9
maggio

TRAGEDIA AL GIRO D’ITALIA: IL CICLISTA BELGA WEYLANDT MUORE DOPO UNA CADUTA.

Wouter Weylandt

La storia purtroppo si ripete. Dopo le morti in diretta del pilota della Honda Daijiro Kato il 20 aprile 2003 e di Shoya Tomizawa nel corso della prova della gara di Moto2 a San Marino (2010), a tingersi di nero è il Giro d’Italia che ha preso il via sabato scorso. Sono le 16:20 e sugli schermi di Rai3 e di Rai Sport va in onda la terza tappa della corsa rosa, che prevede l’arrivo a Rapallo, quando il ciclista belga Wouter Weylandt cade mentre sta percorrendo una ripida discesa.

Le immagini televisive lasciano poco spazio all’immaginazione: le telecamere riprendono tutto, l’arrivo dei medici, il sangue che gronda sull’asfalto, il massaggio cardiaco. La tv verità è davanti agli occhi dei telespettatori del Giro che possono percepire direttamente la gravità della situazione. Nel frattempo la gara va avanti in una situazione surreale con la notizia che si diffonde tra i corridori e i giornalisti al seguito della carovana che aggiornano il bollettino medico.

In meno di un’ora, la notizia del decesso viene data dal cerimoniere Rai della manifestazione sportiva Auro Bulbarelli che in un clima di grande mestizia decide di non proseguire con le interviste e i commenti relativi al post gara per interrompere la trasmissione subito dopo il termine della tappa.

Queste le parole con le quali il giornalista ha congedato il pubblico:”Non c’è altro da dire se non rivolgere le condoglianze ai familiari. Avremmo voluto fare di tutto tranne che raccontarvi questa cosa in diretta, ma purtroppo questa è la vita. Grazie per l’ascolto“, la chiosa di Bulbarelli prima che la rete lasci la linea a ‘Geo&Geo’.



Articoli che potrebbero interessarti


Giro-italia-2011 in tv
94° GIRO D’ITALIA: DAL 7 AL 29 MAGGIO, TUTTI GLI APPUNTAMENTI RAI, SKY E EUROSPORT


Pino Scaccia
E’ morto Pino Scaccia. Lo storico corrispondete Rai aveva contratto il Covid


Veronica Franco
E’ morta Veronica Franco. La diciannovenne in sedia a rotelle aveva commosso a Tu Si Que Vales


Gianfranco De Laurentiis
E’ morto Gianfranco De Laurentiis

10 Commenti dei lettori »

1. Peppe93 ha scritto:

9 maggio 2011 alle 18:36

E’ assurdo che si possa morire in una manifestazione sportiva. Non ci sono parole…



2. Emilioz ha scritto:

9 maggio 2011 alle 18:37

Davide,a te che sei attento e sensibile,chiedo di cambiare la foto di apertura del servizio per rispetto si chi ci ha lasciato così tragicamente.
E’ questa un immagine che la Rai ha fatto male a trasmettere e noi non faremo lo stesso errore.



3. Zoro ha scritto:

9 maggio 2011 alle 18:54

Non ho visto la tragedia perchè non ero in casa, ma da quello che leggo è stata una cosa a dir poco agghiacciante!!!
Condoglianze alla sua famiglia!!!



4. RosaMou ha scritto:

9 maggio 2011 alle 19:03

che tragedia, non ci sono parole.
Concordo su chi suggerisce di cambiare la foto del servizio.



5. simo ha scritto:

9 maggio 2011 alle 19:30

terribile….



6. *Elena* ha scritto:

9 maggio 2011 alle 19:38

Non ci sono proprio parole. Anch’io concordo con Emilioz: meglio cambiare foto.



7. simo ha scritto:

9 maggio 2011 alle 19:38

oggi vi ho fatto i complimenti per il blog…forse sbagliavo, quella foto non vi fa onore, rispettiamo il pudore della morte vi prego…



8. Principessa_Vespa ha scritto:

9 maggio 2011 alle 19:56

:( terribile!!



9. denise ha scritto:

9 maggio 2011 alle 20:42

non sarebbe possibile cambiare la foto??



10. antonietta ha scritto:

9 maggio 2011 alle 21:26

assurdo morire per la propria passione



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.