eventuale successore per la prossima edizione del Festival, garantendo però che si farà da parte, affinche il “palco possa ricevere nuova linfa vitale“. Non esclude dunque di lasciarsi coinvolgere dalla Kermesse in futuro il Paolino nazionale, ma garantisce che nel 2010 Sanremo non vedrà la sua firma.

Dopo qualche osservazione sul look delle nuove proposte, quest’anno eleganti e poco casual al pari dei big, si parla anche di musica, finalmente, con Paolo Bonolis che chiude il Question Time lanciandosi in una difesa di quelle scelte che sembrano in totale contrasto con il palco dell’Ariston – “Mi auguro che il pubblico abbia saputo apprezzare il rock degli Afterhours così come l’energia di Tricarico“. Crede nelle scelte fatte Bonolis, citando anche gli ultimi fra gli eliminati, Nicky Nicolai e Stefano di Battista, e si dice contento di aver portato al Festival una tale pluralità di generi musicali.

Un rimpianto? Avrebbe voluto invitare come super ospiti i Queen e Sean Penn, ma a quanto pare anche Sanremo ha i suoi limiti…



Articoli che potrebbero interessarti


Festival di Sanremo 2009
FESTIVAL DI SANREMO 2009 AL VIA. ECCO IL MENU COMPLETO DELLA PREMIERE, APERTA DA UNA BAMBINA DI 7 ANNI


Paolo Bonolis e Kevin Spacey @ Davide Maggio .it
L’ARISTON TORNA TEMPIO DELLA MUSICA, STRAORDINARIA LA TERZA. ANIA VINCE SANREMOFESTIVAL.59, RIPESCATI AL BANO E SAL DA VINCI


Festival di Sanremo 2009 (Paolo Bonolis e Eleonora Abbagnato)
SANREMO SI CONFERMA CAMPIONE D’ASCOLTI. MESSI FUORI GARA, ALMENO PER IL MOMENTO, NICKY NICOLAI E CONSORTE, ALBANO E SAL DA VINCI


Laura Perego - Festival di Sanremo, 20 febbraio 2009
SANREMO 2009, quarta serata: FORREST GUMP ARISA TRIONFA TRA LE PROPOSTE, ANCHE BONOLIS HA LA SUA CAVALLA PAZZA, ELIMINATI DOLCENERA E I GEMELLI DIVERSI

2 Commenti dei lettori »

1. Mari 611 ha scritto:

19 febbraio 2009 alle 14:17

Beh dai, simpatica la battuta del giornalista! Avete fatto bene ad usarla come titolo…se non altro per par condicio :)



2. eRR!Co ha scritto:

19 febbraio 2009 alle 15:47

mah ste polemiche le trovo un pò sterili alla fine..
ho letto il testo della canzone, non ci vedo niente di offensivo



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.