20
maggio

E PER FORTUNA SGARBI NON CI TOCCA PIU’

Vittorio Sgarbi

In un certo senso la soppressione del programma di Sgarbi è una novità. Parlando di prima serata e dintorni, andando indietro con la memoria, mi viene in mente solo il quiz preserale di Mediaset condotto da Amadeus che, nel 2006, venne soppresso per scarsi ascolti. La causa di altre soppressioni (e ce ne sono state parecchie) risiedeva in ben altre questioni che poco hanno a che fare con l’industria della televisione e la conseguente necessità di far contenti i pubblicitari.

Un 8% su Rai Uno in prima serata è una debacle assoluta, l’incubo di tutti i presentatori, l’umiliazione più grande. Ma in Rai non sono mai stati degli sprovveduti: fino a qualche tempo fa (non molto per la verità), prima delle direzioni disastrose che, speriamo, si siano concluse (almeno per il momento), non si producevano programmi di sicuro insuccesso come quello di Vittorio Sgarbi. Un programma in prima serata sull’ammiraglia della Rai è, di solito, parecchio costoso. Si sa che gli investimenti importanti sono, appunto, degli investimenti, quindi devono rendere in termini economici più di quello che sono costati. Ma fare un investimento che abbia lo sperato ritorno, in televisione come ovunque, non è cosa semplice e richiede un attento studio del prodotto. Anzi, si può dire che un prodotto televisivo ben fatto e redditizio richieda, in termini di tempo e lavoro, quasi più impegno della realizzazione del prodotto stesso. Un buon produttore sa che spendere soldi prima ne farà risparmiare parecchi dopo.

Detto tutto ciò la domanda che nasce spontanea è: chi ha potuto solo pensare che “Ci tocca anche Sgarbi” potesse essere un successo? È certo che il pubblico di Rai Uno sia piuttosto anziano, ma da quando in qua anziano è sinonimo di imbecille? Il fatto che il pubblico ami le fiction con Terence Hill, Ballando con le stelle piuttosto che Sanremo, non significa che sia disposto a sorbirsi due ore di monologo sgarbiano. La televisione ha delle regole precise, non si può improvvisare.

Uno show in prima serata, per quanto condotto da un oratore (?) e non da un anchorman, deve rispettare dei climax, degli appuntamenti emotivi (che possono anche essere delle risate, perché no?) che permettano al pubblico di appassionarsi. È l’ABC di qualunque programma, anche di quello meno riuscito. Anche “Il senso della vita” di Paolo Bonolis non è stato premiato dagli ascolti ed è evidente che qualcosa non abbia funzionato, ma è indubbio che non ci sia stato nessun presuntuoso sovvertimento delle regole televisive.

In “Ci tocca pure Sgarbi” la sola cosa evidente è la presunzione del suo conduttore che ha creduto che la sua presenza scenica fosse sufficiente per ignorare le regole dello spettacolo. Sgarbi si è difeso sostenendo che il pubblico abbia rifiutato la cultura, l’arte e la letteratura. Si è difeso dicendo che ha vinto la televisione pruriginosa di Chi l’ha visto e ha perso Pasolini, ma non gli è venuto in mente che il problema non è Pasolini, ma chi e come ne parla?

L’uomo più autoreferenziale della nostra televisione, ha mai il vago dubbio di non essere simpatico? Per mettere la propria faccia davanti ad una telecamera e, soprattutto, per restarci, è necessario prima di tutto essere credibili. E Sgarbi, evidentemente, non lo è. La sua presenza televisiva, negli ultimi anni, si è limitata a delle urlanti ospitate che hanno alzato lo share di qualche arena televisiva, non di più.

Indubbiamente è un uomo colto e intelligente ma, di contro, è arrogante e presuntuoso, con un ego che lo precede di chilometri e questo, in televisione, non paga. “Ci tocca pure Sgarbi” è un programma di Sgarbi, con Sgarbi, con i contributi filmati di Sgarbi e con le opinioni di Sgarbi. Quindi è stato un investimento, costoso, su Sgarbi.

La mia speranza e quella di molti è che la Rai cominci ad investire seriamente, usando i guadagni dei programmi di accreditato successo per produrre idee nuove, nuovi stimoli che consentano alla nostra televisione pubblica di avere ancora lunga vita davanti. Il pubblico ha dimostrato in più occasioni di non essere così ingenuo come si vuole far credere e lunedì sera ne ha dato l’ennesima prova. E poi, in un periodo storico come questo, le famiglie che guardano la televisione sono le stesse che, spesso, fanno fatica ad arrivare a fine mese. Famiglie composte da persone che si sentono ingannate quando la televisione con cui sono cresciute butta i loro soldi dalla finestra per realizzare programmi come quello di Sgarbi. È necessario che si apra una nuova era televisiva. Io ho fiducia.



Articoli che potrebbero interessarti


Resta a Casa e Vinci
Sospeso Resta a Casa e Vinci


Max Giusti
«Chi ti Conosce?», Nessuno! Il gioco del Nove sospeso per bassi ascolti


Claudia Pandolfi rasata a zero E' arrivata la felicita'
Dietrofront! E’ arrivata la felicità resta su Rai1 ma di domenica pomeriggio. Accorcerà la Parodi di 30 minuti


fallon tonight show
Flop a stelle e strisce

13 Commenti dei lettori »

1. PeregoLibri ha scritto:

20 maggio 2011 alle 15:57

Complimenti Camilla per questo post davvero ottimo!!
Io mercoledì sono uscito e quindi il programma di Sgarbi non l’ho visto; un minimo di curiosità ce l’avevo ma certo, considerando che mercoledì danno le Iene (appuntamento fisso quando sono a casa) penso che avrei dato un’occhiata a Sgarbi solo durante le pause pubblicitarie. E vedendo i risultati e il modo in cui tutti ne parlano, credo che sarei tornato a vedere la pubblicità di Italia 1.

Parlare di un programma che non ho visto non è sicuramente giusto, l’unica cosa che un po’ mi urta non è tanto il fatto che la Rai gli abbia dato modo di realizzare questo programma, ma il fatto che nonostante il sonoro fallimento, debba continuare a sborsargli soldi. Per essere coerente, credo che Sgarbi dovrebbe rifiutarli quei soldi. Altrimenti non ha senso che vada in giro nei salotti televisivi a dare agli altri del “pagato” ripetutamente… se già ha perso credibilità, dopo questo episodio non so come potrà risentirne la sua carriera televisiva.



2. Andrea80 ha scritto:

20 maggio 2011 alle 16:05

Gia’ ha detto che tornera’ a fare l’opinionista in programmi di cui non gliene frega nulla, lo rivedremo cosi dare della capra alla Mussolini, che ci fa tanto ridere… intanto Vittorio perdonaci ma per adesso te lo diciamo noi…… TACI TACI TACI TACI TACI TACI TACI TACI………………………………



3. Vincenzoo ha scritto:

20 maggio 2011 alle 16:09

Condivido dalla prima all’ultima parola. Complimenti Camilla!!!! (il programma xò è andato in onda mercoledì sera, non lunedì xD)
Dopo questa debacle, credo proprio che Sgarbi non lo vedremo per un bel po’ in tv…



4. morgatta ha scritto:

20 maggio 2011 alle 16:26

concordo con quanto scritto e penso che dietro questo programma ci sia stata solo una conversazione..
Vittorio:
-fammi andare in prima serata in rai e ti riscatto da tutti talk contro di te, tanto in rai fanno quello che dici tu e io sono ascoltato..
Risposta:
-faccio una telefonata a chi sai tu e ti faccio fare il programma…



5. marcello walker ha scritto:

20 maggio 2011 alle 17:14

Ottimo articolo :-)



6. eugenio ha scritto:

20 maggio 2011 alle 18:01

Ottimo articolo per dire che il programma di Sgarbi era una porcata senza senso.



7. ANTONIO1972 ha scritto:

20 maggio 2011 alle 18:28

lo psiconano vuole distruggere l’azienda concorrente alla sua,quindi va bene tutto,tal tg tarocco a ferrara dopo il tg,vespa in prima serata (andrebbe tolto anche dalla seconda in realtà) e programmi come quello di sgarbi. per fortuna funzionano le fiction,altrimenti,cosi ridotta la rai,avrebbe già fatto la fine di alitalia



8. Liberopensiero ha scritto:

20 maggio 2011 alle 18:38

Parole Sante,complimenti da chi professa la libertà di pensiero ad una testa finalmente pensante!Bravissima Camilla!



9. Zoro ha scritto:

20 maggio 2011 alle 18:50

è da mesi che mi facevo la stessa domanda, ma come potevano credere in un successo di ascolti????????
che incompetenti!



10. Davide Maggio ha scritto:

20 maggio 2011 alle 18:50

Cosa sono tutti questi complimenti a Camilla? :D Sono furibondamente geloso :D



11. Gianni ha scritto:

20 maggio 2011 alle 19:01

Inutile dire che concordo dalla prima all’ultima parola. Scrivi veramente bene Camilla sia nella forma che nei contenuti ;)



12. camilla ha scritto:

20 maggio 2011 alle 19:28

Che dire? grazie a tutti!
ps. Davide, invece di rosicare (è bene che cominci ad imparare un pò di termini romani) pensa che ieri ci siamo dati reciprocamente l’ennesima buca.. :))))))



13. Davide Maggio ha scritto:

20 maggio 2011 alle 19:30

camilla: ah ah ah, per il momento l’espressione che mi piace di piu’ e’ STO A MORI’ DE’ PIZZICHI ah ah ah



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.